25 Novembre 2013

Trieste-Kotor in bici atto primo: zinque bici, zinque Montenegri e la solita galina con do teste

Incomincia ogi el diario del’ultima rumizada de Trieste a Kotor de agosto 2013. Le puntate sarà trasmesse in bora.lavisione al lunedi e al giovedi. Bona letura per chi che ga voia! 🙂

Spero un sacco de poder vignir in futuro ad un’altra ciclomonada, ma me sa che sarà la fila de qua fin Borgo.”
Cussì finiva l’ultimo biglietin che Massimo, un dei protagonisti de Polska… rivemo! (ma cossa, xe publicità al libro che se trova in libreria? Sì! 🙂 ), el viagio in bici del’ano scorso de Trieste a Cracovia, ne gaveva fato trovar in stanza l’ultimo giorno prima de ciapar el tren e separarse del resto dela comitiva. E in efeti el iera sta’ quasi profetico, visto che a un certo punto sembrava che per bon sto giro podessimo partir adiritura in 13.

Che ghe sia stado un boom nel’uso dela bici nei ultimi tempi xe inegabile, e se lo pol veder ogni giorno girando per cità. Tanti la considera una moda, e come tale destinada prima o poi a finir, perchè quel che desso fa figo, prima o poi diventerà ccgnaf (per chi no sa, ccgnaf xe acronimo de Cose Che Gridano No! Alla Figa). Xe el normale ciclo dela bobanità. Prima te son boba, poi te diventi legera, nagana, tara, marzo e co te rivi al’ultimo stadio de smarzo xe poco cossa far, no te ingrumi più, te ga fato el tuo tempo. Ghe xe sucesso per esempio ale tirache, al marsupio, ripetutamente ale allstar nei periodi in cui le costa poco, ai ciclisti ala Axl Rose, o a Axl Rose medesimo. Mi credo invece che le persone se gabi semplicemente acorto che la bici xe un mezo pratico e estremamente economico, e visti i tempi, questo no va de sicuro in secondo pian. In più, e questo sì che pol esser visto come una “moda”, anche se preferisso considerarla semplicemente un diverso tipo de aprocio e l’espression de nove (o vece) necessità, se sta difondendo sempre de più la passion per i viagi lenti, in bici o a pie che i sia. E cussì el visitar diventa viver, in ogni istante.
E cussì, via via che se avicinava l’estate, la clapa se alargava, tanto che gavevimo adiritura sentenzià che no iera el caso de sforar el numero 8, se no dopo trovar posto dove dormir saria sta’ longhi. Ma se sa come che va ste robe poi. Questi xe i tempi del “Se bechemo doman ale 21 de Scussa?” “Fata!”. E el giorno dopo se no te riva de matina el sms “Alora confermado stasera? Se bechemo?”, al dopopranzo “Bon stasera rivo, forsi un 5 minuti dopo, ma rivo”, e de sera “Parto desso de casa, te son za là?” e subito dopo “Son qua, te son fora o te ga ciolto posto dentro?” te pol star sicuro che no te trovi nissun de Scussa. La generazion precaria anche nei apuntamenti.
Morale: el giro de mail organizative per la nova rumizada xe partì in aprile, tra i 7 reduci de Polska…rivemo!
De questi, se perdi subito Siani. Cionn disi che poderà solo i primi 3 giorni. Bon, semo in 5. Se agrega nele intenzioni Guy, Paolino e Enrico. Semo in 8. Michele fissa la data de partenza al 3 agosto, su cui Pasta no xe convinto. Ma Michele xe certo de vegnir, Pasta no xe convinto. Vinzi le certeze. E cussì fissemo el 3 agosto. Semo in 7,5. Tempo un mese, perdemo Michele, che xe stado ciolto in una scola de grafica a Stoccolma propio a partir de agosto. Semo in 6,5. Erich, uno dei protagonisti del precedente viagio a Budapest el torna dei nostri. Semo 7,5. Paolino nega de esserse agregà. Semo in 6,5. Marco se disi interessà a vegnir. 7,5. Marco no ga ferie. 6,5. Enrico xe via. 5,5. Italo ciol ferie e se unissi ala clapa. 6,5. Mauro disi che vien anche lui. 7,5. Emanuele e Gabri se disi fortemente interessai a vegnir. Ghe disemo che 8 xe el numero magico che gavemo decretà come limite, cussì li tegnimo in standby in atesa dela decision de Pasta. Paolo disi che no ghe la fa. 6,5. Gabri no ghe la fa. Cavemo Emanuele dal standby e lo femo entrar in clapa. 7,5.
Decidemo la meta. Est, come sempre. Cossa ne sburta verso est? I viagi verso est xe sempre i più afascinanti, in pochi chilometri le robe cambia tantissimo, te entri quasi in un’altra dimension, se va in direzion dela nascita del sol, del’origine dela luce, del’alba del mondo, dela nostra ancestralità, le ombre sta a sinistra, che rapresenta la fantasia, in contrasto col rigor e la fossilizazion del’ocidente in decadenza. Sì! Giusto! Daghe! Secondariamente, la bira costa de meno.
Est dove? Nord-est? No dei, sto giro andemo in discesa. Sud-est. Balcani. Fata. Ciò varda, andemo qua, me ispira ‘ssai sta cità, devi esser una figada beverse una bira là. Che cità? Come se ciama? Bar. Bon, ma xe in Albania, quanti chilometri xe? Bu, no so dei, ciol el righel e varda. Ma se invece andassimo in Montenegro? Xe 1000 chilometri giusti, 10 giorni. E po’ el montenegro ga la galina con do teste sula bandiera. Va ben, fata la xe. Montenegro sia.

Massimo ga una grande intuizion. El ne disi con cognizion de causa che in Montenegro no i ga l’amaro Montenegro. Che no i lo conossi. Alora, se volemo far veramente la figada, ognidun de noi se porta zo una boza de amaro Montenegro, ghe la mostremo e se la bevemo al’arivo. Ma xe un chilo de fiasca! Eh bon, te vol esser un vero omo? Altro che quei do mone in aparechio ala ricerca del’Antico vaso. Va ben, ma a mi no me piasi. Cice, te la scambierà con una rakija. Va ben, el ne ga convinto.
El 15 giugno, a 1 mese e mezo dela partenza, decidemo de far la prima riunion a Barcola, per capir el percorso e le tape. Savemo za che de queste riunioni no vien fora mai quasi gnente, se non una gara de clanfe. Erich ciol la parola per primo: “Muli, go pensà. Scoltè, ma perchè no andemo a Vienna?”. Ecolo, l’unica roba che iera sicura, la meta, vien subito messa in discussion. Cassemo la cassata de emendamento e se metemo a discuter sule robe che conta. A fine riunion, le decisioni ciolte xe che el dress code sarà braghete verdi, maia nera e mustaci. Punto. Tape? Percorso? Bici? Riode? Magnar? Dormir? Ma bon, quele xe robe secondarie, gaveremo tempo per pensarghe. E po’ in una clapa che se rispeti ognidun ga el proprio ruolo, e quel de far el percorso xe sempre sta’ magistrale opera de Cionn e de Erich. Femo i indiani e te vederà che prima o poi i farà lori. Sì, ma Cionn ga dito che vien solo i primi 3 giorni. Eh bon, vol dir che intanto el preparerà quei e dopo co saremo za in viagio lo tortureremo per far i altri, o se no farà Erich.
Ma la precarietà ne perseguita. El 9 luglio, Erich ne preanuncia che el xe indeciso se vegnir con noi o andar de solo in bici in Germania per una conferenza. Otimo, la definizion del percorso de far ne sembra sempre più lontana. Ma trovemo un link in rete de chi ghe ga za fato Trieste-Mostar in bici. Lampi de speranza sul nostro futuro. Altra riunion a Barcola, moneti cartinamuniti per valutar el percorso trovà in internet. Par fato ben. Ma perchè in Bosnia no i xe passai per sta grande pianura? Xe tuto gialo, vol dir che xe tuto drito. 100 chilometri de drito, figada! Dovemo passar assolutamente de là. Sì, ma ga dei bordi segnai. Eh bon, sarà Riserva Naturale dei. Te ga ragion, figada, anche con la Riserva Naturale! Deviazion confermada. A casa, ghe xe chi poi legi anche la legenda dela cartina. Chiara me fa notar che gialo vol dir zona de adestramento militare. Benon. Zona de adestramento militare in Bosnia no xe che ne ispiri ‘ssai. Deviazion cassada.
A proposito de militari, nel fratempo continua le diserzioni. El 15 luglio Pasta sciogli i suoi dubi e ne disi che no sarà dei nostri. Semo in 7. El 25 luglio, la notizia che nissun se aspetava: Massimo, un dei più convinti, ga un coloquio el 9 agosto. Semo in 6. El primo agosto, a due giorni dela partenza, Erich decidi per la rumizada apocrifa in Germania (ala quale ala fine se agregherà anche Pasta). Restemo definitivamente in cinque:
Mi, pesci, classe 1979. Terzo da sinistra nela foto qua soto. Legera sbrisa. Ibrido servolanopicinese. Etologo dele clanfe, rampigador santo, filosofo dele monade e editor del’underground cul-tural patoco.
Guy Fabricci, scarpion, classe 1979. Quarto da sinistra. Legera tendente nagana. Opicinese. Velista, rampigador, sbisigante del caffè, osmizador convinto e torsiolon.
Italo Cerne, aquario, classe 1983. Ultimo. Nagana. Dubbia origine. Rampigador, furgondotado, casacoloradadotato, uomo dele improbabili aconciadure, pluritimbrà, plurisbusà.
Mauro Loredan, sagitario, classe 1984. Secondo da sinistra. Mulon sbriso. Servolan. Rinegador del suo vero nome Marco. Biraiolo, vinador, lubjanskologo, sbisigador de tubi idraulici, omo de panza e de sostanza.
Emanuele Deseria, toro, classe 1980. Quinto da sinistra. Mulon. Origine sconosciuta, forse sangiacomina. Ex atleta, baloner, sardoner top class, Totò Schillaci shakerado con Alberto Tomba.
El primo da sinistra xe Eric Medvet, che no se merita la simpatica biografia visto che el ga tirà bidon, tiè.

Bon, tanto per cambiar, sto diario xe incomincià ma nissun ga ancora mosso meza zata sui pedai. Ma xe un poco la filosofia del viagio, l’aventura incomincia ben prima dela partenza, e za imaginarse come sarà quel giorno xe, in fondo, una dele parti più emozionanti dela storia.
Quindi el resto imaginevelo e po’ bon dei! 😛
Giovedi la seconda parte (partimo per bon!)

Tag: , , .

6 commenti a Trieste-Kotor in bici atto primo: zinque bici, zinque Montenegri e la solita galina con do teste

  1. Avatar Pasta

    Ciò te me fa sentir un 0,5 apocrifo!

  2. Avatar Siani

    no per dir, ma Bar xe in Montenegro no in Albania. mi una volta go ciolto el tragheto Bari-Bar, par na ciolta pel cul ma esisti

  3. ara sì ciò.. ben dei! 😀

  4. Avatar erika

    😀 bel!
    @Pasta…te sa che in sto mondo vinzi la sicurezza sempre, xe el “comfort zone”. Te devi dir SI! (e dopo te ghe pensi)…el futuro xe sconosciuto! 😉

  5. Paolo Stanese Paolo Stanese

    Ecco, fa proprio piazer de leger storie cussì in un giorno de bora d’inverno.
    Pecà gaver mancado el giro, ma amen.

  6. Avatar ikom

    Ma come ghe la fè fisicamente mi me sento stracco solo a legger………………………………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.