1 Ottobre 2012

Trieste-Krakow in bici 11: a Cracovia, in famiglia

Qua le puntate precedenti
As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

Umor nazionale e carta de cul. Co te viagi un poco, te scopri che ogni paese se contradistingui per numerose diferenze, linguistiche, culturali, ambientali e, non ultime, condotiere. Ove per condotiere se intendi “de condoto”. Lassando perder la classica assenza del bidet, tropo facile de notar, le diferenze condotiere xe qualcossa de ‘ssai utile per capir la psicologia de una nazion. In Austria, per esempio, i condoti ga el buso spostà verso avanti, cussì, in caso de scarigo pesante, te eviti l’efeto clanfin e te pol anche far la montagneta. Se vedi apunto che questi xe popoli più de monti che de mar. Ocio solo a no farte ciapar del’entusiasmo e far una montagneta tropo alta.
Un’altra carateristica condotiera ‘ssai importante xe quela dela carta de cul. E qua scata la teoria umorale nazionale cartadeculica. La prima roba che te ga de far, pena rivà in un paese che no te conossi, xe andar a veder in bagno come xe la carta de cul. In Slovacchia la iera de sicuro quasi sempre prodota nei stessi stabilimenti dela carta vetrata. Quela che vien fora sofice la usa per gratar i muri. L’altra finissi nei alberghi. E infati mediamente l’umor dei slovacchi xe un poco ruvido. Specie quei del nord. Don’t mess with them ciò. Se vedi che là riva la carta de cul fata coi strazacavei gratugiai. Quali parole te pol gaver nel cuor dopo gaverla usada? Meo tegnirse tuto dentro, in tuti i sensi. In Polonia invece le carateristiche condotiere migliora e in bagno te ritrovi i momenti de morbideza atesi de lungo tempo. E l’animo riscopri la poesia, fin dele prime ore del giorno.
Visto che semo in tema, questa xe la foto del’abondante colazion morandiana. Iera ciculata però, tranquili.

Mentalmente semo za a Cracovia. L’ultima tapa xe sempre cussì, te se la godi un poco meno, propio perchè te sa che xe quela conclusiva, quela che meti fine al tuo raporto cussì strento con la bici. 75 chilometri. Dopo de questi, te sa che te tornerà a esser un normale turista, non più un bagolador su due riode. E xe anche discesa. Con una media ben oltre i 20 Km/h, se iludemo de farghela entro ora de pranzo. Ma no gavemo fato i conti coi famosi cinque picchi de Cionn. Che no xe i picchi-usei, ma xe le rampigade che ancora dovemo farse, secondo l’altimetria dela nostra guida. Ne passemo uno. Due. El terzo xe massacrante. Ghe ne xe subito drio un altro. Semo sicuri che questo sia el quarto? O dovemo contarlo assieme al terzo? Dei, un ultimo sforzo, che manchi uno o due in fondo podemo farghela in poco tempo. Eco el quinto. Saliton, muli. E incomincia a far caldo sul serio. El termometro Lidl segna 38 gradi. No, desso 38.5. Speta speta. 39! Varda meo: 39.8! Bon, forsi xe el caso de rucar verso l’ombra el più veloce possibile. Dei che dopo sto quinto picco de Cionn semo rivai. Bon desso xe drito. Speta un atimo, mi me par che stemo salindo de novo. Sesto! Bon, forsi alora el terzo e el quarto stava insieme, gavemo contà mal. Dei che dopo de questo xe tuta una discesa infinita. Setimo. Otavo. Cionn, come xe? No doveva esser cinque? Sì, cinque bele rampigade gavevo dito! Evidentemente queste xe rampigade minori, rampigade bemolli. Bon, basta che no rivi le rampigade diesis. E invece ecola.

Il miracolo della moltiplicazione dei picchi di Cionn. Che porta come ovia conseguenza la crocifission dele nostre gambe. Per fortuna, dopo un poco el famigerato ultimo picco se palesa, e de là inizia el drito.
Rivemo ale miniere de sal de Wieliczka a ora de pranzo. Za che ghe semo, decidemo de incominciar subito a far i turisti veri e visitarle. Se incoconemo coi panini che gavemo fregà a colazion. Qua no i ga la radler. Poco mal. Compremo un poche de latine de bira e un poco de pompelmo e se la femo de soli. Una mula ne domanda dove gavemo trovà i panini, che la volessi anche ela un. Ciolemo nota: verzer un barachin de panini e radler nele miniere de sal de Wieliczka e farse la pila. Legemo el cartel. Le visite dura tre ore. Tre ore? Me ciapa mal. Gnanche a scola no iera robe che durava tre ore. Dentro una miniera, poi. Xe come ciapar una pantera e serarla in una cheba de un metro quadrato per un giorno. Nissuna possibilità de fuga. Là te son e là te resti. Per tre ore. Panico e claustrofobia. Xe al limite del sequestro de persona, ciò. Ma cussì xe. Prendere o lasciare. E se xe noioso? E se se scazemo? Semo in sete, dificilmente no troveremo qualche monada divertente de far, in caso. Bon, fata la xe. Xe anche la visita in italian, ma scegliemo quela in inglese, cussì i altri no capissi quel che disemo, e se metemo ordinatamente in fila.
Scalini. L’incubo dei ciclisti. D’altra parte xe miniere, podevimo anche imaginar che iera de scender.

Pupolo di Michele Zazzara

Per rivar in fondo perdemo el conto dele rampe in senso antiorario che se femo. Se pol far foto, ma xe de pagar. I te meti un tacomaco per saver chi che pol e chi che no pol far foto. Siani xe el nostro fotografo designato. Ciò, xe zima qua soto. E ogni tanto xe anche refoli bruti. I ne disi che l’ultimo ga de acompagnar sempre i portoni co i se sera, se no xe longhi. Che monade, ara che noi vegnimo dela cità dela bora! Sbam. Tiro mato. Va ben, prossima porta staremo più atenti.
La visita xe interessante. Caminemo un casin, ma ala fine la guida ne dirà che gavemo visità solo el 2% de tuti i cunicoli dele miniere. Che robe. Lavorar là doveva esser proprio impressionante, nel buio più totale al centro dela tera. Epur i ne conta che no iera un lavoro considerà degradante, anzi, iera quasi un onor, tanta iera l’importanza del posto. Adiritura, iera chi se fermava dopo el lavoro volontariamente per ornar le varie stanze, scolpindo el sal, rivando a costruir un’intera cesa. Lavoro che oviamente se tramandava generazion dopo generazion, e sempre tra pochi eleti. I più capaci e i più volenterosi.

Dopo un’ora e meza, quindi ben in anticipo sule canoniche tre ore, i ne mola nel negozio de souvenir e i ne mostra l’asensor per tornar su. Un viagio dentro una cabina stretissima, in quatro ala volta. De novo esposti ala luce del sol, se sentimo come Dracula in un negozio de lampadine al neon.
Dodici chilometri ne separa de Cracovia. L’ultimo sforzo, dodici chilometri in confronto ai mile che gavemo fato no xe niente. Ma gavemo fato i conti senza l’oste. Le ciclabili xe sempre più sconesse, ai limiti dela percoribilità. Andemo in strada? Xe lavori ovunque. Ciapemo scorciatoie sul prà. Tornemo in ciclabile, ma de novo xe pien de cantieri che ne bloca. Riciapemo la strada, ma el trafico ne fagocita in un secondo. Incomincemo a spazientirse, e ognidun la pensa in maniera diversa sul percorso de seguir. Cionn ciapa deviazioni senza avisar, el se staca del grupo, qualchidun lo segui, altri no xe convinti e se ferma. Se dividemo, se ribechemo. Se scornemo. No se respira un bel clima. Per la prima volta in diese giorni, la clapa se sta sfaldando e se respira scarighi de camion e nervosismo latente.
Famiglia. Persone con cui te ga un casin de patrimonio genetico in comune. Ma esisti anche altre famiglie. La famiglia xe dove che te se senti sicuro, proteto e capido. A prescinder del tuo stato d’animo e de quel che sta sucedendo. Te pol parlar, te pol star zito, te pol rider o esser malinconico. Te pol passar momenti bei, spensierati, condivider i sorisi con gli altri, ma pol esser anche periodi tempestosi, nuvoli e eletricità nel’aria. Tutavia, te son sicuro che in famiglia ghe sarà sempre el tuo cantonzin in cui ranichiarte per poder star a tuo agio, per poderte ciapar una pausa quando no te ga voia de afrontar el mondo, senza doverte nasconder. Tanto la famiglia xe là, anche nel momento più nero e de crisi totale, anche se te la ga fata rabiar e te par che la te odi. La tua famiglia, se xe una famiglia vera, te difenderà de tuto el resto sempre e comunque. In uno stato straniero, dove el mondo diventa ancora più impegnativo, el senso de famiglia diventa ogni giorno più forte. Le diferenze che te se trovi davanti, le esperienze e le dificoltà de afrontar ogni giorno amplifica ancora de più el senso de comunità dela clapa. Schiantarse contro un’auto insieme, farse imbriagar del conte dracula slovacco in mudande, star a strento contato ventiquatro ore al giorno, inventarse novi zoghi de far per passar el tempo, condivider silenzi, ridade, fadiga, speranze e ilusioni, ciorse pel cul a vicenda e no ciaparsela, tute ste robe te fa capir, co te se abraci tuti insieme in Piaza a Cracovia, che per diese giorni e 1022 chilometri i tui compagni de viagio xe stadi anche la tua famiglia. De cui za te dispiasi doverte separar tra due giorni. Par quasi impossibile viver senza de lori, ormai.
Famiglia. Scoprir che a Cracovia, proprio el giorno in cui rivemo, ghe sarà l’inaugurazion de una mostra fotografica del’associazion triestina dotART te fa sentir ancora più in famiglia. Inaugurazion. De solito inaugurazion fa inoltre el paio con la parola magica: rinfresco. Decidemo al’istante che quela sarà la nostra prima tapa nela capitale polaca, ma solo dopo le foto de rito in piaza, dove per una decina de minuti se sentimo un poco rockstar.

In giro no ghe xe altri grupi de fenomeni in bici, xe impossible no notarne. La gente ne varda incuriosida. I se ferma, i ridi. Qualchidun ne chiedi de dove rivemo. Qualchidun ne fotografa. Qualchidun de noi volessi star qua al centro del’atenzion ancora per un bel po’. La magioranza però decidi de fiondarse in ostel, lavarse e iniziar la nova vita de turisti. Fora dela porta dela nostra ultima dimora extratriestina, semo ben consci dela mutazion che sta per compierse: passemo da esser i ciclisti, son l’articolo determinativo, imediatamente riconoscibili, ad esser dei banali muli, in giro a pie per Cracovia, esatamente come tuti i altri. Insoma no se ingruma più. Ma perchè, prima se ingrumava? No, gavemo za dito che la tenuta de ciclista xe ccgnaf. Bon, alora che problema xe? Che almeno prima i veci ne diseva bravi bravi putei. Desso gnanche quel più. Unica consolazion: i ne fa meter le bici dentro la nostra stanza. Dopo tuti sti chilometri percorsi insieme, dormir fianco a fianco con lore ne par el riconoscimento più meritado.

Rivemo al’aperitivo tropo tardi per rivar a sbecolar qualcossa. Stefano Ambroset ne acogli ala grande però, el ne presenta ai altri presenti, el ne sugerissi dove andar a cenar, visto che semo afamai. Nel club Alchemia xe esposte opere de molti autori. In otobre a Trieste la cerimonia de premiazion.

A cena, i pochi camerieri e i tropi clienti influenza negativamente i tempi dela nostra magnada. Zerchemo de darghe una man ordinando carafe de bira invece che biceri, ma la strada dela cusina fin al nostro tavolo devi esser comunque una specie de campo minato. Finimo ‘ssai tardi e decidemo de rientrar in ostel. Dove, invece del riposo desiderà, trovemo a spetarne el finimondo nela sala bareto. Xe un grupo de inglesi, anche se per qualchidun de noi iera e resterà americane, totalmente in balia dela malvagia generosità dopiogiochista del barista. Le mule xe za al nono grado dela scala Kokal, e el mato continua a impetessarle. Vola bire de qua e de là. Se unimo ala festa, tanto el mato xe impetessà per ben anche lui e qualche bira gratis scampa per tuti.

Michele se perdi in un dialogo con un mulo francese. Xe el calceto, xe el biliardo. Ostel full optional. Parti i sfidini. I leti e el riposo diventa ormai un miragio, smarcarse del bareto dela perdizione xe ‘ssai arduo. Ma ghe la femo. El tempo de un ultimissimo giro per Cracovia per mi e Michele, spazolin e dentifricio in man, e semo pronti per infilarse in busta. Entro in stanza per ultimo, assieme a un mulo che disi de esser l’otavo componente dela clapa. Ale tre de note, vien fora tuto el nostro istinto teritoriale felino. Ghe disemo che no, che in quela stanza semo noi sete e basta. Ghe sufiemo. El ne disi che sì, che el xe rivà là de sera quando ierimo via e che el xe in stanza con noi. Pupoli. Andemo del capo del’ostel. Ale tre de note. El sarà sicuro felicissimo. El conferma. El mulo xe dei nostri. Va ben, semo in oto. Tuti amici alora. Adesso se pol spegner le luci, in atesa del nostro ultimo giorno de turisti.

Tag: , , .

8 commenti a Trieste-Krakow in bici 11: a Cracovia, in famiglia

  1. Avatar Sandi Stark

    Ciò, se andai in zerca de l’Abate Mitrato de Cracovia?

  2. Avatar Dag

    Nooooo, è già finito??? Dovreste fare qualche tour anche in inverno, non posso aspettare un altro anno! Bravissimo Diego, bel racconto!

  3. manca ancora l’ultima puntata 😉
    e dopo finalmente sè salvi! 😀

  4. Avatar Riccardo Ferrari

    Ah, l’arrivo xè sempre un po’ triste … Però el toco de rally urbano entrando a Cracovia, tra ponti ciclabili, scorciatoie tra l’erba, dribbling tra carrozine, vecie e altre bici, me ga ‘ssai piasso (un po’ de meno a chi me seguiva e doveva star drio ale mie svolte tipo Automan me par :-). Mancava soltanto dover lanciar giornai nele buche dele lettere (e chi gà zogà a Paperboy sul Amiga 25 ani fa sa de cossa parlo :-). E iera tuto sule mape del gps, tropa roba !
    Adesso no me ricordo ben. ma xé vero che come Oberdan gavemo stravinto a biliardo sul Galilei ? Xè un po’ fumosi i ricordi dela sera … 🙂

  5. Avatar siani

    cionn, mi go un ricordo meno figo dei ultimi km in bici, roba che moro soto un tram per seguirte!!!!
    ah, el sfidin a biliardo xe l’ultima sera.

    ps: come ga scrito diego, mi iero el fotografo del grupo in miniera e gavevo quindi el tacomaco che confermava che go pagà no so quanti cazzetti (ciamavimo cusì i skei polachi) per poder fotografar; bon, entremo, comincemo a scender, ala seconda rampa de scale me sporgo nela tromba per far la foto che mostra tuti i no so quanti piani de scale che xe e vedo svolar via el tacomaco… quindi zigo “muli el tacomaco” come se se tratasi de una banconota viola de 500 euri e no me ricordo chi, davanti de mi, lo ingruma con animo altretanto preocupà de gaver butà via quatro cazzetti!!!

  6. Avatar Dario Cossi

    “Decidemo al’istante che quela sarà la nostra prima tapa nela capitale polaca”. La capitale polaca xe Varsavia!

    A parte questo, degna conclusion de un belisimo viaggio. Go seguido tute le puntate e no me son mai pentido.

  7. 6:
    ustia, te ga ragion 😀
    bon femo che per agosto 2012 cracovia xe stada promossa 🙂

  8. Avatar siani

    ma cracovia xe la ex capitale, infati a cracovia se trova la reggia e l’arcivescovato.

    ps x diego: cos’te disi, cusì la gavemo refada?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.