16 novembre 2009

La muleria de Trieste: el nane

Secondo pupolo di Michele Zazzara dedicato a un’altra tipica categoria de muleria triestina: el nane.
Come al solito affidiamo la descrizione della categoria al noto linguista G. Dialetich, vicepresidente raccomandato dell’Accademia del Kruscovac, istituto transIsonzale per la salvaguardia e lo studio del dialeto triestin dal lontan 1899.

EL NANE

8 - nane 300dpi MB

Lo nane xe uno figuro un poco indrio con le carte, un poco mona, par dirla con soma completeza. Par invero che “Nane” sia diminutivo vezegiativizator de lo nome “Giovanni”. Par anca invero che diminutivo vezegiativizator de lo nome “Battista” sia “Tita”. Li due diminutivi xe colegai da uno morbinico epixodio acaduto durante l’ocupazion titina ne lo magio 1945. Arente ala iscrizion “Hocemo Tita” (volemo Tito), uno morbinico burlon ga zontà codesta istrionica sentenza: “Tita o Nane, che’l me lechi el cul!” (Pinguentini, 1957).

Sinonimi: lole, mome, gnogni.

Ref: Pinguentini G. 1957. Nuovo dizionario del dialetto triestino. Del Bianco editore.

G. Dialetich
Vicepresidente de la academia de lo Kruscovac

Tag: , , , , , .

5 commenti a La muleria de Trieste: el nane

  1. massimiliano

    de ricordàr sicuramente, nel primo dopoguera, el noto
    “nane buseca, fio de cagastraze “

  2. mome e gnogni no go mai sentì prima..

    p.s: le ilustrazioni xe da 10+. Sai, sai intivade 😀

  3. Nane nane de butiro
    fatte là che no te impiro
    Se te impiro te fazzo mal
    nana nane papagal

    ( filastrocca citata da mia mamma)

  4. Milost

    Nane e gnogni, anche a Gorizia, e aggiungo anche memele, e forse baul ( quello de “andar baul e tornar casson”.

  5. effebi

    nane me ricordo diseva i veci davanti dei fioi per no dir “mona”
    “…el xe proprio nane !”

    “El mona xe come l’albaro
    no xe sa mai dove che’l casca”
    (breve poesia de Manlio Malabotta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *