11 dicembre 2013

Un rigassificatore a Monfalcone?

Nessun pregiudizio nei confronti del rigassificatore da 800 milioni di metri cubi, che occupa da qualche giorno le cronache dei quotidiani locali. Legambiente aspetta ora di capire se un’ipotesi di realizzazione dichiarata alla stampa può diventare davvero un progetto concreto.

“La proposta peraltro,” scrive Legambiente in un comunicato stampa, ” è assolutamente in linea con l’ipotesi di riconversione della centrale A2A presentata dall’associazione già nel 2012 e inoltrata di recente anche alla Presidente della Regione, Debora Serracchiani. I circa 100 milioni di metri cubi di gas che la società di imprenditori ipotizza di mettere a disposizione di A2A, possono alimentare un gruppo a ciclo combinato di 100 MW, con la possibilità (che va assolutamente sfruttata) di mettere a disposizione il calore residuo per le aziende della vicina zona industriale. La proposta di Legambiente prevede anche la creazione di un parco fotovoltaico e l’insediamento di aziende ad elevato tasso di innovazione.”

“E’ evidente che la riduzione del costo del gas per le aziende della Regione potrebbe favorire un rilancio economico dell’intera area, porto compreso, ma uno degli aspetti problematici riguarda proprio il dragaggio del canale di accesso al porto, indispensabile per l’ingresso delle navi che trasportano il GNL. Questo intervento, come è stato ricordato dal Direttore del Consorzio Industriale, Giampaolo Fontana e dal Presidente dell’Azienda Porto, Paolo Maschio, nell’ambito del convegno sulle aree naturali del monfalconese organizzato da Legambiente sabato scorso, “è necessario per la crescita infrastrutturale del porto e può benissimo convivere con il SIC Foci del Timavo”.

Tag: , .

2 commenti a Un rigassificatore a Monfalcone?

  1. bonalama

    wonderful, sc iopa tutto restemo isolai e xe felici anca i tltini. Comunque xe tutte balle el risparmio o sbaglio?

  2. Sulla Voce di Trieste in rete avevamo anticipato la notizia già il 26 ottobre, ma non si era svegliato nessuno, anche se abbiamo distribuito poi il numero a stampa con locandina anche a Monfalcone.

    L’idea di mettere il rigassificatore a Monfalcone risulterebbe essere del ministro Pd Zanonato, e la disponibilità di Legambiente sorprende assai, dato che, come a Trieste, il problema non è solo di dragaggi, ma anche ed anzitutto di sicurezza da incidenti ed attentati, di blocco del porto di Monfalcone quando arrivano le gasiere,più lo sconcio paesaggistico dell’area Lisert e foci del Timavo con l’impianto (mini, dicono…) e le enormi navi gasiere all’attracco.
    Paolo G. Parovel
    direttore de La Voce di Trieste

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *