3 settembre 2012

Trieste-Krakow in bici 3: verso Celje, tra panoce, stropacui e fioluzi cressui

Qua le puntate precedenti

As usual, foto bele de Marco Massimiliani. Quele brute xe mie.

Note de ghiri. Partir con un minimo de preparazion servi. I altri viagi che ierimo sempre tuti a digiuno de bici, quasi no rivavimo a sentarse sul selin za dopo i primi 10 chilometri, e de note tornava fora tuti i dolori, che no te lassava indormenzarte in pase. No stemo parlar del risveglio. Sto giro no, sto giro semo tuti freschi come rose, za ale 7.30 de matina. 7.30 ciò. Per far colazion ale 8. Colazion ale 8? Alora perché sveiarse ale 7.30? Mi e Massimo puntemo la sveglia ale 7.58.
La colazion xe el classico momento in cui te ga de magnar più che te pol. Tuto quel che resta int’el piato te lo rimpianzerà dopo, a ora de pranzo. Michele ghe dà de panin de marmelata e nutela. Tanto, se no se missia sul panin, se missia dopo in stomigo. Pasta xe incuriosì dela marmelata de stropacui. La studia circospeto. Stropacui. Marmelata de stropacui. Dopo un poco, el ne chiedi se la marmelata de stropacui lo farà corer in gabineto. Ridade. La compagine Galilei ghe fa notar qual pol esser el significato del nome “stropacul”. Inizia cussì anche la gara de logica. Galilei 1 – Oberdan 0.

La strada verso Lubiana xe fantastica, imersa totalmente nela natura. Zero machine, poco asfalto, tanto sterato, tanto verde. E tante panoce, anche. Godibilissima. Le panoce ne acompagnerà in sto viagio fin la fine. Xe come se del Friuli fin la Polonia ghe saria tuto un grande campo de panoce, con solo Trieste come Bobici Free Zone. El moral xe alto, pedalar in clapa tra le panoce xe circa cussì:

Un moschin ghe entra in boca a Siani. Lo spuda. Ooops, iera Cionn de drio.
Trovemo un sentier bastanza impervio. Semo tuti costreti a smontar dele bici. Solo Michele riva a no far sbrissar la rioda fin in cima. Nassi un’ulteriore sfida, Galilei 1 – Oberdan 0. Dopo un per de ore, se trovemo di fronte una scalinata. Scalini no tropo alti e bastanza lunghi, se riva a farli un ala volta, la bici ghe sta in lungheza. Col peso dele borse sula rioda de drio però xe ‘ssai dificile rampigarse, me meto in fondo al grupo e speto de gaver el spazio libero. Tuti smonta. Bon, xe l’ocasion bona, ormai el spirito competitivo xe a mille e par quasi che l’obietivo dela giornata sia la rivalsa oberdanina. Con un poco de sforzo, rivo fin su senza smontar dela bici e riporto el puntegio in parità.
Distanti ormai dei pensieri de ogni giorno, ste pice sfide te par la roba più importante del mondo. Se torna muleti, quando quel che iera insignificante per i grandi iera per ti invece una legenda. I più fioluzi per ste robe semo mi e Michele. Me torna in mente i tempi dele elementari, in terza. Ierimo in giardin e durante l’ora de ginastica xe scesi anche quei de quarta, ai nostri oci grandissimi, cativissimi e naganissimi. L’insulso partidin de balon che xe nato ne pareva lo scontro finale tra la terra e la flotta de Vega. Robe che no me ricordo gnanche come xe finida, probabile che gavemo ciapà una sacagnada galatica, ma za el fato de sfidar quei più grandi ne pareva una roba che doveva esser seguida de tuta la scola, anzi, tuta la cità doveva esser là a veder, anzi, doveva esser filmada e mandada al posto dela prossima puntata de Holly&Benji. Liberi de qualsiasi preocupazion o responsabilità, quei diese minuti de partida iera l’evento del’ano, anzi, forsi de tuti i 5 ani de elementari. Desso, in bici, la libertà ghe riporta dignità e peso anche ale monade, e andar su per una scala senza smontar del selin diventa el mio evento del giorno. Morale: son andà avanti a romperghe le bale a Michele con sta storia fin a sera.
Se fermemo a pranzar a Lubiana. Xe domenica, xe i mercatini. Femo un giro tra strafanici e robete più cocole. Ne vien subito in mente el piano diabolico de regalarghe qualcossa de inutile&ingombrante a Pasta, reo de gaverse impignì le borse come se el partissi per el Vietnam. Guantini, guanti de ricambio e sotoguanti in caso de cossacassosomi. Copriscarpe in caso de piova. Varie ed eventuali. Tropo peso, tanto che, la sera prima, el ghe ga rifilà un poche de robe a Checco che tornava a casa, in modo de svodarse un poco le borse. Eco, desso noi volemo riempir quel spazio che vanza con… no so, per esempio ara che bel sto elefante indian de piombo! Figada! No dei, ciolemoghe sto agile candelabro. Però quel culendario de camionista forsi xe più meo ancora. La siora dela bancarela nota che vardemo el culendario e comentemo. La ne fa “Bel calendario ah? Xe un poco vecio però, desso le ga tute 50 ani!”. Ridade.
Giusto el tempo de finir el panin e ripartimo. El ritmo xe alto, Siani e Cionn tira la clapa in maniera notevole. No risentimo più de tanto dela fadiga però. Anche el tempo, solegià ma ventilà, ne aiuta. La sosta d’obligo xe a Trojane, paese dei krapfen. Chissà cossa ghe xe de altro. Chissà quanti se chiedi cossa xe de altro. Chissà cossa se prova a esser el paese dei krapfen, dove tuti passa ma nissun se ferma per più de un’oreta. Chissà quando xe nata sta nomea, se xe una roba voluda opur un caso. Comunque, i krapfen xe in oferta. Ogni quatro i te regala uno. Michele torna con oto krapfen. Cionn lo riprendi. Scusa, no te podevi cior 6 cussì gavevimo 7 giusti pagando de meno? No el ga pensà. Gara de logica: Oberdan 1 – Galilei 1. Un grupo de motociclisti se incuriosissi su de noi. I ne disi, profetici, che no riveremo mai a Cracovia. Cocoli dei.
Ripartimo. Dopo la vitoria sula tapa del Galilei de ieri, tuti tien ben soto ocio i chilometri. Cionn, quanto manca? Manca venti. Daghe. A venti chilometri de Celje, come se saria una monada, iniziemo a rucar forte. Sempre più forte. Nissun vol perder sto giro. I chilometri intanto no xe che i vadi cussì veloci. Quanto manca? Diciasete. Ma mancava dicioto mez’ora fa!!! Ruchemo ancora. Iniziemo a capir che la gavemo cagada, ma nissun mola ormai. Questo xe el potenziale evento del giorno. Manca quindici. Mal de ginoci che inizia a manifestarse. E desso? Dodici. Bon, mi molo. No, dei, no sta far el lofio, ara che sti altri va sul 2-0 e no li bechemo più. Ruchemo vanti. Dieci. Inizia el conto ala riversa. Sete. Cinque. A cinque, l’evento inateso. La strada ga el cartel “vietato ale bici”. Cionn, dove xe de andar? Xe la ciclabile a destra, ma se slonga de un poco, ma la strada giusta xe quela. El Galilei però intanto xe entrà in tromba nela strada col divieto. Qua xe de pensarla ben. Scolta, sa cossa? Andemo per la ciclabile e se la ciapemo con calma, e co rivemo se apelemo ala regola che chi sbaglia strada ga de butar de bever, chi se frega del 2-0. Che tra l’altro podemo sempre invalidar per via del divieto. Sì, ne gusta come soluzion. Rivemo al cartel de Celje che i spocchiosi galileiani se sta fazendo la foto col cartel. Ghe disemo che no val. I ne disi che sì che val, che za prima ierimo entrai in una strada vietata ale bici, quindi gavevimo creado el precedente. No, e gavè anche sbaià strada, butè de bever. E chi stabilissi quale xe la strada giusta? Cionn! Lui ga el Gps, simbolo del potere topografico. Sì ma con noi iera anche Siani che ga le cartine, anche quel xe simbolo de potere topografico, de ancor più tempo! No! Sì! Bon, alora no son più tuo amico, eco. Ti no te ga amici. Bon, alora va ben, 2-0 col futiz, bravi, contenti voi, aplauso, feve feve la foto, ara che bei che sè. Par pupoli tra fioi che no vol perder. Figon. Primo giorno de quarta elementare.
Se fiondemo al MCC Hostel, novo, verto de poco. Veramente bel, anche le doce. Roba de no voler andar via. Riempimo la stanza, tuta per noi, de fili per stender la biancheria. Xe de far el limbo per passar. E per rampigarse sui leti xe ris’cio de finir come pessi int’ela rede. Pasta confondi i sacheti e el se lava la roba pulita invece che quela sporca. Otimo. Paolo ne impara un grandissimo strolighez per sugarse i vestiti: la centrifuga umana. Te ciol la roba e te la fa rotear in docia. Un casin notevole co la sbati per tute le pareti, però funzia.
Andemo fora a zena, xe tardi, trovemo verto solo un posto de carnaza in una stazion dei bus. Cossa gavè? Bira e carnaza. La cusina xe picia, ‘ssai picia. Dentro se vedi solo do de lori, le bire, e la carnaza. Stop. La vasta scelta xe: panin de pljeskavica e panin de cevapcici. Se sentimo in paradiso. Pasta chiedi se per caso i ga insalata. S’ciopemo tuti a rider. El camerier no ghe rispondi e va via. Forsi el pensava che lo ciolevimo in giro. Riva i panini. Massimo chiedi quai xe quei coi cevapcici. El camerier sto giro rispondi: “te verzi e te vedi”. Gara de logica: camerier 1 – resto del mondo 0.
Tornemo in ostel, femo el limbo per entrar in stanza, se rampighemo sui leti schivando le reti da posta e se indormenzemo. Sul sofito, disegni de cavalieri che se taia le teste ne augura la lieta note.

Statistiche de Cionn:
Distanza 111 km
Media 19 km/h
Max 51 km/h
Tempo 5:53 h

Tag: , , .

5 commenti a Trieste-Krakow in bici 3: verso Celje, tra panoce, stropacui e fioluzi cressui

  1. siani

    in realtà i ga vinto la tapa col dopio futiz, la strada vietada ale bici e michele che passa col rosso… ma el se pentirà amaramente de quei quindici km zucai a tuta 😉

    ps: che boni che iera quei panini!!!!!

  2. erika

    Pasta te son un fenomeno!!!…opur la roba neta te spuza come la roba sporca!!!Genio!! 😀

  3. siani

    erika non anticipare i tempi… e cmq diego ga dimenticà la putanada, chiaramente de pasta, de tirar fora una frase in latin convinto che i sui compagni del’oberdan gavessi fato più bela figura de quei del galilei…

  4. erika

    siani, xe scrito sora che pasta sconfondi i sacchetti e el se lava la roba pulita…ciò, coss’ te me insempi! 😀

  5. siani

    scusa, iero tropo concentrà sula question dela gara de logica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *