18 Febbraio 2013

Incontro di Brandolin con Rsu Fincantieri: riprendere il discorso del presidio Inail in cantiere

Aprire un discorso sulla questione degli appalti, nel quale ormai non si può più rimandare la tutela dell’indotto locale. Fare attenzione ai carichi di lavoro, che sono la linfa del cantiere. E poi, riprendere in mano il discorso del Tavolo tra Regione, Comune, sindacati e Inail, i cui provvedimenti sono rimasti lettera morta, soprattutto il presidio Inail all’interno del cantiere, annunciato ma mai concretizzato. Queste le tre priorità sottolineate dalla Rsu Fincantieri (Moreno Luxich per la Fiom, Andrea Holjar per la Uilm e Michele Zoff per la Fim) nel corso dell’incontro con il candidato alla Camera per il Pd Giorgio Brandolin. «Anche in questa occasione mi è sembrato importante avere un dialogo continuo con le rappresentanze sindacali – ha detto Brandolin – per capire come è la situazione. A parte i carichi di lavoro, credo che le urgenze siano due: lavorare sulla sicurezza, attivando finalmente le decisioni del Tavolo (primo tra tutte le presidio Inail) e soprattutto lavorare sugli appalti, dando la priorità, nei bandi, alle aziende locali: questo attuale sistema infatti non ha fatto altro che distruggere un tessuto locale di eccellenza e professionalità che sarà difficile recuperare». Tanto più in una realtà che fa 1.600 lavoratori diretti e oltre 3.000 in appalto divisi in oltre 300 ditte, con tutte le difficoltà di controllo e difesa della tutela dei lavoratori che è facile immaginare. «Questo è un discorso che deve essere affrontato a livello istituzionale – ha concluso Brandolin – anche riprendendo i discorsi che sono stati avviati negli scorsi anni e portandoli a compimento».

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.