9 Dicembre 2013

Trieste-Kotor in bici atto quinto: i lenti ritmi bosniaci

Qua le puntate precedenti

Se sveiemo. Le robe che gavevimo messo a sugar xe ancora bagnade. Semo ai margini de un bosco, l’umidità no aiuta de sicuro. Andemo a far colazion nel ristorante dove che gavevimo zenà. La sera prima, i ne gaveva promesso luganighe e robe de panza e sostanza. Nema. I se gaverà dimenticà. Tanto per cambiar, la colazion sarà legerina. Se preparemo per la partenza, lavandose i denti cola bira perchè l’aqua ga qualche problemin a vegnir fora.
La difusion del wifi e de internet ga influenzà ‘bastanza el nostro modo de viagiar. I primi viagi (par che se parli de ere geologiche fa, ma stemo parlando del 2007) se stacava completamente dela realtà triestina, aparte qualche telefonada o sms. Desso invece xe tuto sempre a portata, el wifi i lo ga anche nel più scrauso bareto che te pol trovar. Cussì, inevitabilmente, ogni giorno gavemo dei momenti dedicadi al cazegio su facebook, per sentir come va le robe e per condivider qualche impression istantanea de viagio. Sbisigando in rete, trovemo cussì che Micol Brusaferro parla de noi sul suo blog. Condivido el post su facebook. Poco dopo, la mia amica Sara lo condividi anche ela, tagando una mula triestina che se trova in Bosnia, Paola. A Bihac. Che xe propio dove che dovemo passar ogi. Ghe scrivemo. La ne rispondi. In diese minuti, gavemo el contato. Trieste-Bihac, passando per Chions e sopratuto per facebook.
Son ancora molto indeciso su come sia de considerar questa esplosion de possibilità de connession. Una volta, per parlar come i veci, partir voleva dir esplorar l’ignoto e viverselo ogni giorno completamente imersi in un novo contesto. Desso, abituai a esser quotidianamente in relazion con decine, se non centinaia de persone, stacar xe molto più dificile, perchè la tecnologia te da’ la possibilità de restar in conession con tuti. E cussì te giri, te bagoli, te esplori, però no te son più solo, come una volta, coi tui pensieri in un novo mondo. Desso te se porti sempre drio anche tuto el tuo mondo, de cui te fa fadiga a separarte, anche solo per do setimane. E questo, se de una parte te da sicureza, del’altra ris’cia de farte de cugno e de cavarte sensazioni, empatia col tuo novo contesto. L’incontro con Paola, però, no saria mai stado possibile fin qualche anno fa. Probabilmente la giusta via, chi lo gavessi mai dito, sta in mezo. Gaver la possibilità de coneterse, in fondo, no vol dir dover coneterse. Sta ale persone gaver la capacità de viver intensamente ogni momento de quel che ghe sta intorno. O chissà, semplicemente gavemo la possibilità de aumentar el conceto de “intorno”, e quindi viverse intensamente più robe contemporaneamente, anche se distanti fisicamente. Vicini lontani.
Ogi passemo per el Parco de Plitvice. Probabilmente la tapa più spetacolare del giro. Ghe passemo proprio in mezo. I laghi no se vedi de qua, pecà. Ma passemo in mezo al bosco, su una strada tuta per noi, fata ecezion per qualche auto ogni tanto. Xe un bel pedalar, in clapa, tra alberi, bestiuze che bagola e salite, che no manca mai. Ma gnente de impossibile. La tapa de ogi sarà tranquila fin la fine.

Sul confin, i me fa longhi per la carta d’identità, che la par un poco vegnuda fora dela lavatrice. I storzi un poco el muso, ma i me fa passar. I ghe disi anche a Ema de meterse la maieta. Insoma, un poco de quel che se ciama, dei.
Saliscendi, strade un poco rovinade, paesagi verdi anche qua. Case sparse e i primi minareti. Sì, semo entrai in Bosnia. La strada per Bihac sbrissa via veloce, semo là per pranzo. Spetemo Paola nel bareto al’aperto de un Hotel che xe propio in riva al fiume. El giro de bire xe oferto de Italo, che ghe xe cascada la bici poco prima.
Riva Paola, ma no la vol entrar nel bareto. La lo odia. La ne disi che no la meti pie in quel posto de anni, per via dei lavori abusivi che i ga fato. Otimo, gavemo scelto ben el posto del nostro primo incontro. La ne disi che per pranzo semo invitai a una grigliatona sul fiume, che xe za altri amici là che ga incomincià a preparar. Cola calma. Eco, “cola calma” diventerà el leit-motiv dela nostra permanenza in Bosnia. Qua i fa tuto “cola calma”, pian, pian e ben, e se no ben almeno pian. Voio dir, xe un “cola calma” per bon, se a notarlo semo adiritura noi triestini.
Cola calma, femo la spesa. Carnaza e bire. Altro no servi. Cola calma, rivemo là del fiume, la Una. Xe de entrar int’ei fraschi per rivar sula riva. Questo va contro el nostro primo comandamento bosniaco: mai meter un pie dove che no xe asfaltà. Ma semo coi muli del posto, i saverà ben lori cossa se pol e cossa no se pol. Ma sto nastro gialo cossa vol dir? No so, e forsi xe meo no saver.
La Una xe stupenda. Xe piena de isoloti e l’aqua xe limpidissima. Xe corente, bastanza, e le paperete se zerca un poco, ogni tanto. Eco là el nostro isoloto, xe la clapa che ne speta. Xe de caminar cole zavate, soto l’aqua iazada xe diversi vetri roti. La corente ghe porta via la zavata a Italo. Ema se tufa e la recupera. Metemo le bire int’el aqua che fungi de frigo. Otimo, dove xe la griglia? Ecola là, un bel fogheto che no speta altro che la nostra carnaza. Xe de andar a cior altri legni però. Guy e Italo parti in mission, e i se ciapa de novo un poca de zima sui pie. Bon, fogo gavemo. Desso? Desso dovè zercar dei stechi un poco apuntidi, netarli e impirar le luganighe. E dopo impirar i stechi per tera vicin del fogo, no tropo vicin però, che no i se brusi. Ma gnanca tropo lontani, se no no i se scalda. Sì, ma no i sta, qua xe tuto bagnà, i casca. Speta, tira su, fame provar a mi. Xe che sto steco no xe bon, zerca un altro dei. Ciò, go fame, fame magnar cussì come che i xe intanto questi dei. Se corzemo che semo un poco imbranai. Ou muli, stemo fazendo la figura dei citadini ciò, no va ben. Dei, un poco più disinvolti. Ara là, un do piere, un toco de fero e via, la griglia xe fata. Te ga ragion. Zerca un do piere. No quela no va ben, ara che casca tuto. Prova questa alora. Ciò, qua xe tuto piere pice. I muli se la ridi e ne da una man. Bon, cola calmeta, la griglia xe full operativa. Qua però dovemo recuperar un pochi de punti-boba. Sa cossa, mostremoghe come che se tira clafini. Giusto, esportemo cultura. Ma xe vetri. Bon, ma là no xe, l’aqua xe limpida, basta vardar prima dove te meti el pie. Daghe. E anche l’Una xe clanfizada.

Dopopranzo de relax. Ma, cola calma, vien l’ora de andar via. Se metemo d’acordo de cenar int’el pub de Nikola, un de lori, e de dormir a casa de altri. Paola ne conta che la xe là de più de diese anni. Che la zerca de dar una man, de svilupar turismo sostenibile, de far lavorar el più possibile la muleria. El paese xe bastanza a remengo, la coruzion xe tanta e l’aministrazion no invoia i giovani a restar, de lavor po’ no stemo gnanche parlar. Ognidun zerca de rangiarse come che el pol. Xe una condizion comune a molti paesi, in fondo. Precariato, disocupazion, diventa un poco una nova identità de molti. El mestier de rangiarse. Me domando se ga ancora senso, per la nostra generazion, identificar una persona cola sua profession. Nome, cognome, professione. Nei tempi del precariato, ala vose “professione” servissi un do-tre spazi: quela che te impignissi el frigo, quela che te impignissi el cuor, quela per cui te ga studià, che in fondo te dovessi sentir più tua. Senza contar che ogni anno sta vose saria de agiornar, vista la durata dei contrati. Forsi saria più giusto compilar quela vose metendo: vivo.
In cità, se vedi in giro i segni dei proietili. La nostra casa xe bastanza postgrungerock. Tre stanze che podemo ocupar liberamente, scegliemo noi dove, i materassi xe là che ne speta. O anche el divan, se volemo. Una xe piena de veci tochi de computer. E dopo ghe xe la cusina, col’imancabile Cedevita che fa sempre ben. Trovemo anche un basso eletrico. Se zoghemo. El mulo meti su musica. Nirvana. Ben cazada, i anni ’90. Quela iera musica. Dopo di che, xe tuto un grande medioevo. Eco. Xe el tipico discorso de veci, e prima o dopo ghe passa un poco tuti. Per mi, Nirvana, Pearl Jam, Smashing Pumpkins, Alice in chains e un poco tuti i anni ’90, rapresenta el climax musicale mondiale. Per chi ga 50 anni invece el medioevo riva za dopo i anni ’70, te vedi. Ogni generazion ga el suo periodo d’oro dela musica, che no tornerà mai più. Xe curioso che sto discorso ala fine riguardi solo, o sopratuto, la musica. No go mai sentì qualchidun lamentarse con robe tipo “no xe più i registi/scrittori” de una volta. Per quei par che el rinovamento funzioni. Probabilmente la diferenza xe nel diverso modo in cui recepimo le robe. La musica riva più a livel emozionale, più in profondità, xe un linguagio che semo capaci de assorbir tuti, anche se magari no capimo niente dele singole parole, le note. Alora forsi la musica che acompagna la tua adolescenza, periodo in cui te son al massimo dela recetività, resterà per sempre quela rivada più in fondo, e là sedimentada, e per ti la resterà per sempre unica e insostituibile. Resta de valutar l’aplicazion de sta teoria ala bora, che anche quela no xe più quela de una volta per nissun.
Andemo magnar, ma, per la lege dela santa calma, no xe pronto. Poco mal, Paola ne porta a far una caminada serale e a bever de un’altra parte. Al ritorno, carnaza. Formaio e pomidori. E bira. E rakija. E bira. El fascino italico de Ema fa colpo, una mula se meti a ciacolar con lui. Noi valutemo el percorso de doman. Volessimo partir presto, per no patir tropo el caldo. E andar zo bastanza spediti. Paola ne disi che là però ghe xe dele belissime cascate, che valessi la pena andar a vederle el giorno dopo, e restar un giorno in più. Ghe pensemo un poco, ma i chilometri che ne manca per Kotor no ne permeti de far tropo le robe ala bosniaca. El massimo dela calma che podemo permeterse xe quela triestina, un altro giorno a Bihac saria fora tabela de marcia. Senza contar che se te entri in modalità turista, dopo xe ‘ssai fadigoso tornar ciclista. Volemo tegnir el ritmo de sti primi giorni. Se metemo d’acordo de vegnir a far colazion qua doman per le 8.30 e rientremo a casa, ne acompagna Nikola che sta propio là soto.
Juging: typical triestin use of the word “Jugo” to indicate Slovenia, Croazia, Serbia, Bosnia, ecc. indifferently. Jugo is also used to intend “very far” or “stramonazza”. Es: vado far benzina in Jugo (means Slovenia); el balon xe finì in Jugo (means stramonazza) (Fonte: Monon Behavior 69/90). In sogiorno, Italo, cartina ala man, el tira un juging a ris’cio incidente diplomatico. Nikola ne mostra un paesin, domandandone dove el xe. Italo prontamente rispondi che quela xe Jugoslavia. Nikola lo varda mal. “It’s Serbia! No fucking Jugoslavia!”. Ridemo. La ciapa ben e ridi anche Nikola.
A far le robe con calma, però, riva presto l’una de note. Se congedemo e se butemo sui nostri materassi per la spavada suprema.

Tag: , , .

5 commenti a Trieste-Kotor in bici atto quinto: i lenti ritmi bosniaci

  1. Avatar Franco Tremul

    No pensavo fazessi cussì caldo in Bosnia…

  2. Avatar ufo

    Diego, te son un vero poeta… ma no sta pensar de inzinganarne con quel nastro gialo: se vedi benisimo che su ghe xe scrito Telecor – pozor kabel (ocio al cavo del telefono, per chi ga bisonio de gugl transletor).

  3. Avatar fabry

    @2 te ga rovinà tuta la suspance, iera più bel pensar a un campo minato…

  4. @2
    tipo che se semo cagai indosso per niente 😀
    però cossa fazeva cavi telefonici int’el bosco?

  5. Avatar sfsn

    no, xe che in Bosnia se te monti su una mina te devi telefonar ala Telecor. Dopo un o due giorni riva l’esperto che la ativa e dopo la s’ciopa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.