9 Aprile 2009

La Regione stanzierà un contributo per i cassintegrati Fvg che andranno volontari in Abruzzo

Il Consiglio regionale ha approvato ieri pomeriggio, con il totale accordo di tutti i capi Gruppo, una norma che prevede la concessione di un contributo a quei lavoratori cassaintegrati dipendenti da imprese del Friuli Venezia Giulia che decidano di recarsi volontariamente, sotto comunque il coordinamento della Protezione civile regionale, per un periodo non superiore ai 4 mesi a svolgere attività di soccorso alla popolazione abruzzese. Lo racconta l’agenzia di stampa del Consiglio regionale.

Si tratta di un provvedimento importante ed innovativo, ha sottolineato l’assessore Rosolen, nato su indicazione della Lucchini, che prevede la sottoscrizione di specifici accordi tra l’Amministrazione regionale, le aziende ed i lavoratori. A questi lavoratori, ha spiegato la Rosolen, sarà riconosciuto mensilmente un importo pari alla metà della differenza tra lo stipendio ordinariamente percepito e l’importo del trattamento di integrazione salariale spettante. La concessione del contributo sarà possibile solo a condizione che gli accordi prevedano espressamente il versamento diretto da parte dell’impresa ai lavoratori interessati dell’ulteriore metà della differenza.
“Si ottiene in tal modo una duplice finalità solidaristica”, hanno rilevato il presidente Tondo e gli assessori Rosolen e Lenna: sia a favore delle comunità dell’Abruzzo che dei lavoratori di imprese regionali che in conseguenza al ricorso della cassa integrazione vedono oggi ridotto il loro stipendio. Il loro intervento potrà essere in particolare finalizzato nella prima fase della post-emergenza, allorché ad esempio si tratterà di allestire i villaggi prefabbricati e di realizzare le necessarie opere di urbanizzazione.
Nel provvedimento votato oggi è contenuta una previsione finanziaria 2009 pari a 300 mila euro.

Tag: , , , .

Un commento a La Regione stanzierà un contributo per i cassintegrati Fvg che andranno volontari in Abruzzo

  1. Nulla di male a far andare i cassaintegrati in Abruzzo. Però, come al solito, tutti pensano a far stare un po’ meglio chi sta abbastanza male e nessuno pensa a far stare decentemente chi sta malissimo. Perchè nulla per i disoccupati, che qui notoriamente dopo 6 mesi sono affamati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.