28 Luglio 2010

Scampoli di storia: Druse Mirko

“Druse Mirko” era il contadino sloveno carsolino (“L’Uomo dell’Altipiano”), creato nel 1948 da Lino Carpinteri (“Ruben”) e Mariano Faraguna (“Angelicus”) per “La Cittadella”, giornale satirico che usciva come supplemento del lunedì del quotidiano locale “Il Piccolo” allora di orientamento fortemente nazionalista italiano e anti-sloveno (la fotografia dei due autori è tratta dal sito “informatrieste.eu”). “Druse Mirko” era nato in realtà come “Mirko Drek” (letteralmente “Marco merda”. Si può ben comprendere perchè fu considerato – e ancora viene considerato – molto offensivo dalla comunità slovena. Il cognome oltraggioso del personaggio, simbolo dell’antislovenità di tanta parte dei triestini, venne già eliminato in un libro uscito nel 1954 anno in cui, con il ritorno dell’Italia e il periodo più difficile del dopoguerra lasciato alle spalle, il personaggio del contadino carsolino non aveva, forse, più ragione di esistere: fece ancora delle sporadiche comparse fino al 1957 circa. Le prime poesiole apparvero su “La Cittadella” l’ 8 maggio 1948. Da allora i suoi versi seguirono i principali avvenimenti cittadini. Le poesiole furono poi raccolte in libriccini (edizioni “La Cittadella”) che, ancora dopo, vennero raccolte in un libro dal titolo “Druse Mirko, opera omnia, per omini e anche per done”. Le poesie erano illustrate dai bellissimi disegni di Renzo Kollmann. Al di là del nome offensivo attribuito al personaggio, bisogna ammettere che è assai gustoso il ”pastiche” linguistico italo-sloveno.
Mirko era ovviamente comunista e ovviamente sposato: con Milka Pecenko (Milka Moja) che lo apostrofa sistematicamente con “Glava dura, ti ga visto che figura ?”. Si ignora – o almeno io ignoro – se avesse figli. La nascita di “Druse Mirko” è rivendicata da ben sette borghi del Carso (Oberlesece, Boljunz, Repentabor, Sesana, Prosecco, Opicina e Vodizze) così come quella di Omero lo era da sette città della Grecia, e nei suoi versi si possono rivivere in forma satirica tutti gli avvenimenti di quei travagliati anni di cui Mirko cerca di capire la logica e di spiegarla ai propri lettori. “Druse Mirko” è un contadinotto sprovveduto e ignorante, ma pieno di sé, come quelli che esistono fin dalla commedia greca. Parla un dialetto triestino misto allo sloveno, ora abbastanza difficile da comprendere nei minimi dettagli perfino da un orecchio triestino che abbia, appunto, meno di sessant’ anni. In tempi lontani forse gli sloveni del Carso parlavano davvero così. Dopo sessant’anni, se non è stato perdonato dagli sloveni e dagli italiani di sinistra, Druse Mirko può, almeno, essere nominato e viene finalmente citato nelle biografie di Carpinteri & Faraguna. Tanto per ricordare un episodio recente nel 1998, a ben cinquant’ anni dalla nascita del personaggio, Carpinteri e Faraguna vennero invitati dal Console di Croazia a Trieste a tenere una conferenza sulla loro cinquantennale carriera di giornalisti, scrittori e autori teatrali. La cosa suscitò tante proteste che il Console venne rimosso.
La questione delle origini di Druse Mirko trova fondamento nell’opera stessa che volta a volta nei suoi versi indica come proprio luogo d’origine paesi diversi: “Mi jè Mirko di Se sana / che vi conto e che vi scrivo…”, ma più oltre “Mirko jè di Monrupino / (Repentabor po taljanski) … “ e, poi, con evidente contraddizione, “… Mirko jè di Oberlesece / dove jè fiera di mus …”.
Ma vediamo come Druse Mirko rileggeva la “Genesi” (devo dire che a me ricorda un po’ la “Genesi” di Guccini…..):
“In prinzipio jera Verbo / (jera Verbo iregulare) / jera zielo, tera e mare / tuto quanto in hran mis mas / Jera pessi che svolava / e serpenti co le hambe / jera tante armente strambe / più cative di lion / Gà bastà una settimana / tuti a posto jè stai messi / vache in stala, mar per pessi / omo in tera e stele in ziel / ‘Ndove adesso jè Sacheta / jera bosco di paranze / no ghe jera minoranze / no ghe jera remitùr / Paradiso jera in tera / come spiega prete in Cesa / no ocoreva fare spesa / si gaveva tuto a puf / Ma no jera gnente gente / gnanche Jeva nè Judamo / Bog gà dito: “Li creiamo / con un pò di cacabùs” / E cussì, ‘ndove che adesso / li jè zirca via Murati / Jeva e Adamo li jè nati / e i ga dito “Doberdàn” / Questa storia conta Bibia / ma no ocori creder tuto / se in scientifico la buto / mi la spiego anca tacù”. E la spiegazione della “genesi” continua – ecco l’ odio e l’ offesa antisloveno – spiegando che in periferia e nel contado “jera pieno di gorila / e veliki orangutan” che poi “evolutisi” “le scuminzia a far persuto / e a cundir cibi con kren”. “Rangutani su di Greta / jera molto intelligenti / li saveva dir “jebenti” / “dobro jutro” e “kako jè”.

O come ricorda Trieste nel maggio 1945:
“Mi jè Mirko de Sesana / che par ordine di Tito / a Belgrado jè andà drito / con lincarico speziàl / Arivado di stazione / ‘ndove trapa gà zercado / trupa inveze gà trovado / che fazeva remitùr / Jera hran prequisizione / (perquisicija po taljanski) / i fermava tuti kranski / domandandoghe papir / Mi papir li gà mostrado / co’ i gà visto chi mi jero / jè vignudo mato in nero / che gà dito doberdàn / El mi gà parlà in oreria / “qva, tovaris, jè mareta / e jè tuti che ti speta / in Kommanda di zità” / Drentovia in Kommanda Mesta / su una carta i jera in sete / che meteva bandierete / ‘ndove jera insureziòn / No fidarte, druse Mirko / né di omo né di dona / che qva jè qvinta colona / contro Tito messa sù”

Tag: , , .

30 commenti a Scampoli di storia: Druse Mirko

  1. Avatar adriano

    ‘ste scemenze razziali, negli anni 50 facevano davvero ridere?

  2. Nel 50 si rideva per non piangere, ma questi libri hanno tuttora un mercato e degli estimatori che li conoscono a memoria. Però bisogna conoscere ulteriori aspetti , per il linguaggio, che risalgono ancora alla polizia degli ultimi tempi asburgici , reclutata soprattutto fra sloveni del territorio e recentemente immigrati.

  3. Avatar piero vis'ciada

    morte e resurezion de un eroe ! (e xe anche el mitico “ratapàlz”…)

    Mi jé Mirko di Sesana,
    che vi conto e che vi scrivo,
    se jé morto o se jè vivo
    mi no gà ancora capì.

    Qva scuminzio di prinzipio
    perché afar jé cumplicato:
    se no jé diventà mato
    non diventarò mai più.

    Qvando jé vignù tedeschi
    e ga fato ocupazione
    li ciamava òmini e done
    per Servizio di Lavor.

    Anca mi li ga ciamado
    con preklieta cartulina
    jé partì per Opicina
    gà batù pala e picòn.

    Ma una note, co’ fis’ciava
    per alarme di rioplani
    jé rivadi partizani
    con hran stela su klabùk.

    “Noi volemo” – i li gà dito-
    “Fratelanza jugoslava:
    con noi scampa o zò per glava
    ti daremo con bastòn”.

    Con quei kriki jé scampado
    su per grembani di monte,
    gà ciapado tante onte
    perché andavo tropo pian.

    Arivado di Komando
    drento a Selva di Tarnova
    jé vignuda hranda piova
    e mi in fila gà spetà.

    Dopo un’ora jé rivado
    Komandanto con ambrela
    e mi alòra “Demoghèla!”
    go pensado fra di mi.

    “Nasa borba, nostra lota…”
    scuminzià gà comandante
    quando razzo luminante
    con hran tiro gà lampà.

    Tuti qvanti jé scampadi:
    jera gnochi che sbarava
    e fis’ciando su mia glava
    jé proilétile passà.

    “Ihr Banditen, Partisanen!”
    gà zigà gnoco in montura
    e mi, morto de paura,
    je cascà drento patòk.

    Mi mi gà svejado in leto
    (jera leto di ambulanza)
    rente a gnoco e su sua panza
    scrito jera “Gott mit uns”.

    Gà guardado cartulina
    (del “Todt” qvela preklieta)
    che trovà mi gà in jacheta
    e gà dito “Kamarad!”

    Mi gà dà di firmar carta,
    mi gà dà nova montura
    che ciapà mi gà paura
    quando in spècio gà guardà.

    Tuta guera mi gà fato
    in Servizio di Lavoro
    con in testa usèl di oro
    e su brazo scrito “Todt”.

    Ma svejà co’ mi gà un jorno
    mi nissun gà più trovado.
    Mi gà tuto capissado:
    jé vignudo ribaltòn.

    Jé tornà di mio paiese,
    e trovà gà banda in piazza
    rente a statua con su strazza
    che i doveva scoverzir.

    Rampigado sora scagno
    con madaja su jacheta
    e con stela su bareta
    jera Frane Petesòn.

    “Se uno morto jè su campo
    noi, compagni, andemo invanti;
    su, noteve tuti qvanti
    di Potere Popolar””

    “Nauguremo manumento
    di compagno più migliore
    con compianto e con dolore.
    Dàimo, banda, zò tendòn!”

    Gà sonado a morto trombe
    (jera tuti su l’ “atenti”).
    Soto strazza… ti jebenti!
    scrito jera “MIRKO DREK”

    Jera tuti ziti e fermi:
    squasi cvor mi gà s’ciopado,
    e, pianzendo, gà zigado:
    “Vostro Mirko, ècolo qva!”

    Gà ridudo come mati
    jornalisti che guardava
    e zò Frane per mia glava
    mi gà dà con ratapàlz

  4. Avatar piero vis'ciada

    ah si, tra una strofa e l’altra ghe va el…
    “e tiralojska popojska…”

  5. Avatar matteo

    ma si tipo questa

    Bambin mio di mama,
    ti scrivo cusì ti sa che ti gò scrito, se ti riva la letera vol dir che la xè rivada, se no la xè rivada scrivime, cusì ti scrivo di novo (stago atenta a scriver pian perché so che ti no ti sa leger svelto).

    Qua a Trieste no xè malamente, Trieste xè un poco più granda di Buie e gnanca el tempo no xè malamente, setimana pasada gà piovesto solo duve volte, la prima volta tre giorni e la seconda quatro.

    Papà gà trovado lavor importante in Camùn, xè sentado in portineria e devi dimandarghe a duti: “chi ti zerchi ? cossa ti servi ?”, e devi risponder duto a
    mente: “Stancjia 44, terzo piano a destra ore 8-10; stancjia 87, secondo piano a sinistra ore 9-12, el sior Asesor torna dimani” e cussì avanti duto il giorno, ma xè lavor asai stancante di testa, cussì gà dimandado di far custode di note cussì pol dormir in pase.

    El quartier che i ne gà dado xè moderno, gà anca el senzòr che ne servi tanto per portar su il ludame che tignimo in cantina, ma no so se duto funziona ben; par esempio il tilefono xè subito sula porta, ma no gà el tondo sbusado coi
    numeri: ala matina verso le dieci mi tilefona sinior Postin, mi rispondo “son mi, Maria di Montona !” ma nol vol mai parlar…. ogni tanto mi telefona anca la siniora Publicità, ma nanca ela vol parlar con mi, ma alora cossa i mi tilefona !!

    La cusina xè bela granda, con duti i lektro-dimestichi; spargher però no funziona ben perché gò meso dentro i legni e gò impizado, però fora dei buseti disora no xè vignudo fora il fogo e anzi si gà scorzado duto el smalto e xè s’
    ciopado il vetro dela portela…

    Xè anca machina “lavastovaglie” che no ne servi perché doparemo giornal vecio che dura bastanza giorni, no tovàia… .
    Frigo-fero funziona inveze ben, gavemo meso drento patate, nosele, panocie e ‘l struto e la pàtina di scarpe, e di soto xè una bela vaschetta comoda che papà tien drento scarpe e calze doperade perché povero ti si ricordi anca ti che el gà sempre forte odor di piedi.

    Càmara di dormir xè granda, gavemo zà meso i ciodi sul muro per la corda di sugàr; la gà anca un bel pergolo, ma papà dovarà meter la rede sora il pasaman perché xè zà svolade via quatro galine…

    Bagno gà sul muro matonele bianche coi fioreti, però sentàl dove si fa bisogni no xè comodo: no gà la tavoleta per sentarse e gà un spruzo (comodo perché no cori doprar carta) ma no il buso, cusì i bisogni ghe vol ingrumarli, meterli in una borsa e dopo sul pianerottolo, sinò in casa i spuza; lavatrice no funziona ben, gò meso drento mudande e straze di naso, gò serà il covercio e strucado il boton, dopo che xè finido il rumor di l’acua iera sparido duto e no so quando torna indrio la roba; sule istruzioni xè scrito “in due ore la biancheria ritornerà pulita”, ma xè zà pasado un giorno.

    No capiso ben un mobile di fero bianco pien di botoni coloradi di duti i colori, con finestra tonda di vetro davanti…mi calcolo che xè per cusinar le panoce; gò provado e le vien fora cusinade e sute, solo che in ultimo fa un rumor di Demonio, el mobile camina per il bagno e spandi par tera duta acua da tubo di goma…..

    La vasca inveze xè bela e granda, no come quvela sbusada co le gambe che gavevimo in orto a Montona, gavemo meso drento di ela tera e ludame e fato una vaneza di radicio e di pomidori che i vien sai boni…

    Le finestre gà scuri di legno lunghi e sotili e duti tacadi uno di sora l’
    altro, ma no rivo a verzerli né per didentro né per difora perché no i gà gnanca la maniza per verzerli, cusì papà gà dovesto romper un pochi per finestra per aver un poca di luce e no dover tignir impizado lume a petrolio duto il giorno.

    La cantina no xè picia però la xè “in comune” (no capisso cossa vol dir perché la xè in casa, no dove che lavora tuvo papà), e rivemo a tignir il ludame e anche el porco e duve dindii…

    Squasi ogni giorno trovemo scrito su porta un bilieto di carta: “Famiglia Neanderthal, torna nell’antro dove abitavi prima !!”, ma Triestini xè per vero asai inioranti che i sbalia porta: noi semo famiglia Juricich, no Niandertal, e noi bitavimo in Montona, no in Antro (che no so dove che xè, no credo nanca che sia in Istria)!!!

    Per el resto duto ben che altrettanto spero di ti, se ti vedi tuva sorela saludimela di parte mia, si no ti la vedi no dirghe gnente.

    La tuva mama che ti vol tanto ben, cusì lontan che ti son de mi.

    (volevo mandarte un pochi de soldini, ma gavevo zà licado e incolado la busta)!
    http://www.tuttotrieste.net/varie/racconti/025_istriani.htm

  6. Avatar sindelar

    Mi sa tanto di quella che Luttazzi chiama ‘comicità fascistoide’.

    http://www.danieleluttazzi.it/node/389

  7. Avatar matteo

    chissa se piace anche a pietro la lettera

  8. Quela de Piero efetivamente ga dei risvolti vagamente comici o che fazi pensar (el cambiar lato ogni secondo giorno xe una roba che ghe capitava per bon a sai de lori in quel periodo – no solo carsolini, e no sempre per scelta..)

    Quele del articolo xe per bon razismo e monade a gratis; de deprecar, per quanto me riguarda.

  9. Avatar piero vis'ciada

    6- sinde: “comicità fascistoide” …questa xe veramente comica… “comicità anti-fascistoide” …:)

    7- mateo: me piasi tuto quel che fa de rider, anche ti te me pisi… 🙂

  10. @Piero: no, no xe comica. La comicità fascistoide ga risvolti ben reali in Italia, tra cui un progressivo distacamento da la gravità dei fatti reali.

    E anche ti (e no solo) te la usi spesso qua con le tue batudine casuali per alegerir.

    Legite per ben el link, e te capirà.
    No vol dir comicità “fascista”, oviamente, ma de stampo reazionario.

  11. Avatar piero vis'ciada

    – ma dai arlon… tuto quel che no piasi xe fascista e fascistoide…!? ma per favor !
    desso anche mi son fascista e fascistoide…

    i “fighi” xe anti-fascisti i “mone” xe fascisti e fasistoidi…

    mi me par che piasi usar termini alla carlona (e anti-carlona)

    el distacco dalla gravità dei fatti in italia xe un ategiamento “fascistoide” !!??… ma dai !

    ma pensemo piutosto a chi sta sentando nele banche e conta i soldi (i nostri, dopo che ne li ga magnadi) e no xe nè fascista nè comunista, ma solo furbon…

    VIVA mirko drek !!!
    ..e VIVA anche …”povero bamibin mio di mama”
    povere vitime de tuti e de tuto !

    gran rispeto per tuti e due (figure molto più reali de quel che se vol dar a intender – simboli de enormi singole tragedie)

    ghe volessi far un monumento a tuti e due… e là voleria che vadi i presidenti

  12. Avatar piero vis'ciada

    per intanto sor-ridemo de un e del altro…
    come per fantozzi ne vien de rider per via che se riconossemo nei personaggi

    e chi no sor-ridi …xe un “fascistoide” 🙂 🙂 🙂

  13. “La tuva mama che ti vol tanto ben, cusì lontan che ti son de mi. ”

    mi evoca un ricordo, dei primi anni Cinquanta, che a quei tempi non capivo bene: non avevamo la TV e ascoltavamo la radio, programmi locali: se fosse la radio locale triestina o radio Capodistria, non saprei, ma ricordo diversi programmi in cui la gente dedicava canzoni ( magari popolari tipo Mamma con Beniamino Gigli- allora non c’era ancora Pavarotti) a Mamma e Nonna che te vol tanto ben, ai Nonni… immagino che si trattasse di auguri e saluti al di qua e al di là di un confine , allora “linea di demarcazione”, ma che coincideva più o meno con la “cortina di ferro” e che aveva diviso le famiglie. Diventò “il confine più aperto d’Europa ” diversi anni dopo..

  14. Avatar piero vis'ciada

    “musica per voi” radiocapodistria
    sigla “al cavallino bianco”
    mitica

    “bandiera rossa per il piccolo ivan che compie due anni dalla nonna ines che gli vuole tanto bene”

    “100 giorni di caterina caselli per il fidanzato sergio militare a sondrio dalla fidanzata fulvia che lo aspetta”

    un trenino di auguri…. 🙂 …e partiva le note del’internazionale…

  15. @Piero: Ben bon, se no se vol capir, altro cossa dir no go.

  16. Avatar piero vis'ciada

    ma si dai , se gavemo capido…
    te vol un altro esempio ? te ga el post recente sul rigassificator (anzi, sui rigassificatori, plurale…)

    comicità fascistoide…!? mah
    el povero mirko che de lubiana xe vignudo fin trieste in corteo (2006 ? 2007 ? no me ricordo) desso dove i “lo porterà” !? a capodistria ? o piutosto i lo tignerà serado a casa e i ghe darà col ratapalz per glava dura ?

  17. #14 co me ricordo mi Caterina Caselli iera ancora in fasse…

  18. Avatar piero vis'ciada

    quindi romagna mia ..1958

  19. #16 iera Guareschi, no? Contrordine, compagni.

  20. no xe che Druse Mirko, Mirko Drek va in zitá, ma la zitá va in DREK.

    xe ciaro come che i stava e continuava a lavar i zervei dei triestini co la propaganda razista e becera de un forte nazionalismo italico.

    ancora ogi triestin xe quei de zitá, e quindi talianissimi, mentre i sciavi xe “i sloveni”, come se “i sloveni”no fussi triestini!!

    triestini taliani, triestini sloveni e tuti i triestini dele varie etnie xe solo che TRIESTINI. quando che impareremo questo saremo liberi.

  21. Avatar Srečko

    Non nentro nel merito delle affermazioni di Piero. “Beati i poveri di spirito…” disse il penultimo profeta.

    Comunque qui i due autori commisero un errore madornale: druse e’ il vocativo del termine croato drug = compagno, che noi sloveni non abbiamo mai usato. Compagno per noi e’ tovariš e non abbiamo il vocativo. Pertanto Druse Mirko o non era carsolino o non era un drug!

  22. Avatar piero vis'ciada

    desso speto una precisa smentita anche su i “rangutani de gretta”

  23. Avatar massimiliano

    @Piero: però scometo che to te se ricordi chi che iera el dj omo de radio koper che presentava musica per voi… 😉

  24. Avatar piero vis'ciada

    no iera el mitico minghetti ? o no ? lu me par che presentava un altra trasmission

  25. Avatar massimiliano

    no, Luciano Minghetti presentava “lettere a Luciano” ale 9 e mezza de matina.
    “Musica per voi” iera presentado da Bruna Alessio e la vose maschile iera Branko Vatovec, ossia quel Branko che fa i oroscopi in tv de tanti ani… Ma ‘sta roba i la sa in pochi…

  26. Avatar Luciana

    Anche Angelo Cechelin sfruttava questa comicità anti sloven-carsolina.

    Nella mia famiglia da tre grandi poemi si estraevano citazioni per ogni circostanza: la Divina Commedia, Mirko Drek (Drek mi iero e ‘desso son Derecchi)e Ifigonia (ahimè).

    Quanti ricordi, gente!

  27. Avatar Mauro Franza

    Luciano?

  28. Avatar Luciana

    No, son una baba: Luciana

  29. Avatar stefano

    razzismo nazionalista italiano contro gli sloveni… ho vissuto 10 anni a S. Giovanni di Duino, dove praticamente nessuno mi rivolgeva la parola perchè non conoscevo lo sloveno, e dove la parola “italian” o “talian” era usata con disprezzo e la maggioranza non erano sloveni “rossi” ma ” bianchi” la contrapposizione tra italiani e sloveni era fortemente voluta da entrambe le parti, specialmente in Jugoslavia (andare in qualche sala da ballo a Nova Goriza o a Portorose parlando italiano era a rischio di rissa) ed erano gli anni 70, ovvio che magari oggi si può storicizzare un’epoca confinandone i ricordi e andando avanti, ma quegli anni erano anni di forti tensioni

  30. Avatar walter zepp

    poso dir una roba? so ke spetaimo le storie de Mirko ogni setimana per rider..no conosevo un sloven e nianca un talian……….e staimo in pase…dopo xe rivà i taliani e ga comincia el remitur..saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.