19 giugno 2009

El quel dela quela: El G8 dela malorsiga

Quel dela quela va in edizione speziale extramartediana per pubblicare l’importante missiva destinata al sindaco pervenutaci dal nostro esimio e carissimo concittadino T. Patoco.

“Caro sior sindaco Of Square, go leto sul Bugiardel che el 26 giugno sarà caligo parchegiar a barcola per via che i ga de far el Giotto Esteri. A parte el fato che mi no capisso perchè mai se lori ga de far el Giotto Esteri mi no poso andar al bagno come che fazo ogni giorno da 30 ani a sta parte, con Siora Jole, Ucio e Furio per far el nostro tradizional partidin de cotecio, e che tra l’altro proprio el 26 gavevimo invitado anche Cianeto per la bela, visto che el ne devi ancora un otavo da un per de ani. Disevo, a parte sta roba che no capisso, no capisso gnanca perchè mai i se sogna de far el Giotto Esteri proprio a barcola. Ma cossa el Giotto no el xe in via Giotto po’, là del Viale? Perchè mai i devi far sto altro novo propio visavì a dove che noi femo el bagno? Po’ d’estate poso anca capir che sia bel vardarse un filmeto fra un cicheto e l’altro, ma de inverno sicuramente i mati baterà broche e a furia de star sentai sule careghe iazade ghe vegnirà el scagot. E po’ cossa vol dir Esteri? No sarà miga un cinematografo che ne insempia con film che parla per zakai? Mi no capisso ste robe moderne, mi voio un bel cinematografo che mandi robe, magari marco caco, ma dove che se parla come che se magna, come sto Titanich.

Insoma per no far una loica, caro sior sindaco, mi ghe scrivo perchè lei la me par un mulo sgaio che ghe vol ben ai suoi citadini e che sa farse rispetar co che qualche tumbano de pimpinela vol far una monada che no val un kaiser. Come che la ga fato coi mati là del giro d’Italia, la ghe daghi un do piadoni al cantier e la ghe disi anca a sti tandui qua che no se pol far ste robe co che la gente devi andar al bagno, e la ghe disi pur che sto Giotto Esteri se propio i devi che i vadi a farlo in Friul, o in remengo, che tanto per mi xe compagno.

T. Patoco”

Dei compra anca ti el Monon Behavior

Tag: , , , , .

11 commenti a El quel dela quela: El G8 dela malorsiga

  1. Bibliotopa

    Caro sior T. Patoco, la fazzi come che fazzo mi, che al bagno a Barcola vado cola 36, che adesso po la xe doppia e meza svoda, e del problema del parcheggio propio no me frega un tubo…e Giotto o Ginove quei giorni, piova e bora permettendo, el mio tocio no me lo caverà nissun, spero! anche se per una volta no la poderà portarse drio in baul dela macchina , come che se fa de solito, la sdraio, el ombrelon, el tavolin pieghevole, la borsa termica col pranzo, el spruzzin de acqua..

  2. effebi

    ….e la setimana ‘nigmistica….

  3. mamolo

    t. patoco sindaco de barcola!

  4. Bibliotopa

    **no se pol*** far ste robe co che la gente devi andar al bagno, e la ghe disi pur che sto Giotto Esteri se propio i devi che i vadi a farlo in Friul, o in remengo, che tanto per mi xe compagno.**

    Che po deventerà: anca el Giotto el Friul ne vol cavar !!! 🙂

  5. siani

    oh, viva, finalmente un che disi le robe come che le sta: no se pol!!!
    specie d’estate, za col giro gavemo perso un giorno de bagno, desso perderemo un altro?!? cossa mai!!!!

  6. brancovig

    Caro triestin patoco

    fin che xe fa qualcosa xe sempre ben, gente che riva e che va per el gioto e il ginove, porta movimento. Quel che i ciama vita. I soldi servi sempre a tuti. Come te faria a menterl la benzol in te l’auto. E po’ se il solo impegno della giornada xe far el tocjo te pol zmapr sul bus col rodolin del sugaman (che te torni jovine) oppur te pol girar el brustolo e ndar a Muja o Lazareto.

  7. Caro brancovig
    te poderà anca gaver ragion sula quela del sugaman in bus, anca se mi tuto quel remitur con quela mularia che ziga coi zaini indoso me fa buligar el stomigo.
    Però resta el fato che quel zinema de film che parla per zakai a barcola no porterà gnanca un boro, altrochè benzina in tei auti.
    Ma la roba più importante xe che la T. del mio nome no sta per Triestin, anche se el mio cognome “Patoco” podesi render facile l’asociazion. Ma no te digo per cossa sta la T. per mantegnir l’anominato, o anonimato, o anomalato o come che se scrivi pò.
    Comunque te fazo i miei saluti e magari una de ste volte podemo organizar un cotecin sula 36, in barba ala mularia coi zaini.

  8. vara, mi ‘sti ministri li rodolassi tuti sul nastro del cremcaffe’ e li manderia tuti a darse una lavada (une sbrovade, pai amis furlans sintonizaas) e una centrifugada…cussi’ forse ghe se movi in testa do’ neuroni…che i andassi a far gi-otto al largo dela somalia…

  9. brancovig

    Grazie per l’inivito al cotencin,
    prima però te dovrà rinferscarme le regole. Se ghe penso xe gropi o longhi, come te preferisi. Insoma non me ricordo, sai tempo che non xogo.

    comunque bon tocio

    ps
    (e comunque mi è piaciuto e mi sono divertito a leggere il tuo pezzo)

  10. Bibliotopa

    andè, andè stamatina a Barcola e a Miramar col autobus: troverè belissima acqua, meno bagnanti, parecchia polizia, e soprattutto fra Cedas e el Bivio pien cussì de machine parcheggiade tute dove che xe el divieto de sosta per oggi dele 6 de mattina fin stanotte.
    I triestini no rinuncia a andar al bagno in machina , gnanca cola minaccia del caroatrrezzi.
    e sula 36 aria condizionata e posto quanto che se vol.

  11. Pingback: La quela del quel: la cità del No se pol - Bora.La

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *