2 Febbraio 2014

Trieste-Kotor in bici atto nono: Mostar rivemo!

Qua le puntate precedenti

Ecoci, dopo la sosta nadalizia un fià prolungada diria che el diario dela rumizada verso el Montenegro pol riprender. Eh eh pensavi de esservela sugada… invece el viagio prosegui.

Previously on Ciclomonada Galatica: ierimo rimasti che ierimo partidi, passai per la Slovenia, poi in mezo al Parco de Plitvice, entrai in Bosnia, tirà clanfe a Bihac sula Una e poi vegnudi in zo verso sud-est cola calma, perchè in Bosnia se fa tuto cola calma. E ogi se punta Mostar.
Bon, e no bastava ste tre righe per contarne el viagio fin qua, invece che scassar i bobi con ben oto puntate? Eh ma bon, in mezo ghe iera la mitica festa con 200 babe, l’amor de Italo per le Pez, i tre principi de istrianità e la vendeta dela carnaza. Eco. L’ultima tapa se iera conclusa cola mia indigestion de carnaza, crampi in stomigo e note insone tra leto e gabineto.

La sveia, co te sta mal, te la odi in modo particolare. No xe che la te sveia, perchè tanto comunque no te rivavi dormir. Ma te ieri nela Spavo Zone, l’orario dedicà al sono, in cui te pol sempre gaver el conforto dela speranza de indormenzarte de novo. Invece dopo riva ela, la sveia. Che decreta l’inizio dele operazioni. Riva la Caro Cogoi Zone, la consapevoleza che sarà una giornada ‘ssai ma ‘ssai dura, e nissun leto te farà de tana.
Per fortuna la tapa de ogi xe tuta sul fiume Narenta, no xe previste robe impegnative.
Za a colazion però riva el primo comunicato sindacale del stomigo: no ghe vien concesso el dirito de asilo gnanche al tè. Parto totalmente a digiuno, sia de magnar che de bever. Me meto in fondo ala clapa, me la ciapo con calma, pedalada lenta e costante.
Dopo due legere salitine, el percorso se conferma tranquilo. Se calemo a fianco del fiume, e el panorama xe a dir poco spetacolare. Per trenta chilometri se va avanti cussì, in un ambiente dove l’unico segno dela presenza del’omo xe propio la strada che stemo seguindo. E qualche auto che passa ogni tanto. Per el resto nema. Semo in mezo al gnente. Fantastichemo sul’idea de verzer un’osmiza in sto paradiso. De più: un’osmiza con una picia spiageta. No, con un picio moleto per tirar clanfini. Sì dei, e femo l’Olimpiade dele Clanfe dela Bosnia. E dopo tiremo su una picia stradina che vadi su pe’l monte e femo anche la Rampigada Santa dela Bosnia. Metemo anche un picio tram de Opcine dei, che fa cocolo e i muleti se diverti. Figon. Dei, femo el parco dei divertimenti triestin, vien un casin de lori e se femo la pila! Lo ciameremo Barcoland.
Lungo la strada, xe chi no se diverti ‘ssai. Vedemo in lontananza una baleta pelosa ‘ssai statica. Xe grande per esser un gato. Cossa pol esser? Via via che se avicinemo, rivemo meter a fogo la panza. Ara che roba ciò. Sto qua gaverà magnà come mi ieri. Intorno dela panza, quatro zatine e un museto cocolo. Xe un tasso, e per tanti de noi xe el primo tasso visto del vivo. Che de vivo ga ben poco però.
La mia panza, nel fratempo, sembra star un poco meo. Me autoconvinco de esser fora dela Caro Cogoi Zone. Sì, ala fine la bici fa ben. Te pedali, te fa movimento, el sangue circola. Basta star un poco più piegai, e te pol anche gaver l’impression che i te staghi fazendo un massagio al stomigo. Sì, sì, pian pian miglioro, me lo sento. Desso xe le 10.30. Stimo che per le 11 starò benon.
Ore 10.45. Sempre meo. Bon, xe ora de farghe veder ai altri che son za risorto. Ruco, li beco, li passo. E la citazion Simpsoniana xe d’obligo: “Addio schiappe!”.
Ore 11.00. No stago ancora benon. Le mie stime iera mendaci. Altro che addio schiappe.
Ore 11.30. Crampi ‘ssai forti al stomigo. No dei. Alora forsi no iero ancora fora dela Caro Cogoi Zone. Me preocupo. No volessi esser finì nela Chi Vivi Sperando Mori Cagando Zone. Soporto. Mutismo e rassegnazion. Tanto, xe comunque de pedalar, sicuro no podemo femarse in mezo al gnente. Barcoland no esisti ancora.
Rivemo a Mostar per ora de pranzo. Mostar d’agosto. Tasso de turistitudine estremo. No te rivi moverte cole bici, xe tropa gente in giro. Te fa fadiga za a pie, figurite. Smontemo, e bagolamo come pampel per zercar un posto sicuro dove lassar le nostre compagne de viagio. Incrosemo una mulona, cavei lunghi e neri. Una tipa ‘bastanza rock. La ga un bar, proprio in centro. E la ga anche una casa, col giardin. La ne disi che podemo lassar là le bici. E no la vol soldi. La gentileza fata a persona. Ma la ne saluda veloce, la ga de continuar a darghe assistenza e indicazioni ai turisti che riva. In piena. Per sdebitarne, decidemo de ordinar una bira al suo bar. Per mi un tè. Son piegà in do del dolor al stomigo. Ma sto Penny Royal Tea no me iuta. Forsi saria meo un Cherry Flavoured Antacid. Italo e Ema va a zercar una farmacia per veder se i ga Maalox o robe simili. Ma xe domenica, xe tuto serà.
Incomincio a perder interesse e contato con la realtà intorno. Me par tuto un brusio ovatà. Son in mezo a un formicaio, nela parte più calda e più afosa, e intorno xe tuto un andirindan de formigole che parla, urla, cori, camina, se varda intorno, fa foto, compra souvenir, bevi bira, xe tute indafarade, tute. Nissuna se ferma un atimo. Mostar d’agosto. Fa impression, pensar a quanto ga soferto sta cità solo venti anni fa. Se vedi ancora tanti segni in giro. Ma l’impression de Mostar d’agosto xe che quela parte de memoria xe momentaneamente sospesa. Desso xe de far altro, xe de esser operativi. Intendo la cità, propio, prima ancora dela gente. Xe reativa, ghe cori drio ai contesti, se tien strenta la sua storia, ma varda ben el presente. Mostar ga un suo ritmo, diverso de quel del resto dela Bosnia.
Maree. La vita, che sia quela dele persone, dele sensazioni o dele cità, ga un ritmo simile a quel dele maree. Alti e bassi che se alterna. Poi tuto dipendi del’escursion dela tua marea. Xe chi ga un’escursion tipo quela del Mar Mediteraneo, picia, e ga una vita regolare, tranquila, senza grossi sbalzi. E xe chi invece la ga più simile a quela del’alto Adriatico, magari perchè se la zerca, perchè ghe piasi, perchè lo fa sentir vivo, o magari anche per sfiga, perchè invece el gavessi preferì una vita più monotona. E poi xe l’estremo, xe chi la ga come Mont Saint-Michel, escursioni de marea de quindise metri, alti e bassi che i nostri in confronto par barzelete. A Mostar, la marea xe propio questa. Bassi estremi, la guera, i bombardamenti, e adesso la risalita, verso un altro estremo. E propio come nele maree, più grande xe l’escursion, più grande xe l’energia che ne vien fora. Semo ben lontani del’apiatimento, la gente qua xe viva, se vedi che ga tanto de dar e no se fa fermar dele dificoltà. Ormai i xe in alta marea. Operativi.
Davanti al mio tè, la mia marea triestina xe invece ancora ‘ssai ma ‘ssai bassa. Robe tipo che xe tuti i pedoci fora del’aqua che me ciol pel cul. Decidemo de andar là del fiume a riposarse e magnar un panin, e veder se son in grado de ripartir.
Guy ne conta che le nagane del posto se buta del ponte a pagamento. Xe tipo artisti de strada, in pratica. Semo fortunai. Una nagana sta per lanciarse. Clanfa? Kamikaze? Bomba americana? El ponte xe veramente alto, fa impression. El mato se la tira un poco. E giustamente, in fondo. El sta là, el se ciapa l’atenzion de tuti. El se concentra. El fa un pochi de esercizi de respirazion. El se varda intorno. El se ciapa un pochi de zighi de incoragiamento. El tira un respiro più profondo dei altri. El xe pronto. Daghe. Silenzio de tomba. El tira un zigo e el se buta. Bam, tiro mato. Ma el vien fora come novo.

El mato sarà l’idolo de tuti i muleti. Chissà quanti de lori che volerà imitarlo e far come che fa lui.
Xe bel gaver idoli, de picio. Persone a cui ispirarse, che fa qualcossa che te piasi cussì tanto de voler un giorno far anche ti, co te gaverà la sua età. Solo che dopo, se no te rivi, xe longhi, te se buti un poco zo, te se senti vecio. Alora el truco xe cambiar idoli. Tipo che al liceo te vol diventar una rockstar, come un poco tuti. Però dopo te vedi che Kurt Cobain ga fato Nevermind a 24 anni e ti ancora un zocca. Alora furbescamente te ga de cambiar obietivo e puntar a far el scritor. Benni ga scrito Terra a 36 anni, go ancora 2 anni de gioventù (e Tolkien Lo Hobbit a 45, yes!). Ma dopo so za el truco, cambierò e volerò diventar un campion de scachi. No go alba de chi sia el Kurt Cobain dei scachi, ma sicuro sarà un vecio de 70 anni e me la sugo facile. Giovane fin a 70 anni, oh yeah!
Bon, monade a parte, la decision finale xe de restar a Mostar, mi no son in grado de continuar. Ghe domandemo ala prima mulona che gavemo incontrà se la ga una stanza per noi, za timorosi che qua costerà tuto un casin. E invece no, 60 euri in zinque e passa la paura. Con anche la piscina. E l’aria condizionata. Tuto novo. Solo che xe quatro leti, Italo dormirà per tera. La disi che la ga anche una medicina per mi. Evvai, ara che riva el Maalox risolutore! La xe un angelo. Nema maalox però. La sua medicina xe tè e fete biscotate. E bon, meo che una panin de vetri, dei. Me buto in busta, la mia giornata finirà qua. I altri esci, se godi Mostar d’agosto.
Inutile dir che, ma vara ti, i ga fato le robe più fighe del mondo: ciò, no te sa, ma gavemo tirà clanfini int’el fiume, figon! Ciò, no te sa, ma soto de noi xe un grupo de muloni dela Basilicata che dopo stasera ga un concerto, ciò, figoni, tropo cocoli! Ciò, dopo gavemo magnà robe bonissime, ciò, pagà gnente e fa ti che gavemo adiritura lassà carne perchè iera tropa! E la bira… super! Ciò, e dopo el concerto iera figon, tropa roba, e te se ga perso Ema che balava con una mula, e la piaza piena, ma bel, ma bel che no te pol saver. E dopo iera un altro concerto de gente del posto, sula riva del fiume, che robe, super atmosfera, e le mule xe belissime, vara, e xe tuti cocoli, super ospitali, te se ga perso la serata più figa in assoluto de tuto el viagio!
E za, me par de gaver sentì anche che dopo xe aterà un ufo propio in mezo ala piaza che ga butà un giro de bire che i fa su Betelgeuse che iera la fine del mondo, na roba spaziale propio.
Pecà che dormivo. Per esser pronto doman.


Blog del Monon Behavior Research Department

Tag: , , .

3 commenti a Trieste-Kotor in bici atto nono: Mostar rivemo!

  1. Avatar sfsn

    Diego, amico mio, go verto el zompjuter dopo averme bevù un litro de bianco, due biceri d santonego,una trapa del 2000 (reduce de una cantineta privata) e una trappa de pompelmo. El café no ga servì a niente. E me xe venù su tuti sti pensieri perchè son un poco incanfarà.
    E da storto vegno al dunque: mi a Mostar la prima volta son sta nel ’94, che iera ancora guera, ma no lo digo per far el sboron, lo digo perchè iera una roba emotivamente sai forte. No ghe iera el Stari Most, iera un ponte sospeso de corde, che no se se podeva butar perchè se no cascava tuti quei che ghe stava passando. E dove che inveze iera el troncon del vecio ponte vecio iera una specie de trampolin, e là ghe iera muleti che se fazeva clanfoni, un dei fioi iera senza una gamba. Una roba de pianzer, comovente.
    E mi go sempre pensà che se mai el ponte i lo gavessi ricosruì ghe gavessi fato una clanfa anche mi. Solo che co i lo ga rifato (uguale…) nel 2003 son andà su, e me son cagà adosso: go preferì farghe una sonada col sax (meno ris’cioso) e lassar perder. Anche perchè un mulo tedesco che voleva far el figo cola morosa se ga butà a piron, senza saver la tecnica (che sarìa piegar le gambe fin vizin l’acqua e dopo slongarle tipo piron). Insoma, sto mulo se buta a piron, l’aria ghe verzi le gambe e el se beca un scopeloto mai visto nei cojoni. E el mato, che pensavimo tuti che el iera morto, el riemergi, el nuda a stento fin la riva e el se distira tegnindose le man sule bale per un’ora, che mi penso che el se gabi autosterilizà. Insoma, tuta sta roba per dir clanfe e clanfadori: facile ai topolini o in cava de Sistiana, o anche dele tonnare de Starigrad, ma anche ti che te son profesionista te se ga cagà dosso, e i veri clanfadori se li vedi a Mostar! 😉
    (PS: in museo del ponte de Mostar go visto el filmato de un che nel 1966, co iera 400 ani che i gaveva costruì el ponte, se ga becà una panzada. Agghiacciante, però el mato xe venù fora, un poco malamente, i ghe ga dà una rakija, e tuto passà!)

  2. Avatar Fiora

    @ Diego e 1: do’ tochi de primo premio, altroché muli! E ti sempre inbalinà restine, sfsn! 🙂

  3. Avatar Fiora

    genio e sregolateza,sfsn…altro che sta mona de sotoscrita cocazero addict ! 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.