22 gennaio 2013

Il male oscuro delle madri al Trieste Film Festival

Alina Marazzi è la regista di documentari toccanti e intelligenti come Un’ora sola ti vorrei e Vogliamo anche le rose, e ha già dimostrato la sua capacità di saper trasformare dei materiali d’archivio in potenti strumenti narrativi. Con Tutto parla di te si sperimenta nel cinema di fiction, e continua a usare in modo interessante materiali “nonfiction”.

La depressione post-partum è quasi un tabù in un paese dove l’icona della mamma, per come viene rappresentata nei talk-show o nelle fiction tv, è irrealmente ferma a stereotipi anni Cinquanta. Possibile che ci siano mamme che non sono felici di esserlo? Possibile che ci siano donne che non si sentono adeguate al ruolo di madri e reagiscano in maniere folli al “Dono” che la “Natura“ ha voluto far loro?

Possibile, in Italia come in qualunque altra parte del mondo. Lo dimostrano allo spettatore più scettico le interviste vere a madri che hanno vissuto questo problema, inserite con sapienza dalla regista nel flusso della narrazione. Ma dallo sfatare un tabù al confezionare un film riuscito il passo è lungo.

Tutto parla di te è, a mio giudizio, il miglior film italiano sull’argomento, dopo i drammi non riusciti di Maternity Blues e Quando la notte. Purtroppo, la parte fiction del film sbiadisce davanti alla forza dei materiali nonfiction: la contrapposizione tra le lacrime vere e i sentimenti recitati, pur con intensità, dalle brave Charlotte Rampling ed Elena Radoninich mette queste ultime in difficoltà, complice una sceneggiatura con qualche difetto di troppo.

Ciò detto, il film rimane bello e toccante, l’uso di materiali filmici di provenienza diversa è molto interessante, alcune sequenze sono davvero azzeccate. E soprattutto, porta lo spettatore a riflettere. Un distributore italiano, Bim, crede in questa toccante pellicola: da marzo 2013 sarà distribuita nelle sale italiane.

Tag: , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *