11 Dicembre 2010

Con “Libertà di parola” Pino Roveredo sarà lunedì al liceo Dante

“Caro Pino, noi tutti, insegnanti ed alunni, desideriamo ringraziarti per quel che hai dato a tutti noi, come insegnanti perché abbiamo visto alcuni nostri alunni crescere in consapevolezza, nei rapporti con i compagni, nel rapportarsi a se stessi, nella riflessione dell’attimo, nel rispetto e nell’aiuto reciproco”: inizia così la lettera che insegnanti e studenti del Liceo “Dante” hanno indirizzato a Pino Roveredo al termine di un percorso che la Casa della Parola, promossa dall’associazione “Le Buone Pratiche”, ha portato avanti durante lo scorso anno scolastico nell’istituto superiore triestino sotto la guida del noto scrittore. Una serie di incontri realizzati con la cortese assenza degli insegnanti dove la parola è stata strumento “per abbattere il malessere del silenzio”, per “provare a riempire la solitudine di un niente da fare con la compagnia di un qualcosa da dire”, “per accorciare la distanza delle generazioni, trasformando la diversità o la divergenza d’opinione nell’opportunità del dialogo e del confronto”, come si legge in “Libertà di parola”, il libro che raccoglie gli incroci vissuti alla Casa della Parola e che viene presentato lunedì 13 dicembre, a partire dalle ore 15, presso l’Aula Magna del Liceo “Dante Alighieri”, in via Giustiniano 3, nel corso di un incontro aperto alla cittadinanza organizzato a conclusione di quest’attività nelle scuole.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.