7 dicembre 2009

La muleria de Trieste: el picarin

Prosegue la pubblicazione dei bei pupoli di Michele Zazzara. Oggi tocca al picarin.
Descrizione della categoria affidata al noto linguista G. Dialetich (a chi se no?), vicepresidente raccomandato dell’Accademia del Kruscovac, istituto transIsonzale per la salvaguardia e lo studio del dialeto triestin dal lontan 1899.

EL PICARIN

picarin

Lo picarin xe uno figuro abbastanza amebico, amorfo, privo de qualsivoglia atitudine morbinica, in sostanza con la vitalità de uno picarin. Taluni linguisti apocrifi ritien adiritura che lo termine “picarin” derivi proprio da lo ogeto picarin, tutavia la realtà xe propio la oposta. Ancora ai tempi de la defonta, lo marinaio Picarincich, de guardia ne la cabina de lo amiraglio Laskopivec, lo stava cussì imobile che Laskopivec ogni qualvolta che lo fazeva regal ingresso ne la sua cabina, lo se cavava la bluxa e, ordinato qual lo iera, la pozava imantinente sora Picarincich, senza inacorzerse che codesto iera uno omo. Li altri marinai, par remenarlo un pocheto, ga indi comincià a ciamar “picarincich” qualsivoglia roba su cui se poxava le bluxe, e infine lo termine se ga evoludo in picarin.

G. Dialetich
Vicepresidente de la Academia de lo Kruscovac

Tag: , , , , , .

Un commento a La muleria de Trieste: el picarin

  1. Ogidì semo pieni de picarini, eh!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *