23 Dicembre 2013

Trieste-Kotor in bici atto otavo: el giorno dela carnaza

In Bosnia, la dieta xe un poco l’insieme complementare dela dieta vegetariana. Carnaza, carnaza, carnaza. Qualche verdura xe concessa, giusto per acompagnar la carnaza però. I vegani xe confinai in speciali riserve, dove i ghe porta pljeskavice travestide de melanzane. Ogi, nel vortice dei eventi, se lasseremo un poco tropo trasportar del’entusiasmo per la carnaza. Eco come xe andada:
Ore 8. Dopo tante colazioni fate de furia cole robe ciolte in supermarket, finalmente rivemo a incominciar la giornada ala bosniaca. Magnando apunto carnaza. E ovi. E un tochetin de salutismo: spremuta de naranza.
A proposito de salutismo: farse Trieste-Kotor in bici, pedalando per cento chilometri ogni giorno, dovessi esser una roba che ne trasforma in veri omini col fisicon. Robe che co tornemo dovessimo gaver i muscoli de aciaio, oltre che el cul. E invece Guy ne fa notar che i nostri adominali no xe cussì segnai. Semo dele tartarughe senza tartaruga. Anzi, secondo lui gavemo adiritura messo su panza. Ma come xe possibile? No femo altro che pedalar! Decretemo che la colpa xe dele trope pausete radler. Basta. De ogi, se prometemo, no faremo più pausete radler. Dei, no podemo tornar a Trieste più s’gionfi de prima, dopo la gente podessi pensar che se semo fermai tuto el tempo a Trojane a magnar krapfen e semo andai zo col tren.
Ore 11. Lungo la strada compari un bareto. Muli, la promessa iera una monada, se ciolemo una radler? E i buoni propositi finissi nel dimenticatoio.
Del’altra parte dela strada, al semaforo notemo l’otimo senso civico dei cani bosniaci. Xe rosso per i pedoni. Un can xe tranquilamente sentà, che speta. Riva el verde. El can se alza e passa. Vedendo come i auti bosniaci reagissi ala presenza dei randagi sula strada, overo no gavendoli assolutamente pel cul, diria che el se ga imparà a spetar el verde per istinto de sopravivenza.
Ogi el sol no ne acompagna. Xe nuvoloso, e se pedala senza el solito caldo asfissiante. Intorno de noi, la gente sembra esser in sintonia col tempo. Vedemo tanta tristeza mista a povertà, colori grigi, segni dela guera ancora ben evidenti. Un vecio, le man drio la schena, xe fermo ala fermata de una coriera. Saludemo, ma no el ne rispondi, el se limita a vardarne. Poco dopo, passemo a fianco a dei bambini. Lori invece ne saluda. Simulando una mitragliada verso de noi. Ben dei. Per la prima volta compari anche l’inquietante cartel che segnala la presenza de mine. Andar oltre a zogar int’el bosco no xe propio el caso.
Pedalemo in salita. Ogi riveremo nel punto più alto del viagio, a quota 1100 metri. Gavemo adiritura fredo, le maiete no basta più, dovemo coverzerse.

Ore 14. Rivemo in un rifugio e decidemo de fermarse per magnar i nostri panini. Xe i tavoli, ogi se pranza comodi. El paron xe ‘ssai cocolo. El ne porta le radler, el se la ridi, el ghe ruba el cascheto a Mauro. El ne disi che se volemo el ga dele bonissime sarme. Volemo. Perchè rinunciar ala carnaza? Semo in Bosnia, no? I panini torna int’el zaino.
Intanto, una giovane copia de sposi se sta fazendo le foto. Più in là, el paron ne mostra tuto el suo alevamento de bestiuze. Caprioli, cavre, galine, dindi. E gati. Quei no manca mai.

Italo li varda, nela posa classica, come un vecio vardassi un cantier. I sta bagolando tra i legni e la rede. I gati fa sempre qualcossa de interessante. Co no i dormi, se intendi. I bagola, i esplora, i zerca. No se sa coss’che i zerchi. Probabilmente no sa gnanche lori. L’importante xe zercar. La curiosità xe felina. I ga sta mission, zercar. Indiferente cossa, a quel se pensa dopo. E cussì ogni giorno diventa una picia aventura.
Ore 17. El viagio prosegui, ma xe ora de marenda. Se fermemo in un bareto bastanza imbusà, un de quei posti de camionisti, che infati no manca. Semo quasi rivai ala nostra meta odierna. “Muli, magnemo giusto mezo panineto de Nutela”. Sarà le solite, ultime parole famose. Riva la cameriera. Femo per ordinar una radler, ma quei del tavolo vicin xe contrariai. Sarajevsko, i ne sugerissi. Sarajevsko sia, ne par giusto. Ema ga un rigurgito de coscienza panzerecia. El rinuncia ala bira e el se ciol un suco. La mula lo varda mal. Suco? Te sta mal? Te son sicuro? Ema no mola. La mula va via fazendo de no cola testa. Notemo intanto che i vicini sta magnando una pljeskavica. Int’el pan. Altro che coto in crosta, pleskavica int’el pan. La tentazion xe forte, cederghe xe inevitalbile. Muli, gavè visto? I magna pljeskavica a sta ora. Dei. Dovemo magnar anche noi. Xe per empatizar, propio. Per entrar ancora de più in sintonia cola Bosnia. Sì ma xe le zinque. No xe che dopo no cenemo? Ma te scherzi! Dopo cenemo, come al solito! Bon, alora se pol far. Pljeskavica int’el pan sia. Torna la mula. Ghe ordinemo. Ogni volta che la passa, la me careza i cavei a mi, la ghe soridi a Italo e la ghe fa un massagio sule spale a Guy. Ema invece ormai lo ga ciapà de mira per la bira mancada. Ah, no te vol gnanche la pljeskavica? Giusto, ti te ga el tuo panineto de Nutela. E la se la ridi.
Italo, de bon sperimentator del mondo Pez, decidi che xe ora de far el passo definitivo. Pez e Cocacola no gaveva funzionà. Pez e Sarajevsko devi per forza esser la risposta. El buta un pirolozo int’ela bira. Funziona. La schiuma incomincia a salir. Prima che la vadi fora, el taca a beversela. Muli, xe salada. Zerchemo tuti. Xe vero, xe salada. Fa bastanza schifo, in efeti. Italo se senti in dover de difender la sua creatura. Dei, disseta un casin!
Ore 20. Semo a Jablanica, semo rivai. No ne resta che zenar, e anche per ogi saremo a posto. Cossa ciolemo? Buta un cuc al menù. Savè cossa, per cambiar, stasera go propio voia de carnaza. Giusto, semo in Bosnia, coss’te vol magnar? Daghe. Se incoconemo. No contenti, ordinemo anche le palacinke ala fine. De Nutela però, no de carnaza. Ulmi come ovi, rodolemo verso casa. E là capimo che forsi Guy gaveva ragion. Stemo metendo su panza. Forsi la carnaza no xe proprio la dieta più indicada per el ciclista. No sicuro se magnada a colazion, pranzo, marenda e zena.
Distirà int’el leto, sento che la carnaza reclama el suo spazio int’el stomigo. No rivo trovar una posizion comoda. Peta che provo sul fianco destro. Dolor, la carnaza sburta. Provemo sul fianco sinistra. Idem. Panza in zo no xe propio el caso. Panza in su. Sì cussì par che vadi un poco meo. Ma el dolor persisti. El stomigo se ribela. No ghe xe spazio per tuti. Sento che là dentro ghe xe una guera in corso. Una bataglia legale. Ala fine vinzi i protezionisti. La carnaza ciapa el decreto imediato de espulsione. Sarà l’inizio de due noti e due giorni de soferenze.

Tag: , , .

3 commenti a Trieste-Kotor in bici atto otavo: el giorno dela carnaza

  1. Avatar Fiora

    mah! qua xè i abinamenti col missiamento del bever che me par dirompenti…de carnaza no xè mai bastanza. Te parla una total addict, in barba a tuti i terorismi ma pur sempre col dovù rimorso per le crature sacrificade ala ingordisia umana…
    PECA’! pecà che le resipiscenze me salta sempre fora dopo tipo lagrime de cocodril!

  2. Avatar Povero Illuso

    Bevete radler?mah,gusti so gusti

  3. Avatar Cionn

    La mula te acarezava i cavei ? Dopo che ti li gavevi sudai e stropiciai in tel cascheto tuto el giorno ? Ah cossa no se fa per vender 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.