5 novembre 2009

“Gae Aulenti, Nanda Vigo, Nanni Strada. 3 vite per il progetto”

Trieste. Sarà la proiezione del film “Il manto e la pelle”, di Nanni Strada e Clino Trini Castelli, per la regia di Davide Mosconi, presentato alla XV Triennale di Milano (1973) e premiato con il Compasso d’Oro nel 1979, ad aprire, venerdì 6 novembre alle ore 18.30 allo Spazio Villas (Parco di San Giovanni -Trieste), l’evento “Gae Aulenti, Nanda Vigo, Nanni Strada. 3 vite per il progetto”, organizzato dall’Associazione Culturale Terredarte, con l’obiettivo di mettere a confronto importanti personaggi della cultura del progetto creativo italiano.

La prima ad arrivare a Trieste, e a partecipare all’incontro di venerdì, sarà Nanni Strada, la progettista-stilista che ha saputo slegare l’abito dalla sua origine sartoriale e dalla sudditanza che ha sempre avuto nei confronti del corpo e delle mode.
Al termine della proiezione è previsto un intervento del regista Giampaolo Penco; inoltre Alessio Curto presenterà in anteprima il terzo numero di Juliet Design Magazine, con un’intervista di Beatrice Mascellani a Nanni Strada dal titolo “Viaggio in Portogallo”. L’autrice dell’articolo dialogherà con la progettista e il pubblico sul tema del viaggio.

Sabato 7 novembre alle 10, invece, Nanni Strada sarà la protagonista del convegno che si svolgerà nella Sala Conferenze della Biblioteca Statale di Trieste. Il momento di incontro permetterà di analizzare da più punti di vista il lavoro della progettista. Nanni Strada parlerà della propria esperienza professionale, del suo approccio al progetto e dei suoi riferimenti culturali. La accompagneranno Beppe Finessi, storico del design, che analizzerà il metodo progettuale del suo lavoro, Ettore Bellotti, storico della moda, che descriverà il rapporto tra Nanni Strada e il sistema moda in Italia. Raffaella Sgubin, Sovrintendente ai Musei Provinciali di Gorizia proporrà invece, una riflessione su cosa vuol dire progettare una mostra di abiti. Infine le studiose Rossella Cuffaro e Laura Vasselli presenteranno un interessante parallelismo tra Nanni Strada ed Anita Pittoni, intellettuale e progettista di abiti triestina.

Tag: , , , , , , , , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *