15 dicembre 2011

Aspiranti assaggiatori di vino, partono i corsi dell’ONAV

Il vino è un fattore cruciale delle nostre vite. Ha un’importanza capitale anche per chi non lo beve. Affermazione forte, ma non priva di fondamento.
In prima battuta il vino è una bevanda da cui trarre piacere per le sue caratteristiche gustative e per la storia che porta con sé. In secondo luogo il vino è uno di quei miracoli in cui si incrociano perfettamente la vitalità della natura alla cultura umana, influenza e coinvolge tutti. È storia, tradizione e innovazione, socialità, convivialità e, perché no, produzione, che porta lustro a tutte le genti, se ben fatta.
E qui sta il discrimine, capire cosa è buono e cosa no, cosa ve bene e cosa no; oggi si parla molto di qualità, nei prodotti agroalimentari soprattutto, ma molti, spesso, ne parlano a sproposito e senza cognizione.
Saper assaggiare e bere un vino, saperlo conoscere nella sua produzione e nella sua storia, essere in grado di parlarne con soddisfazione, sono tutte cose che hanno grande senso e che possono arricchire le nostre persone e la nostra società.
Tutto questo viene offerto a Trieste dalla sezione locale dell’ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino), presso il Centro Culturale di Longera (capolinea dell’autobus 35).

L’ONAV è nata ad Asti nel 1951 ed il suo compito fondamentale è di promuovere una corretta cultura del vino e la sensibilizzazione all’assaggio attraverso questi corsi di formazione e numerose iniziative sociali. L’attività formativa oggi è svolta capillarmente in tutta Italia, dove sono presenti più di 80 sezioni provinciali.
Dal 24 gennaio prossimo l’ONAV propone un corso per diventare “Assaggiatore di vino”, articolato in 18 lezioni. In questi appuntamenti (due sera a settimana) si affronteranno tutti i temi che riguardano il vino e la sua cultura, proponendo uno sguardo culturale e responsabile su questo mondo. I docenti saranno tutti professionisti del settore e parleranno del vino partendo dalla vigna e arrivando fino alla bottiglia.
Al termine di ogni lezione saranno offerti in degustazione dei vini, solitamente 4, per approfondire e “assaggiare” l’argomento della serata.
Dopo aver superato l’esame finale del corso gli iscritti riceveranno la patente di “Assaggiatore di vino” e saranno iscritti all’albo nazionale ONAV. Il passo successivo è poi quello di fare due anni di esperienza degustativa per diventare “Esperto Assaggiatore” ed infine entrare a fare parte delle commissioni ministeriali preposte al controllo organolettico dei VQPRD (vino di qualità prodotto in regione determinata).
Dopo aver frequentato il corso ed aver conseguito la patente di assaggiatore, posso dire che l’unica controindicazione ad entrare in questo mondo è quella di appassionarsi troppo.
Salute a tutti.
Per info su orari e costi cliccate qua,
oppure
tutti i Lunedì dalle 18.00-19.00 (nella sede di Longera, 267)
o ancora contattare il sig. Luciano Candek cell. 334 7786980
[email protected]
I posti sono limitati!

bora.la/cibo | Promuovi anche tu la tua pagina

Tag: , .

Un commento a Aspiranti assaggiatori di vino, partono i corsi dell’ONAV

  1. teran

    per altre info, clicca qua:
    non trovo alcun link… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *