6 aprile 2010

Dialoghi con l’arte dell’Europa centro orientale: omaggio a Tadeusz Kantor

Mentre prosegue fino al 12 maggio “Tadeusz Kantor. Opere su carta 1947-1990”, la mostra che presenta 45 eccezionali disegni concepiti fra il 1947 e il 1990 dal grande maestro polacco, il prossimo appuntamento riservato da Trieste Contemporanea agli approfondimenti filmici e alle conversazioni su questa emblematica ed eclettica figura della scena teatrale del novecento è fissato in via del Monte 2/1 per giovedì 8 aprile. A partire dalle ore 18 esso proporrà:

— Intervallo perduto e ricreazione ritrovata, conversazione su ‘La classe morta’ di Alessandro Marinuzzi.

Dopo le conversazioni di Roberto Canziani e Valentina Valentini è ora la volta dell’incontro con il regista teatrale triestino Alessandro Marinuzzi che commenterà i film in programma ispirandosi ad alcune riflessioni di Gillo Dorfles sulla percezione dell’arte e ad alcune suggestioni originate dal lavoro di Kantor. Facendo anche riferimento alla propria attività artistica, Marinuzzi – al quale prossimamente il Teatro Ringhiera di Milano dedica una personale dal 20 aprile al 2 maggio – parlerà di come la contaminazione dei concetti di prova, performance e spettacolo intervengono sull’interpretazione degli attori.

— Umarla Klasa (la classe morta), film di Andrej Wajda (Polonia 1976, durata 72 minuti)

Il celebre regista della scuola nazionale di cinematografia di Lodz, trae liberamente un’emozionante interpretazione filmica dall’opera teatrale di Kantor che, dopo il debutto a Cracovia nel 1975, ebbe un enorme successo diventando un punto di riferimento per la drammaturgia dei decenni successivi.

— Kantor, film documentario di Gabriella Cardazzo e Duncan Ward (Londra 1987, durata 40 minuti)

Densa e coinvolgente immersione dello spettatore sul palcoscenico e nelle macchine teatrali della scena reale: nelle prove, nelle indicazioni registiche, nella teoria drammaturgica di Kantor raccontata dal regista stesso in una intensa intervista.

L’iniziativa ‘Omaggio a Tadeusz Kantor. Una visione universale’ si avvale della collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, dell’Associazione Culturale Artspace, della Galerie de France di Parigi e dello Studio Tommaseo ed è realizzata da Trieste Contemporanea nella ricorrenza del 95esimo della nascita e del ventennale della morte di Tadeusz Kantor. La mostra ‘Tadeusz Kantor. Opere su carta 1947-1990’ è a cura di Gabriella Cardazzo. La mostra è aperta da lunedì a sabato dalle 17 alle 20. L’entrata è libera.

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *