15 Febbraio 2010

Moretton (Pd) sul progetto Unicredit per il Porto: “Dev’essere utile a tutto il Friuli Venezia Giulia”

Si conosce ancora troppo poco del progetto definito Unicredit del porto di Trieste e Monfalcone per esprimere una valutazione in merito.

Lo sostiene Gianfranco Moretto, capogruppo PD in Consiglio regionale che, pur riconoscendo la necessità di rivalutare e riqualificare le due infrastrutture portuali, ritiene debbano essere fatte valutazioni concrete soprattutto affinché la Regione mantenga quote di partecipazione azionaria importante e la direttiva del progetto.

Mi sembra che si tratti ancora solo di un’idea – aggiunge Moretton – che dovrà prendere consistenza per tradursi in progettualità con finalità e reali prospettive di interscambi tali da confermarsi o tradursi in uno sviluppo economico per la nostra Regione e non il rischio di una esclusività di pochi. In pratica, sarà necessario accertarsi che questo nuovo progetto resti di dominio regionale e non magari di un marginale coinvolgimento che vada a favorire altri mercati senza garantire sviluppo e florida economia a tutto il Friuli Venezia Giulia.

Tag: .

4 commenti a Moretton (Pd) sul progetto Unicredit per il Porto: “Dev’essere utile a tutto il Friuli Venezia Giulia”

  1. No. Devi eser utile
    1) al porto
    2) ala città
    3) al circondario

    Fati questi, anche la region sarà evidentemente più ricca.

    El resto xe simpatiche boutade campanilistiche (w el porto in canal a Udin!) che nel 2010 volesimo tuti far de meno de sentir.
    (el discorso tra l’altro riguarda soldi NO de la region, quindi xe parlar “giusto per”)

  2. E disemo un’altra roba, el pezo concorrente del Porto de Trieste xe l’Italia. Xe sempre stà e sempre sarà. Perchè i traffici de TS pol esser solo de transito, roba che a l’Italia no ghe pol ciavàr.

    E perchè a TS xe 200 mila de lori e a Genova i xe 600 mila. Fè el conto dei voti e capirè tuto. O pensè che i politici ‘taliani i diventi improvvisamente lungimiranti dopo 90 anni? Lòri i vòl fàr el ponte de Messina, che no servi un clinz ma sarìa tangenti mai viste.

    Ravenna, Porto Nogaro ecc xe tutte cazzade, basta ciòr un compasso, misurè le distanze e vederè che la roba pòl solo passàr de qua. Ma de qua no le passa, perchè a 1 porto ghe servi qualche robetta che l’Italia no fa e no farà mai. Che anche ammesso che i volessi fàr no i pòl, perchè come vedè salta fora quei de Marghera, de Ravenna e de Porto Buso, che i vòl anche lori. E va ti a spiegarghe a ‘sta gente… no se fa e basta.

    E dopo xe anche questiòn de costi, perchè se 1 km de autotrasporto ungherese, ceko, slovèn ecc costa 1/2 che in Italia e mi sòn un cinese che ga de mandàr container in centro Europa, fazo anche ‘sti conti, sempre ammesso che i noli sia i stessi. Ma i me disi che nianche le tariffe de sbarco sia concorrenziali.

    E l’Austria fa passàr i suoi traffici per Capodistria, e cussì fa anche i altri. Jacum disi de avèr una soluziòn, Dio ghe daghi che la sia giusta e che se possi fàr.

    Mi ghe ne gaverìa un’altra ancora più drastica, che risolvessi tutto e mettessi tutto a posto. Ma no se pòl dirla, che sennò i me salta addosso e i me brusa l’auto. Ma sarìa l’unica sicura e che funzionassi, pecà che no se pòl e no se pòl nianche pensàr.

  3. Avatar ciccio beppe

    Io vedo una banca che vuole fare logistica.
    Specchio dell’Italia d’oggi dove nessuno fa più il suo mestiere.
    Sta roba puzza di semplice speculazione finanziaria e basta.

    PS. Non sono triestino ma concordo con i commenti di cui sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.