2 Novembre 2013

Trieste Science+Fiction: il programma di oggi

Anche oggi sarà ricca e articolata la programmazione del Trieste Science+Fiction.
Oggi alle ore 18.30 presso il Teatro Miela (ingresso libero) di svolgerà l’attesa proiezione del documentario “Maksimovič. La storia di Bruno Pontecorvo”. Il film, inserito nella categoria Spazio Italia, racconta la complessa vita del grande fisico nucleare italiano Bruno Pontecorvo, nato 100 anni fa e passato agli onori della cronaca per la sua scelta di varcare nel 1950 la Cortina di Ferro e lavorare per l’Unione Sovietica. Il documentario, diretto da Diego Cenetiempo e scritto da Giuseppe Mussardo, vede tra i produttori alcuni tra i centri scientifici internazionali più importanti che hanno sede proprio a Trieste come la SISSA (Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati), l’ICTP (The Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics), e l’INFN (Instituto Nazionale di Fisica Nucleare), mentre la produzione esecutiva del film è stata affidata alla casa di produzione cinematografica Pilgrim Film.

Appartengono alla selezione ufficiale – Concorso (Asteroide e Méliès) alcuni tra i titoli più attesi di questa giornata: Upstream Color, opera seconda di Shane Carruth (già trionfatore al Sundance con Primer), enigmatico ed ipnotico thriller fantascientifico incentrato su un uomo e una donna vittime di uno stesso esperimento; Robot & Frank dell’esordiente Jake Schreier, con protagonista Frank Langella, racconta la bizzarra amicizia di un uomo segnato dall’Alzheimer con un androide programmato per fargli da badante; The Station (Blutgletscher) di Marvin Kren, fantahorror che racconta la storia di Janek, tecnico in una stazione di osservazione climatica di alta quota nelle Alpi, alle prese con una inquietante scoperta. E prosegue Fantastic Shorts, la ricca Selezione di cortometraggi fantastici europei (European Fantastic Shorts) – in collaborazione con l’EFFFF – finalizzata anche quest’anno al Méliès d’Argento per il miglior cortometraggio fantastico europeo, che concorrerà successivamente per il prestigioso premio Méliès d’Or.

Quanto a Spazio Italia, la sezione ospiterà un omaggio ad Antonio Margheriti con la proiezione del documentario The Outsider realizzato dal figlio Edoardo Margheriti nel decennale della scomparsa del Maestro. Arriva inoltre a Trieste l’horror sopranaturale di Lorenzo Bianchini Across the River (Oltre il guado, 2013), ambientato nelle valli al confine tra il Friuli e la Slovenia, nella zona di Topolò, e prodotto dalla società triestina IG.

Proseguono gli Incontri di Futurologia, al Magazzino delle Idee: Franco Farina (Fondazione Teatro di Pisa) presenterà il libro Scrivere il futuro: del mancato amore tra la fantascienza e il teatro; Mauro Giacca (Direttore ICGEB, Trieste) parlerà di Genetica per il futuro; Alessio Liguori, Edoardo Margheriti, Massimo Morini e Fabrizio Rizzolo converseranno di cinema sci-fi made in Italy nella tavola rotonda Italiani nello spazio.

Infine, in attesa di ospitare il Premio Oscar Gabriele Salvatores (domani), al quale il festival assegnerà il premio alla carriera Urania d’Argento (in collaborazione con la rivista Mondadori Urania), un programma speciale – realizzato in collaborazione con il Centro Sperimentale di cinematografia – Cineteca Nazionale – proporrà domani la proiezione di Nirvana e di Sogno di una notte d’estate.

La pagina Facebook del Science+Fiction per seguire il festival in tempo reale

Tag: .

Un commento a Trieste Science+Fiction: il programma di oggi

  1. Avatar capitano

    Ma veramente in programma non c’è Zoran? A vederlo mi pareva fosse di fantascienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.