9 Gennaio 2013

Versetti Sardonici, il libro dei Sardoni Barcolani Vivi

– Ciò, te ga visto? Xe vegnù fora el libro dei Sardoni Barcolani Vivi!
– Cossa xe sta roba? Rizete de cusina? Te dirò che magnar pesse vivo me fa un poco stomigo però…
– Ma no, no centra el magnar…
– …e po’ par ‘talian no se disi Alici? Alici Barcolane Vive ostia! Ara che i ciapa la multa, no te se ricordi qualche ano fa, che in pescheria i ga ciapà mile euri de multa perchè ghe iera scrito “sardoni” e no “alici”?
– Ah sì, me ricordo ostia! E dopo, co i ga giustà e messo el cartel con scrito “alici”, xe rivada siora Jole e la xe andada via tuta incazada disendo “ma cossa, no i ga sardoni ogi?”
– Eh, xe importante saver le lingue…
– Za, ma comunque, te disevo, sto qua xe un libro con tute le note dele canzoni de un grupo musicale de giovini triestini…
– Giovini triestini? No dir monade. I giovini no sa cantar. Noi savevimo cantar, no te se ricordi che bel che iera co che te giravi per zità e iera tuti che cantava, e iera alegria, e iera morbin, altro che desso…
– Bon, ma sempre quel te disi, che vecio brontolon ara che te son. Ara che anca i giovini sa cantar benissimo.
– Sì, ma cossa? Quele robe tun tun tun tun che par che i ghe bati col ratapalz sula glava e dopo i vien fora ancora più incocalidi che dopo un litro de quel bon. Eco, quela iera una bela canzon! Ancora un litro de quel bon! Altro che sto tun tun tun tun che manda a remengo la tradizion dela bela canzon popolare triestina! Cossa, sti sardoni del pedocin canta “ancora un litro de quel bon” forsi?
– Sardoni barcolani xe, no del pedocin. No, quela no i la fa, però i fa dele bele canzoni in dialeto, propio come quele de una volta, che le te piasessi anche a ti che ormai te son andà in asedo.
– Ah sì? Bon, fame un esempio ‘lora…
– Presempio i ga fato la continuazion de Finanziere…
– Con Vinicio Busani che bevi camomila prima de partir cussì no ghe trema più el cul?
– Ma no, xe passadi i tempi de sior Busani, fa la spesa ale Tori anche lui za de ani! I parla dela vigneta per andar in Jugo!
– Ah ostia, con quela sì che la gavemo ciapada int’el daur! Bon, e dopo?
– E dopo i ga una sui cinghiai che vien fin in cità a rosigarne el popoci…
– Eh, ormai i xe pertuto quei! Ma dopo no i ga rosigà per bon un sior? I ga intivà ciò!
– Eh sì, i ga anca intivà che ala Bavisela i ghe gavessi regalà le Lasko a quei che coreva… e che le balete dei gelati saria costade un euro e trenta…
– Ostregheta, pezo de Nostrada-muss!
– E dopo i ga anca una sula bora che sufia come mata! E subito dopo xe rivà quei strangolini che fin l’Ursus voleva scampar!
– Ciò ma… no xe che i porta un poca de pegola?
– Ma no dei, miga ga colpa lori po’! Xe come quela canzon che i ga fato sula muleria che ciapa la multa se pissa per strada, miga ga colpa lori se i ghe peta zinquecento euri de multa!
– Zinquecento euri! Ostregheta! Gnanca far le gare de chi che pissa più lontan del Molo San Carlo no se pol far più.
– Sta zità sta propio mandando a remengo le sue tradizioni ara.
– Bon ma no preocuparte, fin che ghe xe giovini come sti qua, guanterà tuto. I ga anca rifato quela bela sule venderigole, e una sule segnalazioni, e sula feriera, e sui mati che va a barcola portandose drio el sdraio in motorin… ma quela che me piasi de più xe quela de Sistiana, che i conta che i monta sula coriera e ghe xe le bele putele che ghe da del lei, che li ciapa per veci insoma!
– Eh, me diseva sempre mio pare, che te diventi vecio co che le mule che ti te volessi butarghe el sardon le te rispondi disendote “bongiorno”.
– Eh, tuo pare la saveva longa…
– Bon, comunque te me ga convinto. Sti Sardoni Barcolani Vivi me sta cocoli, par bravi putei. Basta che no i fazi canzoni per cior in giro noi veci col capel.
– Ehm… veramente i ga fato anca quela…

Yes! Nele librerie più bobe di Trieste se trova el libro dei Sardoni Barcolani Vivi, con tuti i testi e le note divertenti per chi no sa el triestin i acordi e i spartiti per sonarli in osmiza! O anche de altre parti eh, no xe che i ve ziga se sonè su in Carso in prà o a Barcola. E anche foto de questi bei muli gavemo 😀
El libro costa 15 euri e oltre che in libreria se pol comprar online nela Botega del Litoral!

Per chi che no sa, i Sardoni Barcolani Vivi xe:
Riccardo Valente, Andrea Tavan, Francesco Krecic, Davide Chersicla, Gianluca Turco e Damiano Skrbec.

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a [email protected]

Tag: , , .

Un commento a Versetti Sardonici, il libro dei Sardoni Barcolani Vivi

  1. Avatar zil

    Ho letto un’intervista su Vanity Fair ad Alberto Angela e sono molto incuriosito dal suo nuovo libro: http://www.librimondadori.it/libri/amore-e-sesso-nell-antica-roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.