22 ottobre 2009

Sogni di pubblicare un libro? Non fidarti di quell’editore…

Lo so, neanche avete iniziato a leggere e già avete capito tutto. Va bene. Allora iniziamo dalla fine: mai pagare per vedere pubblicato il proprio sforzo letterario.

Ora, questa è la mia personale idea (condivisa da molti), ma migliaia e migliaia di persone, a un certo punto della loro vita, sulla superficie arzigogolata delle loro meningi si stampa a fuoco l’idea contraria e non c’è verso di convincerli a desistere. Pubblicare diventa la parola d’ordine, l’imperativo della vita. A qualsiasi costo. Costi che di solito sono pesanti: da 1000 a 7/8000 euro.

Ma perché la gente è disposta a pagare tanto per vedere stampato il proprio romanzo (o la propria raccolta di poesie)?

Detta in breve, tutta la questione trae origine dalla volontà artistica che molti di noi coltivano più o meno segretamente: chi suona, chi dipinge, chi usa il video, chi scrive, eccetera. E fin qui niente di male, tutt’altro. Andiamo avanti.

Tra questi artisti, lo scrittore è tra i più sfigati, forse il più sfigato, perché per ottenere soddisfazione è costretto fin da subito a produrre un libro e cioè un oggetto fatto di carta stampata e rilegata. Un oggetto artistico di natura fisica, quindi. Anzi, un multi-oggetto, visto che per sua natura non se ne può produrre soltanto uno. Il libro non è una statua, per la quale la gente si muove, convergendo nel posto dov’è sita. E non è musica, quindi niente concerti o emissioni radiofoniche. No. Questo maledetto libro è l’unico canale di trasmissione della vostra opera ed essendo un oggetto fisico di una certa complessità (impaginazione, stampa, rilegatura, copertina) che necessità di essere riprodotto in numerose copie da veicolare verso il pubblico, tutta la storia rischia di diventare un incubo.

Fatta questa premessa, passiamo alle informazioni che lo scrittore in erba deve conoscere per affrontare al meglio l’impresa della pubblicazione:

  1. In Italia, ogni anno, si pubblicano circa 50.000 titoli, dalla manualistica, alla saggistica, alla narrativa, eccetera.
  2. Da questo dato approssimativo (ma esatto nell’ordine di grandezza), possiamo dedurre che le librerie, visto l’esiguo spazio fisico a loro disposizione, potranno esporre soltanto alcuni di quei 50000 volumi.
  3. Tra i libri che saranno esposti, pochi potranno rimanere sugli scaffali per più di due o tre mesi: la maggior parte di loro finiranno sopra scaffali secondari, in seconda fila oppure saranno semplicemente resi all’editore (e questa è l’ipotesi più probabile), per far posto alle nuove infornate editoriali.

Ora vediamo come lavora il libraio. Per esempio, come fa a scegliere quali libri acquistare e quali sistemare in posizione privilegiata (all’ingresso e sugli scaffali più in evidenza)? Be’, essendo la libreria un’attività commerciale (e quindi a scopo di lucro) la scelta ricadrà sui titoli che hanno buone speranze di vendere. Ma chi da queste informazioni ai librai?

Lo fa il distributore, meglio conosciuto come “il flagello dell’esordiente”. Dati una serie di accordi, contratti e rassicurazioni che il distributore ha stipulato con le case editrici, egli consiglia il libraio secondo criteri di massima convenienza (cioè di massima vendita). Poi gli rifila anche gli scartini, ma solo per obbligo contrattuale e in un numero di copie bassissimo (da 1 a 5).

Inciso: per scartini intendo tutti i libri che non sono best seller o candidati a diventarlo, quindi tutti i prodotti delle case editrici indipendenti (chiamate altresì “piccole case editrici”, termine che ha me non piace) e una marea di titoli editi dalle corazzate dell’editoria.

Detto questo, immaginiamo un romanzo edito da una casa editrice seria ma indipendente (piccola): a meno di casi eccezionali estremamente rari, esso è destinato a vendere pochissimo (1000 copie in ambito nazionale per arrivare fino a qualche migliaio nei casi fortunati), rimarrà sugli scaffali per due mesi e in seguito il lettore lo potrà comperare solo su ordinazione e solo se la casa editrice è veramente seria e quindi ha stampato un numero di copie sufficienti.

Questa, in soldoni, è la situazione dell’editoria. Ora, finalmente, veniamo all’editore a pagamento.

Egli non è nient’altro che un tramite con una tipografia (e qualche volta egli stesso è una tipografia) che vi stampa il libro in un numero di copie che di solito va dalle 500 alle 1000. Poi voi pagate la somma e vi portate a casa una parte o tutti i volumi. E qui resto sul vago, perché i numeri e le condizioni possono variare da editore a editore. Comunque, tutto ciò viene fatto alla luce del sole ed è quasi sempre regolato da un contratto. Quindi qual è il problema?

Il problema è la questione etica. Questi editori, ovviamente, non vi dicono mai che un’operazione di questo tipo è assolutamente fallimentare. Anzi, producono pubblicità ingannevoli, tipo la seguente:

Veder pubblicati i propri scritti non è soltanto una soddisfazione intima. É anche un mezzo insostituibile per far circolare le proprie idee, le proprie esperienze, i modi di vedere e di sentire. L’Editrice XYZ dà la possibilità di farti leggere e di esprimere te stesso.

Niente di più falso: il vostro libro e le vostre idee non circoleranno per nulla, nessuno vi leggerà e voi vi sarete espressi con la vostra magnifica eloquenza verso un teatro vuoto. Questi editori, infatti, non vi parlano mai della distribuzione e se lo fanno mentono spudoratamente perché, statene certi, il vostro volume mai e poi mai sarà distribuito secondo i canali convenzionali. Al massimo finirà in una o due librerie locali, ben nascosto e comunque per un periodo di tempo molto limitato. E naturalmente sarà inserito sul sito web dell’editore, un sito che probabilmente si aggira sulle due visite uniche mensili. Graso el dindio, si dice a Trieste.

Che ci crediate o meno, la realtà è questa. Quindi lasciate perdere la pubblicazione a pagamento. Però c’è un però.

Se a voi basta auto-produrre un volume da distribuire agli amici, se vi basta la soddisfazione di tenere tra le mani la vostra opera stampata e rilegata, se vi basta accordarvi con il libraio sotto casa per vendere una cinquantina di copie, allora fate tutto da soli, fino in fondo. Scegliete uno dei numerosi servizi di Print on Demand che trovate sul web (per esempio Lulu, che mi pare il migliore) e vi assicuro che risparmierete tempo, soldi e buona parte del vostro fegato.

Parola di Custerlina.

Teaser: nella prossima puntata cercheremo di capire perché il vostro manoscritto viene sempre rifiutato dalle case editrici.

Aggiornamento del 16/06/2013 Pubblichiamo una retifica, in merito all’articolo:

NUOVA POLITICA EDITORIALE SBC EDIZIONI
Si punta alla qualità. Niente contributo da parte degli autori.

In un momento di grandi cambiamenti nel mondo editoriale occorre ripensare il ruolo dell’editore che deve essere particolarmente attento a cogliere questi mutamenti e le opportunità che offrono. 
Per questo la SBC edizioni ha deciso di avviare un profondo cambiamento delle proprie politiche editoriali che verte su una più severa selezione delle scelte redazionali puntando su opere, sia di narrativa che di saggistica (neppure escludendo sillogi poetiche di particolare validità) di sicura qualità con precise caratteristiche di interesse per i diversi pubblici dei lettori.
Per questo agli Autori le cui opere verranno accettate dal comitato editoriale, non verrà in nessun caso richiesto alcun contributo per la pubblicazione fermo restando il loro preciso impegno a concorrere insieme all’editore alla miglior promozione dell’opera pubblicata.
Forte impulso verrà poi dato alle nuove tecnologie attraverso la pubblicazione di libri in formato elettronico, mentre sono allo studio iniziative rivolte a specifici pubblici nell’ambito dell’editoria professionale.

Ravenna, 11 giugno 2013
Tag: , , , , , .

16 commenti a Sogni di pubblicare un libro? Non fidarti di quell’editore…

  1. Confermo. Qualche anno fa go speso un botto de posta per spedir un manoscritto de racconti in giro per l’italia, e la maggior parte delle risposte xe stade esattamente quelle citade: dame skei (nel mio caso da 600 a 2000 euri). ma son istrian quindi nema 😉

    Il mio timore è che tutto il sistema però sia un pò un serpente che si mangia la coda: le case editrici indipendenti si trovano di fronte il muro dei grandi nomi pubblicizzati, nei confronti dei quali lo scrittore esordiente può poco, per quanto sia buono il libro. Poi fra distributore, libreria, ecc., le spese sono un botto e la casa editrice deve tenere il prezzo di copertina alto, per cui si vende ancora meno.
    Quindi, lasciando da parte le tipografie e le case-editrici-tipografie su cui concordo al 100% con Al, il mio grande dubbio è: la piccola casa editrice seria che vuole pubblicare un libro su cui crede veramente può in questo sistema scavarsi il proprio spazio e avere almeno il ritorno delle spese sostenute senza chiedere nulla all’autore? O è mission impossible?

  2. Beh io la mia l’ho già detta. Comunque ti posso assicurare che nemmeno per un musicista è semplice (sono nella zona d’ombra tra le due, quindi lo sforzo è più o meno titanico).
    Aspetto con ansia la seconda puntata.

  3. vi aggiungo la mia faticaccia per poter comprare un libro che mi interessava, edito poi da una case editrice mica da nulla come Mursia, ma fuori dai classici circuiti, e di un’autrice esordiente, a Trieste: Sì, sì ( dopo lunga ricerca al pc dopo che avevo dato gli estremi del libro..) el esisti, ma no gavemo, no tignimo, cossa el xe? no podemo gnanca ordinar, ghe vol che parlo col agente… bene alla fine son riuscita dopo alcune settimane ad averne due copie: una ordinata attraverso la Nero suBianco ed una trovandolo sullo scaffale alla Feltrinelli, una copia rimase a me, l’altra la regalai.

  4. Davide Lessi

    per chi se lo fosse perso, rimando al link dell’articolo delquisopra rodolfo toè, scrittore (falciato) in erba…

    http://bora.la/2009/10/08/scrittori-falciati-in-erba/

  5. Diego, di case editrici indipendenti ce ne sono a bizzeffe e all’interno di questa categoria ce ne sono di valide, di meno valide fino ad arrivare alle improponibili. Una cosa te la posso dire con certezza: se l’editore (serio) crede veramente nel tuo lavoro non ti chiederà nemmeno un euro per pubblicarti. Se invece lo fa, vuol dire che non è serio oppure è talmente in difficoltà che a quel punto sarebbe meglio chiudesse la baracca.
    Io, per esempio, con la mia prima pubblicazione ho preso pure un anticipo di 1000 euro, regolarmente versato alla consegna del manoscritto nella sua versione definitiva. Eppure la Perdisa è una “piccola” casa editrice come tante, con la prerogativa, però, di essere molto seria.
    Comunque sia, pubblicare un libro nella maniera giusta è una faccenda maledettamente complicata. Come promesso, ne parleremo di nuovo la prossima settimana.

    Rodolfo, pubblicare seriamente poesia è dieci (cento?) volte più complicato che pubblicare narrativa e lo è per il semplice motivo che non c’è il mercato…

  6. proprio così, Al. E anca pezo.
    Sono stato direttore e socio di minoranza di una piccola ma non minima casa editrice. Al mio arrivo il fatturato medio annuo per edizioni a pagamento di narrativa – saggistica NON universitaria ( altro capitolo, migliore ma non del tutto, nella saga del vizio di autopubblicarsi – lascio le interpretazioni volgari a chi le coglie ) era attorno ai sessanta milioni. Ho rifiutato da allora e per tutti i nove anni di mia responsabilità OGNI pratica simile. Con efficacia inversamente proporzionale ( vieta qualcosa e la vorranno di più… ) abbiamo ricevuto richieste che avrebbero portato al raddoppio il fatturato.

    Non ho ceduto: il mio progetto editoriale ( l’etica era ancillare, io proprio non credevo che valesse la pena da un punto di vista strettamente di mercato che la mia Casa Editrice potesse aspirare a riconoscimento e credibilità se non a costo di una adeguata politica socio culturale ) non ha retto, per ragioni estraneee ma non del tutto, alle ambizioni. Pochi anni in più e forse avrei potuto permettermi quel lusso. Ma vediamola in altro modo: altre piccole e minime case editrici locali e non hanno aumentato il loro fatturato !

    PS Sappi, Al, che anche alcune majors si fanno pagare.

    PPS Qui, però va chiarito che il tuo post e i commenti trattavano di mercato e società. Non d’arte, nè di letteratura…

    Ciao

  7. Appena postato il commento, al successivo refresh noto in home page la reclame di SBC edizioni. Ah, la realtà è sempre migliore di ogni tentativo di raccontarla!!!

  8. Valerio, correggimi se sbaglio, ma credo che la “letteratura” sia solo mercato, come lo è il cinema, per esempio. La casa editrice deve guadagnare, come lo deve fare pure il distributore, il libraio e l’autore.

  9. ti “correggerei”, Al, ma adesso non ho tempo, c’è un libro molto bello che mi chiama….

    ma ne riparleremo, fuori dalle regole del web, davanti a un buon bicchiere o due, volevù ?

  10. come no, Valerio, molto volentieri!
    la mia mail è custerlina AT gmail.com

  11. Pingback: Una Sottile Linea Rosso at a vànvera

  12. Pingback: Egregio autore, siamo spiacenti di doverle comunicare che… | Bora.La

  13. Brunello Cavalli

    NUOVA POLITICA EDITORIALE SBC EDIZIONI
    Si punta alla qualità. Niente contributo da parte degli autori

    In un momento di grandi cambiamenti nel mondo editoriale occorre ripensare il ruolo dell’editore che deve essere particolarmente attento a cogliere questi mutamenti e le opportunità che offrono.

    Per questo la SBC edizioni ha deciso di avviare un profondo cambiamento delle proprie politiche editoriali che verte su una più severa selezione delle scelte redazionali puntando su opere, sia di narrativa che di saggistica (neppure escludendo sillogi poetiche di particolare validità) di sicura qualità con precise caratteristiche di interesse per i diversi pubblici dei lettori.

    Per questo agli Autori le cui opere verranno accettate dal comitato editoriale, non verrà in nessun caso richiesto alcun contributo per la pubblicazione fermo restando il loro preciso impegno a concorrere insieme all’editore alla miglior promozione dell’opera pubblicata.

    Forte impulso verrà poi dato alle nuove tecnologie attraverso la pubblicazione di libri in formato elettronico, mentre sono allo studio iniziative rivolte a specifici pubblici nell’ambito dell’editoria professionale.

    Ravenna, 11 giugno 2013

  14. dimaco il discolo

    per fortuna che J. K. Rowling non ha deciso di presentare harry potter in italia. Sarebbe ancora a vivere di sussidio di disoccupazione.

  15. milena rega

    Sono rimasta abbastanza delusa. la casa editrice ti fa comprare 400 copie del tuo libro promettendo pure di pubblicizzarti,ma non mantiene le promesse nemmeno una volta scritte su contratto. Infatti dovevo essere invitata ad una trasmissione per parlare del mio romanzo e questo oltre un anno fa. Insomma, all’inizio non facevano altro che rimandare il programma di data in data, poi ad un certo punto l’hanno proprio annullato ed io, assieme al altri autori ( sicuramente) ci siamo attaccati al tram. Fra l’altro ora mi ritrovo con molte copie del mio libro chiuso in uno scatolone che col prezzo di copertina a 15 euro faccio fatica a dare via. E non so che fine ha fatto il mio compenso ( che per contratto dovevo avere in percentuale) per le copie vendute su internet.

  16. Fred

    Io ho pubblicato il mio primo libro con la SBC edizioni nel 2009. Il primo e l’ultimo (MAI PIU’ con loro) e dopo ne ho pubblicati altri sei!! Esperienza a dir poco PESSIMA!!! Sono stato obbligato a comprare decine e decine di copie che mi sono dato in fronte e mi hanno fatto pagare un botto… 1500 euro!! Dopo averlo pubblicato, nel tempo chiedevo chiarimenti sulle vendite e non mi hanno mai risposto… insomma siamo quasi ai limiti di una denuncia per truffa!! A parte che anche la copertina scelta da loro faceva SCHIFO… fatta con il cartoncino bistrol bianco, che in confronto una tesi di laurea è meglio !!! MAI PIU’ con loro neanche gratis !!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *