5 Dicembre 2013

Trieste-Kotor in bici atto quarto: el filtro antisfiga del’oportunità

Qua le puntate precedenti

Se ierimo lassai che ierimo imbustizai sui nostri belissimi materassi pergolosi. La roba che no gavevimo calcolà la sera prima però xe che sì, de note te dormi anche ben soto le stele, ma el sol in agosto xe ‘bastanza matiniero e anche un poco fastidioso. El mato ga el cinciut. El riva là, l’impiza la luce senza gnanche domandar e el te tira ste s’ciafoni de caldo che metà basta. Morale: dopo un poco xe impossibile dormir. Ma forsi xe meo cussì, visto che dovemo rimeter tuti i materassi a posto senza farse becar.
Anche qua la colazion no xe compresa, e dovemo sbecolar robe trovade in supermarket. Tipicamente yoghurt, biscoti e brioches. E ciculata. E el baratolon de Nutela, quel no manca mai. La roba comoda xe che con sto caldo no te ga de far ‘ssai fadiga per spalmarla. Te giri el vaso e la vien zo sola, praticamente te se la versi sul panin.
Trovemo el reparto che fa per noi. Quel dele pistole ad aqua. Dei, dovemo ciorle. Dei. Pensa che figada: le tegnimo in sconton e dopo se sparemo pedalando. O ghe sparemo ai altri ciclisti co li sorpassemo. O ai auti che ne supera. Dei. Dei. Ala fine, no le ciolemo. Ne pareva l’enesimo peso inutile, za gavemo la boza de amaro Montenegro de portarse fin la fine. Incomincemo a capir che xe stada una pessima idea. Tra l’altro, a nissun de noi ghe piasi el Montenegro. Benon. E chi se lo beverà in Montenegro? Bu, penseremo.
Mauro xe preocupà. El disi che dovemo assolutamente cior aqua, perchè no troveremo una fontana che sia una. Ghe disemo che comprar aqua va contro el secondo principio d’istrianità come el Titanic contro l’iceberg. El fa el suponente. No el vedi l’ora che morimo de sede per poderne dir “ve gavevo dito mi!”. Nel fratempo, ghe casca per tera la bici. El ne devi una bira.
Vardemo la cartina. Ou, perchè qua la strada xe cussì arzigogolada? No i podeva farla drita? Cossa xe, i zogava a Snake? Tornanti. Ahia. La tapa de ogi xe bela ripida. Dovemo farse el passo Vratnik, a 700 metri de altitudine. 15 chilometri de salita. Ma, poco prima de rivar in zima, trovemo la sorpresa. Quel che nissun se spetava. Anzi, quel che Mauro no se spetava. Tranquila, serena, materna, trovemo la fontana fata costruir de Ferdinando d’Asburgo nel 1837, de cui vien zo l’aqua del Velebit. Femo scorte, e Mauro ne devi un’altra bira.

Proseguimo. Le strade no xe tanto traficade, ma ogni tanto passa un camion a incoconarte de spuza proprio sul più bel dela salita, co te son a pieni polmoni.
Incomincia finalmente la discesa, e incomincia anche le nostre solite pausete radler. Mauro per ben do volte procrastina la bira che el ga de ofrirne. E el dio dele pausete radler lo punissi. No rivemo far gnanche zinque chilometri che el sbusa.
Adesso, picio test. Xe zinque muli in bici. Tuti ga le riode a sgancio rapido. Tuti meno che un, che ciameremo Quel, per la privacy. El mulo Quel ga una rioda a sgancio rapido e una rioda a sgancio checoionico, de quele che te servi la ciave inglese e tuti i ordegni per cavarla. Quindi in pratica nela clapa dei zinque muli ghe xe una rioda a sgancio checoionico su diese riode totali presenti.
Problema: quale dele diese riode se sbuserà?
Svolgimento: in base al noto principio enunciato per la prima volta dal’ilustre matematico Codroipo, oviamente l’unica a sgancio checoionico. Eco. Apunto. Quel, che poi saria Mauro, sbusa propio la rioda de drio, a sgancio checoionico.
Ema xe l’unica anima pia che ghe da una man. Mi, Guy e Italo preferimo seguir la dotrina filosofica dei veci col capel. Sentai, o in pie, man in scarsela, o nela sacra posizion classica, quela cole man drio la schena, fatalismo nosepolista carocogoico, legera venatura de sarcasmo ranzido. Ciò come xe, tre ore per cambiar una rioda? Vara che no se fa cussì. Vara che te ga de doprar la ciave de 11. Cossa, quela de 12 entra giusta? No ga importanza, se dopra la 11, se ga sempre fato cussì. Ara che quei tocheti giali te resterà in man. No sta fracar tropo. No gaver furia. Ma cossa ancora là te son? Ndemo dei! Se iero mi a sta ora gavevo za finì.
Ripartimo. La discesa se trasforma in saliscendi, passemo per Otocac. Se zerchemo un poco, e no passa tanto tempo che restemo senza aqua. La nefasta profezia de Mauro se sta averando. Ma pedalemo. De fontane gnanche l’ombra. E gnanche case dove domandar. Se incomincemo a preocupar un poco. Finchè no vedemo un campegio. Deserto. Entremo, vedemo una spina. No xe nissun a cui domandar el permesso però. Eh bon dei, aqua no ghe se nega a nissun, bevemo e se impignimo le borace. Riva un omo. Bastanza longo, el ne domanda se volemo campegiar. No, semo qua solo per l’aqua, grazie. El ne domanda de dove che rivemo, el xe curioso. El xe un alenador de basket. Eco spiegada l’alteza. El ne valuta. Mi, Italo e Ema passemo l’esame. Guy ga de dimagrir diese chili. Mauro venti. Per fortuna, el programa de alenamenti no incomincia subito. Ghe disemo che doman riveremo in Bosnia, passando soto Plitvice. El ne disi che no, che la strada che passa in mezo al parco se pol far benissimo in bici, nema problema, xe verta. Figada. El ne ga da una grande informazion, domani pedalar a Plitvice sarà un spetacolo.
Decidemo che questo incontro val la pena de esser festegià con un regalo: una fiasca de Montenegro. Italo se sburta, xe lui el prescelto, tuto contento de gaver un chilo de meno in borsa. Ma el ga fato i conti senza l’oste. L’omo contracambia con una fiasca de Slivovic. Un poco più picia del Montenegro, Italo ghe ga comunque guadagnà in peso. Poi, con un soriso e una strenta de man, se saludemo, e el ne augura bona fortuna per el nostro viagio.
Tante volte, le sfighe se trasforma in oportunità, basta ricordarse de vardarle col filtro antinegatività. Cussì, se no gavevimo la sfiga de restar senza aqua (sfiga o monagine? Dubio amletico), no gavessimo mai fato sto incontro e chissà, magari doman gavessimo deciso de far la statale invece che passar in mezo al parco. No xe vero in fondo che una sfiga tira l’altra. Ogni sfiga, semplicemente, tira qualcossa, come un poco tuto. Almeno, questo val finchè el radicio te lo magni e no te lo sburti. Se dopo però ti te entri nel stato d’animo de negatività, alora de quel qualcossa te vederà solo che le sfighe, che xe sempre, ma che magari normalmente no te vedi perchè impegnà a vardar altro. Eco, se invece te se focalizi su quel’altro, alora te vederà che ogni sfiga tira solo che nove oportunità. Impreviste e diverse de quele programade, ma pur sempre oportunità, basta saverle ciapar e no lassarse butar zo. El positivo no xe quel che ne capita, ma quel che ne capita pol esser visto positivamente sempre, basta no amplificar el negativo de quel che, inegabilmente, gavemo comunque perso. Daghe. Tira più un pel de sfiga che un caro de buoi.
Incomincemo a incontrar diversi cani che bagola liberi. Xe tuti tranquili. Nissun che ghe cori drio ai ciclisti per rosigarghe i calcagni. Nissun che ga un paron. Libero canide in libero marciapie. O qua i fa una selezion, e quei che ga el cinciut fa una bruta fine, opur i cani ga imparà che xe più vantagioso gaver un poco de quel che se ciama. Un can se afeziona a Guy, el ghe cori un poco drio, ma dopo el fa amicizia con Italo. El se distira e el se ciapa le cocole sula panza tuto contento. Mi studio el comportamento. Valuto l’etologia dei due mamiferi. Voio provar l’aplicazion interspecifica del principio dele cocole sula panza mamifera. Eco là un gato. Gato xe mamifero. Elaboro. Can : omo = omo : gato. Sì, podessi funzionar. Provemo. Me distiro a panza in su vizin el gato. Nema. No riva cocole sula panza. Potenti aparati tradutori de pensieri felini me rivela che el felide sta pensando: “ma cossa fa sto mona?”. Mission falida. La giusta proporzion xe: gato sta a can come gato sta a omo, cioè no el ga pel cul entrambi.
Le ombre pian pianin se slonga, se sta fazendo sera. Xe de incominciar a cercar dove dormir. Trovemo un picio residence con intorno adiritura un boscheto ricostruì. Lusso. Ma no entremo, sarà decisamente over budget. Trovemo un altro posto a quatro stele. Novo. Col ping pong. Col calceto. Se inamoremo. Xe tuto spalancà, ma no xe nissun. Dopo una mez’oreta, andemo vanti. A Babin Potok trovemo una caseta int’el verde con una stela sola. Una stela? Esisti stanze a una stela? Semo ‘ssai curiosi. I mati xe tipo figli dei fiori un poco apassidi ma cocoli. La casa gaverà una stela sola ma xe normalissima. Anzi, ghe xe adiritura el wifi, coss’te vol de più? Lighemo le bici ai alberi int’el prà e andemo su. I ga a disposizion tre stanze più el bagno, noi ocupemo due. Ma semo solo noi in tuta la casa. Bagolemo in mudande pel coridoio, tanto, chi te vol che ne vedi. Eco, apunto. Al’enesimo mudanda tour, bechemo i paroni che ghe sta mostrando la stanza libera ad altri potenziali ospiti. Ops. Sorry. Se scondemo ridendo. I novi potenziali ospiti ghe disi che la casa xe ‘ssai bela, ma che i preferissi andar avanti. Esteti, no i gaverà aprezà le mudande coi orseti de Mauro (advisory: questo dettaglio potrebbe non corrispondere alla realtà 😛 ).
Zenemo e notemo un tavolo de caciatori enormi. Questi la guera se la ga fata sicuro. Chissà che storie che i ga drio, chissà quante robe i gavessi de contar. Lungo la strada, no gavemo ancora incontrà ferite particolari. Forsi qua le se ga bastanza cicatrizà. A ocio, comunque, xe el caso de lassar che i caciatori magni in pase.
Rientremo, ma prima de dormir se distiremo sule panche per vardar le stele cadenti. Ecola. Mi no la go vista, maledeti. Eco un’altra. No, quel xe un satelite, te vedi che el va pian? E quel? Un ufo?
L’odor del’erba, l’aria de montagna, l’umidità del bosco intorno, le stele cadenti, la fadiga dela giornata, le sfighe, le oportunità vissude, el filtro antinegatività, i incontri, i mamiferi, tuta la vita dela giornata se amalgama nel clima dela serata, e la magia che se respira avolgi in toto la profondità dei nostri discorsi. Guy disi che in montagna se scoresa de più. Xe cussì, per l’altitudine. Scusa, l’aqua no boi prima? E l’aqua che boi cossa xe, se no tante pice scoresete idrauliche? Ga senso. Sì.
A lunedì, che se riva in Bosnia!

Tag: , , .

2 commenti a Trieste-Kotor in bici atto quarto: el filtro antisfiga del’oportunità

  1. Avatar ufo

    Ricerca giaponese fresca de stampa: i gati capissi, ma no te calcola

  2. Avatar sfsn

    i gati capissi, ma no te caga.
    per lori te son sabieta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.