23 gennaio 2014

Frecce tricolori in volo radente a Trieste. Per Giurastante sono intimidazioni

In molti si sono accorti ieri del passaggio sopra Roiano delle Frecce tricolori durante una esercitazione.
Per il portavoce di Trieste Libera Roberto Giurastante sono atti intimidatori. Questo il suo commento su facebook all’accaduto:
Aerei militari italiani che entrano nell’area urbana di Trieste a volo radente in mezzo alle abitazioni a volo subsonico spacciati come “frecce tricolori”… E’ accaduto oggi tra le 15.05 e le 15.10. Nel territorio occupato di Trieste. Atti intimidatori in una terra che attende la propria liberazione… Dicono che qui l’Italia faccia queste esercitazioni perché il territorio assomiglia all’Afghanistan…

Tag: , , .

117 commenti a Frecce tricolori in volo radente a Trieste. Per Giurastante sono intimidazioni

  1. Alessandro

    va beh, xe una bufala vero? o el ga dito veramente sta roba?

  2. Roby

    Non portavoce, Presidente, e continua con:

    “Entrano anche in Slovenia, perché la Slovenia ha affidato la propria difesa aerea all’Italia… ma il Territorio Libero di Trieste non ha deciso di farsi occupare dallo Stato Italiano… Che gli aerei militari italiani sorvolino pure Lubiana, ma non Trieste… e che non passino a quota 35 metri in piena attuazione di tattiche di guerra per impaurire i “ribelli” triestini…”

  3. ikom

    Se è vero siamo oltre il ridicolo, conferma che chi non è niente o non ha fatto niente nella sua vita la “riempie” con il ruolo del patriota, si da quasi uin tono.

  4. capitano

    Scie chimiche!

  5. Cesco

    Fa riflettere, non tanto lui, quanto quelli che gli vanno dietro!

  6. Alessandro

    @3 GOMBLODDO

  7. ufo

    Ma i ga le carte?

  8. Berto

    Bon, spiegheghe anche ai amici de Giurastante che commenta come dei sempi che xe un muiesan che xe passado a far el mona, che il suddetto ga finido el periodo nelle frecce tricolori e nol fa parte più della formazion. Quel aereo iera per una regolare esercitazion e basta!!!

  9. fulvio Rogantin

    SE non basta.

    Giurastante detto il Mimetica;

    Entrano anche in Slovenia, perché la Slovenia ha affidato la propria difesa aerea all’Italia… ma il Territorio Libero di Trieste non ha deciso di farsi occupare dallo Stato Italiano… Che gli aerei militari italiani sorvolino pure Lubiana, ma non Trieste… e che non passino a quota 35 metri in piena attuazione di tattiche di guerra per impaurire i “ribelli” triestini…

  10. EL BIGOLO

    Ma Giurastante se ga messo a farne concorenza? 😉

  11. ufo

    Se no ghe molemo balonzini con tacado el fiasco de vin

  12. ul laghee

    cosa dirà il nostro quando scoprirà che le navi della Costa sono corazzate italiche travisate da nave da crociera, e che le migliaia di passeggeri altro non sono che truppe da sbarco camuffate da turisti????

  13. k8

    L’idea di libertà legata alla volontà di passare da un governo (italia) a un altro (onu) mi pare strampalata. Anche l’idea di uscire dall’euro e dall’europa -e quindi diventare extracomunitari- è abbastanza discutibile: se non per ragioni politiche o ideali, almeno per ragioni pratiche. Dovrei fare il visto per andar a Sezana?
    Ma pensare e dire che un volo delle frecce sia un atto di intimidazione è esagerato, a meno che tu non viva in un unverso parallelo dove tutto ruota intorno a te.

  14. ikom

    Calmatevi il signore in mimetica non può rispondervi perchè è impegnato a fare ricorsi al tribunale di uno stato che per lui non ha il titolo per fare il suo lavoro………

    PAGA LE TASSE

  15. Fiora

    …fiaschi per fis’ci ga fato scaturir el mimetico.

  16. Fiora

    per mi questa xè l’ultima prova prima del debuto ‘ntel cabaret

  17. aldo

    i xe ‘ndai subito a farghe l’alcol test?

  18. aldo

    ‘desso ghe volessi che salti fora un disendo:”No gavè rispetà la privacy de Giurastante: spioni!”

  19. aldo

    cmq d’ora in avanti noi poderà svolar più perchè Giurastante ga messo circa 40 minuti fa un novo post con tuti i estremi dele carte e un segnal con su scrito “divieto di sorvolo agli aerei italiani” con tanto de tondo rosso cola diagonale in mezo cola scrita “Trieste Libera” sora un aereo

  20. Accade che nel ciel irrequieto di Trieste volano a tutta vibrante velocità le tanto venerate frecce tricolori che ora son sponsorizzate anche dai privati, cioè una pattuglia dell’Aeronautica militare è sponsorizzata dai privati, follia inquietante che aprirà altri varchi ai capitali privati…
    Le finestre delle case di Trieste ieri tremavano, tutti fermi a guardar in alto. Alcuni pensavano ma è scoppiata una nuova guerra e non sappiamo nulla? Dubbi, silenzi, ironie, e poi si capirà che erano solo quei matti acrobati militari del cielo che si divertivano sul territorio triestino, per qualche attimo non poi tanto fugace. Ma accade anche che qualcuno prende talmente seriamente la cosa, tipo quelli del MTL che diffidano le frecce tricolori ovvero gli aerei italiani e compagnia brutta a sorvolare il cielo triestino perchè vietato dal Trattato di Pace del 1947. Non so cosa sia più folle, le frecce sponsorizzate o l’invocazione del Trattato di Pace con la contestuale pseudo diffida, poiché è superato da anni di leggi, atti, costumi, consuetudine, e dalla storia? Sarà , quella pseudo diffida ironia, sarà satira legalitaria, ma quando ci si riduce a ciò vuol dire che i colpi da sparar son proprio finiti.
    Ovviamente concordo nel dir no agli aerei da guerra nè su Trieste nè altrove e di qualsiasi nazionalità, ma questa è altra storia.
    mb

  21. hobo

    alcuni amici dell’intelligence (che lavorano sotto copertura) mi hanno mandato in via riservata questo screenshot:

    https://drive.google.com/file/d/0BzjzhLZ283LBb21YX0xmaTFDWDg/edit?usp=sharing

  22. Luisa

    Giurastante.. quel che no xè gnanca Triestin ma cabibo..

  23. sfsn

    la sparada de Giurastante lassa el tempo che trova, ma secondo mi xe criminal far svolar sti rambo del aria sora centri abitai (specie una cità), visto quel che xe sucesso a Ramstein nel ’88 (67 morti), e ancora pezo l’aereo militar che se ga schiantà sula scola de Casalecchio di Reno nel 1990 copando 12 studenti, perchè per un guasto el pilota se ga butà col paracadute, lassando che l’aereo caschi dove capita.

  24. hobo

    Perchè stiamo seguendo questa storia surreale?

    Perchè è un esempio perfetto di come una sacrosanta battaglia portata avanti dai movimenti da decenni, quella contro le basi militari, le esercitazoni aeree, la militarizzazione del territorio, ecc. ecc., possa essere risemantizzata, stravolta e rigiocata in chiave paranoide-identitaria nel vuoto politico in cui ci troviamo.

  25. hobo

    “E, come abbiamo detto sin dall’inizio, è così sotto ogni aspetto.

    Che dire dell’avversione al nazionalismo italiano che diventa micronazionalismo triestino e presenta le stesse logiche del suo avversario retorico, solo su scala ridotta?

    Che dire della necessaria disamina e critica storica su annessione militare e italianizzazione forzata che diventa revanscismo neoasburgico?

    Che dire del conflitto sociale intrinseco alla società capitalistica che diventa conflitto tra triestini DOP e “lianta”?

    Che dire dell’anticapitalismo che si presenta nella sua sempiterna versione degradata – per dirla con Jaurès – di “socialismo degli imbecilli”, ovvero denuncia del complotto plutto-giudaico-massonico?

    E l’internazionalismo, la critica dei confini che separano gli sfruttati, che si rovescia nel suo contrario e diventa ammirazione per il movimento “sconfinato” dei capitali, per le zone tax-free, per Dubai, Singapore, Hong Kong, e al tempo stesso diffusa esecrazione per i migranti, cioè persone che cercano di superare i confini in cerca di una vita migliore? Libertà di movimento per i capitali, CIE per gli sfruttati.

    Fin dall’inizio, , come già avevamo fatto col grillismo, noi abbiamo letto questo movimento come *diversivo*, un tipico diversivo da tempi di crisi, che devia e incanala le energie dei lavoratori e fa virare lotte giuste verso obiettivi dalla cui realizzazione i lavoratori stessi hanno ben poco da guadagnare.”

  26. giorgio (no events)

    Republique du Rojan.
    Par che in Via dei Moreri, ghe sia un’enclave de resistenti che se oponi al TLT e che ghe gà dimandà al governo de Roma de difenderli dale incursioni dele trupe in mimetica che vien zò de Scala Santa.
    In questo quadro de tensioni internazionali se gà ris’cià forte dopo che i tieletini gà ocupà la piaza tra i Rivi domandando in giro se a Roian i gavèva, almeno, le carte.
    Pino xe vignù fora de l’osteria sul cantòn e ghe gà petà sul muso un mazo de briscola e un de remì.

  27. John Remada

    Meno mal che no xè soga a concia,se no per el due de cuori sicuro no la finiva cusì in bone…

  28. Tergestin

    “Che dire dell’avversione al nazionalismo italiano che diventa micronazionalismo triestino e presenta le stesse logiche del suo avversario retorico, solo su scala ridotta?”

    Si’, uguali proprio. Tanto xe vero che gli indipendentisti dei anni dieci iera vizini ai socialisti e quei dei anni cinquanta iera filo-partigiani dichiaradi (oltreche’ oviamente antifassisti).
    Odio, iera polemiche coi cominformisti vedi quela che Vidali ga fato una colletta tra i operai triestini per mandarghe i doni de compleanno a Stalin mentre gli indipendentisti parlava de costruir scaldatoi publici per la cita’, se proprio bisognava ciorli i soldi dei operai.

    Ogi no va tanto diversamente, xe chi parla de far funzionar el Porto e meterghe dentro gente capace e chi sta a menarla coi companeros del Chiapas senza alzar el cul.

    “Che dire della necessaria disamina e critica storica su annessione militare e italianizzazione forzata che diventa revanscismo neoasburgico?”

    Difati me ga bastado leger el paralelo sul Wu Ming tra l’Austria-Ungheria e el nazismo per molar l’articolo e riprometerme de tornarghe co’ la mia mandibola rivera’ a serarse. Ma se rendemo conto che se vol far paraleli tra la Trieste multietnica, plurilinguistica e multireligiosa dei Asburgo con quela dopo el ’18 o quela del Reich? Questo vol dir che se ga studiado la storia soto alucinogeni.

    “Che dire del conflitto sociale intrinseco alla società capitalistica che diventa conflitto tra triestini DOP e “lianta”?”

    Seghe mentali.
    Se el porto funziona, la cita’ funziona. Se el porto declina la cita’ declina. Xe sempre andado cussi’ e co’ el porto de TS marciava ben -soto aministrazioni austriache ed anglosassoni- ghe ne godeva tuti. Cussi’ un doman ne godera’ tuti: triestini, lianta, esuli, sloveni, cinesi, serbi e chi piu’ ne ha.

    “E l’internazionalismo, la critica dei confini che separano gli sfruttati, che si rovescia nel suo contrario e diventa ammirazione per il movimento “sconfinato” dei capitali, per le zone tax-free, per Dubai, Singapore, Hong Kong, e al tempo stesso diffusa esecrazione per i migranti, cioè persone che cercano di superare i confini in cerca di una vita migliore? Libertà di movimento per i capitali, CIE per gli sfruttati.”

    A Dubai, Singapore ed Hong Kong le tensioni etniche xe infinitamente minori e le possibilita’ per migranti maggiori. Ricordemo che Singapore e Dubai xe in mezo al terzo mondo e le xe cento anni avanti anca de un paese ocidental. E ricordemo che in tuto el mondo le zone franche no conossi crisi e produci ricchezza, tanto xe vero che persin in Sardegna e in certe zone in Italia i le domanda. Noi gavemo la zona franca soto el cul, de dirito, ma evidentemente meio crepar de fame per no sembrar “turbocapitalisti che sfruttano le condizioni di vita del proletariato e dei migranti” e altre bubbole aliene, pronunciade spesso da chi no ga mai porta’ un secio de malta su per le scale in vita sua. Ricordeve che la gente emigrava a Singapore dala rossa Cina ieri e dala spiritualissima India ogi, cussi’ come xe pien de palestinesi che preferissi andar a lavorar a Dubai pitosto che crepar a casa sua.
    Dai paesi che tanto esalte’, la gente scampa nei paesi che denigre’ e repute’ sfrutatori; dopo girela come vole’ ma xe sempre andada cussi’. Ve brusa un poco magari, ma la realta’ xe quela.

    “Fin dall’inizio, , come già avevamo fatto col grillismo, noi abbiamo letto questo movimento come *diversivo*, un tipico diversivo da tempi di crisi, che devia e incanala le energie dei lavoratori e fa virare lotte giuste verso obiettivi dalla cui realizzazione i lavoratori stessi hanno ben poco da guadagnare.”

    I lavoratori no xe tuti deficenti, save’?. Magari no i sta oto ore a vardarse el cinema espressionista bielorusso del dopoguerra come ve piaseria a voi, ma forsi i capissi quando i ga a che far con una sinistra concreta, che podeva esser quela del duro Vidali o quela del mite ma concretissimo Berlinguer e quando i ga a che far con quatro pseudointeletuai che ga voia de scoltar el suono dela propria vose oltreche’ de tratar sempre le classi operaie con un misto tra el paternalismo e i metodi da adestrator de scimmie da circo.
    Difatti xe venti anni che le classi operaie e certe sinistre viaggia su due binari paralleli. La critica al MTL e quela ai Grillini xe naturale: quando qualchedun non de destra, ga una vision critica su certa sinistra parolaia e inconcludente, va sempre cussi’: populisti, fascisti, qualunquisti e zo’ articoli e prose dove se varda dall’altissimo gli intrusi che giustamente, te fa marameo.

  29. hobo

    @tergestin

    1) se parla dei indipendentisti del 2014 e ti te tiri fora quei de 100 anni fa o de 70 anni fa. boh.

    2) e dove saria sto paralelismo tra impero austroungarico e nazismo?

    3) el vero conflito per la redistribuzion dela richeza xe conflito tra capitale e lavoro, no tra triestini e lianta.

    4) dubai, singapore e hong kong xe i paesi che ga el massimo indice de disparita’ tra richi e poveri. el neoindipendentismo vol condizioni diverse per originari e non originari. e nela panza del neoindipendentismo ghe xe una xenofobia ugual a quela dei fassisti e dei leghisti, tanto xe vero che i condividi i stessi status su fb. co se trata de darghe indosso ai negri, diventa tuti italianissimi.

    5) el resto xe solo livore e loghi comuni contro persone de cui no te sa njente, come noi no savemo njente de ti. solo che noi no se permetessimo mai de dir che ti no te fa un cazzo per guadagnarte el pan. tanto per dir, i genitori e el fradel de wm1 xe operai; quei de olivieri idem (olivieri stesso ga fato el pesador in setimo, e ‘desso lavora come precario mentre sta scontando una pena per reati de tipo politico – blocchi, pichetti, proteste, scontri con la polizia davanti al cie); i miei genitori xe insegnanti dele medie che ga studia’ lavorando (in fabrica mio pare, in bar mia mare). ma evidentemente per ti el fato che fioi dela classe oepraia o comunque lavoratrice gabi avudo la possibilita’ de studiar, xe un marchio de infamia.

  30. ugo tiralacqua

    Ahaha ma quai lavoratori? Ma de che cazo te parli?? 3000 de lori fila via ogni anno a Trieste semo pezo che in guera. Ara che ciamemo deganuti sa?

  31. maja

    tergestin

    te podessi postar el comento ancu su giap, visto che el discorso del 27 xe de wu ming 1 che no partecipa a questa discussion. cos de disi?

  32. Triestin no se pol

    sembra che ad integrazion del divieto de sorvolo del Tlt el movimento ga de diramar un secondo dispaccio con il divieto al sorvolo dei Ufo…da una prima indagine dell’Intellighenzia del Tlt sembra che ghe sia sta un error umano del pilota de caccia ungherese in addestramento sora i cieli sloveni e del Tlt (xe andà longo, e xe sbrisà nei cieli del carso a causa de una perturbazion in arrivo)….http://247.libero.it/focus/24992578/582/difesa-ungheria-affiancher-italia-in-controllo-spazio-aereo-della-slovenia/

  33. ufo

    E po no po! No se pol! Devo dir: el comento del #33 el me ofendi! Vietarme el sorvolo, dossegamaivisto! Nossefacussì! Cio, mi son nato al Burlo in familia de zente de feriera, mancassi altro che me fazo dir de voi se poso o no svolar de qua e de la.

    Oltre che per dirito de citadinanza mi esigo che se rispeti la mia natural pasion per svolazar perché:
    1.) fin de picio volevo eser come Snoopy, sentado sora la cuccia con cascheto de lambretista e ocialoni neri e straza romantica al colo;
    2.) mi son l’unico ogeto volante che ga l’aviazion del TLT e alora ve convien tratarme ben che no cambio idea e scampo a Sečovlje;
    3.) sempre de picio go leto quela storia del cocàl Ucio Livingston e me xe piasuda tanto.

  34. effebi

    xe ore, giorni, mesi che spetoooo…
    basta…. no resistoooooo più !!

    come xe !?… dei cio !!!

    me podè avisar co finalmente xe libero…
    …el bagno !?? ah !!!

    MBL… MOVIMENTO BAGNO LIBERO
    go anche la carta…

  35. aldo

    la krisi se agrava: su ordine del Mimetico el mulon Tonfa ga schierà i blackman cole fionde puntade verso el ciel

  36. Triestin no se pol

    rispondo al ufo 33….penso che se el mimetica te fa la propusnica del tlt qualche giro te pol ma no a volo radente per via dei cocai…

  37. Kaiokasin

    #30 Sulle possibilità per i migranti a Dubai:
    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Mondo/2009/11/pollai-immigrati-dubai.shtml

    http://www.rivistamissioniconsolata.it/cerca.php?azione=det&id=3023 (il capitolo sugli immigrati)

    … la maggioranza degli altri stranieri vive in condizioni di semischiavitù. Orari di lavoro impossibili, stipendi inadeguati, ammortizzatori sociali inesistenti, case fatiscenti sono facili micce per proteste. Le più eclatanti sono state quelle che hanno interessato la convulsa costruzione del Burj Khalifa quando, nel marzo 2006 e novembre 2007, 2.500 lavoratori protestarono chiedendo condizioni di vita migliori e paghe più adeguate. Il Ministero del Lavoro rispose facendo intervenire la polizia e minacciando i manifestanti di deportazioni in massa nei loro paesi d’origine.
    Samer Muscati, ricercatore dell’Human Rights Watch (Hrw), mi descrive una situazione disastrosa: «I lavoratori stranieri impiegati in ditte edili vengono pagati tra i 100 e i 250 euro al mese per lavorare 12 ore al giorno, 6 giorni alla settimana. Molto spesso le compagnie che assoldano gli operai sequestrano loro i passaporti per ricattarli, obbligandoli a lavorare senza alcuna condizione di sicurezza. I sindacati sono inesistenti; chi solo cerca di organizzare un’associazione che tuteli i diritti dei lavoratori viene immediatamente espulso».
    Fuori dal Burj Khalifa, incontro Ravi, un lavoratore indiano. È la sua pausa pranzo e ci sediamo all’ombra dei luccicanti vetri che ricoprono la facciata del grattacielo: «L’Arabtec, la ditta che ha costruito il Burj Khalifa, ci alloggiava in una cinquantina di campi lavoro sparsi attorno a Dubai, lontano dagli occhi dei turisti. A loro si deve far vedere il paradiso». Vedere questa povertà assoluta, infatti, rischierebbe di smantellare il mito di Dubai come una sorta di Disneyland araba.

    ecc.ecc.

  38. Andrea Righi

    Forse le frecce tricolori erano qua per proteggerci da Giurastante? Molti di quelli che oggi vogliono il TLT fino a ieri ci volevano consegnare ai titini. Meditate……

  39. capitano

    A Dubai gli untermenschen sono la manodopera indiana costretta a vivere come bestie dove nessuno li vede.
    Singapore ha vissuto decenni di dittatura dove non sapevano neanche cosa fosse la libera stampa.

  40. Massimiliano Milic

    @andrea righi,
    molti de quei che voleva i titini xe morti, o quasi tutti, da qualche anno.
    semo nel 2014, do you remember that?

  41. hobo

    interessante osservare che giurastante e righi, da sponde apparentemente opposte, in realta’ diano la stessa interpretazione paranoide e triestinocentrica del sorvolo.

    entrambi trasformano in farsa grottesca una questione molto seria, quella delle esercitazioni militari fatte fregandosene della gente che vive sul territorio (su questo territorio come su ogni altro territorio).

  42. hobo

    anzi, non triestinocentrica. mtl-centrica.

  43. El baziloto

    Xe giusto: i aerei pol cascar, e quindi no aerei sora Trst. Ma casca anche i aerei civili, savé? E quindi se ga da serar tuti i aeroporti e vietar el svolo de ‘sti mastodonti bianchi, che fra l’altro xe moooolto più grandi de quei militari.

    Volemo po’ parlar dei camion lianta? Quanti incidenti ga procurà a Trst? Vietemo quindi i camion.

    ‘Deso che ghe penso: no xe s-ciopai anca dei treni in giro par el mondo? Fora i treni da Trst. E le navi, le navi? E femo finta de no ricordar Titanic, Andrea Doria e Schettino? Volemo che una nave ne rovina la cità de Trst? Fora le navi dal golfo, in primis tute ‘ste petroliere che savemo che fine pol far.

    E tuti quei che casca co’ le zavate ai piedi? Vietate le zavate a Trst.

    Po’ diria che quei che se indormensa co ‘na cicca in bocca pol incendiar ‘na casa e ghe fa mal: vietemo el fumo nel TLT.

    Gavemo po’ da trovar el modo par vietar el giazzo e la bora.

    Ghe studieremo sora…

  44. hobo

    c.v.d.

    cosi’ adesso se uno e’ contrario alle esercitazioni nei centri abitati allora vuol dire che e’ un tlt-ista. e viceversa, se uno non e’ un tlt-ista, allora vuol dire che e’ a favore delle esercitazioni nei centri abitati.

    complimenti a giurastante, righi e baziloto.

  45. maeel

    Mi credo che i scrivi ‘sta roba solo per insempiar la gente

  46. sfsn

    @ 46:
    1. i aerei civili svola driti a 10.000 metri de quota, e no a 200 fazendo acrobazie e incrosandose a 10 metri un de l’altro.
    2. i aerei civili (le navi, i treni, ecc.) xe utili

  47. Pier Alberto Possati

    W le Freccie Tricolori
    W Trieste Italiana
    W Le Forze Armate
    Così vi arrabbiate 3 volte in un colpo solo.

  48. ANDREA

    Quel aereo xe restado solo, indrio, perchè el se ga fermado a far el pien in yugo. dopo el se ga fatto un giro a vardar che bella che xe la location dove che se ga incontrado putin e letta; la bellezza della location (città turistica), unico motivo per cui xe vignù putin qua, coi sui trezento militari. Come che ga ditto letta quela volta: W Trieste libera… di lingua italiana, slovena, serbo-croata, tedesca, greca, und so weiter 🙂

  49. hobo

    @andrea

    quindi? confermi che putin ha costretto letta a spostare il vertice a trieste e a dire “viva trieste, trieste libera”?

  50. hobo

    @50 possati

    non se rabia nissun, al massimo se se rodola dele ridade.

  51. Pier Alberto Possati

    306.000 abitanti sono con le bandierine italiane in mano , come nel 1954 , ricordate ?
    O Trieste mia , o Trieste del mio cuor ….

  52. El baziloto

    @ sfsn

    Metite d’acordo col Giura: i aerei xe passadi a 35 metri o a 200? Sora la cità o in mar?

    Ti vol parlar de utilità? Parlemo de utilità.

    Me go sempre domandà l’utilità dei trapezisti dei circhi. No rivo a capirla. E i clanfadori? Volemo intavolar un discorso sui clanfadori?

    E po’ – francamente – la collezion de francobolli xe inutile, la scuola te insempia, e Diogene insegna che i vestiti no TE serve (a mi si: me piase le robe inutili, come le Frecce).

  53. hobo

    @55 possati

    veramente trieste riva a malapena a 200mila abitanti, de cui 20mila imigradi in gran parte extracomnitari, qualche decina de migliaia de sloveni, e un congruo numero de italofoni, patochi o non patochi, tlt-ini o non tlt-ini, che ga le bale piene de ste monade.

  54. Fiora

    mi resto amirada da la Giuraletura frecce tricolori raso Trst = intimidazioni.
    …certo che l’omo ga una fantasia cussì sfrenada che se anche ghe va sbuso el movimento el troverà un altro bagolo che lo iuti a ‘ndar vanti in sta valle de lagrime.

  55. Pier Alberto Possati

    Conservo i ritagli dei giornali di allora :
    220.000 erano di Trieste e provincia + altri
    90.000 arrivati con treni stracarichi , autocorriere e
    perfino camion strapieni erano venuti dal Friuli e da altre regioni d’Italia ( la tv allora aveva uno solo canale era appena agli inizi ).
    Per il capitano : tutti nazisti ?
    Vola colomba , vola ….
    Ridete, ridete , ma la storia è questa !
    E pure la realtà d’oggi….

  56. ANDREA

    @53hobo no, no, putin xe vignù qua per la bellissima location, per discuter della vocazion turistica e delle intenzioni dei nostri lungimiranti amministratori. solo per quel, fidite.

  57. hobo

    #andrea ma varda che mi son dacordo con la vostrs interpretazion. Go anche scrito un lungo post su sta roba. Te lo ga leto?
    http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=15595

  58. ANDREA

    @61 hobo te sa che me fido solo del pikolo 🙂

  59. hobo

    @possati te son finido in un loop spaziotemporale?

  60. capitano

    #59 non capisco: le Freccie tricolori in realtà sono degli Horten 229?

  61. capitano

    #59 non capisco: le Freccie tricolori in realtà sono degli Horten 229?

  62. Pier Alberto Possati

    Ma che cosa scrivete ?
    Uno loop spazio temporale
    L’altro Horten 229
    W Trieste Italiana, W il Tricolore vi ha creato molti problemi
    di linguaggio . Riposatevi , come farò io fino a Lunedì , per cui stacco .
    O Trieste mia , o Trieste del mio cuore …

  63. hobo

    guardi possati, se vuole le spiego.

    lei confonde il 1954 col 2014. loop spaziotemporale appunto.

    inoltre confonde la bandiera dei grammar-nazi con quella dei nazisti. le do un aiutino:

    http://it.urbandictionary.com/define.php?term=Grammar%20Nazi

    e se le piace tanto gridare viva l’italia, forse farebbe bene a sublimare questo suo fetish studiando l’ortografia della lingua italiana. si scrive frecce, non freccie.

  64. Pier Alberto Possati

    Ha sbagliato anche il capitano a scrivere freccie con la i , perchè non sgrida anche Lui?
    poi erano solo 2 aerei , comunicato del Ministero della Aeronautica , tanto scalpore per nulla , che dopo hanno sorvolato anche Nuova Gorizia .
    Ripeto , io ricordo il 1954 , perchè so che vi dà fastidio , se non peggio , quella data
    e quella folla !
    Grammar-Nazi o Nazisti , di quelli non me ne frega proprio niente : sono vostri amici , non miei !
    W Trieste Italiana ( meno del 3% della polazione si è dichiarata di etnia slava ) e quei 20.000 extracomunitari , dico io quasi tuuti clandestini , finalmente ammette che ci sono a Trieste ( grande mia vittoria 1 a 0 ), li manderei oltre confine in Slovenia .
    WW il Tricolore in tutte le finestre di Trieste ,
    come è successo nel 2004 durante l’Adunata Nazionale degli Alpini , quando sfilammo in 300.000 ( c’ero anch’io , ospite di una esule istriana di 90 anni abitante sopra la caserma Vittorio Emanuele ).
    O Trieste mia , o Trieste del mio cuore ….

  65. hobo

    ROFL me stago rodolando

    etnia slava
    gli extracomunitari tutti clandestini
    grande vittoria 1-0 ???????

    capitano ha scritto freccie con la i in neretto per farle capire dove aveva sbagliato, lughero

    sta facendo una figura penosa possati. la prego, continui a scrivere

  66. hobo

    MTL, capisco molto bene che per voi sarebbe molto bello avere come antagonisti gente come possati, e che fate di tutto per convicere e convincervi che sia cosi’.

  67. hobo

    @andrea#62 so, so…

  68. Alessandro

    In effetti xe una bella sfida tra le freccIe e l’atto de intimidazion dei lianta.

    Ah, no xe che fazo finta de esser neutro. mi son per l’italia sinceramente… ma xe una mia opinion ovviamente.

    voleria veder un dibattito sul sito de MTL tra FreccIe e scii chimichi

  69. Alessandro

    “L’MB 339 ieri e’ passato a 30 metri dal mio balcone… Non una volta… Due passaggi con virata stretta… a non più di venti metri dal suolo, in mezzo ai palazzi con pali di illuminazione e linee elettriche di distribuzione… Se il pilota avesse sbagliato di un pelo, o vi fosse stato un cedimento meccanico dell’aereo, o avesse avuto un malore, oggi parleremmo di un disastro con decine di morti… Tutto normale secondo voi?”

    Questo dixi Giurastante su FB.

    20 metri dal balcon!? O_o tipo una punizion dal limite dell’area

  70. hobo

    nissun xe neutro alessandro. xe che mi e i miei amici “mafiocomunisti de papa’” (cit. de una esagitada in una discussion *publica* su fb, a cui nissun de noi partecipava, tra l’altro) rifiutemo la polarita’ lianta vs patochi, perche’ la consideremo fuorviante e diversiva, e se schieremo lungo diverse linee de conflito.

  71. Alessandro

    volevo solo evitar de gaver quel finto attegiamento neutro… ovviamente un ga le sue idee. mi posso concepir tutte le argomentazioni se supportade. anche se no son d’accordo. ma sto MTL che xe cussì internazionale alla fine xe rifugio e megafono de tutti i malumori causadi dalla crisi. Infatti te leggi tra (molti, non tutti)i profili dei sostenitori. teorie sul NWO, critiche alla Kyenge, austria ungheria a go go e elusion continua de tutti i problemi e domande. ah, ovvio: numeri come un aereo che passa a 20 mt da un balcon e carte d’identità elettroniche senza trieste come prova dell’esistenza del TLT

  72. Pier Alberto Possati

    hobo , non hai risposte da darmi , ti arrampichi sugli specchi dei bar di Piazza dell’Unità d’Italia ( vuoi cambiar nome anche alla Piazza ), sarò penoso , ma sono preciso
    nei racconti e nella storia Italiana di Trieste . Nel 2004 dove eri , a Capodistria per non vedere tanti cappelli alpini e tanti tricolori ? Non illuderti : Trieste non è cambiata nei sentimenti , di antitaliani se ce sono un centinaio , anche i giovani sono nazionali e celebano le foibe negli Istituti
    scolastici . La tua canzone è : illusione …
    La mia sempre quella : O Trieste , o Trieste del mio cuore ….

  73. Fiora

    @76 Pier Alberto P.
    “o Trieste o Trieste del mio cuore”
    infarcita anch’io di retorica patriottica, mi ritrovo però a fare i conti con una realtà che pesantemente stride con i miei punti fermi.
    “Trieste del mio cuore” è oggi un’indefinibile agglomerato di anime multietniche e mentalità opposte.
    mi sentirei “in parcheggio” ad aggrapparmi ostinatamente esclusivamente al patria &onore. rinnovarsi (per quanto ciascuno ce la fa)o morire.
    Sicché ho rinverdito il mio credo con
    l’aggiunta del o magna sta minestra e il tricolore continuo ad esporlo…quando gioca la Nazionale!

  74. Pier Alberto Possati

    Cara Fiora , analizza chi ha distrutto Trieste o meglio non ha fatto nulla per Trieste : Comune , Provincia , Regione , tutte Autorità locali , l’errore è averli eletti , grazie alla
    forte astensione , una delle più alte d’Italia,
    nelle ultime e penultime elezioni politiche ed amministrative . Trieste , sono certo si riprenderà , quando cambierà la classe dirigente , e quando nel 2014/2015 farete eleggere Deputati e Senatori degni di questo nome . Se sarà confermata e votata , la nuova legge elettorale potrà farlo . Basta non astenersi per rabbia .

  75. Marco Caco

    La gente come Possati, che è fuori dalla storia, offre a MTL un avversario facile facile ma che nella realtà dei fatti (almeno di quella cittadina) è oramai residuale. Visto che alla greppia dell’italianità era ormai rimasto poco da mangiare e anche il discorso sull’Esodo che giustificava un welfare “a misura di istriani” ( con vantaggi goduti perfino dai pronipoti degli “esuli” ) si è molto indebolito, a Trieste la destra nazional-patriottica ha perso fascino e ha rapidamente ceduto gran parte dell’egemonia culturale ( e di strada ) a un altro tipo di destra identitaria, quella localistica che va dal post-leghista all’austriacante al fascista deluso. Oggi questa destra è rappresentata principalmente da MTL, però non può definirsi “destra” perché il suo discorso è impostato sul “né di destra né di sinistra”. Ma che sia una destra dovrebbe essere chiaro a chiunque sia di sinistra…. Dovrebbe.

  76. hobo

    @possati continua, ti prego… 🙂

  77. Pier Alberto Possati

    Mtl è solo un guazzabuglio di idee ” contro ”
    causa la crisi economica e sociale che attanaglia Trieste e raccoglie i delusi di tanti Partiti . E’ una sorta di Uomo Qualunque,
    partito nel 1946 che morì 2 anni dopo nelle elezioni politiche del 1948 .
    Purtroppo , tra gente in buona fede , esiste quello sparuto gruppo che fa dell’antitaliano e del filo sloveno o austriacante la sua battaglia . Questi io combatto ferocemente . Siccome Trieste non viole tornare nè a Tito nè a Cecco Beppe , questo Partito , come ho detto sopra , sarà destinato allo 0,.. , quando finalmente Trieste avrà una nuova classe dirigente . Questo il punto : rinnovare i dirigenti locali che purtroppo si sono insediati , causa , come ho detto , la forte astensione. Questo non vuol dire che si debbano perdere i valori e gli ideali , chi lo fa è un debole . La Storia Patria non ha bisogno nè di deboli , nè di vigliacci , nè di traditori, ma di Slataper dei tempi moderni , che sappiamo combattere non più in armi ma con le idee e l’agire , non con le chiacchere , tipo Serracchiani o altri di turno che si pavoneggiano solo in tv ed a Roma e dimenticano la Venezia Giulia .

  78. Pier Alberto Possati

    Esiste un progetto di rilancio di Trieste ?
    No ! Esiste un progetto esecutivo , con modi e tempistica certi? No !
    Questo manca : che cosa sta facendo la Giunta Comunale e provinciale al riguardo ?
    Nulla di nulla .
    Fa solo politica ideologizzata perchè è una macedonia di partiti e partitini , per stare insieme : questo dovreste combattere , non ammainando il tricolore , altrimenti le bandiere rosse vi invaderanno nuovamente , come sta succedendo !

  79. hobo

    @possati, legga cosa ha scritto marco caco: quelli come lei sono residuali a trieste, e servono solo a fare da sparring partner a MTL.

  80. Pier Alberto Possati

    Gli sparring partner molte volte hanno il pugno più duro degli altri e li mettono al tappetto.
    Intanto non mi risponde mai…
    Si ricordi che le minoranze molte volte hanno fatto la storia e l’hanno vinta nel tempo :
    verificheremo alle prossime elezioni .
    Ma quanti consiglieri comunali e provinciali avete per incidere sulle strategie per Trieste ?

  81. Marco Caco

    Possati, di tutti quelli che ti stanno prendendo in giro qui NESSUNO è di MTL, anzi, prendono in giro te E ANCHE MTL. risparmia il fiato.

  82. Marco Caco

    Possati, di tutti quelli che ti stanno prendendo in giro qui NESSUNO è di MTL, anzi, prendono in giro te E ANCHE MTL. risparmia il fiato.

  83. hobo

    @marco caco

    possati semplicemente non capisce cosa gli sta succedendo intorno, non ha coordinate.

  84. dimaco il discolo

    ma giurastante ga le carte per portar la mimetica?

  85. Pier Alberto Possati

    Visto che sono ” ignorante ” e sono ” sempre preso in giro ” , mi spiegate che cosa vuol dire che non ho coordinate ?
    Ad esempio , una volta funzionava benissimo la promozione turistica per Triete ; ora a parte la Barcolana , nulla di nulla .

  86. hobo

    possati, vuol dire che lei non ha la piu’ pallida idea di quali siano le posizioni che si stanno confrontando/scontrando oggi in citta’. vuol dire che non riesce a orientarsi un un dibattito di cui le sfuggono i termini e i contenuti.

  87. Marco Caco

    Sicuramente sarà perché non c’è più amor di patria. Che tempi!

  88. Pier Alberto Possati

    Vuol dire che il giornale ” Il Piccolo ” (chiedo conferma) , che leggo via internet , non riece più a catalizzare gli umori della città. Così anche amici , alcuni anche ex Parlamentari , con i quali ogni tanto mi collego con mail o linkedin . Certamente so che si stanno scontrando le posizioni del Sindaco e del Presidente della Provincia con la popolazione triestina , perchè risultano molto indietro nell’indice di gradimento .
    Non può bastare tutto questo : mi sembra molto strano .
    La situazione turistica ed aziendale la conosco perfettamente perchè ho lavorato fino ad un anno fa nei 2 settori ( master in mktg aziendale e mktg in master turistico ).
    Forse avete uno spaccato di vita e di stile e di problematiche locali forse ristretto ; allargate , vi suggerisco , il vostro target, anche oltre l’altopiano carsico , andando da Duino fino a Muggia .
    Il problema degli anziani o meglio terza età lo conosco perfettamente : è vero che cerchi ” baucchi ” della terza età si fanno sposare da moldave , croate , albanesi , romene , ecc. che vogliono acquisire la nazionalità Italiana ?
    Inoltre , pur essendo a Statuto Speciale , la vs. Serracchiani investe solo in Friuli , fregandose completamente del ricupero già tante volte promesso , della zona industriale o della conversione , è cosa ormai risaputa .
    Potrei continuare , sotto questo aspetto mi sento ferratissimo , per cui le mie coordinate sono ” molto dentro ” ai problemi di Trieste . Come solito , sono all’opposto le mie soluzioni dalle vostre .

  89. Pier Alberto Possati

    il mio commento 93 ?

  90. hobo

    ma “vostre” di chi? ma di chi, di cosa sta parlando, possati? ma si rende conto che sta sparando cose casaccio? e soprattutto: si rende conto che il post che sta commentando parla di un sorvolo a bassa quota, delle interpretazioni paranoidi che ne ha dato MTL, e di quelle altrettanto paranoidi che ne ha dato la destra nazionalpatriottica?

  91. Pier Alberto Possati

    Aspetto commento punto 93 .
    Anche qui sparo cose a casaccio ?
    Mi sa che quando non si hanno argomenti da controbattere …
    Guardi che ho anche una Laurea in Scienze Politiche ( 110/110 ) ed ho fatto un esame proprio su questi argomenti . ” Sviamento dai temi proposti ” .

  92. Pier Alberto Possati

    Aspetto commento punto 93 .
    Anche qui sparo cose a casaccio ?
    Mi sa che quando non si hanno argomenti da controbattere …
    Guardi che ho anche una Laurea in Scienze Politiche ( 110/110 ) ed ho fatto un esame proprio su questi argomenti : ” Sviamento dai temi proposti ” .

  93. Fiora

    ma una domanda ecumenica ai commentatori mi me premi de farla:
    chi ha paura del MTL?
    perché xè tale l’impegno che riscontro a individuar genesi,collegamenti,analogie che me vien el dubio che el rambo de noantri& band gabi davvero un peso e un futuro più consistente de “Liste” e meloni bonanime.
    E sì che parlando in giro la risposta più frequente che sento in merito xè ” no seguo…te prego, ‘ndemo dei!”
    qua inveze…magari teorizzar in un blog xè un’attività più che rispettabile.

  94. hobo

    possati, il tema proposto sono i sorvoli delle frecce tricolori. per curiosita’, e’ lei questo?

    http://it.linkedin.com/pub/pier-alberto-possati/60/b80/890

  95. Pier Alberto Possati

    Certo che sono io e vada a vedere il mio c.v. ,
    non ho detto nessuna ” Balla ” , sia per la Laurea , sia per i master .
    Se vuole velocizzare la ricerca , non ho nulla da nascondere , vada su Pier Alberto Possati- comunicazione.Io non mi celo sotto pseudonimo .
    Lo sviamento dall’argomento base lo avete fatto in tanti , per cui mi sono inserito dopo su questi argomenti .
    Ora ho finito !

  96. hobo

    sviamento dell’argomento base?????

    va ben, va ben, comunque ha finito. sayonara.

  97. ufo

    @76 2004? L’anno in cui notoriamente i patriottardi di turno hanno buttato al vento conque milioni per tapezzare la città di bandiere… ungheresi??? Non dirmi che della clamorosa topica ci siamo accorti tutti meno che te?

    Adorabile (per la tenerezza che fa) la battuta :”non ammainando il tricolore , altrimenti le bandiere rosse vi invaderanno nuovamente , come sta succedendo“. Un altro che rimpiange la Liberazione…

  98. Pier Alberto Possati

    Fuori tema costretto da 102
    Poverino , da venerdì a domenica di quel fine settimana 2004 era a letto con 30 gocce di Frontal perchè era molto nervoso e 10 compresse di Aspirina perchè aveva la febbre
    oltre 41 gradi e sognava e delirava e vedeva bandiere ungheresi e 300.000 cappelli di
    Alpenjàger dappertutto , mentre a Umago, Abbazia , Capodistria pernottavano solo là
    15.000 alpini e loro familiari ( da il Messaggero Veneto della domenica ). Trieste nel sogno era vuota e nessuno gridava W l’Italia e grazie Alpini al loro passaggio .

  99. Pier Alberto Possati

    sono in attesa del commento 103

  100. Pier Alberto Possati

    Quel sito non lo prendo nemmeno in considerazione : 50 bastian contrari e 300.000
    ad applaudirci lungo le transenne , io ero in sfilata domenica quel giorno !
    E l’accoglienza è stata stupenda : grazie Trieste :
    E dico tutte , ma tutte le finestre lungo il percorso erano imbandierate .
    Io , che ero sfilando nella prima fila lunghe le transenne di ben 4 Km ho ricevuto tanti baci ed abbracci dalle ” mule ” .
    Rodetevi pure il fegato ed arrampicatevi sulle quisquilie , ci sono anche centinaia di foto ed un video che conservo con gelosia
    a testimoniare il tutto .
    Siete squallidi a perorare il contrario .
    Arrendetevi alla verità storica !
    Questa volta state cadendo proprio in basso, direi in uno dei burroni delle foibe .
    E siccome sono anche incazzato questa volta vi dico : vergognatevi !

  101. hobo

    da’ i numeri, possati? la storia dei tricolori sbagliati era sui giornali.

  102. El baziloto

    Sbalordisco e sghignazzo alla lettura del # 102.

    Secondo ufo, l’ANA avrebbe speso 5 milioni di Euro in bandiere, per l’adunata nazionale.

    All’ingrosso si acquistano a meno di un Euro l’una, per cui quel giorno a Trst ci furono almeno 5 milioni di bandiere!

    Adesso informo il Guinnes dei Primati. Gli dico di citofonare “ufo”.

  103. Marco Caco

    Sono in attesa del commento 206 di Possati.

  104. John Remada

    Ufo vuol sviare le indagini di Ed Straker….altro non può fare.

  105. ufo

    Ciao Gigi. Leggi meglio, non ho scritto che sono stati gli Alpini a tirare fuori i soldi (figurarsi).

    Citazioni testuali:
    Soprattutto i silenzi e le omissioni. Specialmente a Trieste, dove la gestione della ricorrenza – con i suoi cinque milioni di euro – è stata delegata al vicesindaco Paris Lippi di Alleanza Nazionale, con dietro un partito che ci teneva da morire.
    il Tricolore usato alla carlona, appeso al contrario, confuso col vessillo ungherese che ha strisce orizzontali (ne sono stati comprati interi stock), stinto e sbrindellato dopo mesi di sovraesposizione alle intemperie, lasciato fuori di notte sui pennoni. Senza l’ atto dovuto dell’ ammainabandiera.
    Paolo Rumiz su Repubblica, 24 ottobre 2004

    All’ammainabandiera, suppongo, è stato fatto fare ‘un passo indietro’ per paura delle bandiere rosse…

    @110 li guardavi anche tu ? 🙂

  106. John Remada

    @111 Se li trovo su You T.li guardo ancora oggi!

  107. El baziloto

    Strabum! Stravolta Rumiz ha pisciato fuori dal boccale, e comunque sia tu hai capito quel che volevi capire.

    Tu hai scritto che sono stati spesi 5 milioni di Euro in bandiere. Ma ovviamente questa è una cazzata. Basta che tu ti faccia due conti della serva per capirlo.

    Premettiamo intanto che le città in genere si leccano i baffi a sapere che sono candidate dell’adunata nazionale degli alpini, visto che il giro d’affari della kermesse è stimato fra i 50 e gli 80 milioni di Euro.

    Dopo di che, gli alpini garantiscono praticamente tutto il garantibile in termini organizzativi e quant’altro. Per dirne una: esiste una task force totalmente interna all’Associazione (di cui – fra l’altro – faccio parte dagli anni ’80 in quanto alpino in congedo) costituita da volontari, che si occupa della pulizia della città il giorno dopo.

    I finanziamenti pubblici sono una goccia nel mare: per la prossima di Pordenone la Regione FVG mette 800.000 Euro, la provincia 150.000, il comune niente. Quindi il totale finanziamenti pubblici è di 950.000 Euro, ma l’adunata costa circa 3 milioni. Il resto da dove viene allora? Da sponsor privati, quasi sempre tirati fuori dagli alpini stessi.

    Le bandiere ungheresi citate da Rumiz sono parto della sua fervidissima immaginazione. Per meglio dire: fra le migliaia di bandiere che si vedevano in città, ce ne saranno di certo state alcune appese ai balconi nella sequenza (dall’alto) rosso-bianco-verde. Ma posso testimoniarti direttamente che io non ne ho vista nemmeno una, e se l’ho vista francamente non me la ricordo.

    Se non mi si crede, basta digitare “adunata alpini Trieste” in Google e guardare immagini che vi si trovano.

    Ogni tanto anche Rumiz deve guadagnarsi la pagnotta sbrodolando qualche puttanata, da te alacremente infiocchettata, stravolta e ripresentata come se fosse chissà quale leccornia.

  108. Pier Alberto Possato

    Grazie-113 , tutto perfettamente esatto .
    Forse un ‘ aggiunta . L’Ente Fiera e la Camera di Commercio di Pordenone stanno decidendo se dare un contributo ; nel frattempo hanno dato omaggio a disposizione tutti i padiglioni della Fiera , pure tanti agricoltori le loro rimesse .

  109. Pier Alberto Possati

    refuso
    Pier Alberto Possati – Truppe Alpine classe 45

  110. Pier Alberto Possati

    Grazie 113 – tutto esatto

  111. sfsn

    @ Lojze:
    “Me go sempre domandà l’utilità dei trapezisti dei circhi. No rivo a capirla. E i clanfadori? Volemo intavolar un discorso sui clanfadori?”

    Volentieri: clanfadori e trapezisti no servi niente. Però no i se fa pagar dai contribuenti. Se i rambo tricolori li pagassi i loro fans, tipo ti, no gavessi gnente de dir. Però credo che no salterìa fora gnanche la benzina per portar i aerei fora del hangar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *