28 novembre 2013

Trieste-Kotor in bici atto secondo: sud-est no vol dir discesa

Qua le puntate precedenti

Econe qua, apuntamento ale 9.00 del 4 agosto in Piaza Unità, pronti per partir. Come el 4, no iera el 3 agosto la partenza? De sabato, che poi saria più logico, per ciapar un giorno festivo in più. Eh no, perchè el 3 poi gavemo scoperto che qualchidun gaveva un matrimonio (auguri Francesca e Alex). Quindi ne xe sembrado più furbo partir el giorno dopo. Inutile dir che al sposalizio se semo contradistinti per moderateza per eser freschi come rose la matina…
El bel de esser ormai ala quinta rumizada, dopo Berlino, Monaco, Budapest e Cracovia, xe che tuti se speta che con l’esperienza un sapi tuto quel che xe de far e che ghe vegni in automatico. Invece no, ala fine spesso l’esperienza se trasforma in ecessivo relax, e a prevaler xe quel senso de blandeza che te fa pensar “ma bon, se ala fine go za fato altre zinque volte vol dir che xe propio una monada, cossa ocori prepararse, penseremo co sarà el momento”. Cussì, le borse le go preparade ale 22 dela sera prima, de ritorno del sposalizio (eh bon, tanto sempre quel xe de meter dentro). I copertoni, che ormai xe diventadi slick, no li go cambiai (eh bon, xe agosto, speremo che no piovi, e al limite anderò più pian). No stemo parlar de pulir la bici o simili (eh bon, tanto la ga de sporcarse, no?).
Italo me se avicina ala bici e varda la cartina che go sula borsa del manubrio. Ara! Che bravo, te ga stampà la mapa dela prima tapa! Ma speta. Qua sta cartina mostra tuto un poco tropo in zo. E noi no passemo per Buie. E qua xe segnà l’arivo a Parenzo. Ma che cartina xe? Eh, de co gavemo fato la Parenzana in marzo 2012. Quindi ancora prima dela rumizada verso Cracovia. Eh bon, xe che la ga bei colori, ara che ben che la sta, la xe in pandàn cola bici!
Ad acompagnar la nostra partenza xe vegnui anche in clapa i Bisiachinbici, tuti in maia giala. Zonta Cionn, che ne acompagnerà el primo giorno, salimo su per Corso Italia in diese, per la gioia dei automobilisti che ga de superarne.
I primi scampoli de libertà te li assapori a San Giacomo, co te rivi sula ciclabile. Ala fine purtropo xe ‘ssai comun no aprezar mai fin in fondo quel che se ga, ma mi son abastanza convinto che sta ciclabile sia una dele più bele tra tute quele che go fato fin desso. El panorama xe qualcossa de unico e meraviglioso, la pendenza xe legera e te pol goderte un tramonto spetacolare.
Rivemo ala salita de Catinara. Mauro punta e supera i bisiachi. “Daghe! A Monfalcon no i ga salite, no i sa come che se fa!”. Poco dopo, Italo afianca e se meti a ciacolar con un sior che se ciama Italo anche lui. I se meraviglia a vicenda, no i ga mai conossù altri Itali. Italo senior nota el coprisela in gel de Guy, e ghe disi che solo i figheti usa quela roba. Sarà, però co te fa un viagio de 1000 chilometri xe fondamentale. No digo de portarse el cussin del divano, ma mudandoni col panolon e selin morbido e copriselin in gel rendi tuto più rilassante. Xe diferenze che no te senti subito, ma dopo un do giorno, co no te gaverà nissuna voia de alzarte del selin perchè za te sa come sarà poi risentarte. Come anche la forcela amortizada. Se te la blochi sul’asfalto te par che no cambi ‘ssai. Idem i guantini. Ma dopo qualche giorno anche ste minime diferenze te le senti tute su mani, polsi e brazi. Le nostre bici xe tute mountainbike amortizade davanti. Esclusa quela de Mauro, che però no sembra risentirghene più de tanto. Come spesso sucedi, ognidun ga quel che se merita e che più ghe corispondi. Cussì la mia bici xe una Giant Rincon, quela de Italo xe una Beone (che evidentemente in inglese se legi Be One 😉 ) e quela de Guy xe una Mazitech (Sì, so, se disi Mathitech, ma Mazitech fa più rider).
A metà ciclabile se agrega ala clapa Erich, che farà solo el primo giorno, come Cionn. Fa caldon. Le previsioni xe robe sahariane. El termometro dela bici in efeti segna 43°, ufo. La pausa radler de Mahnic xe obligatoria. Italo, che iera ultimo e anaspava, se sveia de colpo co senti la parola “bira” e tira el fughin. Gavemo trovà come recuperarlo. Italo : bira = Popeye : spinaci. Davanti de un panin, el ne spiega la sua teoria dei scambi termici, che bisogna far in continuazion. Caldo in testa – aqua sula bandana, caldo in cuor – bira in panza, pie che fuma – via le calze, per la gioia un poco de tuti.
Gnanche el tempo de ripartir, e la seconda bira xe servida. Erich monta sula bici e va longo in direta, de fermo. Chi casca buta de bever, xe la dura lege.

In Slovenia, le strade xe imerse nel verde e decisamente piacevoli. El trafico xe qualcossa de inesistente, e te se senti bastanza sicuro de poder ciacolar in tranquilità. Un stargate ala fine de una dele tante salite te fa vegnir voia de teletrasportarte diretamente a Kotor, ma strinzemo i denti e proseguimo.
Incomincemo a risentir de quel che sarà un dei grandi problemi del viagio: la cronica mancanza de aqua. Fontane no ghe ne xe e neanche anime vive a cui domandar. Trovemo un campeto de balon. I gaverà una spina per l’aqua no? Italo xe sicuro de sì. Dei, muli, xe un campo de balon. Ciò, i bagnerà l’erba con qualcossa no? O i ghe suda sora e basta quel per farla cresser? El ragionamento fila. Controlemo. El campeto xe in cemento. Nema voda. Qualchidun ne risenti più de altri.

Finalmente, in mezo ai fantasmi, trovemo una casa dove par che ghe sia qualchidun. Domandemo se i ga un poca de aqua. I xe gentili, i ciol le borace e i va a riempirle dentro casa. Ora che i finissi tuti i tramachi, se le semo za bevude in un fià, e ghe toca far un secondo giro. I ne ofri anche cafè e gati.
Riva el momento: se separemo de Erich e Cionn, che torna verso Trieste. Noi restemo in zinque, quei che proseguirà fin Kotor. Ghe la faremo? Le robe sembra esser più dure del previsto. No gavevimo fato i conti con tanto caldo, con cussì poca aqua e gavevimo anche sotovalutà i continui saliscendi. De bon auspicio, rivemo in un cimitero, dove Italo se senti momentaneamente a casa. El par propio copà, e no gavemo gnanca una bira de darghe per farlo risuscitar come prima.

Dopo una bona mez’ora passada a sburtar el radicio che no xe, rivemo ripartir, col sol che ardi un poco de meno. La meta finale de ogi xe Matulji.
A Zejane trovemo gente che sta montando i tavoli per una sagreta. Ormai pedalemo de tante ore, i posti xe diversi, la lingua xe diversa, se sentimo ormai isolai sule nostre bici, pici distorsori spaziotemporali, za lontani de casa. Cussì, co dei altoparlanti dela sagra sentimo La mula de Parenzo, Quel mazolin di fiori e Ciribiribin, ne par una roba che ga del’incredibile. Se dimentichemo che in realtà i chilometri che ne separa de Trieste xe meno de 100, ben pochi. E co vado a ordinar le bire, el mato me domanda “in boza?”.

A furia de far tute ste soste, incomincia a esser tardi. Dovemo zucar. Rivemo al’inizio de un boscheto. Sì dei, entremo! Semo stufi del’asfalto. El grigio xe monotono, zerchemo un minimo de varietà. El cartel però xe de dificile interpretazion.
Bon, noi rivemo da Zejane, quindi frecia a sinistra vol dir tornar indrio, frecia a destra sarà andar avanti ah! E frecia in zo? Bu, cicce. Andemo avanti. Ruchemo. La salita incomincia a diventar dificoltosa. Ma bon dei, dopo quela curva sarà discesa! Invece no, altra salita. Per tera sempre più grembani. La roba incomincia a spuzar. Ma tegnimo duro, dopo quela curva sicuro ghe sarà la discesa. Salita ancora. Dopo un tre curve de vane speranze, decidemo de tornar indrio e de vardar ben el cartel. Stavimo andando a Lisina. Frecia in zo vol dir andar avanti. E i colori xe la dificoltà del percorso. Furbescamente, gavevimo scelto la strada rossa.
Rivemo a Matulji, e là trovemo un posto a 77 euri in tuto, con, udite udite, la piscina. Semo entusiasti, giusto el tempo de spoiarse a za semo a tirar clanfini. La tipa del posto ne spiega dove andar a magnar, proprio là de drio, e ne disi de ligar pur la bici sul passaman nel parchegio de soto, che là le xe al sicuro. No semo ‘ssai convinti, ma ghe demo de cadenazi e speremo ben. Andemo a magnar, la mula ne porta una grigliatona e un risoto che la ga fato ela con tanto amor. La grigliatona sparissi in do minuti, el risoto stenta, semo ulmi. La ghe resta un poco mal, alora se sforzemo de far i onori de panza. Notemo che in un angolo xe un atacapani ‘bastanza obrobrioso, nero, con giusto tre rameti in crose dove tacar le robe. Parti el giro de scomesse su quanto vecio el devi esser. Rimasugli de moda ani ’60, minimo. No dei, questo xe tipico kitsch electrosbregabalon ani ’80. Rococò bolscevico ani ’70. Residuo bellico jugonostalgico ani ’90. Brandnew voionoposso anno 2004. Milenium bacolo del 2000. Ciamemo la mula, ghe spieghemo la scomessa e ghe domandemo che origine el ga. La ne disi che lo ga scelto ela do ani fa perchè el ghe piaseva tanto. Ben dei, solito figurin de damer.
Tornemo verso casa. Piscina + sdraio + bireta, e i discorsi non pol che verter sula filosofia più profonda. Guy lancia la sua massima dela buona notte sul raporto uomo-donna: “te ghe devi romper le bale ala morosa sula sua pedinadura perchè cussì te ghe dimostri che te sa quel che te vol e in tal modo la se senti sicura e proteta”.
A onor del vero, manca esatamente due parole ala version originale de questa massima, ma la ricorderemo cussì.
Lunedi la prossima puntata!

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *