26 Febbraio 2009

Presunto assassino fermato a Tublje, vicino a Kozina in Carso

Era a piedi e da solo, Fahd Bouichou, il marocchino di 27 anni fermato dalla Polizia slovena a Tublje (secondo quanto racconta il Corriere), vicino a Kozina, nel Carso in Slovenia a pochi chilometri da Trieste.

Bouichou è accusato dell’omicidio della compagna Elisabetta Leder e della loro figlioletta Arianna, uccise martedì a Castagnole di Paese (Treviso).

L’Ansa: Bouichou è stato individuato dai poliziotti sloveni sulla base delle immagini e delle descrizioni che erano state trasmesse dalle Questure di Treviso e di Trieste. Secondo le ipotesi degli investigatori, l’uomo potrebbe aver passato il confine a piedi, dopo essere arrivato nella zona con un passaggio di un automobilista o con un mezzo di trasporto pubblico. Si e’ poi incamminato verso Kozina, un piccolo comune di circa quattromila abitanti a ridosso del confine, sull’altopiano carsico, a poche decine di chilometri da Trieste.

Tag: , , .

Un commento a Presunto assassino fermato a Tublje, vicino a Kozina in Carso

  1. Avatar Borut

    Per la cronaca: ci sono due Tublje, uno vicino a Komen, a circa 1 Km dal confine in linea d’aria. L’altro e’ dopo Hrpelje sulla strada per Fiume…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.