9 ottobre 2013

La Barcolana e la leggenda del Stropacul Svolante

La febbre da Barcolana si avvicina. Ecco l’omaggio di Bora.La alla regata velica più amata dai triestini (e non solo): la maldobria della leggendaria nave pirata “Stropacul Svolante”, terza storiella tratta da Polska… rivemo! di Diego Manna e Michele Zazzara (che si trova nelle librerie più bobe de Trieste! -el libro, non Michele Zazzara-) pubblicata online, dopo La Trieste furlana del futuro e El Torneo imperiale de Sesa Color.
Eh bon, bona letura e bona Barcolana! 🙂

LA LEGENDA DEL STROPACUL SVOLANTE
Testo di Diego Manna, pupoli di Michele Zazzara

– Marmelada de stropacui i ga magnà per colazion. Mi no gavevo mai inteso.
– Ma come no dei, per bon no te ga mai magnà?
– A mi i me ga sempre dito che i stropacui fa mal e che i xe invelenai.
– Ma cossa mai invelenai, te prego dei! Ara che i xe magnabili… come se disi… comestibili, ecolo. E magari desso te me dirà che no te conossi gnanca la storia del Stropacul Svolante e de Gino Oloturia.
– Gino Oloturia? Stropacul Svolante? Cossa, i se tirava stropacui?
– Ma no, xe una storia de un diese ani fa dei, de un vecio smafero de Cherso che pensava de esser un pirata moderno. Bon, impinissi qua el bicer che te conto.
– Pirata moderno. ‘Ssai bela questa. Ciapa, sluca ben, che sentimo…
– Insoma, ghe iera sto Gino, che gaveva la sua barca, ma giusto un poco più granda de un caìcio sa, no pensar chissà che robe, solo che lui de picio el se gaveva leto tuti i romanzi de Salgari e de quela volta ghe gaveva ciapà la fissazion de esser un pirata.
– E el gaveva la bandiera col muso de scheletro?
– Se capissi po’, cola crepa de morto!
– E el papagal sula spala?
– El gaveva zercà in giro, ma no el gaveva mai trovà un. Alora el gaveva ciolto un cocal e el ghe gaveva imparà a starghe sula spala. Solo che ogni tanto el tirava de quele cagade che no te digo, e sto Gino andava in giro con tuta la blusa incagolada.
– Bel de veder. E la benda sul’ocio el gaveva?
– Quela la gaveva, anca se el ghe vedeva benissimo de tuti e do i oci.
– E el ganzo al posto dela man?
– Quel no. Però el se gaveva notà a un corso de uncineto, per via che el pensava che iera qualcossa che te imparava a netar i uncini e che un doman magari gavessi podù servirghe.
– Capisso, uncin neto. Doveva esser ‘ssai sgaio sto Gino.
– No iera sta zima, disemo. Insoma, lui ‘ssai ghe piaseva bagolar a torziolon per l’Istria a zercar tesori e far gheto, saltandoghe de sora ale barche dei turisti per zercar de rambarghe qualcossa.
– Ah, ma anca ladro el iera alora. E cossa, la polizia no lo ga mai ciapà pe’l copin?
– Ma cossa te vol che i andassi a perder tempo con lui. Tuti lo conosseva e tuti saveva che iera solo che un povero vecio insempià, e che come pirata el valeva meno de una s’cinca e un boton. No el rivava gnanca a pozar un pie sule barche de quei altri che el cascava in aqua come una pepa lessa.
– Bon, ma insoma, no ghe xe mai vegnù gnente in scarsela?
– Vara, l’unica roba che el se ga guadagnà col tempo xe el soranome, Gino Oloturia po’, el stronzo de mar.
– Aaaah, desso go capì perchè “oloturia”, povero omo.
– ‘Ssai poco de dirghe povero, co un se le zerca. Comunque, volevo contarte de quela volta che el suo amico Piero Bisnizo ga per bon trovà una mapa del tesoro…
– “Bisnizo”. Anca sto qua me par un nome che la disi longa…
– Za, co che ghe iera qualche trapolez, te podevi star sicuro che de mezo ghe iera Piero Bisnizo. Insoma, a sto Piero un pochi de ani prima ghe iera morta la nona, e la ghe gaveva lassà una vecia casa con tuto quel che ghe iera drento. Ma sicome el iera bastanza spuzafadighe, no el ghe gaveva mai messo pie, che ancora no ghe tocassi meter in ordine qualcossa. Solo che una sera, che el iera tornà a casa tuto bel impetessà, la molie ghe gaveva da’ una piada int’el daur e lo gaveva lassà a dormir fora. Cussì lui iera andà int’ela casa dela nona, pitosto che dormir sul paion per strada, e là el se gaveva messo a sbisigar in sofita, che ghe iera pien de bei strafanici veci. E cossa el ga trovà?
– La mapa del tesoro!
– Eh no, no gaver furia. El ga trovà un vecio baul, una roba del setecento ‘diritura, de un suo trisavolo, fato propio come che te se imagini un baul dei pirati.
– Va baul e torna casson.
– Sì, no scominziar cole monade desso. Insoma, el ga trovà sto baul…
– E drento iera Gigi che se gratava el cul? Ah ah che bela che iera quela!
– Ma lassa che te conto! Ciapa, bevi intanto, cussì te tasi. Drento el baul ghe iera un papiro, e su sto papiro, con bela scritura de una volta, ghe iera scrito:

La nostra spedizion a lieto fin non giunse mai
nel golfo del melon un fortunal recò assai guai
la solerzia nel lasciar sia velier che filibusta
nefasta fu cagion dell’oblio de cior la busta.

Che difati xe restada là
orco tron de sardon impanà.

Levate’l deretano, o di Willi prodi eredi
velici certami asservirete ai vostri piedi
nel glauco profondo alabardato mar
celata già è la via che dovrete seguitar.

– No go capì gnente, solo melon e sardoni impanai. Cossa iera, una riceta?
– Sì, del dotor per guarirte la monagine.
– Ah ah ah, che rider che te me fa ara, speta che me fazo i grizoli soto el scaio cussì rido ancora de più.
– Speta che te spiego. In pratica iera un papiro scrito de un suo antenato, el famoso Capitan Willi, che iera un pirata per bon, col galeon e tuto quanto, come che Dio comanda.
– E Willi el se ciamava? Mi me ricordo che qualche ano fa in cine ghe iera un film con un pirata che se ciamava propio cussì. Willi L’orbo iera, per via che el iera orbo de un ocio. Cossa, iera el stesso?
– Ma no dir monade, quei xe film americani. Sto qua iera Willi L’urbo, per via che co no el iera per mar el fazeva el vigile urban.
– Ma cossa i urbi esisteva za nel setecento? E cossa i multava, le caroze che coreva tropo?
– Ma coss’te vol che sapio coss’che i fazeva, ostia. Bon, comunque la legenda disi che sto Willi L’urbo, col suo velier che se ciamava el “Stropacul Svolante”…
– Bel nome ciò, piratesco propio!
– Eh, ma xe per via che a tuto l’equipagio ghe piaseva de mati la trapa de stropacui, e co i se inciucava con quela ghe pareva de svolar adiritura, e i diventava squasi imbatibili de quanto che i iera imborezai, una legenda i iera. Comunque, te disevo, sto Willi el iera drio zercar un tesoro ‘ssai ma ‘ssai grando, una roba che lo gavessi fato diventar rico lui e tuti i sui discendenti de quanto che el valeva. E che el iera nascosto propio qua de noi, a Trieste. Per quel xe scrito golfo del melon e alabardato mar, no?
– Quante che te sa ciò, ogni volta te me stupissi. Bon, ma insoma, e dopo lo ga trovà? No el podeva meter el tesoro int’el baul, pitosto che sta carta de formaio con ste filastroche?
– Ma no, ostia tua, int’el papiro xe scrito che el viagio no xe andà ben, che i ga becà un fortunal… un neverin insoma, e che el Stropacul Svolante ghe xe andà a remengo soto aqua. E i mati xe scampai de furia, dismentigandose là la busta, e drento dela busta ghe iera apunto la mapa del tesoro.
– Ah, scominzio a capir. Quindi i xe tornai a casa in braghe de tela e la mapa del tesoro xe restada sconta int’el Stropacul Svolante, soto aqua a Trieste. E ala fine del papiro in pratica el ghe disi a quei che desso legi de mover el cul e de andar a zercar lori sia la mapa che el tesoro.
– Oh bravo, te vedi che ogni tanto te ghe rivi anca ti!
– Sì, ma digo, ma perchè in tuti sti ani no xe andà nissun alora?
– Ma te go dito, quela de Piero Bisnizo iera propio tuta una familia de spuzafadighe. Nissun xe mai andà perchè nissun ga mai gavù voia. Moverse de Cherso, andar fin Trieste, zercar el Stropacul Svolante in tuto quel mar cussì grando, zercar la busta, zercar el tesoro, ghe pareva a tuti che saria sta’ tropo de bazilar, no i gaveva ‘ssai frescheza.
– E inveze Piero gaveva frescheza?
– Eh no, figurite, anca Piero no gaveva nissuna voia. Solo che lui conosseva benissimo Gino Oloturia, e el saveva che lo podeva inzinganar facile e che ala fine el gavessi fato tuto lui. E cussì el zorno drio el xe corso a mostrarghe sto papiro.
– E i xe partidi de balin?
– Gino voleva sì, ma Piero ghe ga dito che sa, xe istà, xe tropo caldo, no xe voia, e po’ sarà pien de gente in mar, che i li podessi veder, che i poderia insospetirse, e che questo e che sto altro, e che insoma xe meo spetar che no ghe sia nissun in giro.
– De inverno quindi?
– De inverno Piero ghe ga dito che sa, xe tropa zima, no xe voia… insoma che saria meo far un poco prima, tipo otobre, che xe ancora bele giornade. Ma no zorni feriali, che xe sempre casin, tropo de bazilar. Meo far de domeniga, che xe tuto più rilassà e i triestini xe tuti in osmiza a magnar e bever e cussì lori i ga sicuro campo libero. Tanto navi a Trieste no gira più, el porto xe morto de ani.
– Eh, me ricordo de co rivava ogni zorno navi su navi, che bei tempi che iera. Desso xe tuto a remengo.
– No ga importanza. Bon, fati un do conti, i se meti d’acordo de andar la seconda domeniga de otobre, che ghe pareva una bona data, né tropo caldo, né tropa zima e poca gente in giro.
– Sì, ma scusime un atimo. Go capì che son insempià, però qua me par che te me la conti. Per bon lori i pensava de rivar a zercar el velier in tuto el golfo de Trieste in un zorno solo?
– Ah, e qua te volevo! Anca Piero se gaveva fato sta domanda, e difati ghe iera za passà el spiz de andar anca lui, tropo de bazilar ghe pareva. Ma Gino, che conosseva ben tute le robe de pirati, ghe ga spiegà che nel papiro ghe iera anca le coordinate precise de indove zercar, sconte con un strolighez.
– Un indovinel? Ostia, ara che sto Gino no xe cussì lole, in fondo…
– No un indovinel, più una roba matematica, propio. In pratica el toco in mezo dela filastroca, “Che difati xe restada là”, el te disi propio indove zercar. Do righe, latitudine e longitudine, basta che te trasformi le letere in numeri.
– Ustia! E come se fa?
– Ogni letera xe un numero po’, presempio la a xe uno, la b xe do e via cussì. E dopo te ciol i numeri che vien fora e te ga de far la soma tra de lori, e dopo…
– Bon bon bon, ara che me sta vignindo un mal de testa pezo de quel che gaverò doman per via del petess.
– Va ben, no ga importanza. Fato sta che i gaveva el punto preciso de indove che iera afondà el Stropacul Svolante. E cussì, co xe rivà el zorno, i xe partidi. Solo che i gaveva fato mal i conti…
– Iera za zima in otobre?
– No, la giornada iera belissima. Ma cossa nassi la seconda domeniga de otobre?
– Orca, te sa che no son bravo su ste robe… pasqua me par che xe in aprile de solito… lunedi del’angelo no pol esser, xe de lunedi… domeniga dele palme… no so, le palme me par alberi de mesi più caldi… e bon, desso no me sovien dei. Cossa nassi?
– Che triestin balordo che te son ara! Xe la domeniga dela Barcolana po’!
– Urremenghis! E co i xe rivai qua i ga trovà tuto el mar pien de barche alora?
– Giusto come l’oro, altro che far le robe de sconton. In piena regata i xe rivai. Do veci in caìcio, cola bandiera de pirati e col cocal sula spala, in mezo a tute quele barche, figurite che scena. E tuti oviamente pensava che i iera i soliti remenela che partecipava giusto per far la matada. Fin la television li gaveva filmai, de quanto che i dava int’el ocio.
– Bon, insoma no i ga rivà a combinar gnente?
– Eh no, Piero no gaveva nissuna voia de tornar un altro zorno, e alora i se ga messo istesso a zercar el velier de Willi L’urbo. I xe andai indove che diseva le coordinate e i se ga butà in aqua. Le altre barche a sto punto ga pensà che i se gaveva inventà un’altra matada, una gara de clanfe in mezo ala Barcolana, e lora ga scominzià a butarse in aqua un poco tuti, e tornar fora, e ributarse, e schizarse, e insoma ghe iera un gheto che no te digo.
– Eh, i triestini co xe de far casin no i se tira mai indrio…
– Savemo, savemo ben… insoma, intanto che iera tuto quel desìo, Gino e Piero ga rivà a andar soto aqua e trovar el Stropacul Svolante, che iera ancora là dopo tuti quei ani, i ghe ga nudà drento, i ga zercà la cabina de Willi L’urbo e i ga trovà sta busta cola mapa, ancora bela sigilada e serada int’un cassetin dopo tuti quei ani.
– Ara che i trova el tesoro per bon ciò!
– Speta, speta. In quel, Gino, che iera la prima volta che el vedeva un velier pirata vero, el se ga messo a tocar un poco tuto, cussì per curiosità. Casseti, vece spade, porte, armadi, la cambusa con ancora tute le boze de trapa de stropacui, vece bandiere piratesche, qualche moneda butada qua e là, el timon, e dopo el ga trovà una leva, propio soto del timon, un poco sconta. E, gnanca a dir, la ga tirada senza pensarghe do volte.
– E cossa xe nato?
– In pratica quela iera la leva del sistema de emergenza. Se ga impizà tuto un remitur de carucole e controcarucole che ga cambià i legni che se gaveva roto con altri de riserva e ga disincaglià el velier, fazendolo tornar in suso. Quele iera navi, osteria, altro che quele porcherie de desso che ciapa un scoieto e le se spaca in do.
– Te me sta disendo che i xe tornai fora del’aqua con tuto el Stropacul Svolante?
– Una scena che no te digo, robe de cinematografo. A sto punto, i mati dele altre barche, co ga visto sto velier cussì grando saltar fora del’aqua, i se ga cagà un poco int’ele braghe, se capissi, e i ga pensà che sti do iera pirati veri, e che i voleva fregarghe i bori a tuti a canonade.
– E cossa i ga fato, i ghe ga molà le fliche?
– Che fliche? Te par che la gente va a far la Barcolana portandose drio i schei? Le uniche robe che i gaveva iera parsuto, salame, ombolo, formaio e boze de vin, e quel i ghe dava.
– Bon dei, meo che una piada int’el daur…
– Sì sì, difati lori de boni istriani i cioleva tuto, e via via che i se spostava verso el tesoro el Stropacul Svolante se impigniva sempre de più.
– Ah, ma alora i gaveva capì indove che iera el tesoro?
– Ma sì ah, te go dito che i gaveva trovà la busta cola mapa int’ela cabina de Willi L’urbo. El iera ‘ssai vizin dela grota de Carlotta. E a sto punto, za che i iera, i xe andai in là col Stropacul Svolante, senza tornar sul caìcio.
– Me par giusto, cussì par ancora più piratesco…
– Esato. Solo che, ora che i rivi là, a furia de magnar parsuto, bever vin e farse fora anca tuta la riserva de trape de stropacul, i iera ormai impetessai al setimo grado dela scala Kokal. I ga scominzià a pensar de esser per bon pirati de quei veri, i se ga messo prima a balar sul ponte e dopo a corerse drio fra de lori zogandose cole spade. E dopo, tut’int’un, i se ga cagà indosso.
– Perchè? Cossa xe nato?
– I ga visto, propio arente del Stropacul Svolante, do oci zali enormi, e una boca che rideva, che rideva come mata, e granda, cussì granda che podeva magnarli int’un bocon.
– Un mostro marin? Adiritura!
– Cussì pareva. Alora tuti cagai i ga zercà de filarghe via, ma el iera ‘ssai ma ‘ssai veloce. Alora i ga butà in mar tuto el vin che ghe fazeva peso, ma comunque quei oci e quela boca spalancada li stava per becar e per magnarseli…
– Ostia che storie ara! E cossa i ga fato? Cossa?
– Eh, Gino de colpo se ga ricordà che el Stropacul Svolante gaveva anca i canoni, e alora i ghe ga tirà al mostro. Bum! Bum de novo! Ribum! Zinque canonade i ghe ga tirà.
– E i lo ga mazà?
– I se spetava de sentir un rantolo, un zigo de quei che te senti par television co che mori ste creature po’, e inveze i ga sentì solo che una marea de gente che sacramentava e che li mandava a remengo.
– Ma come, el mostro saveva parlar?
– Ah sì, propio un mostro iera… A lori che iera impetessadi ghe pareva un mostro. Inveze iera Cattivik, quela barca nera che ga i oci e el soriso malignasso de Cattivik pupolai sula vela. E el stava anca vinzendo la Barcolana quel’ano, ostregheta, prima che i lo fazessi afondar a canonade.
– Mama mia che babilogna ara! Meno mal che no i voleva dar int’el ocio!
– Te sa sì… comunque in qualche magnera i ga rivà a mocarsela, e ala fine i xe rivai indove che ghe iera sconto el tesoro, in fondo dela Grota de Carlota.
– E cossa iera sto tesoro? Cossa iera? Dei che son curioso, che xe meza ora che te scolto ormai.
– E insoma, tira para mola i xe smontai là dela grota, i ga zercà un poco, i ga scavà int’el punto indove che iera de scavar e i ga trovà el baul. I se lo ga portà tuto de sconton sul Stropacul Svolante e là, con un poca de pazienza, Gino ga rivado a scassinarlo. I lo ga verto pian pian, tuti imborezai, e…
– E?
– Ah, go sede, speta che me bevo un altro otavin.
– ‘Ndemo dei! No sta far el mona. Alora? Cossa iera drento?
– I lo ga verto pian pianin, e dentro iera… tuto bel pien de stropacui!
– Stropacui? Dei, finissila de dir monade, ara che no fa rider. Qual iera el tesoro?
– Stropacui! Per bon! Ara che desso ghe ne gavemo a ufete, ma nel milesetecento i iera rari, e la trapa de stropacui valeva miliardi!
– Tuta sta fadiga per un baul de stropacui? Chissà Piero che contento che iera ara!
– Piero ga inizià a stramaledir su trisavolo Willi e con lui tuti i urbi e tuti i pirati e tuti i stropacui svolanti del’Istria e dela Dalmazia e del’Italia e del Friul, che ghe se stropassi per bon el cul a tuti int’el ragio de mile chilometri, e che vegnissi de note el mostro magnastropacui a far estinguer quela pianta maledeta dela facia dela tera.
– Ah cussì el diseva, el gaveva propio el futer…
– Eh sì, e intanto che el continuava a tirar zo tuti i santi vegetariani e i santi erboristi che fazeva ricete coi stropacui, tut’int’un i se ga inacorto che stava rivando de corsa la guardia costiera.
– Ostia! I li ga becai che i ga afondà Cattivik.
– No no, no per quel, ma perchè i iera drento la Riserva Marina, là no te pol miga andar, te ciapi la multa. E figurite se do istriani, che za no gaveva trovà nissun tesoro, voleva anca molarghe bori ala guardia costiera. Saria sta’… come se disi… oltre alla beffa il danno!
– Saria el contrario, ma va ben istesso.
– E insoma, alora i ga tirà subito el fughin più veloce che i podeva, ma cussì veloce, ma cussì veloce che ala fine i ga adiritura taià el traguardo dela Barcolana per primi, tra grandi festegiamenti dela gente intorno.
– Ah, i ga vinto! Eh bon, no iera più Cattivik, facile iera.
– Ma iera ben quele altre barche, no sta pensar che sia cussì facile, ara che no xe miga la regata del Lago de Percedol! Però, se te ga fato atenzion, nel papiro Willi L’urbo gaveva previsto che i gavessi vinto: “Velici certami asservirete ai vostri piedi” ghe iera scrito.
– Ostia, una premonizion come. Mi me fa squasi spago ste robe.
– Bon, ma no ga importanza. Insoma, Piero e Gino iera za che i saltava tuti contenti de portar a casa el primo premio, almeno tornemo con qualcossa de bel, i se diseva…
– Eh sì dei, poveri, dopo tute ste disaventure… e cossa i ga ciapà per premio?
– E qua vien el bel. Quel’ano la barcolana iera sponsorizada de una erboristeria americana famosa in tuto el mondo, che come premio per tuti gaveva preparà un bel baul carigo de fruti o de erbe medicinali. E sa de cossa iera carigo el baul dei vincitori?
– Eh eh, credo de rivar a imaginar…
– Stropacui! Un bel baul carigo de stropacui i ga vinto! Stropacui americani de marca però, miga quei selvadighi del carso, i ghe ga dito.
– Ah ah ah, poveri Piero e Gino ciò. Tornai a casa con do baui de stropacui. Fa anca rima…
– Ah ah ah, remengo suo! Ma ala fine i iera cussì rabiai che i ga lassà i baui là, disendoghe ai americani che i usi pur i stropacui scoltando ala letera el nome che i ga.
– Bela Ucio, ‘ssai bela sta storia. Va ben, coss’te disi, legemo vanti?
– Sì, ma prima ciolemose una trapa ai stropacui, ala salute de Gino Oloturia e Piero Bisnizo!

Più riguardo a Polska... rivemo!Ben bon, ricordeve che Polska… rivemo! xe in tute le librerie più bobe de Trieste al costo de 10 euri!
Opur podè comprarlo diretamente online 🙂

Tag: , , .

11 commenti a La Barcolana e la leggenda del Stropacul Svolante

  1. Lucio copuletti

    Tropofighi! Tropobravi!!

  2. Sandi Stark

    Complimenti, ben cazada. Gavè scrito in un bon triestin e el spirito witzoso xe in linea co’ la tradizion. No ste preocuparve del scarso “share”, forsi i utenti de bora.la xe gente che ormai xe abituada solo a scanarse co’ la politica.

  3. a trieste il triestino lo si parla ovunque ed in ogni luogo anche pubblico, ciò mi ha colpito per alcuni aspetti positivamente perchè il triestino ha una certa eleganza ma anche fascino che è difficile da riscontrare in altri dialetti, per il resto complimenti per quanto scritto e come scritto, io lentamente sto cercando di imparare il triestino anche se da calabrese è meglio che non mi cimenti a parlarlo verrebbe fuori un gran casin…

  4. dimaco

    http://youtu.be/P0WsYJSLmOQ

    qualchidun ha già prova’ a impararlo el triestin. 😀

  5. Sandi Stark

    @ 4 grazie, me fa ancora mal la gola de tanto rider, questo xe el klimax de Maxino, 5 minuti de rodolamento e dificoltà de star drito, internet no me ga mai fato rider tanto.

    @3 no sta preocuparte, el più gran triestin che conosso ga un cognome sicilian, i tratti somatici no te conto ma el sa tute le canzoni triestine anche quele de dozento ani fa. Quando ghe go dito, el me ga risposto: “Scola de contrada, a pochi ani i me ga butà in strada e tra la banda de questi e la banda de quei altri, bisognava adeguarse per sopravviver”. Sua mama iera triestina, ma credime che se pol diventar triestini più patochi dei patochi senza una grande fadiga. Dipendi solo dai ambienti che se frequenta

  6. Fiora

    @ 2
    “forsi i utenti de bora.la xè gente oramai solo bituada a scanarse co’la politica”

    Orpo ciò de che pulpito, Sanduci caro! 😉
    ma te riscata sto tuo ingresso ‘ntun thread scanzonà…ingresso anche se un poco a gamba tesa (legasi accenno al sicilian triestinofono al post 3)

  7. Fiora

    @3
    ” sto cercando d’imparare il triestino”
    e bravo Giacomo Barone!
    Un sommesso suggerimento.Più che una serie di vocaboli a mio avviso ti necessiterebbe assimilarne la “scontrosa grazia” 😉

  8. Fiora

    ..lui lo sa che non è per piaggeria. Sono anni che glielo vado ripetendo…tra i più autorevoli rivisitatori di questo essenziale aspetto della triestinità io collocherei proprio il nostro Diego Manna, alieno da ogni esibizionismo personale e verbale e da termini gratuitamente offensivi o semplicemente malevoli “mirati”…ecco io sintetizzerei in questo adorabile snobismo la scontrosa grazia.

  9. michela

    Manna mi ha fatto ridere di cuore, sul sito del Piccolo, con la sua osservazione a proposito del capriolo liberato…. e non è la prima volta.
    Quanto alla storia del stropacul, purtroppo non reggo la lettura di testi in dialetto, e non so perché!!! ma ormai la considero a scatola chiusa, se è di Manna sarà bellissima di sicuro 🙂

  10. Fiora

    Quesito filologico-linguistico:
    s’el plurale de cul xè culi, stropacui come plurale de stropacul xè forma contata o rispondi a precise regole?

  11. Sandi Stark

    Crodighe postero crodigere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *