27 novembre 2011

L’appello dei lettori: allarghiamo la gabbia dell’orso di Abram

“Sappiamo che allo stato libero ormai, probabilmente, non potrebbe sopravvivere, ma almeno chiediamo di allargare la gabbia in cui è rinchiuso”. E’ l’appello giunto da alcuni lettori di Bora.La, che da tempo stanno cercando di mobilitare istituzioni e associazioni ambientaliste sul caso dell’orso dell’agriturismo Abram, sull’altipiano del Nanos.

Il bestione, rimasto orfano e in seguito adottato dai gestori della struttura, si trova effettivamente rinchiuso in una gabbia che appare piuttosto piccola per le sue necessità.
Ecco le immagini inviate alla redazione:

64 commenti a L’appello dei lettori: allarghiamo la gabbia dell’orso di Abram

  1. C’è modo di avere qualche indicazione in più riguardo a dov’è e la sua storia? L’ho persa ma vorrei capire bene… sarebbe carino fare una petizione per aiutare questo orso che sarebbe meglio venga trasferito in una struttura apposita…

    Grazie

  2. Jasna

    Come si stanno mobilitando? C’è una raccolta di firme, una pagina, qualcosa…?

  3. Fiora

    Talmente vigliacca da non guardare le foto….
    Talmente coinvolta da unirmi alla domanda di Jasna.
    Dove si firma?

  4. isabella

    Mandiamolo in un centro idoneo, povera bestiola.

  5. Dorina

    Purtroppo è una storia molto triste e crudele le speranze di poter fare qualcosa non sono molte,è una cattiva e stupida consuetudine di rinchiudere l’orso in gabbia oltre confine come attrazione turistica di qualche agriturismo o ristorante. Ma io spero che una certa collaborazione con la vicina Slovenia sarà pur possibile! Mancano i fondi per la struttura? Esiste una serie di misure volte a migliorare il benessere dell’animale tenuto in cattività che prendono il nome di “arricchimenti ambientali” e “benessere degli animali” ( Questo mi è stato confermato da una persona molto competente). Tali normative dovrebbero essere adottate da chi rinchiude questi poveri esseri ma non si sa se questo avviene oltre confine. Non resta che un movimento di opinione con la stampa e sul web. Ringrazio infinitamente la redazione per aver reso pubblica la notizia e per aver dato ascolto alla voce di questo povero animale che pochi sanno udire. Io ho pubblicato tutto nella mia bacheca di Facebook,aspetto una vostra risposta e grazie a tutti.

  6. ThaVampire

    Mah, che io sappia nei momenti in cui non c’è il flusso dei turisti l’orso, che altro non è che un gigantesco cagnolone, lo liberano in modo che gironzoli là attorno… inoltre non sono un veterinario ma io quando l’ho visto mi sembrava che godesse di ottima salute. Del resto in natura non può essere liberato in quanto incapace di procacciarsi il cibo da solo…

  7. Antonio Madama

    Ottima iniziativa di Bora.La e della nostra Annalisa. Quello che sappiamo noi è che quest’orsa si chiama Mitko, è là dentro da piccolissima e veniva alimentata con un biberon(abbiamo le foto) Noi almeno crediamo che si tratti ancora di lui/lei. Tutto ciò circa 15 anni fa. Pochi anni dopo,rivisitandolo, ci si poteva già render conto che la gabbia era insufficiente per la mole dell’animale ma nessuno se ne preoccupava. Avevamo messo in moto un’associazione di Monfalcone che ci diede tante garanzie ma poi scomparve. Credendo che se ne fossero interessati validamente,viste le promesse, ne perdemmo le tracce. Oggi è tornato alla ribalta l’argomento: L’orso/a è ancora là, rinchiuso a scontare un ergastolo crudele per un reato mai commesso se non quello di essere un orso. Solo un movimento d’opinione-difficilissimo da ottenere- potrà far sì che quella gabbia-tortura si allarghi un po’ di più. Sappiamo tutti che oggidì vi sono problemi più urgenti da portare avanti ma un cantuccio per l’orso sapremmo ben trovarlo. Chi vuol interessarsene mi trova così: [email protected] Più siamo e meglio stiamo.

  8. bruno

    ma no ghe frega dei omini cossa vole che ghe freghi de un orso, basti ricordare la storia dell’orsa ammazzata l’altro anno, quella con il collare che aveva fatto un giro in trentino ..iughi pò!

  9. Kat

    bruno proprio de ti con quel bellissimo nome che no te porti con onor te me parli mal dell’orso acciderbolina.
    …e casomai YOGHI po’.

    inoltre proprongo a dorina un concerto pro orso del nanos

  10. bruno

    e no kat te gà travisà mi difendo l’orso che no xe yoghi…xe proprio lori che xe jughi e dell’orso che pol fregar de meno visto che xe tutti cacciatori. femo femo el concerto.

  11. Alessio

    Jughi un corno, qualche deficiente in Trentino poche settimane fa voleva far una sagra banchettando a base de carne de orso. I cretini non ga confin.

  12. Jasna

    @11 Alessio

    Beh dipende come percepisci un animale, per noi è normale mangiare una mucca ma un orso o un gatto ci fanno pena. In realtà non sarebbe etico in nessuno dei casi.

    (Non sono vegetariana).

  13. Alessio

    Ah sì?

    “Obiettivo dell’iniziativa, protestare contro il programma Life Ursus, che prevede l’insediamento degli animali nelle montagne trentine.”

    http://www.repubblica.it/politica/2011/07/01/news/pdl_e_lega_si_spaccano_sull_orso_no_al_banchetto_di_carne_-18518977/

    Solo un branco di deficienti potevano trovare una motivazioni del genere per pasteggiare con una specie in via di estinzione.

  14. Jasna

    Non sapevo che avessero deciso di mangiarla come segno di protesta. Tu parlavi di una sagra.

  15. Kat

    ok bruno go capido. ma no credo sia un discorso culturale – cacciadori xe anche de qua del confin, secondo mi xe un discorso personale de chi che lo tien

  16. alpino

    l’orso di cui parlate è stato ucciso sull’atipiano di asiago se non erro, ha vagato dalla slovenia sino al trentino poi è tornato nel tarvisiano poi nuovamente in veneto e li se non ricordo male ha trovato triste destino.
    Sì è vero oltre confine hanno il vizio di chiudere gli orsi in gabbia, mentre qui da noi hanno il vizio di sparargli a vista..non so chi sia meglio..Ricordiamoci che le montagne slovene friulane venete e trentine erano casa dell’orso prima ancora che casa dell’uomo! Oramai quella bestiola è assolutamente impossibile liberarla morirebbe di stenti..allargare in maniera considerevole la gabbia è la soluzione ideale, poi spararghe al primo sloven che riprova ad ingabbiar un orso.

  17. Maximilian

    Io mi ricordo di un orso ucciso in Slovenia.
    C’era un Orso tenuto in gabbia da un ristorante (se non sbaglio) presso le foci del Timavo, tanti anni fa (ero piccolo).
    Purtroppo la mentalità di alcune persone è rimasta al medioevo.

  18. ThaVampire

    @ Maximilian quello di Duino alle foci del Timavo era della cartiera Burgo non di un ristorante

  19. Martina Luciani

    A me viene in mente Amapola, l’orsa che odora di fiele e nocciole in “Il viaggiatore notturno” di Maurizio Maggiani. Fuggita dalle foreste balcaniche in guerra per giungere ad assaggiare i mirtilli del Monte Canin, in cerca di pace

  20. Srečko

    alpino

    “Sì è vero oltre confine hanno il vizio di chiudere gli orsi in gabbia…”

    Mi risulta che in tutta la Slovenia in gabbia ci sia solo quest’orso qui. Che ha gia’ qualche anno.
    L’estate scorsa ci fu il caso dell’orsachiotto Srečko, che un contadino ha salvato da morte sicura allattandolo a casa sua. Le autorita’ lo “sequestrarono” e lo portarono in un asilo nella Carinzia (slovena), ma il contadino “salvatore” se lo riprese… Morale della favola: Srečko e’ stato portato in Romania in un rifugio sicuro per animali di foresta.
    Dunque: l’abitudine ci sara’ stata, ma non credo che oltre agli Abram in questo momento in Slovenia ci siano altri che si tengano un orso in gabbia.
    Che questo si meriti una gabbia piu’ grande non ci piove sopra!

  21. Alessio

    Ristorante Willy a Gemona. Anche lì, se non ricordo male, dovrebbero avere un orso in gabbia

  22. alpino

    anke a Loqua iera un, poi dentro in slovenia no me ricordo el paese ghe ne iera un altro tacà al ristorante..insomma srecko le mia parole del post sopra non sono denigratorie ma sono abbastanza chiare e non salvo nessuno siano essi italiani siano essi sloveni.

  23. dimaco

    sterk negli anni che furono aveva anche l’orso in gabbia dietro il ristorante

  24. Srečko

    alpino

    Infatti non ho scritto che il tuo commento e’ denigratorio. Io ho solo precisato che al momento di orso in gabbia, sembra, ce ne sia uno solo. Che nel passato fossero di piu’ e’ un fatto. Ora spero che la cosa sia un fatto del passato e che le autorita’ cose del genere non le permetteranno piu’.

  25. Kat

    ingabbiemo el mondo

  26. Jacopo Nani Mocenigo

    premesso che sono un carnivoro osservante….e pure legista…un mesetto fa sono andato a mangiare lì, l’orso mi pareva in buona salute, ma in uno spazio troppo piccolo per lui!
    Il fatto che a pranzo abbia trovato molti triestini, amici e non…mi ha suscitato il dubbio che l’orso fosse lì proprio per noi!
    Vista l’affluenza giuliana al locale mi chiedevo se non fosse il caso di farla noi fruitori del luogo una bella colletta per ingrandire la gabbia…magari mettendo 5 euro in più a fine pasto..che comunque ho trovato estremamente abbondante, qualitativamente ineccepibile, e pure economico.
    Bora.la potrebbe indire una cosa del genere?
    Prometto che quando avrà la gabbia più grande e ingrasserà ancora non me lo mangerò!!!

  27. Mauro

    E un bel bestione e da quello che so lo hanno messo già da cucciolo nella gabbia, che vita come essere in carcere.
    Ma comunque liberarlo adesso come qualcuno ha già detto rischierebbe di morire di fame.
    Non voglio dire che debba stare in gabbia ma bisognerebbe aiutarlo anche in cattività.

  28. lillu

    più che una gabbia almeno dovrebbe avere un ampio recinto. LA situazione al momento è squallida e intollerabile

  29. claudia herrath

    L’orso fa il suo mestiere, fa’ l’orso.Non si rende conto,lui, quando attraversa i boschi,di essere sconfinato in Slovenia,in FriuliVenezia Giulia,in Veneto, o in Trentino.Ci dovrebbero essere norme europee,per la tutela degli animali.Certo e’che un orso non puo’ essere rinchiuso in una gabbia,e nessuno ha il diritto di sparargli.Riconoscere che gli animali sono creature che hanno i nostri stessi diritti , che vanno difesi,amati,tutelati dovrebbe essere scontato, ma cosi’ non è.Questo dimostra quanto cammino abbiamo ancora da fare.Perche’ la stessa sensibilita’ che si dimostra per gli esseri umani,quando si dimostra, valga anche per gli animali, in quanto esseri viventi.Facciamo qualcosa di concreto, intanto,per questo orso.

  30. italiano

    Ma Enrico Maria Milic che tanto si interessa di olio, “capuzi” e bietole sul Carso sloveno – quindi è in zona – , non può fare un salto lì, magari assieme a Diego Manna (che può andare in bici.. se non è più coinvolto nel consigliare gli Indignados..) e manifestare attivamente?

  31. maja

    secondo me andrebbero chiamati in causa anche tutti gli altri utenti che hanno il coraggio di firmare con nome e cognome i propri interventi.

    in fondo, se uno si firma è solo perché è un esibizionista e non vede l’ora che uno sconosciuto rompiballe venga a farsi un po’ i cavolacci suoi.

  32. hobo

    non e’ che allargare la gabbia cambierebbe un granche’, comunque:

    “[l’ orso ]è un animale solitario che vive a densità molto basse: generalmente 2/3 orsi adulti ogni 100 kmq.”

    http://www.grandicarnivori.it/grandi-carnivori/orso-bruno/habitat-abitudini-sociali-e-territoriali-dellorso-bruno/

  33. Dario Predonzan

    Le nome europee a rutela delle specie a rischio di estinzione esistono da molti anni e tutelano anche l’orso bruno. Il problema è che alcuni Paesi non le hanno ancora recepite: la Slovenia è tra questi, perciò lì agli orsi ogni tanto ancora gli sparano.

  34. massimo p

    ma perchš non si puö commentare?

  35. Istem Ozen

    Ciao,

    I hope there is someone who speaks English. I am sorry that my Italian is terrible. I have seen this poor bear last year, and have been thinking about it since then. I could immediately tell that it was not happy in its cage at all, by the frantic movements. I worried all summer that it would be burning under the sun, and now I am worried that it may be too unprotected for such a cold weather. I would like to do whatever I can to help improve the situation; however, I have the language problem. Therefore I would appreciate if someone could tell me what I can. Best regards.

  36. Anna Maria Ercilli

    Nel benessere dell’orso è calcolato anche lo spazio vitale per il movimento. Non si hanno notizie di petizioni.

  37. Antonella Compari

    Oggi 15/04/2013 sono andata a pranzo in questo agriturismo “Abram” in Slovenia, monte Nanos e la situazione del povero orso non è cambiata; nessuno fa niente per farlo vivere meglio? Davvero triste, povera creatura, rinchiuso in una gabbia troppo piccolo al gelo del lungo inverno e sotto il sole cocente d’estate. Una vera barbarie! :'(

  38. Fiora

    @31.
    Mi riesce incomprensibile il senso di questo, come quasi tutti i post di quest’autrice.Dove va a parare con quell'”uno si firma solo perché è un esibizionista” ? Personalmente firmo con nome e cognome ,laddove richiesto e dove ritengo che il tema sia serio. opto per il nick nei threads più leggeri.Cosa c’entra l’esibizionimo? …a meno che la stravagante affermazione non funga da autodifesa per chi continua a tirare il sasso e nascondere la mano!
    Detto questo,condanno senza se e senza ma i barbari retaggi di detenere in gabbia animali e/o di ammazzarli a scopo di opinabile divertimento ed IN QUALSIASI PARTE DELL’ORBE TERRACQUEO.
    Infine ritengo meschinissimo strumentalizzare persino un argomento del genere deviando dal contesto per infiammare gli animi nell’arcinflazionata polemica Italo-Slovena.
    E mi firmo:
    Fiorenza G. Degrassi

  39. Fiora

    @31
    una che nella discussione patrocinata dal G.O.A.P. sulla violoenza contro le donne,alla richiesta di firmare con nome e cognome si defili mugugnando x post si chieda se non sia codardia la propria,anziché tacciare di “esibizionismo” il coraggio di chi sceglie di firmarsi METTENDOCI LA FACCIA.

  40. maja

    fiora

    poi sono io quella che non capisce l’italiano e che ce l’ha con te.

    (in questa discussione, il commento cui ti riferisci è in tutta evidenza sarcastico. che tu sappia, il sarcasmo non rientra nella definizione di morbin? se così fosse, chiedo scusa per lo scarso livello di patocaggine dimostrato.

    nel post sulla violenza di genere, invece, il mio intento era criticare l’evidente malafede di un utente noto e abituale che si firmava con nome e cognome palesemente falsi per dare addosso all’autrice della testimonianza. questo dettaglio ti è sfuggito, forse?

    detto questo, se non mi firmo sono cavoli miei, redazione e madame fiora permettendo.)

  41. maja

    (e stai pure tranquilla, ché parecchi utenti e membri della redazione conoscono anche il mio cognome, incluso chi ha fatto il *** nel progetto rinarrate.)

  42. Fiora

    @40
    E “SONO CAVOLI MIEI”reagire a chi difenda il proprio anonimato aggredendo col dare dell”esibizionista” ad un sempre crescente numero di gente che sceglie il dialogo a viso aperto.
    Io non ho nulla contro chi si firmi sempre e solo con un nick.
    M’infastidiscono quelli che se ne servono per insultare impunemente e NON E’IL TUO CASO e un pochino anche quanti come te si confrontano ormai quasi esclusivamente per sottolineare supposti oltraggi alla propria parte etnica di cittadinanza.
    Non siamo tutti uguali ,cara Maja.
    Personalmente amo dialogare con i miei concittadini su tutto. dal serio al faceto.a seconda dell’argomento,come detto scelgo il tipo di firma. Tanto non scrivo nulla che non direi alla gente in faccia, io! Né soffro di manie di persecuzione che mi attribuisci e pertanto non ritengo affatto tu ce l’abbia con me. Piuttosto sei tu che mi appari prevenuta verso concittadini di lingua Italiana e sempre all’erta.
    Rilassati, ne risentiranno positivamente i tuoi apporti e il clima di questo “luogo” che ci viene concesso in comodato d’uso … gratuito 😉

  43. Fiora

    per parte mia considero abbassato definitivamente il siparietto del cavolo a merenda . auspicherei un ritorno alle considerazioni sulla triste sorte del povero Abram ,dalle quali scaturissero iniziative valide e 😉 al netto dei soliti improduttivi scontri etnici

  44. hobo

    fiora, mi dispiace, ma non hai capito assolutamente nulla. tu stai polemizzando *adesso* su cose scritte nel dicembre del 2011, ti rendi conto? in quei giorni l’utente “italiano” si divertiva ad attaccare a livello “personale”, coperto dall’anonimato, vari utenti, che invece ci stavano mettendo la faccia (ad esempio milic e diego manna, ma anche altri). il commento #31 era un commento sarcastico rivolto ad “italiano” per questo motivo.

    per il resto, il siparietto lo hai aperto tu adesso, e le contrapposizioni etniche le hai tirate fuori tu adesso.

    p.s. non e’ che questo spazio viene concesso in comodato d’uso gratuito. tu, io e gli altri che scrivono qua, riempiono di contenuti questo spazio e lo rendono appetibile per gli inserzionisti.

  45. hobo

    si’, erano i giorni in cui “italiano” attaccava anonimamente diego manna, perche’ aveva suggerito agli “acampados” di piazza unita’ di prendere per il culo la parata militare del 4 novembre.

    https://www.youtube.com/watch?v=xR_HuT8n7BY

  46. Fiora

    @hobo
    non ce la fai proprio,a non metterti in mezzo e ad alimentare polemiche eh, Hobo?!
    Ma molla il colpo …almeno quando non ti tocca personalmente e parla dell’orso,accidenti!
    comunque sto giro a prendere fischi per fiaschi nella tua appassionata chissà se richiesta arringa sei solo TU.A “difesa” (ed è il colmo!) degli “esibizionisti” che firmano i propri interventi, io citavo qualcosa di recentissimo. Fine 2012 discussione sul femminicidio promossa dal Goap con tassativa richiesta di partecipare esclusivamente firmando con nome e cognome. Sottolineav un rifiuto con immediato dietrofront corredato da giustificative ipotesi puerili che suonavano pressapoco ” c’è gente che partecipa dando nomi falsi…”
    ‘ndemo vanti, dei Hobo. a mi me sta acuor l’orso e no sti polemici riempitivi dello spazio dato, ribadisco in comodato gratuito.
    Io di sicuro no,ma neppure tu sentiti così maledettamente interessante da ritenersi in credito con la testata di un chissà ché! al massimo è concepibile un interscambio,no?! Spazio in cambio di blabla 😉

  47. hobo

    anzi: yawn.

    anyway: il commento #31 che ha scatenato le tue ire in questo thread e’ del 1 dicembre 2011. controlla la data.

  48. hobo

    p.s. ti sei mai domandata perche’ zuckerberg e’ diventato miliardario, visto che fb in teoria e’ uno spazio libero in comodato d’uso?
    non occorre che la roba che ci metti dentro sia interessante o intelligente. il 99% di quel che la gente scrive su fb sono cazzate. ma se nessuno ci mettesse niente, zuckerberg farebbe l’impiegato al catasto di white plains, ny.

  49. hobo

    e visto che oggi sento che la mia vena didattica si sta riattivando, ti spiego un’altra volta come va letto il #31.

    nel novembre 2011 l’utente “italiano”, nascondendosi dietro l’anonimato, attacca sul piano personale e in modo parecchio sgradevole diversi utenti che invece si firmano con nome e cognome. di fronte all’ennesima insinuazione, quella su manna e gli acampados, e su milic e l’olio d’oliva (commento #30), l’utente maja interviene a difesa di milic e manna, con un commento dal tono sarcastico rivolto all’ anonimo “italiano”. il meccanismo della battuta sarcastica e’ questo: l’utente maja utilizza il discorso indiretto libero per esprimere quello che secondo lei e’ il modo in cui l’utente “italiano” considera i commentatori che ci mettono la faccia: degli esibizionisti.

  50. maja

    fiora

    io so benissimo cosa intendevo sia nel primo che nel secondo caso e ho cercato di spiegartelo. non mi credi? chissenefrega, non ci perderò sicuramente il sonno.

    però qualche volta, giusto ogni tanto, potresti anche farti venire il dubbio che sei tu che non capisci.

  51. maja

    grazie, hobo.

    considerata l’apprezzabile e notevole vena didattica, potresti cercare di spiegarle anche la questione dell’utente michele crassani qua:

    http://bora.la/2013/01/14/rinarrate-5-5-%E2%80%93-intermezzo/#comment-299809

  52. hobo

    ah si’, giusto. l’utente maja nota che l’utente che di solito si firma ***, e che e’ riconoscibilissimo per i typos presenti nei suoi commenti, per intervenire sul goap si e’ creato un nome e un cognome futiz. in questo modo l’utente *** fa credere di essere uno che ci mette la faccia, ma rimane invece anonimo; e nascondendosi dietro l’anonimato attacca pesantemente la donna che ha raccontato la sua esperienza al goap. l’utente maja allora, sarcasticamente, scrive: “ora mi faccio anch’io un account fasullo e dopo commento con “nome e cognome”. posso?”. la battuta dell’utente maja ha due bersagli. il primo, il piu’ ovvio, e’ l’anonimo utente che attacca le donne del goap. il secondo, piu’ sottile, e’ la fragilita’ dello strumento internet, in cui basta inventarsi un nome-e-cognome futiz per far credere di essere uno che ci mette la faccia.

  53. maja

    (a proposito, hobo, tu sei italiano, vero? urco, che svista, mi sono dimenticata che avrei dovuto cercare a tutti i costi uno scontro etnico anche con te. scusa, ti dispiace se rimandiamo, ché ora non ho tempo?)

  54. hobo

    N.B. per la redazione.

    questa storia dell’anonimato sta diventando stucchevole. non bastano un nome e un cognome per fare una persona in carne e ossa. chiunque puo’ farsi un account su gmail con nome e cognome inventati, e poi usare quel nome e cognome anche su bora. a quel punto e’ ufficialmente “uno che ci mette la faccia”.

    l’unico vero modo per evitare l’anonimato sarebbe chiedere agli utenti di firmarsi col codice fiscale.

    l’alternativa, per avere delle discussioni decenti, sarebbe una moderazione che invece di censurare le parolacce, cominciasse a censurare gli attacchi personali, tutti, anche quelli rivolti agli utenti anonimi. e gli attacchi personali possono anche non utilizzare le parolacce. anzi, i veri attacchi personali non le usano proprio, le parolacce.

  55. hobo

    (si’, maja, sono italiano. ok, quando vuoi, ci becchiamo su bora per uno scontro etnico)

  56. Elisa Tadina

    oggi 23/08/2013 sono andata anch io all agriturismo abram e nn me la sono sentita di fotografare l orso in gabbia mi faceva pena,ma come scritto in post precedenti da solo non potrebbe farcela?ma qualcuno sa se è nato in cattività o è stato catturato?so solo che ha 19anni..comunque posto meraviglioso e persone cordiali e ottimo cibo

  57. Francesca Ricca

    Ciao a tutti….Avete più notizie di questa bestia? io ho dei conoscenti che sono passati per quel ristorante e mi hanno raccontato del fatto…si potrebbe fare qualcosa? farlo girare su fb, mobilitarsi…non è possibile che un orso di quella portata venga usato come attrattiva per il ristorante!!!

  58. manola & andrea

    ciao a tutti
    oggi ero a pranzo in questo agriturismo,cordialita e buona cucina, ma quel cucciolone di orso e l atrazione principale fa una stretta al cuore al primo sguardo si vede lontano un miglio che soffre di solitudine ed e costretto a fare su e giu tutto il giorno in quella gabbietta.
    si puo fare qualcosa?????

  59. valentina

    Oggi degli amici sono andati a pranzo da Abram e l orso è ancora li in quella piccolissima gabbia!!! Io sono stata da Abram ben 10 anni fa poi ho contattato la lav invano.non vado piu da Abram perché sono scioccata e disgustata, ancora nessuno ha trovato il modo di fare qualcosa?

  60. cristina

    stupendo l’agriturismo, cibo, paesaggio, sono rimasta sconvolta per Mitka l’orso bruno, rinchiuso in una
    gabbia alquanto piccola per le sue dimensioni ed esigenze.
    L’idea della colletta a fine pasto mi sembra ottima , che possa cosi’ portare alla realizzazione di una nuova ampia struttura.

  61. michela

    leggendo tutti i commenti per saperne di più, mi sono imbattuta in un’acida diatriba di due anni fa che mi ha veramente disgustato. non si può neanche parlare di un orso senza far scaturire litigi, attacchi, offese, accuse, insinuazioni? meno male che i tempi sono leggermente cambiati, qualcuno non c’è più, qualcun altro ha potuto conoscersi meglio, qualcuno ha smussato spigoli altrui grazie alla costante benevolenza ecc. posso capire che temi caldi facciano eccitare gli animi ma sul povero orso prigioniero, posto che si è tutti d’accordo, questo non dovrebbe accadere…. negli ultimissimi mesi mi pare che il forum sia un po’ più tranquillo e questo mi fa molto piacere, speriamo che duri.

  62. Fiora

    @62
    “mi pare che il forum sia un po’ più tranquillo…”
    bu! parere personale anche il mio, forse si stava meglio quando si stava “peggio” e male davvero non si era mia stati, salvo per un paio di occasioni immediatamente fatte rientrare dalla vigile redazione.
    Anche troppa melassa finisce per prevalere sugli altri sapori a scapito della varietà degli ingredienti e conseguentemente dell’interesse.

    Ps. oh Luigi, oh …(ma sì dai! ) Hobo, oh guelfi e ghibellini spezie di questa “pietanza”, mi mancate!

  63. michela

    cara fiora, non c’è alcun pericolo che vi sia troppa melassa. ma proprio alcun pericolo!!!
    almeno non c’è il fiele, non c’è il veleno, non c’è quel tossico costante che serpeggiava in ogni thread anche nei più innocui come questo dell’orso su cui si era tutti d’accordo, nondimeno scaturiva l’occasione di indignazione, toni oltraggiati, insinuazioni e balle varie. Mi pare che negli ultimi mesi si sia più calmini dopo l’ondata di furore scatenata dalla morte del prete di santa croce (schifosa la scelta di pubblicare la sua lettera con tanto di foto sul Piccolo a sei mesi dalla morte, secondo me). Personalmente preferisco il miele al pepe 🙂 anche se qui di miele non ce n’è molto, però il pepe non disgusta più, pizzica soltanto un po’, com’è giusto che sia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *