5 Novembre 2012

Short Run Competitive: Giacomo Licen trionfa nella prima edizione

Non chiamatela sorella minore. La Short Run Competitive, infatti, pur essendo alla prima edizione, è riuscita a dimostrare di avere le carte in regola per diventare una valida alternativa all’EuroMarathon, la mezza maratona che unisce Capodistria a Muggia.
Hanno risposto in 100 all’appello dell’Evinrude, scegliendo di darsi battaglia sui 10 km che dividono Muggia da Ancarano.
L’ha spuntata Giacomo Licen Porro, che non ha avuto difficoltà a liquidare le resistenze di alcuni giovani virgulti del Marathon, venuti a farsi le ossa in mezzo alle vecchie volpi del podismo triestino.
L’atleta della Sportiamo ha scoperto le carte solo dopo 1 km di gara, dopo le prime fasi in cui ha corso insieme al gruppetto dei più giovani.
Licen Porro è andato via sul primo tratto in salita, impostando un ritmo di poco inferiore ai 3’30”/km e volando verso il traguardo in solitaria. Il vincitore della Maratona d’Europa dello scorso anno ha alzato le braccia al cielo dopo 33’21” di fatiche, concluse sotto un diluvio che gli ha rubato qualche secondo prezioso. Alle sue spalle due maglie gialle del Marathon Trieste, indossate da Omar Sommavilla, secondo in 35’03”, e da Luca Benes, terzo in 35’19”. I due giovani triestini hanno avuto la meglio del ventitreenne sloveno Jan Klemencic (36’04”), superato all’altezza del Lazzaretto.
In quinta posizione è arrivata Micaela Bonessi, forte mezzofondista della Maratonina Udinese. Scortata dal triestino Walter de Laurentiis, campione europeo Master dei 3000 siepi, la trentadueenne friulana ha chiuso in 36’22”, anticipando nettamente la giovane cussina Margherita Viviani, seconda fra le donne in 42’17”. Il podio rosa è stato completato da Serena Kuhar (Gs San Giacomo), terza in 42’23”.
Giacomo Ferlora, presidente dell’Evinrude, è apparso particolarmente soddisfatto per la riuscita delle due corse competitive.
«Abbiamo lavorato molto – racconta – per riuscire a garantire il perfetto svolgimento di due gare agonistiche, portando sul percorso in completa sicurezza oltre 600 persone. La pioggia non ha rovinato i nostri sforzi, che sono stati ripagati da una vasta partecipazione da tutta la regione, oltre che dalla Slovenia, dall’Austria e dalla Croazia. Il nuovo record cronometrico della mezza maratona, oltretutto, rappresenta la classica ciliegina sulla torta, davvero un regalo inaspettato».

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.