28 ottobre 2009

Stampa, media e comunicazione delle minoranze del litorale adriatico

Tele capodistria

Riceviamo e pubblichiamo:

Meeting venerdì alle 16 in via Tigor 22

Il master in Analisi e gestione della comunicazione organizza per venerdì 30 ottobre alle ore 16 una tavola rotonda sul tema “Comunicazione e plurilinguismo nel processo di integrazione europea. Il caso del litorale adriatico”. L’incontro, organizzato in collaborazione con il Centro Studi per l’America Latina e la rivista “Tigor. Rivista di scienze della comunicazione”, si terrà presso la sede della Facoltà di Scienze della Formazione, via Tigor 22, nell’aula Mappe Antiche. L’intento è di esaminare, alla luce dei fondamentali cambiamenti istituzionali derivati dall’allargamento dell’Unione europea, come il variegato mondo della comunicazione possa agevolare un corretto percorso di integrazione fra popolazione di lingua, cultura e tradizioni differenti, che, in tempi anche recenti, hanno vissuto momenti di contrapposizione.

Nel particolare l’attenzione si concentra sul litorale orientale del mare Adriatico dove vicissitudini storiche hanno determinato più volte l’innalzamento di confini, i quali hanno spezzato comunità prima coese, dando vita alle minoranze linguistiche presenti in Italia, Slovenia e Croazia. Come noto le minoranze nell’arco degli anni si sono dotate, in Italia, Slovenia e Croazia, di organi di stampa e più in generale di comunicazione; anche in virtù di tali strumenti le comunità minoritarie si sono mantenute e sviluppate in contesti fortemente caratterizzati dalla lingua maggioritaria.

Se in passato tali organi di comunicazione hanno favorito l’aggregazione e la preservazione delle comunità minoritarie ora si ritrovano chiamati a svolgere una chiara funzione di integrazione fra comunità diverse, che si colloca nel più generale processo di integrazione europea e che, pertanto, non può sfociare nell’omologazione di realtà culturali diverse. Anche il mondo della comunicazione è quindi chiamato a svolgere funzioni di armonizzazione sociale, di ricomposizione di antiche fratture, il tutto nel rispetto della diversità.

La tavola rotonda, che gode del patrocinio dell’Unione Italiana, verrà introdotta dai professori Marco Cossutta e Francesco Lazzari dell’Università di Trieste e dalla giornalista Laura Capuzzo; interverranno Livio Dorigo (Circolo Istria), Rosanna Turcinovich Giuricin (Arcipelago Adriatico), Alfonso Di Leva (Ansa), Antonio Rocco (Telecapodistria), Giorgio Rossetti (Dialoghi Europei) e Biancastella Zanini (sede Rai di Trieste).

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *