6 febbraio 2012

Moria di pesci a Grado e a Marano: il consigliere Marin (Pdl) chiede l’intervento della Regione

“La Regione adotti interventi immediati a sostegno del settore ittico della vallicoltura, colpito della moria di pesci che si è verificata negli ultimi giorni a Grado e Marano”. A chiederlo è il consigliere regionale del Pdl Roberto Marin in un’interrogazione presentata all’assessore all’agricoltura Claudio Violino.
“Le perduranti condizioni di avversità atmosferiche che negli ultimi giorni hanno imperversato su tutto il Friuli Venezia Giulia – rileva Marin – hanno comportato eccezionali abbassamenti di temperature. Abbassamenti e gelate che hanno colpito anche le valli da pesca site nei comuni di Grado e Marano, provocando la moria di migliaia di esemplari di cefali, spigole e orate. Al  momento, gli allevatori ittici hanno evidenziato la perdita del 70% di prodotto nelle valli da pesca, anche se la stima reale del danno si potrà avere unicamente quando l’area verrà liberata dal ghiaccio”.

“Un danno gravissimo – prosegue l’esponente del Pdl – se consideriamo che il ciclo biologico per permettere la commercializzazione dei prodotti ittici (raggiungimento di una pezzatura di almeno 300 grammi del singolo esemplare) derivanti dalla pratica della vallicoltura dura circa tre anni. I vallicoltori non hanno, quindi, la possibilità di recuperare la perdita economica, anche perché le valli da pesca per i prossimi due o tre anni saranno improduttive”.

“Vista la situazione allarmante – conclude Marin – chiedo all’assessore Violino quali interventi urgenti intenda adottare in favore del settore ittico della vallicoltura”.

Tag: , , , .

Un commento a Moria di pesci a Grado e a Marano: il consigliere Marin (Pdl) chiede l’intervento della Regione

  1. effebi

    …pesse fresco, vigneria de dir…

    ma sti pessi morti congeladi ? vien buttadi ? penso de no. chi xe esperto ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *