6 dicembre 2013

Sabato 7 dicembre si inaugura l’esposizione e il progetto di raccolta fondi per la borsa di studio intitolata ad Alba Gurtner

Pochi giorni fa, è stata consegnata ad una studentessa del Liceo artistico Max Fabiani, una borsa di studio dedicata ad Alba Gurtner e diretta a sostenere il proseguire della formazione universitaria nell’area tecnico-artistica. Iniziativa dell’Associazione culturale “la Corte dell’arte”, verrà riproposta nuovamente anche grazie al progetto “C’era-mica un piatto d’artista” che si inaugura sabato 7 dicembre, alle 18.30, nello spazio espositivo di via Carducci.
Anche quest’anno, infatti, per finanziare la prossima borsa di studio, 55 artisti, italiani e sloveni, ha dipinto un piatto di ceramica: oltre un centinaio di lavori, che costituiscono i premi di una grande lotteria, i cui vincitori saranno proclamati l’11 gennaio.
Il progetto, che già nella precedente edizione ha ottenuto successo pieno, esprime, oltre alla sua valenza culturale e la coerenza con gli ideali che ispiravano Alba Gurtner, l’affetto immutato di così tante persone: scomparsa nel marzo del 2012, Alba è stata artista e animatrice culturale. Di lei scriveva così Anna Digiannantonio: “Ricordo di lei la grande opera collettiva sui muri dell’ex Cotonificio di Gorizia, l’inaugurazione recente della Corte dell’Arte in via Carducci e soprattutto il grande impegno a favore degli artisti locali. E’ soprattutto l’azione di Alba per creare comunità, relazione e lavoro in comune che mi ha sempre colpito, in una città dove talvolta prevale l’individualismo e l’incapacità di connettere le esperienze.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *