9 settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 5: la leggendaria notte nel dormitorio femminile studentesco di Kőszeg

Qua le puntate precedenti

As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie. Forsi xe anche qualcheduna che ghe go fregà a Cionn. Bu.

Con un titolo cussì, xe evidente che questo sarà el capitolo del diario più leto.
Capita che sto ano semo più organizai del solito e, grazie ai potenti mezi de Cionn, rivemo a prenotar in anticipo el posto dove dormir. I ani scorsi zercavimo a caso, apena rivavimo ala meta. Verso ora de pranzo, Cionn ciama l’uficio turistico de Kőszeg. Sì, me par che gavemo dove farve dormir. Costa anche poco, tipo 8 euri a testa. Sì, podè anche lassar le bici. Xe solo un neo: sarè ospitai nel dormitorio studentesco feminile. De tuta la telefonada de Cionn, le parole chiave che riva ale rece del resto dela clapa xe: dormitorio – studentesco – feminile. Ridade.
Compito per i letori: adesso prima de leger el resto dela puntata, andè zo fra i comenti e scrivè la vostra idea de: dormitorio – studentesco – feminile.
Ma andemo con ordine. La presenza feminile del bongiorno xe la nostra amata Frida. La ne fa trovar una de quele colazioni che te riempi de gioia, oltre che riempirte la panza. Marmelate, ciculate, dolceti, caffè, tè, sucheti, formaio, salame, parsuto. E lori. Sì, lori. I ovi freschi del cortil cole galine. La ne fa una fritatina de sti oveti, come dir de no. La ne ridi, la ne conta le sue storie. La ne chiedi come gavemo magnà la sera prima, nel local del nipote. O qualche grado de parentela simile. Insoma un mulo che ga imparà a cusinar de ela, la ne conta, e che dopo ga verto el ristorante. E la morosa del mulo, la gavè vista ale terme? Come fazevi a riconosserla? Facile, la xe famosa in tuto el paese per le sue tetone! Ah, no gavè visto nissuna baba trainada da due tete? Ah, alora no la gavè vista, se no sicuro ve ricordavi. La ridi. Finido l’elogio dele tete dela nipote acquisida, la fa el gesto. Quel gesto. El sogno de tuti i ciclisti a colazion: la va a cior altri panini e la ne porta anche salviete e sacheti de nylon. Ciolè muli, prepareve i panini per el pranzo, magnè che sé cussì cocoli. Frida, la nonna preferita de sete muleti afamai. Ma sé sicuri che no volè ancora qualcossa? Ve vedo cussì magreti. Ciolè ancora! Siani ciol un altro tè. Passa un poco de tempo, xe ora de andar via. Frida se ricorda de gaverse dimenticà de portar el tè. La xe quasi disperada per el dispiazer. Ghe disemo che no fa gnente, che no semo mai stadi cussì ben in vita nostra. Ghe torna el soriso. Mitica Frida.
La saludemo e ripartimo, la tapa de ogi xe lunga e dificile. Presto torna a farse vivo el dolor ai ginoci. Un zinque ginoci sta continuando a lamentarse de ormai do giorni. Se spalmemo la pomata miracolosa de Siani, un poco passa, ma xe de strinzer i denti e far finta de niente. E se no bevite un do bire e te vedi che no te senti più niente. Sì ma dopo chi pedala?
Mi e Michele incomincemo a ocupar stabilmente i ultimi posti del trenin ciclistico. Siani xe decisamente quel più in forma e traina tuti per la magior parte del tempo. Ma el vero afar xe rivar a meterse drio de Massimo. El più picio ma el più grando. Co te sta in scia sua, no servi gnanche che te pedali quasi. Comunque, la situazion pegiora. Iniziemo a far una specie de ciclocross nei boschi austriaci. Stradine sempre più sterate e sempre più strente. Cionn, memore de quela volta l’ano scorso in cui el ne gaveva fato perder int’ei boschi ungheresi, el pensa ben de far el repete. Se perdemo. Se imbusemo sempre de più. No piovi de giorni, ma qua xe fango de mati. No se riva a andar oltre. Saria un’impresa. Ecola, parola magica. Impresa. Michele se impiza e vol portar el Galilei sul 1-0. Cossa sarà mai un poco de fango muli, scolteme mi che so. Peso sul cul, raporto legero e via andare. Ecolo. Per la cronaca, la vegetazion ai lati xe ortighe. Ma no ortighe normali. Ortighe ogm missiade con meduse anemoni e pungiglioni de vespa. No so cossa i ghe da de magnar ale ortighe qua in Austria per farle vegnir su cussì cative.

Se fermemo per pranzar davanti a una ceseta, in mezo al niente. Tanto gavemo i panini de Frida, cossa ne frega de tuto el resto. Tiro fora anche la Nutela, ogi se viziemo.

De una dele case se avicina una muleta. La ne varda de lontan, poi la torna indrio. La ciama el fradelin. I torna, i ne passa davanti, i ne varda incuriosidi. No devi passar tanta gente de qua, semo quasi ai margini dela civiltà. I se alontana, ma i continua a butar l’ocio. Chissà cossa i fa qua tuto el giorno. Dovemo esser l’evento dela setimana. Magari invece i sta andando a una superfestaza zento metri più in là. Senza gnanche invitar, che mussi ara.
Poco dopo, la telefonada de Cionn che ne cambia la giornada. Dormitorio – studentesco – feminile. Dormitorio – studentesco – feminile. Diventa l’argomento del resto dela pedalada. De colpo i ginoci fa meno mal. E incomincemo a sparar monade su come imaginemo el nostro trionfale ingresso nel’istituto. Robe che tipo soto soto semo sicuri che co riveremo là la realtà sarà ben diversa dal’imaginazion. Ma intanto se la contemo, se imaginemo le folle oceaniche de groupies che ne speta come gnanche Axl Rose dei tempi migliori e se la ridemo. Cionn, ma te ghe ga dito che rivemo in bici de Trieste? Ara che fa figo! Ah no, el ciclismo xe roba ccgnaf. Bon ma noi semo in mountain-bike, xe diverso. Po’ mi go le braghete de baloner, ara che se ingruma de cagarse. Ara che qua i ga el mito de Trieste, riveremo che za le saverà come se ciamemo e le insisterà per butarne un litro de bira a testa. Ma no mona, ara che là le ga propio vasche piene de bira, coi scivoli anche, altro che terme. Sì, ovio che xe tute hungaronacici. Me par che xe el dormitorio del’università dele hungaronacici. Xe tipo quela facoltà che co te se iscrivi te ga de passar el test de ingresso, se no te ga un ctf rank de almeno 4 su 5 i te meti nel scantinato, dove ghe xe el corso de studi in biomonaderia genetica applicata alle hungaronacici che studia la trascrittasi inversa dela patataggine, che in pratica i le sponzi sul popi e i ghe inocula sto enzima patatasi che dopo ghe se modifica el dna e le diventa de colpo hungaronacici anche lore. Robe che tipo l’omo vespa iera l’antesiniano de sti studi, per questo le triestine xe cussì bele. Solo che dopo no i ghe ga lassà perfezionar l’opera, perchè sto enzima gaveva un efeto colaterale, in pratica l’ativava l’enzima latente volentierasi per cui quasi tute le comesse triestine xe cussì. Cussì come? Dei, no stè far i lofi, savè cussì come. Alcune invece ghe se ga impizà l’enzima laprovinfriulasi e a altre l’enzima quelchexexelàsi. Free-style de cazade. Enzima cazade-sparasi a mile. Le ridade fa sempre morale. Tuto sto toco comunque farà rider solo i biologi e affini. Per i altri xe robe ccgnaf.

Passemo el confin con l’Ungheria e vegnimo acolti de un forte vento contrario che ne fa pedalar per andar avanti anche in discesa. Femo veramente ‘ssai fadiga. Spalade e piadoni per becarse el posto in scia drio de Massimo. Ma rivemo. A pochi chilometri dela meta, se concedemo anche una pausa Radler. Ghe sta tuta. El solievo de una Radler fresca xe qualcossa de impagabile. Provare per credere.

Riva el grande momento. La manifestazione reale del nostro frulato de monade sparade tuto el giorno. Semo davanti al colegio feminile. Foto de rito.

Intanto xe un ginasio. Speta che penso. Ginasio no xe quel che vien prima de Liceo? Eh, me sa de sì. Ma no doveva esser el dormitorio del’università? Dela facolta de biopatataggine? Eh, me sa de no. Entremo. Schivemo una vecia. Schivemo un vecio. Questi devi esser ripetenti de bastanza ciò. Sarà el ginasio dei mussi. Procedemo. No xe de nissuna parte la folla de groupies festanti che ne speta. Che antipatiche ara, se vedi che le se la tira. MicheleTranslate trova la capa con cui parlar. Una signora sula cinquantina. La ne varda circospeta. La parla solo che ungherese. L’ungherese, per chi no sa, xe quela lingua che no ga gnente de simile con nissun’altra lingua esistente sula tera. Forsi la lingua dei gati ga qualche elemento in comune. Xe la bidela. No la ne spetava, par. Cossa volè? Semo stanchissimi e solo l’idea de no gaver un posto dove butarse ne fa ciapar mal. Xe anche bastanza tardi tra l’altro.

Dopo un poco, la situazion migliora. Però dovemo pagar subito, in fiorini. Che no gavemo. No podemo molarghe 50 euri de cauzion e doman ghe demo i fiorini? Conceto dificile de spiegar, no se capimo. Bon, Michele e Paolo ciol de novo la bici e scendi in cità a cambiar soldi. Noi intanto esploremo. In una specie de cantina dove che i ne fa meter la bici, trovemo un poster de Sabrina Salerno. Par che nela patria dele ungaronacici i aprezi anche la beleza mediteranea. Se sentemo fora a spetar i altri. Passa altri veci. Qualchidun ga dei strumenti musicali. Xe una banda, i sta provando per un concerto che i ga qua tra qualche giorno. Età media: 70. Bon dei, se sentimo a casa, par de esser a Trieste. No ne par de veder ‘ssai mule, in sto ginasio feminile. Riva i altri, salimo. Al’interno no xe anima viva. Solo noi e la polvere. El dormitorio studentesco feminile dei veci e dei fantasmi. Bon, ma tanto savevimo za fin del’inizio che finiva cussì, senza groupies, senza vasche ulme de bira e senza enzimi patatasi. Ridade.
Rivemo nela nostra stanza. Tuto par abandonà de ani. Le sedie giaci imobili sora le tole. Fora, le doce e i bagni xe notevoli. Tipo de gaver paura a lavarse con quel’acqua. Ma per 8 euri questo e altro. Ma lasso la parola al Pasta che ne ilustrerà i meravigliosi ambienti del ginasio.

Trovemo su una mensola una foto abandonada. Xe do muleti, mas’cio e femina, che gaverà un sedise ani. Sguardo inquietante che te fissa. Inizia l’autosugestion. Come, no gavè sentì de quela famosa storia del colegio de Kőszeg? De quei do fidanzatini che se gaveva suicidà perchè durante l’ocupazion del 1993 (i gaveva ocupà perchè no i voleva el gabineto verde, infati come prima roba i ga stacà el terzo gabineto prima che i lo verdizzi) i genitori no li gaveva lassai dormir a scola e cussì, delusi, i se gaveva butà zo dela finestra proprio de sta camera. Desso de note i lori spiriti vaga per le stanze del colegio e, silenziosamente, i se avicina a chi che se permeti de dormir qua, privilegio che lori no ga podù gaver, e i lo copa, sofigandolo int’el gabineto verde, simbolo del male e dele imposizioni autoritarie. Ma solo uno a note i maza. Quel che ga la foto a fianco del leto.
Passemo cussì la serata a nasconderse la foto drio el cussin. No me ricordo chi che la gaveva ala fine. Forsi l’otavo de noi, che no xe più tornà e de cui poi se semo dimenticai.
Se fiondemo in paese a riempirse de carnaza e birone nel posto più lento dela storia del’Ungheria. Al rientro, decidemo che la miglior tecnica per contrastar la polvere e la cragna dei leti xe usar el copripiumone (cioè l’intimela del piumone dei, no so come che se ciama) per infilarne noi dentro, cussì semo totalmente isolai del resto del mondo. Se indormenzemo tra colpi de tosse e passi de fantasmi in zerca dela foto.

Statistiche de Siani:
Tempo pedalada 6h21m43s
122,8km
19,3km/h media

Tag: , , .

21 commenti a Trieste-Krakow in bici 5: la leggendaria notte nel dormitorio femminile studentesco di Kőszeg

  1. Mauro Ferin

    dormitorio – studentesco – feminile = suore.
    ste suore oviamente no le xè tute sante, alcune sarà lesbiche, altre lesbo/sadomaso stile hentai, certe gaverà la f##a de legno, le più sarà suore acerbe ma quel che ne interesa a noialtri mascieti xè quele che causa l’astinenza le se ga trasformado da suore acerbe in dolci ninfomani. 😉
    bon, deso poso continuar a leger?

  2. Marco Codarin

    Sè capità la stesa roba anche al gruppo de muli in viaggio in bici Vienna-Budapest in quel de Bratislava, dove se gà consumà el nostro mitico attacco de triestinità globale. Prenotà una stanza de sei omini, per risparmiar e veder muleria nova, e se ritrovemo tre babe in stanza, con tanto de risveglio idilliaco e sguardi alle mutande.

  3. Marco, sarè citai nela puntata che vien fora giovedi, tra l’altro la mia preferita in assoluto fin desso 🙂

  4. Johnny dePesce

    dormitorio – studentesco – femminile
    a mi me da l’idea de un posto che per forza de robe in agosto devi esser no svodo, de più…che anche se nei tempi d’oro(settembre-primidegiugno) ga de aver contenudo una discreta quantità de fregna in quel periodo probabilmente sarà rimasto solo un vago odor de freschin
    e mo vedemo se rispetta le mie aspettative

  5. Paolo Stanese Paolo Stanese

    A MI! Me la gavè conzada a mi, la foto in tel leto, iebenti! Però son ancora qua.
    😉

  6. hahaha eco perchè de quela volta te son cussì! 😀

  7. Macia

    Me xe successa una roba simile a Riga (che fasessi anche rima), ma no i ne esplicità se iera proprio feminile. In agosto, comunque, el dormitorio studentesco vigniva convertì in ostel, ‘bastanza improvisà (no iera due linzioi compagni…), però neto. E iera full de americani!

  8. Michele Zaccaria

    Babe seminude appena maggiorenni, che fa lotta coi cusini in camera de leto.

  9. aldo

    per mi la capa ve ga domandà in ungherese:

    – el dormitorio lo vole svodo a x fiorini o pien de nacici a y fiorini?

    qualchedun no ga capì per la lingua, qualchedun altro no ga volù capir perchè xe istrian e xe finida cussì

  10. ANGIAZ

    quoto michele zaccaria.

  11. aldo

    eco quel che sucedi in quel dormitorio feminile e che lori i ne ga sconto:

    http://www.youtube.com/watch?v=q76RdgGLL58

  12. siani

    come sempre la memoria de diego no xe perfeta. cionn ga prenotà la stanza nel dormitorio a le 10emeza de matina, quindi semo stai tuto el giorno a farse film sula serata e le hungaronacici!!!!

    ah, sempre in merito ala memoria de diego, xe de dir che quela cazo de bidella, dopo più de mezaora che la ne parlava in ungherese, co ormai gavevimo capido de dover pagar subito e ierimo andai a cior i skei, bon, in quel la se ga reso conto che suo fio parlava inglese e la lo ga ciamà al telefono e la ne lo ga passà per verificar che gavessimo capido tuto!!!!

    ps: bravo michele, la vigneta xe de sbrego!!!

  13. michele zazzara

    grazie siani!

  14. sfsn

    cossa speta Franca B. Porfirio a far comenti su sti sete depravai cole riode? qua pensavimo tuti che iera un inocente salutare in bici, natura, miteleuropa e tanta salute e inveze desso vien fora ste storie semiporno (piu’ che altro una via de mezo tra Bombolo e Alvaro Vitali…)

  15. Riccardo "Cionn" Ferrari

    Bellissima vigneta e bellissimo racconto.
    Però confermo quel che disi Siani e rilancio: il ciclocross lo gavemo fato nel pomeriggio, no prima de pranzo , vardè i orari dela foto dela cesa e del filmin …
    E poi no se gavemo perso, stavolta iero super sicuro che andavimo x grembani e ortighe, solo me son dimentica’ de dirve 🙂

    Ultima roba: ve ricordè de mattina che gavemo rincorso e infine aguanta’ e supera’ i tipi con le bici elettriche ? Merito de Pasta che iera in piena !

  16. aldo

    @14 sfsn

    “Franca B. Porfirio”

    no iera C.?
    B. xe una svista, un sospeto o un indizio?

  17. siani

    sì, cionn te ga ragion, sto resoconto de diego dal punto de vista cronologico fa acqua de tute le parti

  18. ufo

    Ma come, no savè? Franca B. Profirio xe la sorela gemela de Franca C. Porfirio! Unica diferenza xe che C. frequenta el castel de Boranera (solo per scopo de critica, se capissi), mentre che B. fa de mestier la coniada e la sta a Istanbul; per quel la ghe meti un poco a comentar.

  19. ciò che fastidiosi ara 😀
    cocktail cronologico! 😛 :P: P

  20. michele zazzara

    te li devi perdonar…. i xe del’oberdan…. 😀

  21. siani

    cocktail cronologico xe una bela definizion, bravo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *