6 dicembre 2010

Veci col capel, il primo singolo del nuovo cd dei Sardoni Barcolani Vivi

I Sardoni Barcolani Vivi, dopo il grande successo del primo cd uscito nel 2009, ci hanno preparato una grande sorpresa: altre 8 canzoni cariche di ironia e morbin, per remenar ulteriormente i vizi, i difetti ma anche i pregi dei propri concittadini. I cd dei Sardoni Barcolani Vivi saranno disponibili dalla prossima settimana presso le librerie del centro, oppure ai loro concerti. Si sa che parteciperanno il 16 dicembre presso il teatro Miela al festival della canzone triestina (vinto 2 anni fa con “non volevo la vinjeta”, secondo posto nel 2009 con “volentieri”) proponendo “La filologica tergestina (se fa i furlani faremo anche noi)”.
La presentazione ufficiale del cd si terrà invece il 19 dicembre alle ore 19 presso il negozio Dimensione Sport di via Milano 21.

Ecco il testo della canzone:

Veci che gira col capel,
chissà cossa i farà de bel?
Che sia inverno che sia istà,
con el loden sempre i và
sule Rive o via San Nicolò.

Veci che gira col capel,
chissà cossa i farà de bel?
Che sia inverno che sia istà,
con el loden sempre i và
e i varda sempre in zo.

Che se giusti dei tubi, che se getti cementi,
co’ le man drio la schena i xe sempre presenti.
I operai slavazzadi, a torso nudo o in terliss,
i commenti dei veci no i li scolta de sbriss.

Veci ghe guida col capel,
chissà ‘ndove i andarà de bel?
Sulla Duna o l’Audi A3,
i sfriziona a tutt’alè,
che sia lisso o che sia impirà.

Veci ghe guida col capel,
chissà ‘ndove i andarà de bel?
Sulla Duna o l’Audi A3,
i sfriziona a tutt’alè
e comunque a venti all’ora i va.

L’auto lustra de polish co la foto del santo
i la dopera solo la domenica a pranzo,
i guida come cagoie pozai sul volante
e i te peta la frecia per ogni tornante.

Veci in fermata col capel
cossa i speterà de bel?
Che sia el nove o el sei sbarà
col baston i lo fermerà,
perché sempre premura i ga.

Veci in fermata col capel
cossa i speterà de bel?
Che sia el nove o el sei sbarà
col baston i lo fermerà
e el posto i te domandarà.

Ogni giorno puntuali, la matina bonora
i monta sul bus co’ xe i fioi che va a scola
“Giovinoto col rucksack, no la staghi sburtar!”
“La me timbri el biglietto, la me fazzi passar!”

Veci che pesca col capel,
cossa i ciaperà de bel?
Che sia un guato o sia un sardon
o un sacheto de naylòn
quel che i ciapa i lo cusinerà.

Veci che pesca col capel,
cossa i ciaperà de bel?
Che sia un guato o sia un sardon
o un sacheto de naylòn
coi nipoti i se vanterà,
coi nipoti i se li magnerà!

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , .

5 commenti a Veci col capel, il primo singolo del nuovo cd dei Sardoni Barcolani Vivi

  1. susta

    SEMPRE PIU’ BRAVIIII..!!! (parola de una vecia senza capel :-))

  2. Flores

    Bela!…e tra i veci col capel val anche quel cola copoleta?
    El Vecio Umberto, el più titolà de tuti i veci col capel, che tra via s. Nicolò e Imbriani (anche se lontan de quele tre ch’el ga cantà) estate e inverno el ne speta, per amarcord e foto de turisti.

  3. Flores

    …sorry mr Joyce, fora dela canzon, Lei!
    No per xenofobia, ma pel giusto.
    La iera ‘ncora bastanza ziovine Lei, come ‘ntela statua, co’ la girava col capel per Trieste !

  4. susta

    Me vien come un dubio: ma ‘sta foto dei Sardoni col capel… cossa, xe un sperimento metàfisico (e metàspuzigo)? No, perchè mi, co la vardo… sento… come un odor de naftalina. Boh…

  5. Pingback: La filologica tergestina (se fa i furlani faremo anche noi). Esce il secondo singolo dei Sardoni Barcolani Vivi | Bora.La - notizie e opinioni su Trieste, Gorizia e el Litoràl Adriatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *