19 Dicembre 2013

I manifesti di Giulio e la prova dell’inesistenza di Babbo Natale

Il 6 dicembre il Monon Behavior Research Deparment aveva scientificamente dimostrato che a Trieste i regali li porta San Nicolò e non Babbo Natale, ipotizzando che quest’ultimo fosse un dipendente del primo che no gaveva voia de far tropa fadiga. Si ipotizzava anche la friulanità di Babbo Natale, vista la sua estrema efficienza.
Ora i manifesti di Giulio sembrano addirittura portare il tutto all’estremo, facendo balenare l’idea che Babbo Natale non esista. Ecco la dimostrazione.
Qualche settimana fa era uscito questo:

Babbo Natale aveva dunque una missione ben precisa: svegliare sindaco e regione.
Bon, adesso è venuto fuori questo:

Ma sindaco e regione ancora xe là che dormi??? Ciò come xe??? In due setimane che el gaveva per sveiarli, Babbo Natale no ga fato un zocca, ecolo! Altro che eficiente! Malon! Cossa el gaveva de far? Manca una setimana a Nadal, miga el gaveva de portar regali in giro, ndemo dei! Una roba Giulio ghe gaveva domandà, e el mato panzon gnanca pel cool! Ma dei!
Da ciò si deduce che Babbo Natale non esiste. E da ciò consegue anche la prima parte del manifesto, cioè che a Trieste non arrivano regali a Natale e Capodanno. Infatti, i regali non arrivano con Babbo Natale (che no esisti, gavemo dito), ma con San Nicolò, quindi ben prima di Natale.
Cvd.
Bene, adesso dunque finalmente Giulio si rivolge a chi di dovere. Non a Babbo Natale (che no esisti), non a San Nicolò (che ormai xe passà e sicuro no ga voia de far straordinari, essendo triestin), non al cammello Giulio (che xe morto (RIP), non al cunicio Giulio (che xe bidimensionale quindi no riva far ‘ssai), ma al fido Can de Trieste (che come se pol veder, abaia note color teran 🙂 ). E se no fa un zocca gnanca lui? Giulio ghe manderà una cartolina de protesta al mulo Trevisan 😉
Concluderia con un stacheto musicale, come i veri, con la version del can de Trieste dele Babettes.

P.S. C’è anche una corrente eretica di pensiero che pensa che Babbo Natale esista e che semplicemente non abbia espresso il desiderio di Giulio, ma gli abbia invece portato carbone.

Tag: , , .

18 commenti a I manifesti di Giulio e la prova dell’inesistenza di Babbo Natale

  1. Avatar stefanots

    rivoltante( no l’articolo) ma giulio .senza vergogna.

  2. Avatar ufo

    Me par fin tropo facile constatar che el carbon al zovinoto no ghe lo porta san Nicolò, ma quel altro pupazoto merican che lavora per Disney: perché san Nicolò ghe porta regli ai triestini, mentre che el tizio, furia de frequentar brute companie a Roma, de fato xe diventà foresto.

    Facile ugual constatar che el se ga desmentigà de un altro ente che gavessi podù far tanto, e inveze unica tracia de vita che lasserà xè un grande trespolo in molo quarto. Una gru nova per el porto? No, un babau de sete metri in onor de un vanzume del regime.

  3. Avatar Fiora

    intrigante come sempre il messaggio del senatore… me intriga ( ma nell’acezion “disturba”)la piattezza e banalità assolute dei sui proclami alla citadinaza, conotadi de appelli a figure universali come Babbo Natale e specificamente domace come la riuscida creatura de Lelio Luttazzi.
    Cossanol ga ga qualche adeto al morbin che ghe confezioni esternazioni più sgaie?
    ..a piè de monade compagne el se firma, anche! 🙁

  4. Avatar giorgio (no events)

    Anche a me sembrano di una banalità infantile. Ma veramente l’autore considera così ingenui i triestini?
    Inoltre, dopo aver dimenticato, con colpa grave, San Nicolò per Babbo Natale, cerca di rimediare richiamando il cane alcolizzato di Luttazzi per rifarsi l’origine “patoca”.

  5. Avatar ufo

    Ma veramente l’autore considera così ingenui i triestini“? No solo la risposta xe un evidente sì, ma su sta roba devo dichiararme dacordo in piena con lu.

    La carega in parlamento no ghe xe rivada portada de san Nicolò e nianca su una slita trainada de renne, xe sta quei pirla de triestini a votarghela, anca dopo venti ani che la ga usada solo che per farse i comodi sui. Fra diese ani, col va in pension, el farà manifesti compagni, solo che su ghe scriverà grazie mone (desso votè mio fradel).

    Quanto al dormir… notizia de sti giorni che a Roma el ministero del agricoltura gaveva pronti finanziamenti per la viticoltura in Carso, come che gaveva promeso nel acordo per el Proseco DOC – bastava che la region scrivesi una richiesta. Vara ti: in tuti sti ani ala giunta Tondo (e a su fradel che la apogiava) no ghe xe mai pasà per la mente de chieder i soldi che iera là pronti in atesa.

  6. Avatar Fiora

    @5 “bastava che la region scrivessi una richiesta”
    Quindi cornuti e pure mazziati da questi manifesti sfottò ,dai!

  7. Avatar Prooot

    Capilo, giulieto xe impegna a difender la mona_ssi. La stessa che xe esente dagli attacchi della giura’s band…. Sarà un caso?

  8. Avatar Fulvio Rogantin

    In realtà no xe andà cusì.
    Babbo Natale iera intenzionà a venir, ma al confin de Duin ghe xe sta un aguato e i lo ga rapì. Per no insospetir Giulio i ga travestì el coso metendoghe la barba, che el fisico lo ga.
    Solo dopo do settimane Giulio se ga accorto che no i era el vero babbo natale perché el ghe ga dito “AUGUVI”

  9. Avatar giorgio (no events)

    @Fulvio: ipotesi interessante, ma chi gà rapì Babbo Natale: xe stà le brigate de San Nicolò? Opur propio el Coso o magari la befana del porto?

  10. Avatar Fiora

    @9
    “la befana del porto” 😀 😀 😀
    ben petada Jure!

  11. Avatar Fiora

    mi no vojo sufiàr sul fogo,ma mi core l’obligo di riferire un ruspante comento testè udito ‘vanti un manifesto grifato “Giulio”
    Virgolete : ciò, ma cossa vol sto mona? chiuse le virgolete.

  12. Avatar giorgio (no events)

    dallo spunto di Fulvio:

    Cò el gà sentì che i lo ciama de Trieste, Babonatale no stava nela flaìda: finalmente ghe gavessi fato le scarpe a quel grego de Sanicolò che, de ani-anorum, gavèva l’apalto dei regali ai muleti de quei loghi.
    Ma cò’l riva a Duin, salta fora un calandron in tuta mimetica e con un’alabarda in man che bloca la slita (con le riodele, ché no iera jazo) e ghe dimanda la carta d’identità.
    Babonatale resta interdeto: – Orpo! – el pensa – No i gavèva zà lori, le carte? Ma quala ghe presento? Quela dela Propatria o quela del Tieleti, che gà più de sessanta ani e ormai xe onta e bisonta? Bona che i gà dito che a Trieste tuti dormi, cossa sucedeva se i iera svei?
    Mentre el zerca in portafoglio, tra le carte identità de tuto el mondo, quela de mostrarghe al finanzier con l’alabarda, riva zò del Hermada un, vestì de rosso, compagno de Babonatale, con barba e tuto, zigando: – I vegali li povta San Nicolò, gà scvito anche Manna! -.
    Babonatale de rimando: – Intanto, caro Sanicolò, essendo ti, pretamente grego e essendo i greghi sul’orlo del defòlt, te gaverà el saco svodo, come le tue scarsèle. E secundis, desso che te guardo ben, me par proprio che te son un de quei indormenzoni che gò de sveiar. Alòra: o te torni a dormir a Medeazza, o te ghe disi al finanzier alabardato che me lassi passar -.
    Ma el San Nicolò de Medeazza no gavèva mai avù a che far col finanzier, e cussì i xe restai là tuti tre impalai come i lupi de Toscana.
    Quando, al quartier general nel Camper, i gà savù che Babonatale iera stà fermà a Duino da un sonambulo e un finanzier, i xe andai fora de testa: – Mai fidarse dei taliani, e desso chi ciamèmo? –
    Quel che i doveva sveiar se gavèva vestì de Sanicolò, Babonatale iera fermo a Duino che zercava le carte e la Befana iera de casa a Roma, gavessi costà ‘ssai ciamarla su e ormai iera tardi. E cussì i ghe gà dito al fradel picio de zercar qualchedun, cocolo, che sii patoco fin dal 1947, magari anche di padre e madre che cussì sèmo a posto con quei dele carte.
    El fradel picio xe tornà el giorno dopo, disendo che ben che mai, el xe triestin patoco DOC & IGP, cocolo, e cò’l verzi boca el sveia tuti quei che dormi in Piazza Unità, solo che xe… un can.
    Un can? Quando mai i cani gà portà i regali? Ma no fa gnente, el triestin vero credi anche a monade più grandi. Solo che no xe bèl mandar un can per città a baiar de matina bonora: imbriaghèlo che cussì no’l patissi.

  13. Avatar Fiora

    @Giorgio (n.e.)
    😀
    A ti el te doveva afidar un’eficace campagna publicitaria, GIULIO!

  14. Avatar Guido Ruzzier

    Dio che brivido! La putela sula destra guardandole xe compagna spudada de Jole Silvani co’ la vedevo al Filodramatico, durante e subito dopo la guera. Me son commosso!
    Buon Nadal, fioi!

  15. Avatar Guido Ruzzier

    Dio che brivido! La putela che se vedi sula destra xe compagna spudada de Jole Silvani come che la vedevo al Filodramatico, co’ iera la guera. Me son comosso!
    Bon Nadal e Bon Principizio, fioi!

  16. Avatar Guido Ruzzier

    Scuseme se me son squasi ripetù: no vedo ‘ssai ben, e i diti i fa un poco quel che i vol.

  17. Avatar Fiora

    Capodanno xè alle porte ,ma son ancora in tempo per l’ultimo apunto, prima ch’el proclama senatorio diventi vintage.
    Ah! no xè più i proclami de una volta…volè meter la criptica pregnanza del inobliabile VENTITRE A DUE ?!
    qua bisogna che i meti al lavor menti fresche, no ‘ncora contaminade dal giogo sporco , sopratuto animade de sensi de gratitudine disinteresada tali che ghe ispiri alate parolee ben al de sora de partiti testè smembrai. E no importa se xè aporti foresti.
    Oramai se la befana vien de Roma, el novo publicitario pol benissimo ispirar de Arcore.
    Come chi?! DUDU’, natural!

  18. Avatar Fiora

    Dudù vs el can e Trieste…TITANICO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.