4 Dicembre 2013

“Fazzo l’ amor xe vero”, una vecchia canzone popolare triestina

Scampoli di storia è una rubrica a cura di Paolo Geri

La fotografia è stata scattata a Trieste nell’ ultimo decennio dell’ Ottocento ed è intitolata “Ritratto femminile – Donna in abito scuro con cappello e velo”. Il fotografo è Umberto Kunad che aveva allora un atelier di fotografia in città.
“Fazzo l’ amor xe vero ..” è una maliziosa canzone popolare triestina citata ne “La coscienza di Zeno” di Italo Svevo dove viene cantata dalla sua giovine amante Carla al protagonista, Zeno Cosini. E’ una delle più antiche canzoni popolari di Trieste coeva delle oramai quasi dimenticate “Scendi le scale scendile” e “Le scarpette co le rosete”. Nel dicembre 1890 al Circolo artistico si tenne infatti un concorso di canzonette popolari triestine: ottenne il secondo posto “Fazzo l’amor, xe vero” di Ugo Urbanis. E’ un po’ un inno al carattere delle ragazze triestine già dei primi del Novecento, spensierate, “libere”, provocanti e orgogliose del proprio fascino e del proprio ascendente sugli uomini. Ma è anche con quel ritornello ripetuto “no steme tormentar !” l’ espressione perfetta del modo di essere triestino, anche un secolo fa all’ insegna del “vivi e lascia vivere”. La giovine che a quindici anni, amoreggia, va al bagno, ha il vestito attillato e si fa guardare, passeggia per il Corso, va a ballare: tutte cose estremamente “normali” oggi, un po’ meno “normali” se si pensa che la canzone è di fine Ottocento ed è una testimonianza vivissima dell’ emancipazione delle donne triestine già ben oltre un secolo fa. Ma anche una canzoncina realistica sino in fondo quando dipinge la stessa giovine in età avanzata senza più nessuno che la “coccoli” ma che sa ancora trarre dalla saggezza popolare il motto “chi che bazila mori” (chi si preoccupa muore) anche questo tipicamente triestino.

FAZZO L’ AMOR XE VERO

Fazzo l’ amor, xe vero
cossa ghe xe de mal ?
volè che a quindise ani
stia là come un cocal (1) ?
Se tuto el santo giorno
sfadigo a lavorar,
xe giusto che la sera
me fazzo compagnar.
Fazzo, l’ amor, xe vero,
no steme tormentar!

Vado a nudar, sicuro,
cossa ghe xe de mal ?
co’ ‘sto tantin de caldo
xe più che natural !
Go el vestitin setado
e se anche i vol guardar,
non son cussi malfata
de averme a vergognar !
Vado a nudar, sicuro,
no steme tormentar!

Vado, a balar, xe vero,
cossa ghe xe de mal ?
saltar a l’ età mia
no xe pecà mortal !
Se gira e se se sburta
e se se fa strucar (2),
se torna a casa morte
e in piè no se pol star.
Vado a balar, xe vero,
no steme tormentar !

Vado su e zo pel Corso,
cossa ghe xe de mal ?
go el moro che ‘l me speta
tacà soto el feral (3).
El xe una macia (4), el scherza,
no’l fa che stuzzigar (5);
no’l vol che ‘sti dedini
se strachi (6) a lavorar.
Vado su e zo pel Corso,
no steme tormentar !

Vado al veglion, ‘sta sera,
cossa ghe xe de mal ?
Son giovine, son bela
e semo in Carneval !
In maschera se ridi
a farli bazilar (7),
e a qualchedun la zena
se ghe a- pol a scrocar !
Vado al veglion, ‘sta sera,
no steme tormentar !

Son vecia e son in tochi:
questo ghe xe de mal !
Me tocarà, capisso,
finir a l’ospedal.
Purtropo, go finido
de farme cocolar,
E za che no i me guarda
me sfogo a tabacar (8) !
Ma chi bazila mori,
no steme tormentar!

 

Per i lettori di fuori Trieste:

(1) cocàl = gabbiano
(2) strucar = stringere, ma anche palpeggiare
(3) feral = lampione
(4) macia = macchietta, simpaticone
(5) stuzzigar = provocare
(6) se strachi = si stanchino
(7) bazilar = preoccuparsi, qui significa essere in difficoltà
(8) tabacar = fumare

Tag: , , .

23 commenti a “Fazzo l’ amor xe vero”, una vecchia canzone popolare triestina

  1. Avatar Fiora

    condivisibile manifesto femminista ante litteram o…extra litteram, pur senza la crudezza francamente fastidiosa di quante successivamente hanno senza eufemismi inneggiato all’autogestione del proprio apparato riproduttivo.

  2. Avatar ufo

    Mastra Flora, di grazia, da quand’è che anche ella usa esprimersi in cotale modo aulico? Go dovù lezerlo do volte vanti e indrio, el comento, prima de rivarghe.

    Ma l’autogestion saria quela de Kardelj?

  3. Avatar capitano

    (9) el moro = el mauco

    La prova:
    El moro se ciamava Mauro -> cambio de consonante r in c.

    http://youtu.be/WjoSv60hpm0

  4. Avatar Fiora

    @2al IMAGINIFICO
    ‘lora: go volesto provar a mi stessa che son ‘ncora bona de de parlar in cichera e go volù far un omagio serio (anche ti all’ ocorenza te ne regali scriti in gramatical) al ruspante testo vernacolo dela canzoneta, che senza sbraitar che”l’utero è mio e lo gestisco io” (brr. che pesanti zerte feministe sfegatade!)esprimeva zà in quela volta la libertà de pensier e de azion dela baba patoca

  5. Avatar Bibliotopa

    Me la cantava mia nonna, ma da signora vittoriana, quasi coetanea di Svevo, citava solo la strofa Vado al veglion stasera, cossa ghe xe de mal? e semmai ricordava l’ultima strofa Son vecia e son in tochi, questo ghe xe de mal..

  6. Avatar sfsn

    grandi le babe triestine de quel epoca…
    desso inveze le xe tuto un tirarsela e no darla mai (o darghela solo ai figoni pieni de pila, tipo Chanel…)

  7. Avatar maja

    me sa che la pila iera sempre erotica, sfns, anche quela volta e no solo desso.

  8. Avatar Mauricets

    7

    maja
    e sempre sarà.

  9. Avatar maja

    apunto.
    se te piasi quele a cui ghe piasi la pila, ma ti la pila no te la ga, inutile lamentarse. o te rapini una banca o te cambi target e te se buti su quele che la dà per puro divertimento, senza spetarse ricompense costose in cambio.

  10. Avatar Mauricets

    9

    maja
    adeso son separa. fresco de tribunal.
    27 ani de storia.
    un fio.
    una vita butada nel ceso.

  11. Avatar hobo

    ma ‘sto ugo urbanis gaveva pila?

  12. Avatar ikom

    Il successo è il miglior afrodisiaco

    Oscar Wilde

  13. Avatar maja

    mauri

    l’amarezza passa, prima o poi, e là fuori c’è ancora vita.

  14. Avatar Mauricets

    13

    maja

    per adesso è devastante.
    per il futuro spero tu abbia ragione, spero di ricominciare.

  15. Avatar sfsn

    @ maja:
    conosserle quele che la dà per puro divertimento…!

    @ maurice:
    se posso darte un consiglio semiserio:
    lassa perder internet e frequenta persone reali, fa sai più ben per el spirito.

    Per el resto: una vita no xe mai butada in cesso,se fa ogni tanto scelte cul (per restar in tema), ma se pol refar.
    E cpmunque l’importante xe no calar l’acqua 😉

  16. Avatar hobo

    @sfsn

    per fortuna (nostra e loro) no xe che tute la da’ solo o per la pila o per dare un figlio a dio. disemo che in due se se diverti de piu’ che da soli. val per noi e val anche per le babe 🙂

  17. Avatar capitano

    L’unica di cui andare nostalgici è che all’epoca nessuno sapeva i significati di parole come metrosexual, escort, fashion blogger, sugardaddy, finger food, masterchef,…

  18. Avatar hobo

    metrosexual vol dir che un ga el cazzo lungo un metro?

    http://youtu.be/CkCYJ6FK0T4

  19. Avatar ufo

    Un metro? O povareto. Ma el xe nato cussì o i ghe lo ga scurtado dopo?

  20. Avatar iole

    No me par bel che ciamè le mule “babe” sa? Le mule xe putele; le babe le xe vecie! Ma ara ti cossa che me toca de lezer!

  21. Avatar iole

    visto che anche mi son iole e che go scrito tante volte, ghe tegno a precisar che no son mi la iole del #20

  22. Avatar jaap dieleman

    c’è una traduzione in inglese?

  23. Avatar Archibald

    Interessante 20 e 21…..Il mistero delle due Iole !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.