9 Febbraio 2014

Trieste-Kotor in bici atto decimo: de novo sul mar, in Croazia

Qua le puntate precedenti

Mostar de matina xe za più tranquila. Per una volta se sentimo quasi matinieri, i turisti evidentemente compari magicamente de dopopranzo. Femo scorte de colazion e pranzo in supermercato e dopo femo tapa in farmacia, per cior qualcossa per el mio stomigo, che ancora risenti dela carnaza del’altroieri. Ghe domandemo maalox, ma no i ga, no i tien, la provi in Friul. Alora ghe domandemo un antiacido generico. Ne spara do nomi, oviamente ciolemo quel che costa de meno. El Rupurut. Ne ispirava ‘ssai anche el nome. Rupurut. Xe tipo l’amico scoreson de Ratatuille. Quel che cusina metendo fasoi un poco pertuto.
El mato ne spiega coss’che xe sto Rupurut, femo finta de capir, ma cossa fazi quele pirole resta un mistero. Mauro ga l’intuizion de butar un cuc in rete. Primo risultato, Udine20: “Rupurut, il farmaco salvapatente si compra in Slovenia?”. Ara ciò! Sto qua se lo portemo a casa e lo vendemo a peso d’oro! Legemo l’articolo. El mito disi che ste pirole te da el superpotere preferito dei petessoni: l’imunità a al’etilometro. Sarà, mi me basta che me fazi passar el mal de stomigo. Funziona, in efeti. Sul’etilometro invece no garantisso, no so. Ma ne go ancora a casa, se qualchidun vol provar a anunciarse al prossimo posto de bloco. Una roba tipo de cativeria, propio: feme l’etilometro, feme! Gnanche omini! Ve fazo veder mi! Se dopo el truco del Rupurut no funzia, se ghe pol sempre dir che iera un test fato per amor dela scienza, sicuro i capirà.
Italo però xe dela vecia scola. El prova a leger le istruzioni diretamente dela confezion. El tira un sospiro de solievo. Muli, ne xe andada ben. Se qualchidun de noi gaveva la bici picia, podeva esser ‘ssai longhi. Qua xe scrito che sto Rupurut xe antimicrobike.
Saludemo la mulona e partimo. El sol de ogi ne porterà finalmente de novo a veder el mar, in Croazia. Dopo tanti giorni passai al’interno, el caldo e l’asfalto incomincia a darne una sensazion quasi de claustrofobia. Desso ne va ben qualsiasi roba pur de andar fora dela cheba. Anche tirar per 115 chilometri, per quela che sarà la tapa record del viagio. Rinuncemo adiritura a qualche pausa radler pur de zercar de rivar presto sula costa.
Rivemo al confin Bosnia-Croazia prima de Metkovic. Xe coda. Nema problema, in bici te passi via agile. Italo ga sempre gavù un strano raporto coi confini. I mati con lui xe particolarmente sospetosi. Qualchidun disi che xe per via dei timbri e dei pirsing, qualchidun altro inveze disi che xe per la bruta abitudine che el gaveva, quela de presentarse ala miliza con un bel “eccoci!” soridente. Sto giro el ga imparà che no xe el caso, e passemo lissi.
Ormai ghe semo. Pochi chilometri e finalmente el nostro mondo se verzi de novo int’ela serenità dela gente che ciapa sol nele baiete, dele barche, del’odor del mar. Basta un do ragi de sol riflessi nel blu, e te se senti de colpo libero. Dovessi esser quasi un dei diriti del’umanità, gaver un picio scampolo de mar. La Bosnia lo ga, e cussì passemo altri do confini.
Rivemo a Slano che xe za bastanza tardi, e dovemo pena zercar dove dormir. Per la prima volta in tuti i viagi, gavemo serie dificoltà a trovar una stanza. No gavevimo fato i conti cola stagion turistica croata. Xe tuto pien.
Se dividemo, per otimizar i tempi. Mauro, Guy e Italo, lato sinistro dela costa. Mi e Ema lato destro. Mi e Ema nema. I altri trova solo un buso che però ga solo tre posti. Sì, ma magari se ghe domandemo per favor i ne fa star in zinque. Nema favor. Tramonta el sol, incomincia a vegnir scuro. Pedalemo lungo la costa verso la frazion vicin, Grgurici. Guy proponi de dormir sula spiagia. No xe propio el massimo, dopo più de cento chilometri in bici. Ma, mal che vadi, pol esser l’unica soluzion. Proseguimo nela ricerca, ma semo tuti bastanza poco fiduciosi.
El miracolo lo fa Ema. Muli, vegnì qua che forsi sto mato ne trova una stanza, no se capissi gnente de quel che el disi. Benon. Ma tuti e zinque? No xe meo che andemo tipo in tre, i più bei e cocoli? E chi xe i più bei e cocoli? No te ne vedi? Bon, andemo tuti dei, sceglierà lui.
El mato xe Armando, vecio imbriagon. Per qualche arcano mistero, el 90% dei nostri incontri co semo in viagio xe sempre con veci petessoni. Mai che ne capitassi, no so, qualcossa de altamente culturale, o qualche artista artigiano decadente, o qualche nostalgico cantastorie giramondo che ne conta de quela volta che suo nono, unico discendente del re del Montenegro, ghe ga imparà l’antica riceta segreta dela calandraca liposferica garboproteica dela casata dei Cossacassosomi. Nema. Sempre e solo petessoni o personagi degni de qualche maldobria. Ma, in fondo, ne va anche ben cussì.
Armando ne acogli in cortil. Ghe femo capir che gavemo sede. El ne porta un per de biceri de aqua. Ghe voleva. Ciò, ma me par a mi o sti biceri spuza de trapa? Eh sì, i biceri de aqua spuza de trapa. Capimo subito el perchè. Armando va in cusina e torna fora cola boza de trapa. El ne riempi i biceri, tuto contento. Ahia, qua ne toca bever, se no el mato se ofendi e dopo chissà come che va a finir. Semo tuti copai e a stomigo svodo. No stemo parlar poi del mio stomigo alimentado a Rupurut fasolero. Bevemo, pian pianin, intanto che zerchemo de capir coss’che dovemo far per assicurarse sta stanza, sempre che la esisti per bon, poi. Armando ciol el telefono e ciama qualchidun. Bon, qualcossa nasserà dei. Intanto, la moglie ne dà anche formaio. Otimo, almeno podemo far fondin. Mauro fa l’eror de finir el bicer de trapa. Ecolo là, in un secondo el xe de novo pien. Ailo! Ti no te ga el bicer! Te porto un? No, no, grazie Armando, se li dividemo, nema problema. L’unica forma de dialogo possibile, per una bona mez’oreta, xe dirghe de sì a qualsiasi roba el disi, rider anche de quel che podessi no far rider, e bever trapa.
Finalmente riva una mula, che gaverà più o meno la nostra età. La ciacola un poco con Armando. Ara che forsi gavemo trovà per bon chi che ne ospita ciò. La ne disi de seguirla. Otimo. Rivemo in una picia caseta, dentro xe altri tre muli giovani. I ne mostra una stanza, decisamente minimal. Leto matrimoniale che la ocupa quasi tuta, e ai sui pie un altro picio leto singolo. Riva una veceta, evidentemente la parona de casa. La ne zonta un altro stramazo per tera. Per passar in pratica dovemo rampigarse sui leti. La soluzion xe d’emergenza, ma sicuramente no se lamentemo, anzi. Ciapemo quel che da. Xe la famosa teoria del pel nel’ovo, che poi va de pari passo con el za citado filtro anti-negatività. Se ti te passi la vita a zercar el pel nel’ovo, sicuro prima o poi te ne trovi un, e te rovinerà anche el gusto dela parte bona, o magari te deciderà propio de lassar tuto là. Invece, ti te ga de magnar quel che xe e concentrarte sula parte bona, tanto le robe cative finissi in stomigo e a digerirle ghe pensa ben lui. E, dopo un poco, le va anche fora, esatamente come che le xe entrade. E intanto le robe bone gaverà contribuì ala tua crescita, ciapa.
Tornemo in paese per la zena. Xe scuro e xe tardi ormai, ma le bici senza i borsoni par svolar, e con lore el nostro moral. Semo a do giorni de Kotor, e gaveremo sempre el mar al nostro fianco. Ormai ne par tuta discesa.


Blog del Monon Behavior Research Department

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.