5 dicembre 2012

Trieste Science+Fiction 2012. Giorno 1

L’annuale appuntamento con il cinema del fantastico quest’anno presenta varie novità. Chi vuole sapere subito cosa accade nel Day One, mercoledì, scenda in fondo all’articolo, per risalire poi a scoprire le novità. La prima che balza all’occhio è che non ci saranno ospiti di grande caratura: ma prima di sollevare un sopracciglio con aria di riprovazione come per dire “Come? Niente George Romero o Terry Gilliam, quest’anno?”, per favore, ricordate i tagli che hanno imposto un po’ a tutti i livelli un regime di austerità, e valutate: un ospite internazionale pesa sul budget ben più di una pellicola… e poi, accontentatevi: ci sarà Alfredo Castelli, il padre di Martin Mystère, a ricevere il premio alla carriera e a proporre una masterclass sul fumetto.

Un’altra grossa novità riguarda la sede del festival: le proiezioni principali avverranno nella Sala Tripcovich, ora di proprietà della Fondazione del Teatro Verdi, che forte dei suoi 900 posti potrà contenere tutti gli appassionati in proiezioni singole, evitando le repliche. E la qualità dell’audio e del video? Alla conferenza stampa di presentazione dell’evento, il direttore della Fondazione ha garantito che i tecnici hanno lavorato per allestire nella sala un impianto di proiezione di ottimo livello. Verificheremo.

venerdì 7 dicembre sarà l’unica giornata in cui gli spettatori saranno costretti a scegliere (oppure a sdoppiarsi usando una celebre macchina di Tesla) tra le proiezioni regolari e quelle che avverranno al teatro Miela, dedicato alla rassegna nazionale Spazio Italia; i cortometraggi sono tutti concentrati in 141 minuti di proiezioni, la domenica pomeriggio.

Presentando il festival alla conferenza stampa (presenti la presidente della Provincia Maria Teresa Bassa Poropat, il sindaco Cosolini e il presidente della Fondazione del Teatro Verdi Orazi – assente invece l’assessore regionale De Anna), Daniele Terzoli de La Cappella Underground ha sottolineato che l’idea-guida di questa edizione è quella dell’apertura del festival a tutta la città: per questo motivo vanno considerati altrettanto importanti gli eventi paralleli al science+fiction: la mostra L’Audace Bonelli, dedicata alla maggior casa editrice di fumetti italiana, che si svolge al Salone degli incanti, e il festival di cultura elettronica Electroblog. Queste proposte, viste nel loro insieme, moltiplicano l’offerta culturale e di intrattenimento a Trieste nei giorni del Science+Fiction.

Per finire la rassegna di novità, segnaliamo l’importanza dell’integrazione delle nuove tecnologie nel festival: innanzitutto, come sanno bene i fortunati vincitori, c’è stato un viral game che ha messo in palio tre accrediti per il festival; c’è inoltre un’App dedicata al festival per Android e iOS, che potete scaricare grazie al QRCode che vedete qui sotto; e per finire, alcune proiezioni andranno in onda anche in streaming, in collaborazione con il sito mymovies.it.

immmagine cin qr code per scaricare la app del science+fiction festival

Per finire, gli eventi del Day One: mercoledì 5 dicembre il festival si apre con due eventi: il primo è la proiezione presso la Sala Tripcovich alle ore 20.00 di Looper, storia di gangster e viaggi nel tempo, diretto da Rian Johnson, con Bruce Willis e Joseph Gordon-Levitt: a proposito, le prime 300 persone che si presenteranno alle casse (dalle 17.00) con la stampata di questo flyer, avranno diritto all’ingresso gratuito! E aperta a tutti sarà la festa La Notte degli Ultracorpi, che si svolgerà al Teatro Miela dalle ore 22.30. Tutti sono invitati a presentarsi travestiti da alieni o da personaggi della fantascienza, e un gruppo di Cosplayer (non solo triestini) ha già raccolto l’invito… ne vedrete delle belle!

Tag: , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *