7 Settembre 2011

Trieste-Budapest ciclodiario 4: triestini? bevè pian che xe fredo!

Qua le puntate precedenti

Seconda note del viagio, ancora una volta passada in bianco. Ala tropa stancheza sto giro se asocia anche l’orchestra nasale del compare, no se disi chi, che ronchiza. Ma per scoprir chi che xe basta vardar chi ga più bugne blu sui brazi, dovude ai pugni che el ciapa per farlo star zito. Puntuale riva anche el dolor ale gambe. Me preocupo, perché me ricordo che do ani fa, co’ per andar sul Grossglockner gavemo fato come prima tapa Trieste-Tolmezo, cagandola ala grande, no rivavo a dormir per via de sti dolori, che se calmava solo co’ tornavo a pedalar, quindi no de note sicuro. Stavolta però per fortuna le robe va meo, e l’alarme scompari.
A colazion compari el primo grande personagion del viagio. Un serbo, dale fateze bastanza diverse da quele dei serbi che stravinzi tuti i tornei de calcio a 7 de Trieste: alto e magrolin. Braghete curte de baloner maradoniano ani ’80 e una canotiera nera post-fantoziana. In man una botiglia de qualcossa de non meio specificado. El ne se avicina e taca a parlarne rigorosamente in serbo de robe de sicura importanza internazionale, tanto xe el suo trasporto. I camerieri devi conosserlo, perché i ghe disi qualcossa che probabilmente sona tipo “remengo dei, te ga roto le bale come al solito, camina vanti dei”. El mato brontola un poco, ma el va via, lassando una scia de odor de benzina unica, che evidentemente iera int’ela botiglia pronta per la prossima snifada. Ah che bon, ah che salutare.
Femo fora come promesso tuta la colazion e se portemo via panini a forma de piramide per el pranzo, poi partimo.
La ciclabile lungo la Sava scori fluida e tranquila, esatamente come el fiume. Presto rivemo a Lasko, dove la tentazion de butarse ale terme xe alta. Resistemo e saltemo anca la bira, nonostante el logo sia un richiamo più potente dele sirene de Ulisse.
Cionn ne mostra i comenti ai sui agiornamenti su facebook e sul blog. Legemo curiosi. Xe la prima volta che in un viagio in bici gavemo la possibilità de mantegnir un contato cussì strento e direto col mondo che se gavemo lasà ale spale. Ani fa iera i sms el veicolo. Prima ancora iera solamente le vece cabine telefoniche, ormai finide nel dimenticatoio. O le cartoline. Quele che tipicamente te compri l’ultimo giorno, te scrivi durante el viagio de ritorno e te le spedissi da una stazion intermedia, o da Trieste diretamente. Mi sto giro gavevo scelto de eliminar tute le protesi comunicative moderne, escluso qualche sms ale persone più importanti, per sentirme totalmente e unicamente imerso nela realtà nela quale se trovavimo, godendone ogni minimo particolare senza altri pensieri. Mail, sms, celulare, internet e facebook xe moderne fonti de continui stimoli, che tropo spesso te distrai dala realtà fisica che te circonda. Si bon, ma basta distudarli in fondo, dirè. El fato xe che ormai, nela vita quotidiana, te li ga resi parte integrante dela tua realtà, e la comodità dela conession xe diventada un bisogno. Ma qua, sentà sul selin dela tua bici, pedalando a fianco de un fiume, con un’unica chiara meta, te son conscio che l’unica conession in grado de riempir totalmente questo tuo scampolo de vita xe quela con quel che te circonda: la bici, i tui compagni de viagio, l’aria che te respiri, i luoghi e le persone che te incontrerà. El resto apartien a una vita paralela, dela quale, momentaneamente, non te fa parte, anche se te la porti sempre con ti, perché xe ela a far parte de ti. Veder che i agiornamenti vien seguidi e comentadi però, te porta un atimo de conforto, una careza da casa, un momento de condivision dela felicità per quel che te stà fazendo anche con chi xe momentaneamente lontan, e che no ga altro modo per farte sentir el suo sostegno.
Dopo Celje, ricomincia i saliscendi che meti a dura prova le nostre gambe. Se fermemo a riposarse ai margini del bosco, vicin una caseta dove una gentile famiglia ne riempi le borace ormai completamente svode. Dovemo gaver un poco la facia losca o le scarpe sporche, perché no i ne fa entrar a riempirle in lavandin, i preferissi far lori 3 viagi dentro e fora casa tramacando l’acqua con 2 broche.

Se sentemo sul prà e spetemo ridendo che salti fora i orsi dal bosco per magnarne el pranzo, ma par che per sto giro no i gaveva apetito. Inizia invece el spetacolo dele cicogne. El primo avvistamento ne ga entusiasmà un po’ tuti. Sgambetando veloce int’ei campi, la cicogna no voleva proprio farse fotografar. Poi però te ne vedi un’altra, un po’ più vicina. E dopo pochi metri un’altra ancora, finchè no te se acorgi che praticamente ghe ne xe una su ogni teto. I cocai dela zona, praticamente.
Le salite comincia a diventar sempre più impegnative. Sbagliemo strada, chiedemo informazioni. I ne indica la cima dela colina. Mai che i te mandi in discesa, maledizion.

Pupolo de Michele Zazzara

Erich e Cionn ga un comico batibeco sul ritmo de pedalata. Cionn, che ga el background tecnico, disi che lui pedala “a coppia costante”, e per protesta no el se ferma con noi a zercar una fontanela de acqua, disendo che l’anderà avanti da solo a coppia costante a zercar una radler de bever, a coppia costante anca quela credo. Mi, Pasta e Erich invece, carighi de sede ma spinaze nel’animo, puntemo i zimiteri, che dovessi gaver acqua per tuti, anca per quei che no ghe servi più. El primo però disi “non potabile”. Più avanti, trovemo una veceta che ne chiedi de dove semo. “Trieste! Ah, Trieste, alora podè bever de là!” e là ne indica un altro cimitero. No so perché, ma ne vien in mente la classica barzeleta del’acqua invelenada. Mancava solo che la ne disessi “e me racomando bevè pian che xe freda”.
Comunque semo ancora vivi.
Recuperemo el fugitivo Cionn. Rivemo a Ptuj, la cità più vecia dela Slovenia, vinzendo la volata contro el neverin. Stavolta no resistemo, e se lancemo ale terme, escluso Pasta, el scienziato interculturale, che giustamente preferissi farse un giro in cità.

Posso garantirve che dopo un giorno intiero che te pedali, liquefarte dentro l’acqua a 38 gradi mentre te se spari i idromassagi diretamente sule gambe xe le porte del paradiso. E za te pensi a quando te ghe entrerà definitivamente, a cena davanti ala lubianskona+birona.
Le terme xe popolade sopratuto da muleria. Xe anca el superscivolon modelo aquasplash, robe che no femo da una vita. E che quindi femo. Xe el semaforo per partir. Notemo che rispetando asburgicamente l’atesa per el verde, drio de noi se forma la coda de muleti, che poi se lancia un drio l’altro. SSai roba, ma te finissi intel’acqua a 32°. Tropo freda, no stemo scherzar, tornemo ai nostri 38°.
Se ga fato tardi, ale 22 recuperemo Pasta e zerchemo dove magnar. Chiedemo ala siora de una locanda, figura mitologica da quatro bire da mezo per man, se la cusina xe ancora verta. La ne disi de si. Pasta, che xe el più nobile de cuor, ripeti la domanda contestualizandola “si perché xe tardin, magari la voleva serar, la xe sicura che podemo, no disturbemo?”. La sa, a Trieste i ne gavessi dito “volentieri”. Se la cambiava idea, oviamente magnavimo lui, lesso intel’acqua dele terme. Se sentemo vizin a un tavolo de do mule, che fa la spola tra el piato e l’auto parchegiada. Ne par de leger VR. Si si, le xe de Verona, no te senti che le parla italian con acento veneto? Demose un contegno, gnente comento libero. Poi, co’ le va via, cuchemo meo la targa. Francesi. Che orecio ghe gavemo, ara. Tropa bira.
Tornemo verso la nostra locanda, uniche anime in giro nela Ptuj incantada.

Distanza: 106.1 km
Vel media: 17.1 km/h
Tempo pedalata: 6 h 13 min

Tappamappa e altimetria by Eric Medvet

Tag: , , .

16 commenti a Trieste-Budapest ciclodiario 4: triestini? bevè pian che xe fredo!

  1. Avatar aldo

    Confuso il francese con l’accento veneto?
    La birra non basta! Cosa ci mettono nell’acqua di quelle terme?

  2. Avatar Srečko

    A Ptuj avete bevuto che cosa? Lo scienziato interculturale ha scoperto la cantina? E una delle piu’ grandi della Mitteleuropa…

  3. Avatar Luciano

    **no se pol dir ste robe** (modifica al comento 😉 ), bravi muli

  4. Par evitar el mal de gambe: aminoacidi! Li dopero da diese ani, dopo che el me amigo dotor me ga giurà che no fa mal e che no xe doping. Sarà…

    L.

  5. Avatar maja

    che bela, Ptuj!

    bela anche la cantina, srečko.

  6. Avatar savinja

    bellissima aventura, solo una piccola correzion, el fiume a laško xe’ la Savinja, che a Zidani Most apunto la confluissi nella Sava 🙂

  7. Avatar Srečko

    savinja

    All’ingresso di Celje, per chi proviene da Laško, c’e’ il ponte sulla Savinja con il cartello con questo nome che qualcuno, dopo le alluvioni un tempo molto frequenti, regolarmente correggeva in Svinja…

  8. Avatar Srečko

    maja

    Si, e el vin? No bel, ma bon che xe un piazer!!!

  9. Avatar maja

    Cviček? Naaaaa…
    ‘mam raje refošk.

    Ma la cantina merita.

  10. Avatar Srečko

    maja

    Herezijaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!

    Cviček e’ della Dolenjska, non Štajerska, dove anche Ptuj si trova. Ptuj ha ottimi riesling renano, riesling italico, pinot bianco, chardonnay, sauvignon tra i bianchi, mentre i rossi sono un po’ scarsi (modra frankinja?).

  11. Avatar Silveli K.

    Belissimi, la foto del bosco nero, a vardar preocupadi se riva l’orso e el pupolo de Zazzera; anche de lontan e senza conosserse, fazo el tifo per voi…

  12. Avatar maja

    cosa vuoi, srečko, quando una è grembana dentro c’è ben poco da fare.
    posso fare finta di apprezzare, ma in realtà sarei capace di aggiungere radenska o coca anche al migliore vino del mondo.
    baba de spritz e de bambus, po.

  13. Avatar Siani

    me lo vedo Pasta che quasi se scusa de presentarse in gostilna a le 10 de sera… ah ah ah ah ah mitico!!!!

  14. @2 Srečko
    gavemo bevù birone e concluso con borovnicevec.
    Niente vin. Mediamente te rivi a cena carigo de sede, te se scoli el primo mezo litro de bira praticamente a colo prima che rivi el magnar. Vin no ne ga mai fato tanta voia.
    Pecà, no savevimo che iera vin bon, se no almeno sagiavimo.
    El scienziato interculturale xe ale prese con la nascita del’adsl sul suo computero, vedemo se el riverà risponderte lui su cossa el ga visto.
    cmq Ptuj fantastica, atmosfera veramente magica, pecà che iera tardi e ierimo praticamente solo noi e le francesi venete.

  15. @4 luigi:
    questa no la savevimo. la nostra farmacia ambulante erich gaveva solo la pomata del vescovo. mi gavevo l’arnica ma no go usà. mediamente sto viagio xe stà bastanza indolore per fortuna rispeto ai precedenti 😀

    @6: thanks per la corezion sava-savinja 😉

  16. Avatar Katja

    Diego xe bel che ogni volta che te pubblichi una parte del ciclodiario qualchidun pensa che se ancora là che pedalè e ti te ne mandi el report in diretta:-)
    bel Ptuj adoro, anni fa ghe semo andadi x el carneval con i Kurenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.