10 Dicembre 2012

I misteri di Trieste: el tubo cativo con San Nicolò

Eco una dedica amorosa comparsa in quel di Cavana de un pochi de giorni (con evidente censura). El mistero xe: xe stado San Nicolò a scriver per vendicarse dela multa che i ghe ga fato?
P.s. Grazie a Euro Baret dela segnalazion.

Hai scritto qualcosa (o fatto foto, o video, o pupoli…) di divertente/ironico/satirico su Trieste, Gorizia e dintorni? Mandacelo al Quel dela Quela! Scrivi a [email protected]

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , .

43 commenti a I misteri di Trieste: el tubo cativo con San Nicolò

  1. Avatar Fiora

    per mi el Veceto Benefico no xè l’autor perché vignindo notoriamente de Bari el testo sarìa sta più o meno
    ” Vigile Urbanne si ‘na gran capa e’mi***ia”

  2. Avatar sfsn

    Fiora, sarà un 1500 ani che el bagola in cità: el se gaverà imparà un poco de triestin, no?

  3. Avatar Fiora

    te disi che la scrita anti tubo podessi eser propio de Suo pugno, sfsn?
    Ah! no xè più religion ,’lora! 🙁

  4. Avatar Fiora

    s. Nicolò xè oramai triestinne patocche ?
    ma l’acento xè dura perder …vara Dan Peterson

  5. Avatar Sandi Stark

    No xe possibile che sia stà San Nicolò. Primo perchè el xe un Santo. Secondo perchè quel multà in Piazza Grande iera uno co’ la panza finta e una bareta col pon-pon. Roba americana: tuti sa che San Nicolò ga la Mitria e in man el Pastoral.

    Come xe possibile confonder San Nicolò con quei pajazzi che se vesti come un personaggio de Walt Disney fora dei supermercati e i scampanela zigando oh-ho? Misteri.

  6. Avatar GIAMPAOLO LONZAR

    @5 SANDI STARK :

    Ne tocherà ciamarlo Sveti Miklauž per no’

    confonderlo con Santa Claus !!!! 🙂

    PS : Gli Inglesi dicono che il primo giudice e’ il poliziotto, non sarebbe il caso di introdurre anche da noi che il capo della polizia cittadina ( anzi Polizia Locale)
    venga eletto dal popolo, ormai questo lo abbiamo da qualche decina d’anni e qualsiasi azione fatta dai suoi vigili hanno sempre ragione !!!
    Rottamiamo il Capo dei Vigili Urbani !!!!

  7. Avatar Sandi Stark

    No sta preocuparte Gianpaolo i “magna’sciavi” ga la Befana Fassista, no i se missia co’ San Nicolò. Podemo ciamarlo San Nicolò, Nikolo, Miklauž, Sinterklass che xe sempre lui e nissun se sognerà de dir che el porta più zogatoli in Slovenia che qua.

    Santa Klaus no conosso, devi eser un avo de quel co’ la panza finta e la bareta de note col pon-pon. E te vol saver una roba? Per mi i “urbani” ga fato ben.

    Ma guai a lori se i se sognava de multar el vero e unico San Nicolò nostro.

  8. Avatar Fiora

    Disi el Comandante che se xè verificà che el multà xè propio el vero s. Nicolò domacio el pol pagar coi soldini de ciculata involtizadi de stagnola.

  9. Avatar sfsn

    opur con pistaci e mandarini

  10. Avatar Fiora

    seriamente, questa multa fa il paio con quella alla venditrice di mughetti di qualche anno fà.
    Ideale denominatore comune tra le due ultime Amministrazioni: pari inflessibilità e degna di miglior causa…con l’aggravante per questo secondo episodio in cui trattandosi di attività benefica ed a titolo gratuito, manca l’opinabile alibi di una vendita non autorizzata cui si erano aggrappati in quella circostanza per sanzionare una povera donna che aveva preferito una gentile minima imprenditoria al mendicare.

  11. Avatar GIAMPAOLO LONZAR

    @ SAN NICOLO’ : La multa a San Nicolò ga fato scola !!!!

    Adesso l’Autorità Portuale vol farghe pagar
    l’ocupazion del’aria ala nova passerela , perchè l’aria sora l’acqua xe del porto !!!!

    Ma no xe finì quà , udite,udite !!!

    I se gà acorto che no i ga mai fato pagar
    l’ocupazion del’aria sora i dò ponti del Canal e i vol domandar i aretrati !!!!

    ( Anca a la Defonta ???? )

    Se fußi viva La Citadela i gaveßi comentà :

    ” Mi credo che i scrivi ste robe per
    insempiar la gente “

  12. Avatar Sandi Stark

    Johanpaul du hast inspiriert mich, Lyrik für den Arrestant:

    tič toč tič toč
    fa la piova
    che casca nel ploč
    niente puro
    nè miß maß
    son strafanič
    dentro el strafhauß
    col pajon a copitefaß
    niente sbrodaus
    ciapa ‘sto stoß
    bruto strauß
    se no te conti
    dove xe ‘l muf
    tiho muci
    ober nein
    nič za carino
    oder polizei
    son inocente
    mi ve contaßi
    ma remenghis
    jebenti boba
    ich te schwöre
    che no so un klinz

  13. Avatar Bibliotopa

    “Ach verfluchter Italiener,
    ach verflucht Gendarmerì
    Saktament, verdammt, tartaifel,
    Schweinerei Penal Fedì!

    Meine Damen, meine Herren
    nicht perdiren die Speranz
    proteghiert die kleine Liste
    Karl von Pirja und Kaiser Franz”

    ( non è farina del mio sacco, ma chissàcome mi è venuta in mente..)

  14. Avatar Fiora

    @13 Chissà Bibliotopa, se i ga dito Karl von Piria anca quela volta all’ingreso della Cripta dei Capucini co’ i ga sciorinà Picolo e Grando titolo prima del protocolar “povero pecatore” che solo podeva verzer quela porta…

  15. Avatar Sandi Stark

    “Verflucht Sakramento Dolores und alles ist wieder hin”:

    http://www.youtube.com/watch?v=BI8sTl7oyVM

  16. Avatar Sandi Stark

    @ 14 Karl povero no xe ne la cripta dei Capuccini. Darghe del “Piria” no xe rispetoso; no iera vero e xe una bestemmia, trattandose de un Beato.

  17. Avatar Bibliotopa

    El testo xe molto anterior ala beatificazion

  18. Avatar santacruz

    anche se xe za pasà…

    San Nicolò de Bari
    La festa dei scolari
    Se i scolari no vol far festa
    San Nicolò ghe taia la testa

    San Nicolò de Bari
    la festa dei scolari
    i scolari iera boni
    ghe porterà i bomboni

    San Nicolò de Bari
    la festa dei scolari
    la festa dei putei
    sona tuti i campanei

    San Nicolò de Bari
    la festa dei scolari
    desso femo festa
    a scola no se resta

    San Nicolò de Bari
    La festa dei scolari
    Se i scolari no vol far festa
    San Nicolò ghe taia la testa

    sole o non sole
    la scuola chi la vuole
    la vogliono i scolari
    che son tutti somari
    la scuola la chiudiamo
    ci diam tutti la mano
    facciamo tre saltelli
    suoniamo i campanelli
    facciamo una danza
    facciamo la vacanza
    apriamo poi le ali
    che arrivano i regali

    San Nicolò de Bari
    la festa dei scolari
    se no i ghe fa la festa
    co’l scagno per la testa

    San Nicolò de Bari
    la festa dei scolari
    se no i ghe fa la festa
    ghe taieremo la testa

  19. Avatar Fiora

    Grazie Sandi per la precisazion “logistica”.
    Quanto al Piria i nostri veci tuti diseva e ghe xè anca autorevoli riferimenti nele Maldobrie: pag.105 “la neve dei Carpazi”. Testuale: “bon , – ga dito Carlo- pazienza signori uficiali, andiamo a bevère alla salute dell’Imperatore (Franz Joseph)- Carlo Piria i lo ciamava”
    e in” l’Erede Presuntivo” ‘ndove che se aludi a Oto come el “fio de Zita e de Carlo Piria defonto”.(pag.119)
    …E me par che i meriti dela beatificazion non vegni minimamente ofuscai da l’afetuoso e probabilmente motivà nomignolo dadoghe dai “Nostri Popoli”
    Al contrario, mi son praticamente astemia ma son sicura che no merito che i me fazi beata 😉

  20. Avatar Fiora

    ..a parte l’autentica antipatia per Elisabetta Wittelsbach, che ga fato de tuto per no meritarse el titolo de Imperatrice d’Austria, mi son ‘ssai ciapada dei Asburgo e se continuerò a dir Carlo Piria sarà con reverente afeto e viva l’A.!

  21. Avatar Io vorrei...

    Una volta a Milan go partecipa’ a un convegno. Fra i relatori, el lustrissimo avvocato Carlo Piria.

  22. Avatar Sandi Stark

    Le Maldobrie no xe testi storici, le xe degne de ispirazion solo quando le testimonia usi e consuetudini dei tempi passai. Gran parte delle storie delle Maldobrie xe inventade, a parte alcune. Ad esempio la storia de “che nova, cossa sparè, qua xe omini”, la contava mio nonno prima che Carpinteri & Faraguna le contassi a “Cari stornei” e che i fazessi el primo libro. E altri reduci la contava, forsi troppi per quei che podeva esser stai i testimoni oculari.

    “Carlo Piria” se disi solo a Trieste, no ad esempio a Vienna dove dopo l’aprile del 1917 el se gaveva trovà contro gran parte della popolazion per motivi che saria tropo longo spiegar.

    Sicuro la diceria xe comparsa dopo el 1918 perchè figurarse se in tempo de guera se mincionàva l’Imperator, tiremo a indovinàr chi podeva averla diffusa, per che motivi e i conti torna.

    Forsi no xe “bestemmia” perchè anche Gesù Cristo ghe dava de vinazza, ma rispettosa, no la xe de sicuro.

  23. Avatar Fiora

    figurarse Sandi, se alle Maldobrie annetto un qualche rigor de storiografia, ma certo xè una afidabile vox populi…quanto alla diceria no sta butarla sempre sul Talianofobo dei!
    Se il Beato Carlo d’Asburgo,è stato affettuosamente soprannominato Carlo Piria dai sui stessi sudditi di Trieste e zone limitrofe è probabile che non disdegnasse il bicchiere.
    Son certa che nissun né ieri né ogi pensa che a ciamarlo cussì tratasi de lesa maestà.

  24. Avatar Bibliotopa

    Per quel che so, el nome Piria no se riferissi tanto a sue immaginarie disdicevoli abitudini ( ma certo che l’esilio proprio a Madera ..) ma del fato che una volta partido credo za la prima volta per la Svizzera, i cittadini austriaci che ga occupado una sua residenza ga trovado una cantina assai assai ben fornida.

  25. Avatar Fiora

    @24 Ospitale più che bevandela, come… bon indiferente!
    Conta ch’ El iera omo de pase e de come che scrivi Franz Herre, nel April del ’17 el gaveva tentà tratative de pase cola Francia tramite el cognà marì de Zita e che per questo i Viennesi no lo gaveva più tanto in bone,come che acena Sandi.
    Pel suo caratere equilibrà,la Sposa coi quarti de nobiltà giusti, a Franz Joseph el ghe iera ‘ssai più cocolo lu’, che no Francesco Ferdinando con quel caratere impulsivo e la molie morganatica che no ghe ndava né sù né zò.
    E sempre con rispeto parlando, de come che riferissi la fia “ungherese” Maria Valeria, squasi squasi Gavrilo Princip ghe gaveva fato un favor quela volta a Sarajevo…

  26. Avatar Fiora

    Erata corige:el marì de Zita iera oviamente Lu’ Carlo Piria.
    El cognà iera altretanto oviamente el FRADEL de Zita.

  27. Avatar Io vorrei...

    Forse non tutti sanno che…

    …le reliquie di San Nicola, vescovo di Mira, sarebbero custodite – com’è noto – in maggior parte a Bari, ma parzialmente custodite anche nella chiesa di San Nicolò del Lido di Venezia.

    Il culto di san Nicolò fu molto fiorente all’epoca della Serenissima. Il santo venne creato protettore della marineria veneziana, e non a caso fu scelta la chiesa del Lido per custodire le reliquie del vescovo di Mira: è una chiesa di fronte alla quale passavano tutte le navi che entravano o uscivano dal porto di Venezia. Tradizionalmente, all’uscita verso il mare gli equipaggi rivolgevano preghiere a san Nicolò, e gli intonavano canti.

    Tuttora san Nicola è considerato il santo che porta i regali ai bambini in parte del Veneto, e il personaggio viene infatti rappresentato non nei panni di Babbo Natale, ma con regolare mitria e pastorale. L’antica tradizione viene rinverdita anche a Venezia da qualche anno, il giorno di san Nicola (o san Nicolò, come si dice a Venezia).

  28. Avatar Fiora

    mancando un “altrove” e per analogia di contenuti vorrei spendere due parole sull’allestimento natalizio in città.
    Beh! è un eufemismo così definire il raggelante grigiore diurno e notturno connotato da quelle spettrali lucette di una lattiginosa monocromia all’insegna del risparmio (energetico) è primo guadagno.
    Un pressapochismo sciatto da non finito generalizzato.
    Rare palle dorate disseminate a casaccio e senz’altro ornamento della serie presto e male sugli alberi in Piazza Grande, Corso Italia, e Piazza s. Antonio.
    Niente da fare! al Primo e successivi Cittadini preposti fa difetto l’entusiasmo e un minimo di buon gusto…ma non lo sfoggio di una dimessa mentalità feriale contrabbandata per austerità e data la circostanza pure a sproposito.
    Il saggio deludente dell’anno scorso avrà quest’anno una puntuale malinconica replica.
    Suvvia! c’è bisogno di un po’ d’ incoraggiamento, di letizia magari indotta e una tantum condivisa tra gente di buona volontà e per una volta al netto di snobistiche manfrine del calibro dell’arcinflazionata ” c’è altro a cui pensare…”
    Ma io non dispero. Forse a dirla con Obama ,” il meglio (del Natale Tergestino) deve ancora venire”

  29. Alora, inanzituto voio saludar Fiora e Sandi Stark, complimentandome con lori perché i ga un morbin unico e incredibile, ma anca na cultura storico-patoca altretanto unica e incredibile!

    Me gavè fato rodolar de rider, ma nel contempo me gavè fato imparar robe nove.

    Sie el massimo de quela triestinità come che ghe iera na volta (fin a un vinti anni fa)… in quela Trieste alegra e atentissima ale sue tradizioni.
    Grazie! Ve adoro!!!! 🙂

    Per el resto, mi me domando sempre perché qua de noialtri ga tacà de più robe foreste come alouin, ma taca poco o nula el KRAMPUS: http://triestepatoca.blogspot.it/2012/12/san-nicolo-ed-il-suo-krampus.html

  30. Avatar Fiora

    ò29 non sum digna, de star ala pari con un ;-)S.S. studioso apasionà anca se de parte,mentre mi me considero solo un’ assagiatrice e solo de “pietanze” che me garba. Una sangue misto a metà tra Defonta per parte de padre e “maledeta barca”, ramo materno con conseguenti e ricorenti crisi de identità.
    Te torno comunque l’aprezamento e coi interesi ,caro Renè, per el tuo blog e per la veste grafica. Tuto strapulito e in massimo ordine 🙂
    Notevole el studio sui casini Tergestini.
    Co’ te go scrito un aporto de prima man sula Muta nel far “invio” me xè sparì tuto. Urremengoooo! e sì che iera un amarcord infantil e del tuto inocente …ah! epur el me xè ‘ndà a putane 🙁
    Son propio un’impedida!

  31. Ciao, Fiora.

    Prova a rimandarlo de novo, salvando el tuo testo col tasto “Copia” prima de fracar l’invio.

    Ciau

  32. Nei mii ringraziamenti me go dismentigà de citar Diego Manna… grazie a sta sua rubrica “Quel dela Quela” (ala qual, personalmente, devo molto) se pol dialogar con tanti de lori, anca in maniera simpatica e interessante, sia sui argomenti proposti, sia su altre triestinità !!!

    Grazie, mitico Diego! 🙂

  33. Avatar sfsn

    dio Sandi (spero che no te la ciapi come una bestemia 😉

    a casa mia – che iera tuti nostalgici dela defonta – se ga sempre dito Carleto Piria, con sai afeto, perchè iera un modo per sentirse ancora de casa con l’austria. E – anche se i lo ciamava cussì – gaveva tuti sai una bona opinion, perchè el gaveva zercà de fermar la guera.
    Probabile però che el nomignolo sia una roba che xe venuda fora dopo.
    Quanto al fato che xe beato, però, no staria a sotolinearlo, visto che el xe sai in cativa compagnia (Stepinac per esempio)

  34. Avatar Fiora

    @34 giusto sfsn e sempre con ripeto parlando!
    d’altronde vox populi xè notoriamente vox dei,’ssai de più de quela dei porporadi preposti a canonizar Imperatori e 😉 Cardinai e una propension no escludi beatificazion.
    Ciamar Carlo Piria, l’ultimo Imperatore ga el sapor de un termine iniziatico che no intacca minimamente la deferenza.
    Tanto per capirse Sandi, dei mii do’ rami dinastici, la nona “s’ciava” Maricka diseva Carlo Piria,ma se alzava in pie de bona sudita dela Defonta. Nona Nunziata cabibba no saveva gnanca chi che iera Carlo Piria e per Defonta la intendeva qualche ava de Bitonto. 😀 😀 😀

  35. Avatar Sandi Stark

    Insoma prima de la beatificazion podeva anche starghe, chi pretendi de farlo adesso, che sapi che el sta mincionando un Beato, che per la Cesa xe un Santo che speta solo el timbro sul papir.

    Te son parente de Sara Simeoni Fiora? Te fa de quei salti storici che no finissi più. Te la ga contada come che i viennesi fussi stài guerrafondai.

    Inveze bisognassi spiegàr che el nostro Beato gaveva perso “audience” solo dopo che i germanici gaveva fato la montantura de “Zita spiona ‘taliana”; e iera passai diversi mesi da l’affaire Sisto che iera in aprile e i problemi de popolarità che el gaveva avù in autuno.

    Ma po’ iera stàda l’avanzata de Kobarid e tutto iera passà in dimenticanza. Iera stade liberade fior de cità austriache come Gorizia, Monfalcon, Cervignan, Ajello la fedelissima e Grado, che gaveva avù solo due traditori in tuto el paese.

    E uno dei motivi temporali per i quali el xe sta beatificà, iera stà el suo rifiuto de ciamàr Sveto Boroevič a Vienna co’ la Isonzo Armeè a sedàr le prime rivolte socialiste, ai primi de novembre del 1918.

    A quanto me risulta xe l’unico statista de tuta la Storia che ga rinuncià deliberatamente al potere (e che potere) per evitar spargimenti de sangue.

    E questo xe uno dei suoi insegnamenti per noi. Se libereremo de le pignate un giorno o l’altro, ma solo con metodi pacifici. Come diseva Gandhi: “Son britannico solo su la carta che gavè stampà”.

  36. Avatar Fiora

    @36 Caro S.S.,come che go dito a René al post 31,non sum digna de eser acostada a un studioso come ti perché me reputo e voio restar una “asagiatrice” e soprtatutto perchè mantegno un equilibrà soridente distaco da fatti e persone senza incappar in parossismi… Inoltre sicome che son atea tuta sta reverenza per santi e beati in quanto tali, mi no me la ritrovo e quindi privilegio l’umorismo ma a diferenza de “altri” 😉 senza MAI ofender nè Passati nè presenti in quanto persone…

  37. Avatar Fiora

    e dopo la tua enesima lectio historica magistralis una lecionzina me la la permeto umilmente anca mi caro Sandi:
    l’ AUTOIRONIA xè merce più rara de l’erudizion libresca, sempre discutibile e sempre perfettibile…perseguo con discreto successo la prima e evito de far ecesivi sfoggi della seconda.
    Una tantum quindi me permeto mi de sugerir a ti qualcossa: de provar a far altretanto, a tuto vantagio de una miglior acetazion dele tue tesi e forsi del clima sereno de questo blog! 😉

  38. Avatar Io vorrei...

    Varda ti: adeso vien fora che Carlo xe anda’ via sua sponte. Miga che lo ga cassa’ fora a calci: noooo! Cossa ti disi! E anca l’esilio ex lege che ga tira’ su la schiena ai Asburgo i austriaci, lo gavara’ consiglia’ Carletto bonanima. Ghe gavara’ scritto; cari ex sudditi, ve prego co tuto el cuor de cavarme el regno e le mostruose proprieta’ de la me famiglia, e de mandarme in esilio in giro par l’Europa. Me racomando tanto l’esilio anca par i me discendenti maschi. Grassie che mai. Carlo

  39. Avatar Io vorrei...

    PS Par i amati triestini: no steme ciamar Piria, che altrimenti fra novanta ani Sandi se incaza.

  40. Avatar ufo

    No sta preocupartese. No sarà gran fadiga trovar un epiteto più adato.

  41. Avatar Fiora

    @39 bon dei Lojze, a voler leger generosamente le motivazioni de certe “rinunzie” podessimo dir ch’el beato Carlo ga molà el colpo per amor de pase e el romantico Edoardo per amor de…Wallis.
    No xè propio del tuto cussì né pel primo né pel secondo 😉

  42. Avatar Fiora

    @ 41 Ah Ufo, sempre cola bonaria equidistanza “etnica” che perseguo cola stessa costanza ch’el mantenimento dela taglia 42, trovo che l’epiteto “piria” afibià dai suditi de Trieste Fedelissima al loro Ultimo Sovrano nel loro vernacolo no gabi gnente de ofensivo e servi come zà dito da termine iniziatico, per “riconosserse” .
    Rilevo altresì che tra i Defonta fans MAI un “Cecco Beppe” de stampo tipicamente ‘Talian ga identificà l’Inclita Figura del Povero Nostro Franz.
    Un tanto per sotolinear come certi soranomi xè afetuosamente NOSTRI mentre quei foresti no troverà mai né favor e gnanca asilo .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.