8 Gennaio 2010

“Balkan Bang!”, il celebrato romanzo di Al Custerlina, esce in edicola nella collana Segretissimo di Mondadori

I disegni sono di Onofrio Catacchio

Non è da tutti conquistarsi uno spazio sulla prima pagina del Piccolo, ma Alberto Custerlina con il suo “Balkan Bang!” ce l’ha fatta, il 5 gennaio 2010, con tanto di foto. Continua dunque l’ondata positiva del primo romanzo noir dell’autore triestino (nonché responsabile del canale cultura di Bora.La), pubblicato nell’ottobre 2008 da PerdisaPop e presto accolto con entusiasmo da lettori e critica, tanto da attirare l’attenzione di case editrici quali Mondadori e Baldini Castoldi Dalai. La notizia da prima pagina è proprio che la Mondadori pubblicherà in questo gennaio 2010 il libro di Al nella sua collana dedicata allo spionaggio “Segretissimo”, in edicola fin dal 1961. Oltre alla soddisfazione personale, aggiungiamo il fatto che si tratta del primo autore triestino pubblicato dalla rivista.

Per Baldini Castoldi Dalai invece uscirà in maggio “Mano Nera”, seconda opera di Custerlina, con una nuova storia meno pulp e più noir rispetto a Balkan bang!, ma sempre ambientata a Sarajevo.
Ma non basta: è in cantiere anche il sequel di Balkan bang!, una storia che partirà dalla Bosnia ma approderà nientemeno che a Trieste. Quasi una chiusura del cerchio di questa prima avventura letteraria di Alberto. Con la ciliegina sulla torta di essere arrivato in finale alla sesta edizione del Premio Camaiore di Letteratura Gialla, vinto le edizioni passate da autori del calibro di Giancarlo De Cataldo con “Romanzo Criminale”, Gianrico Carofiglio con “Ad occhi chiusi”, Alessandro Perissinotto con “Una piccola storia ignobile” e Paolo Roversi con “La mano sinistra del diavolo”.
“Balkan Bang!”ci porta nella Sarajevo di oggi, una città segnata da un’overdose di violenza che, a quanto pare, non ha ancora potuto smaltire. Tutti sono contro tutti, i serbi contro i croati, i serbi e i croati contro i montenegrini, e per di più c’è un’entità indefinita, una figura misteriosa, il leader di una specie di organizzazione ombra che tira le fila degli intrighi, ma sfugge a ogni tentativo di identificazione.
Dice Al Custerlina: “In Balkan bang! ci s’interroga sulla questione morale, sulla natura di certe istituzioni, sulla realtà come prodotto delle nostre interpretazioni personali, sui conflitti etnici e religiosi. Il lettore può trovare diversi livelli di approfondimento…Balkan bang! di base è un romanzo d’intrattenimento, con elementi di suspense, di divertimento e di avventura. Però questo non mi bastava. Non volevo scrivere soltanto la narrazione di una serie di fatti, perché la vita non è questa. Per esempio, un criminale che pianifica e mette in atto una rapina, non lo fa solo per una questione economica. Dietro all’atto criminoso in sé, c’è sempre una storia umana, un punto di vista, un’aspirazione di vita. E questo vale anche per i poliziotti e per la gente in generale. Per questo motivo, a me interessa dare spessore ai personaggi inserendo, all’interno della storia, le loro aspirazioni, le loro paure, i loro dubbi e le loro convinzioni…”
Sul sito del romanzo si possono trovare i link alle recensioni, tre estratti dal romanzo, fotografie di Sarajevo e i disegni promozionali di Onofrio Catacchio (che ha disegnato pure la copertina).
L’intervista all’autore per Bora.La di Enrico Marchetto si trova invece qui.

La copertina originale di Onofrio Catacchio, a sinistra, e la copertina dell'edizione di Segretissimo, a destra.

Tag: , , , .

2 commenti a “Balkan Bang!”, il celebrato romanzo di Al Custerlina, esce in edicola nella collana Segretissimo di Mondadori

  1. Avatar massimiliano

    trovato ed acquistato a Ud l’altroieri..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.