17 Dicembre 2013

La vera origine del Volentieri

Eh bon. Per festegiar el secondo posto de Polska… rivemo! (el regalo de Nadal più bel del mondo!) al Premio Letterario Nazionale dei dialeti, gavemo deciso de publicar online un’ultima maldobria del libro. La storia de dove che vien fora el modo de dir tipicamente triestin “Volentieri”. Xe una storia assai antica, de principi, babe, geni dela lampada, cavai bianchi e botegheri…
P.s. Polska… rivemo! lo trovè nele librerie più bobe de Trieste e Bisiacaria 😉

L’ORIGINE DEL VOLENTIERI
Testo di Diego Manna, pupolo di Michele Zazzara

– Eh, xe propio vero Ciano, zerte volte i botegheri a Trieste xe ‘ssai poco disponibili…
– Go capì, Ucio, ma se el zorno drio el gaveva de andar in ferie cossa el gaveva de far? Miga el pol far tuto lui. E po’ te ga inteso, iera una roba che se podeva benissimo far de soli, e chi fa da sé fa per tre, se disi.
– Bon, bon, go capì. Però xe anche vero che tante volte i te rispondi mal. Me ricordo presempio una volta che me serviva un quel e alora son andà del conzapignate, se capissi…
– Eh sì, se te serviva un quel, solo che là i podeva gaver…
– No ga importanza. Fato sta che ghe iera una mula, che gnanca no la saveva coss’che iera sto quel che zercavo, e la contrastava che no esisti, che ela no ga mai visto sto quel e che sicuro son insempià mi che son vecio, ma che se voio la me pol dar sto altro che xe istessa roba, anzi, ancora più meo la ga dito.
– Bon, ma se iera più meo no te podevi cior quel’altro?
– Ma mi me serviva el quel, no el quel’altro! E insoma dele some ala fine son andà baul e tornà casson.
– Senza el quel.
– Senza el quel, esato. La me ga dito de provar in Friul, che forsi lori ga, solito po’.
– Ah, ma chi ga voia de bazilar de andar fin in Friul, dei. Mi comunque me ricordo che una volta anca mi gavevo bisogno de un quel, e iero andà in botega per ciorlo. E ghe go domandà se i gaveva. E i me ga dito che in botega no i gaveva perchè no andava ‘ssai, ma che el gavessi podesto vardar in magazin, ma no ogi che iera tardi e sicuro el saria rivado tardi casa e el gaveva de andar a vardar la partida sul primo canal. Che torno tra una stimana el me ga dito, che sicuro el sarà passà in magazin, e che se no el gaverà trovà gnanca là alora che poderemo ordinar.
– E cossa, no el podeva ordinar subito?
– Eh, xe quel che ghe go dito anca mi! Ma el ga dito che cossa mai, che se lui ordina el toco el ghe riva el zorno drio, ma dopo meti che co el va in magazin el trova anca là el quel, alora el ghe resta a lui int’el daur per altri ani anorum. Che speto e che no stio gaver furia, el me ga dito.
– Cussì la xe. Ma ara che una volta no iera cussì. Una volta iera tuti cocoli, disponibili e sempre col soriso. Te conossi la storia de Zenerentola, la mula che gaveva messo su botega a Logatec?
– E chi xe sta qua? No iera la mula de Parenzo quela che ga messo su botega?
– Ma quela xe una canzon, tuto altro. Mi te parlo de Zenerentola de Logatec, una storia de zento e passa ani fa.
– Dei, che sentimo alora, contime.
– Insoma, ghe iera sta putela che se ciamava Zenerentola, come quela dela favola. Ma no la iera bela, anzi, la iera bastanza un folpeto. Però la iera ‘ssai cocola, e la gaveva sta picia botega magnativa a Logatec, indove che la vendeva un poco de tuto.
– Anca bigoli cole luganighe?
– Anca quei, sì. Insoma, tuti ghe voleva ‘ssai ben e andava de ela a ciorse de magnar per via che la iera sempre de bone magnere, e co no la gaveva qualcossa la se prodigava come mata per procurarse, e se qualchidun rivava tardi la tigniva verto anca una o do ore in più, per far contenti tuti, se capissi.
– Ah, brava putela.
– Ecolo. Solo una roba ‘ssai ghe mancava. Per via che la iera brutina, nissun putel la gaveva mai invitada fora, e ela la iera sempre sola. E via via che el tempo passava, la diventava pian pianin ogni zorno più triste.
– Ah, povera putela.
– Una domeniga però, per fartela curta, co che la iera a far un picnic int’un bel prà con altre do mule, le ga trovà per sbaio una grota e drento, ben sconta, ghe iera una lampada de oton, tuta impolverada.
– Eco che riva la monada…
– Che monada? Bon, se no te vol no te conto, nema problema!
– No, no, contime ‘vanti, te scolto.
– Insoma, le trova sta lampada. E ela, che iera la più curiosa, ghe ga da’ subito una bela lustrada, per cavar la polvere. E in quel, come che la la forbissi, no te vien fora el genio?
– Vara, no gavessi mai dito!
– Eh, a quei tempi iera ‘ssai in voga ste lampade.
– Desso no i fa più. Se te le russi un poco le te disi “No tegnimo el genio, la provi in Friul” anca lore.
– Ah ah, bela questa. Bon, ma speta che te conto vanti. Insoma sto genio, un de quei soliti po’, scuro, cole braghe bianche col cavaloto basso, el peto nudo e l’orencin, el ghe fa: “Ciò, mi son el genio dela lampada. Desso se te vol te pol esprimer tre desideri”.
– Eh sì, sempre tre iera.
– Alora Zenerentola, che come te disevo iera una mula ‘ssai de bon cuor, la ghe disi ale altre putele che le podessi esprimer un a testa, visto che le xe in tre anca lore.
– Ah, cocola putela.
– E insoma, la prima la ghe va vizin al genio e la ghe disi int’ela recia: “Mi ‘ssai me piasi el mar, ma qua semo lontani e no go mai podù vederlo de persona. Volessi una barcheta per poderghe andar”.
– E xe comparsa una barcheta?
– No, xe rivada corendo una porcheta, con za el pomo in boca e anca un do rameti de rosmarin.
– Ma come?
– Eh, el genio iera un poco falà. Prova star ti int’una lampada tuto quel tempo, drento una grota poi, che xe zima e umido anca de istà. El iera un poco sordo, coss’te vol far, el gaveva capì “una porcheta de poder magnar”.
– Ostregheta, che fregadura ara. Bon dei, comunque za qualcossa, bisogna saverse anca acontentar un pochetin.
– Giusto come l’oro. Bon, se avicina la seconda putela, che la iera un poco un strafanic’, e la ghe fa, zigandoghe un poco più forte int’ela recia, aciò che sto giro no el se sconfondi: “Mi za son ‘ssai bela, ma quel che volessi desso xe una bela tintarela, una roba alucinante”.
– Ah, la vanità dele babe…
– Za. E insoma, no la fa in tempo a finir, che te vedi che la cori come una mata drio dei fraschi, tuta bianca in muso.
– Ma come bianca? No la doveva abronzarse?
– Eh, ma la iera bianca per via che la stava mal. El mato gaveva capì che la voleva una scagarela fulminante.
– Ciò, ma sto genio no ghe ne intiva una ara. E Zenerentola cossa ga fato? Che sentimo.
– Eh, Zenerentola iera un poco preocupada, che chissà cossa podeva capitarghe a ela, e no la iera ‘ssai convinta de esprimer el desiderio…
– E te credo…
– Ma dopo, coss’te vol, iera un’ocasion che no se gavessi mai più ripetù in vita sua, e ‘lora la se ga avicinà ala recia del genio e la ghe ga zigà, più forte che la podeva, quel che tanto ghe mancava.
– Cossa ghe mancava?
– Ma se te go dito prima che la iera triste perchè nissun la voleva! E cussì la ghe ga dito: “Tanto desiderassi sposarme con un bel principe azuro, come quei dele fiabe, bel e bon.”
– E cossa xe vegnù fora?
– Xe rivà su un caval bianco un ‘ssai bel putel, el xe smontà, el ghe xe andà vizin e…
– E la ga basada?
– No, ghe ga subito tirà un do piade pe’l de drio.
– Ma come? Cossa ghe ga ciapà a sto lole?
– El genio gaveva capì “un bel principe buzuro, che me tiri un do piade, un castron”.
– Me par ben dei. E come finissi? Vissero felici e contenti?
– Speta speta! No xe miga finida qua! E insoma ala fine ghe ga tocà tegnirse sto omo, ‘ssai grembano con tuti e tute. I se ga sposà de sconton, per via che lui no voleva gaver nissun fra le bale, solo lori e el prete, e anca a quel el ghe rispondeva malamente, che el se movi, e che cossa ocori tute ste moine e ste lagnanze de basabanchi, e che cossa xe sta storia dei anei, e che cossa basar la sposa, che la basi lui se propio el voleva quela bruta marantiga…
– Cussì el ghe diseva?
– Cussì sì, davanti de ela propio. Mai una bela parola no el ghe ga dito, mai un complimento o una careza, povera putela.
– Bon, ma le persone cambia. La sarà rivada a farlo diventar un poco più cocolo no col tempo? Xe come quela storia dela bisbetica domacia, quela baba ‘ssai cativa, e del’omo che la fa diventar più bona serandola a ciave in camera per un pochi de zorni senza magnar…
– Go presente, go presente, e difati anca sto giro dopo un pochi de mesi le robe ga cambià. Solo che inveze de cambiar lui in meo, pian pianin xe cambiada ela in pezo, a furia de sentirse dir de tuto ogni zorno. E cussì la xe diventada sempre più ranzidina, fin tanto che no la ga scominzià anca a risponderghe mal ale persone int’ela botega magnativa, co che i ghe domandava qualcossa. “E cossa, mi go de saver quai che xe i dolci che ghe piasi a lei? Se no la sa lei!”, “Ah, quel qua no go mai gavù, nissun ga mai comprà e sicuro no ciogo solo che per lei”, “Ah, quel saria de andar a cior a Postumia, ma la pol andar benissimo lei e za che la xe la me porti un do anca per mi”, “Ah, quel che xe, xe là. Se no la trova, no ga senso che vegno mi zercar, vol dir che no xe”, “Ah, quel xe fora produzion de una vita. No go miga colpa mi se lei la xe vecio”, “Xe roto? Ma sicuro che la lo ga ciolto qua? Ah, per mi la lo ga roto lei”, “La vardi che fra vinti minuti go de andar casa, la se daghi una mossa che fra zinque sero la cassa”, “Ancora là la xe?”, “Sì amore, tra un poco rivo, apena che sti ultimi do mone va casa”. Fintanto che no i ga scominzià tuti a ciamarla Zenebrontola.
– Per via che la brontolava sempre?
– Per via che ormai la iera diventada una marantiga numero uno.
– Ostregheta che bela copia ara! El masgaibero e la marantiga. Zenebrontola e el principe buzuro.
– Propio quei. E se capissi, più che passava el tempo più i vigniva isolai dei altri, perchè nissun gaveva tanta voia de farse mandar a remengo ogni volta che i andava a trovarli. Alora i ga scominzià a sentirse un poco soli, e ghe ga ciapà la tristeza.
– Eh, a nissun ghe piasi esser solo, anca se te ga un bruto caratere.
– E alora cossa i ga fato? I ga deciso de partir, de serar la botega magnativa, montar sul caval bianco e lassar Logatec, per zercar un altro posto indove andar a viver. I xe passai per Postumia, ma no ghe piaseva a ela, che la gaveva paura de trovar int’ele grote qualche altra lampada con qualche altro genio insempià come el primo. I xe passai per Lipica, ma là i ga dovesto scampar de furia prima che i li onzi de lignade, per via che el caval suo de lori, de note e de sconton, el gaveva trovà un alevamento de cavale e le gaveva ingravidade tute.
– Ah te ga capì, un stalon ciò!
– Eh, iera el caval de un principe po’. Buzuro, ma sempre principe. Tra l’altro, cussì xe nata la stirpe dei cavai lipizzani, se no te sa.
– Ah, te ga ragion, che bei che i xe, tuti bianchi.
– No ga importanza. Bon, ala fine i xe rivai a Trieste. E co i ga visto el mar, ghe se ga verto el cuor. I xe restai fermi là a vardarlo, del carso, e xe passade le ore cussì, fin che no xe rivà el tramonto. El tramonto più bel dela sua vita. E alora el principe buzuro ghe ga ciolto la man a Zenebrontola e la ga basada, per la prima volta. E i se ga inamorà.
– Oh, ma alora te vedi che ghe xe el lieto fine. Ala fine l’amor vinzi sempre.
– Sì, i ga messo su casa a Trieste e vissero felici e contenti.
– Bel, me ga piasso. Ma cossa i ga fato dopo? I ga verto una botega magnativa?
– No, no, i ga verto propio una scola, per impararghe el mestier ai botegheri. La famosa Scola Volentieri.
– Ah. Scominzio a capir tante robe…
– Dei, legemo ‘vanti el libro, vedemo se sti sete lole i se decidi a partir…

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.