12 Dicembre 2013

Trieste-Kotor in bici atto sesto: la leggendaria festa con 200 babe

Sì, gavemo dove farve dormir. Saria stanze de quatro, ma in zinque podè starghe. Ghe xe solo un problema. Stasera qua ghe xe una festa per sole babe, duecento de lore, sarè i unici omini presenti.
Ecolo là. Xe ormai una tradizion. L’anno scorso ierimo finidi, unici muli, nela mitica ala feminile del dormitorio studentesco de Koszeg, in Ungheria. Sto giro semo in un albergo de Donji Vakuf, ridente paese dela Bosnia, a quanto par centro dela movida dela zona. Ma andemo con ordine.
48 ore prima (circa dei, ma fazeva figo, int’ei film i scrivi cussì co i fa i fleschbeck) se sveiemo nela nostra caseta postgrungerock. Xe le 7.30. Semo fieri de noi stessi, xe presto. Ara che per una volta rivemo partir a un’ora decente ciò. El muezin, comunque, gaveva tacà a cantar za al’alba. Sbisigando un poco in giro, trovemo una foto dei paroni de casa. Far la foto dela foto xe d’obligo. Chissà come xe le categorie de muloni qua in Bosnia. A Trieste, diria che qua semo sul tara andante. Tra la nagana e la tara, dei, con un bic’ de gencon per completar l’opera.
Ierimo rimasti d’acordo con Nikola che andavimo a far colazion nel suo pub per le 8.30. Ma, ora che se lavemo e prontemo, semo za oltre. Movemose. Sorpresa. Fora de casa, trovemo Nikola ancora incagolà che se ga pena sveià. Ben dei. El vien zo con noi verso el pub. Cossa volè magnar? Bu, quel che xe. Volentieri, ma no xe gnente, go pena de far la spesa. La partenza incomincia a sembrarne un miragio. Entremo in supermercato e aprofitemo per ciorne de magnar per el viagio. Se la ciapemo comoda, tanto Nikola ga apena de tacar a cusinar. Andemo fora. Nikola xe ancora là che sbisiga. Altro giro de supermercato. Con calma, rivemo a incaminarse tuti insieme verso el pub. Con calma, la colazion riva. Riva anche Paola. La prova ancora a convincerne a restar un altro giorno a Bihac, mostrandone le cascate dove che la ne volessi portar ogi. Xe caldo ormai muli, partirè doman al’alba dei, ve sveio mi, tranquili. Mmmm, questa dela sveia al’alba no xe che ne daghi tuta sta spinta motivazionale iresistibile, per dirla tuta. Le cascate xe comunque spetacolari. A gaver tempo, saria sta’ una visita obligada. Ma tempo no gavemo purtropo, semo za indrio sula tabela de marcia, e dovemo congedarse. Rivemo partir per le 10.30, soto un sol ormai praticamente a pico.
Subito un bel saliton, cussì, tanto per gradir. Se senti gente che spara per strada. Bon, forsi xe el caso de no andar de quela parte. Vedemo in lontananza due ciclisti. I xe più lenti, li bechemo. Bolognesi. I sali verso la Serbia.
In Bosnia, de ciclabili no ghe xe gnanche ombra. E no xe gnanche ombra sule strade. De andar in mezo a boschi no se ne parla. Cussì, le tape bosniache sarà lunghe e interminabili maratone sul’asfalto, in fila indiana, un drio l’altro, a vardarse le schene. E el cul. E le riode. E i cambi. Xe interessante vardar come che ognidun usa i cambi in maniera diferente. Italo e Guy ghe piasi tegnir un cambio legero, e far più giri de gambe. Mi e Ema semo al’estremo oposto. Raporto duro e pedalada lenta, tipo diesel. Ogni due pedalade de Italo mi fazo una. Mauro xe a metà. Ogni tanto ghe ciapa el cinciut e el parti, raporto duro, el se alza ala Pantani e el tira la rucada. El passa tuti e no te lo vedi più. E invece ogni tanto ghe ciapa el cinciut oposto, e no te lo vedi più perchè el resta indrio.
No poder pedalar in clapa, comunque, te fa sentir isolà. Mi go sempre amà star ‘bastanza imerso nei miei pensieri in bici, ma ben savendo de gaver la potenzialità de poder ciacolar, cantar, star coi altri quando che volevo. Xe come viver in una cità de mar, che te sa benissimo che el xe là, anche se magari per un mese per un motivo o per l’altro no te ghe va. Te lo senti comunque e te sa che no te podessi viver senza. In Bosnia, sta potenzialità no ghe xe, e te pedali imerso in una solitudine de asfalto.
Ogni tanto, qualcossa rompi la monotonia. Proietili de pistola per tera.

Pecore che fa invasion de campo.

E pause radler, imancabili.
Italo a metà strada senti el richiamo dela natura. Bagni qua in zona no ghe ne xe però, e chissà quando riverà el prossimo bareto, semo in mezo al gnente. Muli, fazo in bosco. No dei, in bosco xe pericoloso, podessi esserghe ancora mine in giro. Ieri i ne contava che ogni tanto una pecora fa el tiro. Pim. Un salto per aria. E via ela, andada. Bon, e quindi come se fa? Mauro ghe spiega la tecnica del scoio: “Ti te buti un scoio là dove che te vol andar, per veder se la strada xe pulita. Co el scoio beca la mina, ti te se caghi indosso. E te ga risolto”. Mauro xe sgaio, el mulo sa.
La meta de ogi xe Kljuc. Manca solo zinque chilometri, un’ultima rucada e via. Ma qua ghe xe un supermercato verto, perchè negarse l’ultima radler? Giusto. Enesima pausa radler. Italo, che ga finì tute le diverse combinazioni possibili dei tre gusti Pez (sete xe: Pez vitamine, Pez magnesio, Pez fero, Pez vitamine + Pez magnesio, Pez vitamine + Pez fero, Pez magnesio + Pez fero, Pez vitamine + Pez magnesio + Pez fero), el vol prova la bomba nucleare. El se ciol una coca. El tira fora una Pez. La taia in do. El bevi meza coca, che no se sa mai. El meti la Pez sul’orlo dela botiglieta, pronto a farla cascar dentro. Lo avertimo del pericolo iminente. Mentos e Coca Cola xe un’arma de distruzion de massa, xe pezo dei lanciarazi.

Se una mentos pol tanto, figurite cossa pol scaturir del’onipotente forza efervescente dela Pez. Ma el xe convinto. La scienza lo vuole. Daghe. La Pez va zo pel colo dela botiglia. La vedemo far el suo ultimo volo. La par l’osso de 2001 Odissea nello spazio. Paaaa-paaaa… ecola, la xe a metà… paaaa… la sua bianca rotondità entra in contato cola massa scura dela coca cola e… pa-paaaaaaaaa!
Un chezz. El coro de noooooo xe inevitabile. La delusion regna sovrana. La coca tira un do loffe, ma adiritura col’aqua vien fora più casin. L’alchimia no ga funzionà. Perchè con la mentos sì e con la Pez no? Forsi xe incompatibilità culturali, xe l’incontro fra ocidente e oriente, fra capitalismo e postcomunismo, tra logica consumistica e sentimentalismo, tra Rocky Balboa e Ivan Drago. Forsi el muro per ste robe no xe ancora vegnù zo. Che mone, dovevimo provar cola Cockta.
Un bosniaco che parla italian ne domanda dove che andemo. Ghe disemo che semo quasi rivai, andemo a Kljuc. El ne disi che el ga un amico là, che ga albergo e ristorante. Figada. El ghe telefona, el ghe domanda se el ga stanze libere. Certo. 10 euri a testa. Fata la xe. Ogi gavemo imparà una grande lezion: le pause radler te risolvi la vita.
Rivemo, se sistememo. Le camere xe bele, ma noi semo carighi de roba de lavar e sugar. Spostite dei. Là go messo prima mi. Ciò, qua no xe più spazio. Taca sula porta con un ciodo. No xe ciodi qua. Bon, alora sa cossa? Vado meter in bagno. Colonizemo el bagno comune. Sarà contenta la gente de lavarse in mezo ale nostre calze e mudande.
In ristorante, semo in compagnia de un gato alieno ostile che ne spara laser. Spetemo che rivi qualchidun, ma nissun se movi. Bu, forsi xe de domandar. Italo alza la man. El domanda el menù. Giustamente, el camerier ghe portà un menù, solo che per lui. Italo lo riciama: “amico!”. El camerier torna: “druse!”. El ne vol za ben. Se incoconemo de carnaza, as usual. Andemo zo in paese, xe pien de gente. Ulmo. Fin le 23. Dopo de colpo sparissi tuti, puf. Alora sparimo anche noi, nele nostre spavazie. Perchè in Bosnia, le stanze se ciama cussì. Spavazie.

Sì ma la legendaria festa con 200 babe del’incipit dove xe? Eh, el flashback de 48 ore iera tropo back. Desso semo a 24 ore. Lunedi ve conto.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.