27 settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 10: la clanfa nucleare

Qua le puntate precedenti
As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

Clanfa. Un viagio senza almeno un clanfin no xe un viagio. Xe tipo la mission de co te parti. Te se imagini una scena dela partenza degna dela compagnia del’anelo che sta per andar sul Monte Fato a salvar la Tera de Mezo butandoghe dentro l’anel. Tuti in cercio, tuti seri, tuti consci del’importanza del momento. Eco. Imaginè una scena dela partenza cussì. La compagnia de ciclisti col spriz in man in barachin de Barcola, in cercio. Tuti seri, tuti ciapai. Muli, andemo a Cracovia in bici. Sarà un viagio lungo ed estenuante, un’impresa de quele che te se ricordi per tuta la vita. E riva el maestro, lui, el vecio sagio, la nagana per antonomasia, el Gandalf dela situazion. Abronzà. Cavelada, ociai de sol a mo’ de cerceto, colanina col dente de squalo, elastico nero sul bicipite destro. Barba apena acenada. Boxer girai un poco sule cosce. Infradito maron scuro. Spritzeto. Serio. Solenne. Muli, el momento xe topico. So che ste per lassarne per un periodo. Che no ve vederemo a Barcola per lunghi giorni, né al’alba né al tramonto né ai festini noturni. Voi gavè una mission de compier. Sé i prescelti. De voi dipendi el futuro de un’intera stirpe. La nostra cultura, la nostra tradizion se afida a voi, e ai vostri cavai cole riode de goma. Ve troverè in mezo a grandi dificoltà, mostruose creature, demoniache tentazioni, e proceder sarà ogni giorno più dificile. Ma mai dovè dimenticar el vostro ruolo nel mondo. Sul Monte Fato, no stè tirar zo l’anel. Quel vendelo piutosto, che se bevemo un pochi de spritzeti gratis co tornè. Sul Monte Fato, tira una clanfa. Semo nati per quel. Per esportar la clanfa nel mondo. Tegnilo sempre presente. Silenzio. Acondiscendenza. Sbater de biceri. Sbater de biceri sul sugaman. Investitura uficiale. La compagnia del clanfin parti, conscia del suo ruolo vitale.
Sveglia. Trip Tolkieniano ciò. Ma cossa ogi passemo per un lago? Bon, alora savemo za cossa dovemo far, no?
Dopo la vampiresca note ala festa de Jure, tirarse su del leto xe la prima dele imprese dela giornata. Se sentemo a far colazion sul terazin. Xe fresco, ma presto el sol incomincia a scaldar. Riva la mula e ne porta i menu dela colazion. No se capissi niente, al solito. Ciolemo la roba che ne sembra più blanda, toast e palačinke. Al limite i toast se li incartemo e li portemo via per pranzo. Spetemo. Riva: toast de peveroni, grondanti pesanteza de stomigo liofilizada. Magnarli xe la seconda impresa dela giornata. Co te li finissi, te se stupissi de cossa che sia capace el stomigo. Saludemo la mula dopo gaverla zercada nei meandri del’albergo e se incaminemo verso el castel de Nosferatu.

Gavemo el passo degno de una clapa de veci de cantier. Michele se cimenta nela posizion con le man drio la schena, also known as “la classica”. Rivemo sul porton, che xe verto. Volè entrar? Anche sì dei, semo salidi fin qua. Eh, ma xe de pagar. Ostia. Questa xe l’ora del’istrianità ale stele. No se pol pagar ale 9 de matina. I ne sera fora. Mi, Massimo e Paolo tentemo el colpacio. Nascosto tra i alberi, sula sinistra, ghe xe un sentiero che se inerpica a fianco dei muri del castel. Se rampighemo. Rivemo un poco più in su, stanto tenti de no finir longhi. Ne par de esser un picio esercito de invasori. Tanto a sta ora Nosferatu dormi. In quel, dele guardie de dentro el castel ne vedi. Sarà i arceri, ocio. I ne ziga. I continua a zigar. No capimo se i scherza o se i xe incazai per bon. Nel dubio, l’esercito bati in ritirata. Fughin.
In sela ale bici, xe l’ora de tirar le some dela serata de ieri. Par incredibile, ma semo tuti abastanza in forma. Conscio de dover comunque pedalar tuto el giorno, el tuo fisico rispondi ale solecitazioni con un stoicismo invidiabile. Se ierimo a Trieste, dopo una festa cussì ogi se ritrovavimo tuti distirai in leto fin pranzo, o a testar novi modi de ripiglio. Tipo le legende de bever apena svei un dito de l’ultima roba che te ga bevù la sera prima. Se no funzia, vol dir che te ieri cussì storto che gnanche no te se ricori cossa te ga bevù come ultima roba, quindi te ga sbaià e desso te se ciapi la giusta punizion. Opur la legenda Zazzariana de bever un litro de aqua prima de andar a dormir. Perchè el mal de testa xe dovudo ai neuroni che se disidrata e che quindi sta tuti più vicinivicini e i se fa mal fracandose tra de lori. O la legenda Mannica che te ga de bever una taza de camomila prima de andar a dormir. Quest’ultima derivata del metodo Cionnico de bever una taza de tè scadù prima de andar a dormir. O quela Pasticierica de cior una cocacola. Se te ruti, te son a posto. Poi ghe xe la teoria del 4+4. Che disi che se te dormi quatro ore un giorno, el giorno dopo te pol de novo dormir quatro e te se sveglierà freschissimo, ma solo se te va a dormir imbriago. Perchè? Perchè el zervel, el giorno dopo che de ga dormì quatro ore, el te maledirà tuto el tempo, chiedendote altre quatro ore de sonno, perchè lui voleva dormir oto. La sera alora ti te ga de imbriagarte, cussì el zervel se incocalissi e no capissi ben cossa sta sucedendo. Poi co te ga voia te va a dormir, te dormi quatro ore de novo, te se svei, el tuo zervel se sveia, el pensa che le quatro ore che el ga dormì xe quele aretrate che lui te chiedeva e el sarà sodisfato e pacifico, e ti cussì te ghe la gaverà cazada e no te gaverà mal de testa. Tuti felici, contenti e freschi come rose.
Monade a parte, semo tuti in piena. Tuti meno che un. Quel che ieri gaveva fato el lofio, scondendo la bira e bevendo meno dei altri con maghegi e fufignezi. E che dopo gaveva fato el splendido. Vederemo doman sui pedai chi riderà, el gaveva dito. Punizione divina. Pasta per tuta la matinata xe costantemente indrio.
Le strade xe anche ogi piacevoli e senza grossi problemi de trafico, anche se i saliscendi continua. Ma no xe niente de grave. Incrocemo un veceto, el vedi che semo italiani e el ne spara tuti i nomi italiani che el conossi. El ga visità le Dolomiti, par. El ne conta ancora un do robe de sicura importanza internazionale prima de saludarne e proseguir el suo giro. Massimo, el più giovane dela clapa, supera Siani sul drito insultandolo con un “te son vecio!”, forte dei sui diese ani de meno. Riva una rampa e Massimo xe costreto a ceder el passo. La rivincita del’Oberdan e dela classe ’79.
Se fermemo a visitar una cesa fata tuta in legno. Femo el giro de fora. Entrar costa 1 euro. El tasso de istrianità xe sceso, ma no in ugual maniera per tuti, cussì a entrar xe solo Siani, Massimo, Paolo e Cionn. Noi li spetemo fora, ciapando sol.
Le soste de ste ultime tape xe bastanza corpose. Fortunatamente i chilometri de percorer xe de meno, per cui podemo permeterse el lusso de riposarse de più. Xe ormai ora de pranzo, e semo rivai al lago artificale de Namestovo, dove par che ghe sia l’enesima centrale nucleare. Ne vien subito in mente la nostra mission. Zerchemo dove far el bagno. El lago xe bastanza incragnà. Trovemo quela che podessi esser una spiageta libera, ma meter i pie là dentro no se pol proprio. Vedemo dei trampolini. Dovemo assolutamente tirar un clanfin de là. Ma Cionn disi che avanti xe meo. Procedemo. Rivemo finalmente ala nostra meta. Un prà enorme, una spiagia de sabia e poi l’acqua. Aquascooter che cori come mati. Gente che fa el bagno. Gente che tira sarde ale mule. Gente che bevi e se rilassa. Decidemo de entrar. Una mula ne ferma al’entrata. No, no sarà miga a pagamento? Sì, dovè pagar due euri, consumazion compresa. Pagar per andar a far el bagno va contro i nostri sani principi patochi. Zerchemo un modo cocolo de covincer la mula a farne entrar. Ghe disemo che de noi el mar xe libero. La ridi, ma la ne disi che quel xe un lago e là purtropo xe de pagar. Ghe disemo che rivemo de Trieste e semo stanchi dopo un lungo viagio. Ghe disemo che co la ne passa a trovar la femo andar a Barcola gratis. La se diverti, ma la ne disi che no la ga ‘ssai soldi per viagiar fin Trieste. Ghe digo che se la vol la pol montar sul portapachi e la porto. Dopo un poco, la cedi e la ne fa el sconto de un euro, però senza consumazion. Entremo, entusiasti de gaver risparmià un euro a testa. Gnanche gavessimo vinto el superenalotto. Anzi, la sisal. Veramente pessimi. Poco dopo, andemo a ciorse una radler, spendendo oviamente più del’euro risparmià. Chi ne la cazza a noi, ah!

Se distiremo vicin de altra muleria. Femo per cambiarse usando i sugamaneti, come Barcola insegna. Un mulo ne senti parlar, el se alza e el ne vien incontro. El xe roman, in Polonia per lavoro. El ne mostra che ghe xe i spogliatoi per cambiarse. La civiltà. El se meti a ciacolar con Cionn. Mi, Michele, Massimo e Paolo coremo verso la riva, consci dela mission che dovemo portar a compimento. El maestro tolkeniano gandalfico nagana de Barcola xe una presenza eterea che alegia nel’aria. El ne esorta. Bravi muli, gavè portà quasi a termine el vostro lungo e dificoltoso viagio. Adesso dovè far quel per cui mi ve go donà l’abilità clanfatoria, ai tempi del vostro adestramento fanciuloide trascorso tra el setimo e l’otavo topolin. Proselitismo culturale. Deghe! El fondal xe basso, tanto per cambiar. L’acqua xe bela freda. Bon, triplice clanfa delfin, daghe! E anche la Slovacchia vien clanfizada.

El clima xe decisamente quel balneare. Radler, panin, sol, mule che passa, Cionn che scampa de una vespa che ghe cori drio, mule sentade sul sugaman vicin che lo varda e le ridi. E ancora sol. Quasi tropo. Michele se costruissi un ombrelon de fortuna, usando la bici come sostegno per sugamani e maiete. Se sta ben, ripartir xe ‘ssai dura.

Pupolo di Michele Zazzara

Passemo l’ultimo confin dela nostra rumizada. Semo in Polonia. El cartel no xe propio de quei che te da grandi sodisfazioni, ma se femo la foto lo stesso.

Particolare ancora più bel: i lo ga messo propio in una conca, ala fine de una bela discesa dopo dela quale ne speta un saliton. Questo xe el benvenuto in Polonia, paese dove, secondo el motociclista incrocià ieri, le strade xe noiose perchè le xe tute drite. Eco. Speranza vana. I saliscendi continuerà fin la fine, remengo suo.
Saludemo una muca che ne varda curiosa. Gli altri incontri a quatro zampe ne riporta ala mente discorsi za fati, diferenze za viste. El solito can col cinciut ne cori drio. Saria de studiar la velocità de soglia a cui te devi andar per scadenar la reazion de segugio dei cani cinciutari. Perchè ala gente che camina solo i ghe baia e ringhia. Za se te cori, alora te son un individuo magiormente sospeto. Cossa cori che te cori co no cori che te cori? Sicuro te ga qualcossa de nasconder! Speta che te coro drio e te rosigo el popoci. No stemo parlar dele bici po’. Coss’che cori ste bici, speta che ghe coro drio ancora più in strapienazza! Un giorno proveremo a passar pian in bici, a ritmo caminada, e vedemo cossa nassi.
Poco più avanti, dove se fermemo a cior aqua, una copia de bambini zoga con un gatin che gaverà qualche giorno. Al loro fianco, la mamicia con altri due gatini. Tranquili, no i baia e no i rosiga i popoci. Ah, che rilassanti che xe i felini, in viagio. Prima che i mati rivi a riempirne tute le borace, passa un bel po’ de tempo. Massimo se stufa e sufia. La gata la senti e la tira un salton col pel tuto impirà de paura. La se varda in giro, la buto un cuc, la controla, no la trova chi xe sta. Ben bon, la torna tranquila, serena e felina coi sui gatini.
Rivemo ala nostra meta finale, Rabka Zdior. Mentre Cionn e Michele va in zerca del’uficio turistico per informarse su dove podemo trovar una stanza, noialtri zinque cazegemo beatamente distirai sule panchine, respirando la vita del paese a pieni polmoni.

Tombini, scarighi de pulmann, ste robe qua. Un tassista, stufo de spetar, se verzi una bira de mezo e se la seca in pochi sorsi, cussì. Massimo riva anche a farghe la foto. Benon dei. Metemo una crose sui taxi. Spetemo intanto che i altri se fazi vivi, ma i xe totalmente dispersi. Dopo almeno mez’ora, torna Michele che ne disi de seguirlo. El posto xe un pochetin lontan e per rivarghe xe de far una salitona. Lui se la ga za fata e desso ghe toca rifarsela per portarne noi. Gavè tuti i celulari spenti! Tegnì verti sti celulari! Ma mi veramente lo go verto, ma nissun me ga ciamà. Vara! Ops. Due chiamate senza risposta. E bon, ma ierimo impegnai a vardar el tassista che beveva.
L’albergo xe ‘ssai figo, giusto di fronte a un parco. Se senti la musica, devi esserghe una festa o qualcossa. Trovemo un local che ne ispira per zenar. Anche qua i ga i gnocheti, ma xe diversi de quei slovacchi, anche se la traduzion in inglese xe la stessa. Ordinemo le bire. Sorpresa. Qua le bire se bevi con la canucia. Imortalemo el momento e provemo a bever, nela vita no se finissi mai de imparar robe nove.

Ma la bira con la canucia vien bociada al’istante. Se liberemo de quei inutili orpelli. Te vol meter la sodisfazion de sentir la bira a contato col labro superiore e l’odor de cussì vicin? La canucia te porta via metà del godimento. Xe come i cevapcici senza zivola o la porcina senza senape e kren. Rage against the canucia. Finida la cena, se trasferimo dentro el local, dove ghe xe musica dal vivo. Venimo riconossui al’istante come italiani. E, imancabile, parti l’omagio ala nostra italianità: el Toto Cutugno dela Polonia Bassa taca col tormenton lasciatemi cantare. Oviamente ringraziemo per l’ospitalità e el pensiero, però speremo che no duri tropo. Intanto, due che se professa milanisti ghe ofri una bira a Pasta, noto interista. I cerca de deviarlo dela sua fede. Ma el xe incorutibile. Una signora ne rapissi Michele, e lo tien in ciacole. Dopo el ne confesserà che la xe de Udine. La saludemo anche noi alora, meza region in sto posto remoto.
La stancheza se fa sentir e decidemo de tornar nele nostre stanze, pronti per l’arivo a Cracovia de doman.

Distanza 91.89 km
Media 18.5 km/h
Max 55.4 km/h
Tempo 4:57 h

Tag: , , .

16 commenti a Trieste-Krakow in bici 10: la clanfa nucleare

  1. Paolo Stanese Paolo Stanese

    Michele, ma te ga capì BEN cos che voleva dir Diego co el te ga dito “fa un pupolo delle bellezze al bagno”???

  2. Dag

    A me di solito la “bala” mi fa male due giorni dopo, non il giorno dopo. Il giorno dopo sono in una specie di stato di relax e felicità demenziale: bene insomma! Due giorni dopo sono fisicamente giù. E’ successo anche a voi?

  3. michele zazzara

    el problema iera che 2 giorni dopo ierimo imbriaghi de novo!

  4. michele zazzara

    ma se semo bellissimi! 😀 mi massimo e pasta poi col segno del’abronzatura… 😉

  5. il giorno dopo di solito non esiste 😀
    ma la bici fa miracoli!
    cmq mi ghe gavevo dito a michele: pupola el santon gandalfico naganico che me fa rider! 😀
    però me piasi ssai el bulbo de pasta, xe uguale a quel vero! 😀 😀 😀

  6. Riccardo "Cionn" Ferrari

    Ah ha grande storia e grande pupolo (meno mal che mi no son ritrato ignudo 🙂 !

    Do robe: el mulo sul lago iera un Polacco che gA studia’ a Roma, e x l’estate iera torna’ a casa. E me gA taca’ un boton che no finiva più, pero’ iera cocolo e gA dito che se passavimo a casa sua el ne ospitava se volevimo ( o meglio, podevimo piantar le tende che no gavevimo nel suo giardin, magnanimo ciò 🙂

    Ah e poi nel local iera una clapa de vecioni che balava in piena come mati e gavevimo ‘ssai paura che la baba la se rimorchiassi Michele, stregada dai sui baffetti de sparviero 🙂 !

  7. Paolo Stanese Paolo Stanese

    El santon… battezilo “Clanfalf”
    E per el pupolo, mi me ispirassi a Jeff Bridges!
    😉

  8. siani

    riguardo l’istrianità, per far foto dentro ala ciesa de legno iera de pagar un altro euro (oltre a quel de ingresso). neanca dir che la foto la go fata de sconto perché… do euri me par ‘ssai!!!!

    ps: la vigneta xe figona, la panza de pasta e la posa de paolo xe mitiche, i miei pochi cavei meno 😉

  9. sfsn

    ciò, muli, ormai – a parte Dag – sto diario ve lo legé solo voi che gavè fato el giro…
    Diego, senza ofesa, el prossimo giro falo più curto (cossa so mi: Trieste-Monfalcon) cussì te scrivi una-due puntate e lo riprendi a leger anche chi che no ga partecipà al tour…

  10. michele zazzara

    caro paolo, se lo fazo come te disi ti… vien fora mauro vascotto 😀

  11. @9
    ma lo scrivo propio per ciacolar tra de noi! 😀
    scherzi a parte, i numeri de letori xe stabili sui 400 a puntata 😉
    oviamente el top xe quela del dormitorio feminile 😀 😀 😀

  12. sfsn

    quela del dormitorio feminile la ga leta tuti perchè speravimo che salti fora la Fenech soto la docia!
    Inveze i vostri giri in bici xe più frustranti dei film de Bombolo!!! 😉

  13. hahahaha 😀
    ‘ssai fadiga
    zero f_ _ _

  14. siani

    come disi sempre diego “par l’inizio de un film porno, ma poi no sucedi mai un zoca”

  15. sfsn

    te parli dei vostri giri, o dela vita in genere? 😉

  16. la citazion xe sbaiada, xe:
    “inizia come un film porno, ma poi diventa un film comico. però xe + diverntente de contar”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *