17 Agosto 2012

Trieste: turisti in città, ma fino a sabato chiusi gli Infopoint del Comune

Ieri a Trieste centinaia di turisti a caccia di consigli e indicazioni, ma  gli info-point del Comune erano chiusi. “Degli studenti ingaggiati per le tre postazioni in piazza della Borsa, accanto alla Sala Tripcovich e a San Giusto, nessuna traccia. Gli stand sono aperti nei week-end, e lo sono stati anche il 14 e 15 agosto. Ma ieri, niente. Per avere informazioni, almeno fino a domani, occorre arrangiarsi.” Vedi l’articolo apparso oggi su Il Piccolo.
Il sindaco Cosolini parla di mancanza di risorse economiche per ampliare il servizio e aggiunge che visto l’inaspettato successo dell’iniziativa, il prossimo lunedì, nella riunione di giunta, si valuterà la possibilità di apportare qualche modifica alle date di apertura previste da qui alla Barcolana.
L’idea che è stata dell’assessore comunale al Turismo, Fabio Omero ha dato subito i suoi frutti. Più di mille persone hanno usufruito del servizio gestito da 25 studenti-ciceroni (i gazebi sono attivi da pochi giorni).
Sugli Infopoint turistici qui potete leggere un post di Alex Kornfeind, una riflessione  sulla qualità dei servizi turistici a Trieste.

 

18 commenti a Trieste: turisti in città, ma fino a sabato chiusi gli Infopoint del Comune

  1. I TURISTI NON SONO SOLO IL SABATO/DOMENICA!!!!

  2. HO LETTO OR ORA L’ARTICOLO DEL PICCOLO: MENO MALE CHE NON SI TROVA LAVORO: FORSE E’ PIU’ GIUSTO DIRE CHE NON SI TROVA LA VOGLIA DI LAVORARE TANTO……CHE SEMPRE IL BANCOMAT MAMMA/PAPA’.

  3. Avatar italiano

    Comune inadeguato. A casa o – in alternativa – agli Infopoint.

  4. Avatar stefano

    politica negativa nei confronti del comparto turismo,dopo gli addobbi di natale gli info point,a quando la prossima perla

  5. Avatar brancovig

    E’ sempre questione di soldi e non di voglia di lavorare. Chi li caccia fuori
    per pagare il personale

    oppure forziamo i cassaintegrati o i baby pensionati a tener aperto l’infopoint?

  6. Avatar Alessandro

    @5 i se podeva anche organizzar meio… o no?

  7. Avatar gigi

    gli infopoint si potrebbero mettere nei centri commerciali che sono sempre aperti, anzi aprire i centri commerciali anche di notte tanto la gente scema ci va lo stesso

  8. Avatar giorgio (no events)

    @2 g.b.: non manca la voglia di lavorare, manca l’organizzazione e qualche soldo da parte del Comune.
    Spero si tratti di errori iniziali (sbaglio o è il primo anno?) e che si faccia tesoro di quanto è successo.

  9. Avatar lorenzo

    Ecco la dimostrazion dele monade ala ‘taliana.I fa le robe senza saver se i pol economicamente farghela.E dopo se disi : CITTA’ A VOCAZIONE TURISTICA.
    Ma andè in quel paese…

  10. Avatar italiano

    Inutile dire che se il Sindaco fosse Dipiazza.., Mauricets, sfsn, dimaco, paolo geri e compagnia di giro avrebbero alimentato un post urticante da 200 messaggi..e Bora.La l’avrebbe tenuto costantemente al top della pagina

  11. Avatar capitano

    italiano dove sono le quintalate di tuoi commenti in cui criticavi di piazza?

  12. Avatar italiano

    E vai col primo risveglio di un graniciaro

  13. Avatar MassimilianoR

    É un problema a livello di sistema , non di persone. Questa é Trieste, con Dipiazza, Cosolini, Spaccini, Staffieri, Cecovini etc…… Città votata all’assistenzialismo parassitario, incapace di qualsiasi proposta. Amen.

  14. Avatar ufo

    Sempre dito mi. Pena che Popovič se libera, ciolemolo al volo.

  15. Avatar Paolo Geri

    #10. italiano

    Ti faccio notare che con Di Piazza gli info point nemmeno esistevano. Come ricorda Giorgio (no events) è il primo anno. Che poi tenerli chiusi di Ferragosto sia un errore grande come una casa, è fuori discussione.

  16. Avatar Poldo

    Ma se una coppia di milanesi con una bimba di sette anni cerca un agriturismo a Trieste per il giorno di ferragosto, è semplicemente da ricoverare buttando via la chiave! Non esiste un agriturismo che ti da una sistemazione per un giorno solo. Forse un B&B, ma deve essere sfigato per aver libero a ferragosto.. Se questa “coppia milanese” non conosce l’abc del fai da te, meglio che resti a casa e non procuri sofferenze alla bimba di sette anni… Scemi..

  17. Avatar Paolo Geri

    #16. Poldo

    Condivido. Ma secondo me quella coppia se l’ è inventata il giornalista.

  18. @6:
    dico solo questo: negli anni ’70 andavo a lavorare all’aereoporto di Ronchi (ditta privata). Inizio ore 6 di mattina; fine ultimo aereo ore 22 circa. Obbligatorio minigonna (e va be’) scarpe tacco 9, per pranzo e cena mi era concesso un cappuccino, finito di lavorare….dall’aeroporto alla stazione di Ronchi Nord….a piedi (non avevo l’età della patente). il tutto 7 giorni su sette e senza contributi. Anche a quei tempi i la possibilità di “soldi facili” per le ragazze giovani c’erano. Il tutto per conribuire in famiglia all’acquisto dei libri di scuola. Quanti ragazzi d’oggi sarebbero disposti a questi ritmi????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.