16 Dicembre 2013

Trieste-Kotor in bici atto settimo: el kamikaze bosniaco e la leggendaria festa con 200 babe, sto giro per bon

Qua le puntate precedenti

Sveglia. Fine spavada nela spavazia. Giusto el tempo de magnar una palacinka per colazion e semo pronti per partir. Notemo che Guy ga i copertoni consumadi. Forsi xe el caso de comprar novi, prima de sbusar tuto. Provemo veder se i ga in supermercato, ma no i tien, volentieri.
El consumo dei copertoni xe una dele robe che, co te parti in bici, te tien ‘ssai poco in considerazion. Te pensi a come vestirte, al possibile fredo, a meterghe grasso ala cadena, ale camere d’aria se te sbusi, ale borace, al portapachi se xe ben tacà, al campanel, se cior quel che fa din din o la trombeta che fa più scena, e a tante altre robete. Ma i copertoni te li ignori, te li consideri quasi qualcossa de imortale. E inveze, ben presto te se acorgi che no xe cussì. Co te usi la bici solo in cità, xe cussì. Ma in viagio xe diverso. Se te ga quei morbidi, de mountainbike, te vederà come quel de drio diventa sempre più lisso, de giorno in giorno. In fondo se parla de 100 Km quotidiani, no xe pochi. Finchè el sarà completamente piato, e alora te doverà invertirlo con quel davanti. Ma no te gaverà voia, perchè te son triestin. e el resterà là, in atesa de sparir completamente. Mi go risolto sto problema per puro cul del principiante. Ancora ai tempi del viagio a Berlino, quindi ben più de 5000 Km fa, gavevo ciolto quei de strada, lissi, con solo le scanalature boba per la piova. Che po’, se piovi, sbrisso lo stesso, no xe scanalatura che tegni. Fato sta che comunque i xe più duri de quei altri, e i se consuma pochissimo, per cui li go ancora su. Volevo cambiarli prima de sto giro, e infati go passà tuto l’ultimo mese prima de partir a tirar strichini per far la boba, tanto li butavo via. E inveze, visto che son triestin, xe rivà el giorno dela partenza e no gavevo ancora fato gnente. E cussì son partì con quei. E sì, li go ancora su desso, ovio. E tiro ancora strichini per far la boba, tanto li cambierò tra poco. Eh sì, l’importante xe esser convinti.
Procedemo, sul solito lungo solitario asfalto bosniaco. Qua, se te ga de brusar qualcossa, te impizi un fogo sul lato dela strada e po’ bon. Pochi longhi.
Poco prima de Mrkonjic Grad, trovemo un picio lagheto artificale, che a quanto par xe un centro balneare a ingresso gratuito. Gratuito, quanto ne piasi quela parola. Se fermemo un salto, per bever e far el pien de aqua. La tentazion de far el bagno però xe tanta, visto el caldo. Ma dovemo proceder, Guy ne fa notar che, tanto per cambiar, semo indrio. E che se se fermemo chissà a che ora ripartimo, conossendone. Italo ghe tien però. El punta i pie. Dei muli, cossa, le nostre giornate diventerà pedalar e basta? Dei muli. Un minuto. Metè pur el countdown sul’orologio. Una sfida. Daghe. Femo partir el cronometro. Italo e Ema se spoia. I resta in costume. Ma a Italo far el toc’ no ghe basta. In quel minuto el vol far anche opera de proselitismo. Lo assecondo. Coremo verso el trampolin. Xe fila. Muleti. Cossa xe sti muleti ciò, imponite de carisma, ocio che riva el maestro del kamikaze. O del testabalon, come che volè ciamarlo.

Italo performa un kamikaze magistrale. In volo, el movi anche le zatine per perfezionar la traietoria. Se no el fussi mona (dei Italo, scherzo, te voio ben), el podessi quasi sembrar una bomba inteligente. El vien fora. Coremo dei altri. 50 secondi. Movite, vestite! In un minuto el xe pronto. El se vanta: “un minuto. Te ga visto? Come cole babe. E dopo scampo via!”. (Advisory: la citazion podessi esser stada sogeta a censura.)
E via noi.
Andar in bici, veloci e senza pensieri, xe sempre una roba belissima, poco de far. Aparte co piovi. Co te vedi nuvoli che se avicina pian pian, te incominci a preocuparte. La strada diventa scivolosa e pericolosa, te se bagni pertuto, te riva pici cortei de aqua int’ei oci. E tuta la poesia dela bici se trasforma presto in un’ode mosconiana. In bici, la lege xe: never in neverin.
Verso mezogiorno, el vento incomincia a sufiar forte, e riva nuvoli bruti. Ecolo. Semo fortunai, trovemo un ristorantin dove fermarse, zona turistica in piena, un lagheto prima de Jajce. Xe ora de pranzo. Za che ghe semo, podessimo aprofitar e magnar. Ma ne seca tirar fora i panini là. Eh bon ah, toca ordinar pljeskavica, giusto per star legeri. I camerieri ga el solito ritmo bosniaco. Voia saltime dosso. Par quasi che i sia infastididi che ghe sia tanta gente. Ove, per “tanta gente” se intendi tre tavoli ocupai. Li ciamemo. I se varda. Te va ti? No dei, mi son za andà al tavolo 2, va ti. Ma no dei, ciama quel’altro. Un riva. El ne disi che desso riverà quel’altro. Blando. Con calma però, perchè el sta ciacolando de robe de sicura importanza internazionale. Par che li disturbemo anche co ghe domandemo el conto. Bon, ma se xe ‘ssai fadiga podemo anche farselo soli, volendo.
Là fora, Italo fa amicizia con un picio pony. Incrosemo altri ciclisti, che ga partecipà a una gara a Sarajevo. Gemelagio, un ghe regala un bracialeto a Guy.
Ripartimo. E riva la seconda rioda sbusada del viagio. Desso, ve ricordè el principio del matematico Codroipo, per el quale, su diese riode possibili, se sbusa l’unica che no ga el sgancio rapido ma quel checoionico? Eco. El secondo principio de Codroipo disi che el calcolo dela probabilità xe roba per mocolosi. E, unido al primo principio, rendi inevitabile che sia propio Mauro a sbusar, e propio de novo la rioda a sgancio checoionico. Un caso su 100, secondo la disciplina de mocolosi. Sto giro, un lavora, tuti i altri varda el cantier improvisà.
La tapa xe longa e piena de pause radler. Xe anche piena de spunti, de robe che te fa entrar per un atimo nele vite de chi bagola ogni giorno per sti posti. Quela che per ti xe una curiosità, un “Ulo!” o un “Ara!” dito ai altri, per lori xe la loro quotidianità. E tanti Uli te iuta a ricostruir un poco come devi esser viver qua, perchè drio de ogni Ulo ghe xe sicuramente una storia interessante. E se in realtà no la xe, no ga importanza, nel’universo paralelo dei Uli, tuto quel che te se imagini, esisti.

Ulo! Una parabola col smile! Questa ciapa solo che canai cocoli. Ranzid Firewalled.

Ulo! Un canestro bidimensionale! La bala devi esser una specie de frisbi, più piato ancora però. E i muleti che zoga magrissimi. Che tipo se i camina sora un tombin i ghe casca dentro per le feritoie.

Ulo! I tifosi qua se ciama “Support Army”, pacifici dei, blandi. Ogni gol una mitragliada.

Ulo! Un can che bagola, un dei tanti. Chissà se el ga un nome. Più probabile che ghe ne gabi tanti. Per mi lui sarà Fregola. El can sgaio. Frego la fregola, co rivo. Meo Fregola che Cagola, dei.
In pratica, nel’universo dei Uli, la Bosnia xe quel paese in cui i ultras va a bombardarse ale partide de basket in 2D dei muleti che cressi vardando i cartoni de Bum Bum il cagnolino.
Ulmi de Uli, rivemo bastanza copai a Donji Vakuf. El mato del’Hotel ne spara 20 euri a testa. Ne par un poco tropo, zerchemo avanti. Un ristorante ne disi che xe pien. El par svodo in realtà. Forsi no i ga ‘ssai voia. Puntemo el centro, e trovemo un altro Hotel. Domandemo. Ne disi che stanze per 5 no ga. Che xe stanze per tre, quatro massimo. Bon, quindi? Quindi el ne disi la roba più bela che el podeva dirne: muli, se ve dago due stanze, spendè tropo. Femo che ste tuti in una, fracheve un poco, 10 euri a testa colazion compresa e passa la paura. Quando istrianità e bosniacità se incontra, xe vero amor. E le bici? Butele pur là in reception, dei. El ne mostra la stanza. E el ne da la notizia. Quela notizia. Quela del’incipit del’altra puntata. Stasera ghe sarà una festa con sole 200 babe. Sarè i unici muli. Me dispiasi, ma o cussì o pomì.
Parti le ipotesi. Dei, el ne ciol pel cul. No xe possibile. Una festa de 200 babe no se ga mai visto. Forsi ala festa dela donna, ma diria che no la xe in agosto. E po’, cossa le fa in 200 de sole? Una festa soli omini qua xe facile de imaginarse come che pol finir. Un’ecatombe de pljeskavice e birone e dopo zo gara de ruti giurassici. Ma una festa sole babe? Dei, sarà quele robe tipo evento speciale tupperware party. Eh sì, in 200. Castei de tupperware. Ma no dir monade dei. Sarà qualche comizio. Sarà gara de ciacole. Sì, quel, sicuro. Vinzi chi xe più agiornada sul gossip locale. Premio Brivez. Bu. Per mi el ne ciol per cul. Ma no, vara, vien veder, le sta rivando! Ara sì ciò, xe vero. E le xe anche zucade. Ma che giorno xe? Venerdi 9 agosto. Sarà qualche ricorenza nazionale, va saver.
Mi za me la rido. Son sicuro che xe come l’anno scorso a Koszeg, che nel dormitorio studentesco feminile poi iera solo che un do veci che sonava el trombon. Son ‘ssai curioso sto anno de veder come e quando va via le mule e spunta fora i veci, sarà de rider.
Ispezionemo la stanza. Ocio, quel vetro xe roto, stà tento. Muli, la docia xe freda. No dei. Bon, mi no me lavo. Eh, me sa che in tanti i ga pensà cussì, ara che colezion de savoni che xe qua. Sto albergo ga un poco tiro de abandono. In efeti, semo solo noi dentro. La television però funzia. Impizemo e zerchemo la roba più trash che trovemo. Una specie de uomini e donne. Grandi personagi, ne piasi. Bon, speta che carigo el telefono. Te vedi qualche spina libera? Sì, là, se te ghe rivi. Ben dei. Fora dela finestra, continua el corteo a doppio cromosoma X. Ma i muli dove xe? A casa a bever bira? Alcune ga sacheti de scovaze in man. Le passa el ponte sora un fiumisel. E via zo el sacheto, col massimo dela naturaleza. Ben dei, eco perchè la Una iera piena de vetri e xe bastanza scovaze in giro. Pecà.
Riva ora de zena. Ora de afrontar el destino. Andemo zo per le scale. In formazione militare. Ema, va avanti ti. Controla e fa raporto. Via libera? Sì, no xe nissun. Ve go dito mi che el ne cioleva in giro. Ecoci. Dove se sentemo? El salon xe enorme. Le tole xe tute pronte. Ara che la festa no iera un viz, ciò. El camerier ne mostra una tola tuta per noi. In un angolo. No, oltre l’angolo. Quasi fora del local. Isoladissimi. Nela zona più freda. In scuro. Per bon, le luci qua xe spente, e no i ga nissuna intenzion de impizarle. Acomodeve. Rivemo a malapena a leger el menù, che par vecissimo, xe tuto rovinà. Semo confinai in un picio gheto. El gheto dei mas’ci. Me racomando no ste far casin. No steve far notar. Voi no esistè. Ordinemo de magnar e intanto bevemo dele otime bire calde.
La sala incomincia a riempirse. Le riva. Riva el nemico. Stemo sconti, femo come ga dito el mato. No stemo farse veder, paura, pericolo. No le riva a 200. Ma sicuro un centinaio le xe. Tute babe, xe vero. No xe un solo mas’cio. Scaner militare ativato. Report: 90% marantighe. Ocio, xe un campo minato. Spetemo el magnar. El nostro status de ghetizadi se conferma nela tempistica del servizio. Le marantighe intanto canta. Le bala tra de lore. Le ziga. Le xe in strapiena. Aiuto. Muli, imobili. Mimetizemose cole pljeskavice. No, coi cevapcici meo de no, no se sa mai cossa pol vegnirghe in mente. Ou muli, mi go de pissar però. Te scherzi? Ara che el bagno xe del’altra parte del local. Te ga de passar là in mezo. Panico. Me alzo. Muso de tola. No go espressioni, no go emozioni, son una pljeskavica che ga de passar tra Scilla e Cariddi. Zighi a destra. No vardar. Ridade a sinistra. No vardar. Ricordite: pljeskavica. La pljeskavica no varda, la pljeskavica rodola. Merda. Desso me vien in mente che la pljeskavica vien anche magnada. Son cagà. No, speta. Xe marantighe. Le sarà tute sicuro in dieta o robe simili. Le pljeskavice passa indeni. Meno mal che no iero un’insalata o un yoghurt. La pljeskavica rodola in bagno, fa quel che la ga de far, e la rodola de novo int’el gheto dei mas’ci. Salvo.
Scampemo del nostro antro oscuro, femo un giro in cità. Ulo! Ma xe ulmo de babe anche qua. Qua però el scanner disi: 70% nacici. El nostro albergo probabilmente iera el gheto dele marantighe. Insoma ierimo intrapolai in un dopio gheto. Bagolemo un poco assegnando identità e storie ai cani che spava soto i alberi, e tornemo nel nostro bunker noturno, che nel fratempo xe stado liberado. Le marantighe se ga ritirà soto la pressione dele forze aleate, l’ora tarda.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.