30 dicembre 2008

Il passato nascosto dal futuro (… auguri per un buon 2009 da Bora.La!)

sfondo_cielo_uno_grande_picia.jpg

citavecia.jpg

spazziamo_small.jpg

eloquente_mano_picia.jpg

scrita.jpg

colalbero_picia.jpg

Tag: , , , , , .

13 commenti a Il passato nascosto dal futuro (… auguri per un buon 2009 da Bora.La!)

  1. enrico maria milic enrico maria milic

    nb.
    magari sarà un futuro nascosto dal passato…

  2. marco cakuz

    Anche io penso al futuro nascosto dal passato.

    E segnalo un link dal sito di Icke.

    http://www.davidicke.com/content/view/18281

    Buon anno?

  3. furlàn

    Auguri a tutti!

    ps. xè per caso la famosa piazza dei bidè?

  4. quel beau bleu Yves Klein…chapeau pour la belle photo!

  5. buon duemilaNOVA a bora.la from the diretùr all’ultimo dei leturs

  6. Pingback: Auguri a tutti! - morbìn!

  7. enrico maria milic enrico maria milic

    auguri a tutti quanti!
    sre?no!!!

    p.s.
    sì, xè la piazza dei bidè… eheheh

  8. enrico maria milic enrico maria milic

    p.s.

    ed ecco, a propos come che i dixi de quel’altra oltralpe, el toco de rumiz da el picolo

    Quelle strane scatole sotto Massimiliano

    di PAOLO RUMIZ

    Che procession, fioi! Diese giorni de procession per la statua de l’Arciduca in piazza Venezia. Tuti là per vèder Maximilian, el fradel de Franz Josef. El marì dela povera Carlotta, quel che xe morto copà in Messico. Robe de no creder: noni coi nevodi, mularia de l’università, impiegati e imbriagoni. Tuti là in piazza, col sol, cola piova o cola bora, a vardar el capo dela flota austriaca. Mi jero zito in un canton, scoltavo, e desso ve conto cossa che go sentì. Povero Max… el varda ancora Mìramar… Novanta ani el ga spetà. Ara ti.

    Sul piedestal xe scrito in italian. Ma no jera Austria quela volta? Sì siora mia, jera Austria, ma i scriveva in italian. Granda jera la Defonta… Dopo xe rivài i fasisti e i ga serà le scole in tedesco. Quele in sloven, gnanca parlar… Povero nostro Franz. Franz? Povero un boro. El jera un mona compagno. El ga fato una guera che no ocoreva. Mi no capisso. I podeva lassarlo dove che el jera. La pensi coss’che ghe toca vèder al povero Nazario Sauro, che ‘l se strenzi nel tabaro soto i refoli, là dela Maritima. Franz Josef lo impica e noi ghe metemo sul muso la statua del fradel. Un poco de rispeto… Siora mia, difati no tuti jera d’acordo in Comun. I fasisti gaveva el mal de panza de vèderlo tornar in piazza e per farli star boni el sindaco ga dovù portarghe una corona a Oberdan.

    Tuto in tun passa un sior che se rabia. El ziga: inveze de star qua come cocai, ‘ndè ala mostra dela Grande Guera in pescheria! Vedarè che fin che ga fato la galina con do teste. Viva Trieste redenta! Redenta? Giovinoto, la me conti, de cossa gavèvimo de redìmerse? El porto jera pien de vapori. Sete ferovie gavevimo. A mi no la me conta monade. Quando che un disi «giovinoto», vol dir che riva pùpoli. Difati, roba che i se patuffi. A dir el vero tuti sperava che i se patuffi per bon, e anca mi godevo. Scoltavo ste Maldobrie e podevo star là ore senza stufarme.

    Insoma un spetacolo. Ma… qualcossa no bateva. Nissun rideva, nissun fumava, nissun beveva, nissun se godeva la vista sul mar. I stava tuti in pie come scove per una visita de condoglianze. Mi go pensà, go pensà, e dopo go capì: nissun se sentava perché no jera niente de sentarse, e una piazza senza niente per sentarse no xe una piazza. A dir el vero qualcossa ghe jera: do file de cubi de piera da Aurisina cola luce de soto. Ma la gente li vardava e no saveva cossa far. Cossa xe ste scatole? Scatole? Mi me par pastecreme. Somiglia a pici frigoriferi. De tuto i diseva: vasche de bagno, cioccolatini. Tuto salvo che roba per sentarse. Difati, in diese giorni nessun se ga sentà.

    Una sera de piova una vecia me ga conossù, una che jera nata come mi in Lazareto Vecio. La me ga dito: Sior Rumiz, cossa xe sta roba? La vardi. Scagno no xe, perché el xe de piera. Carega no xe, perché no la ga el schenal. Panca non xe, perché pol sentarse solo che un. E alora? E mi: cocola mia, al sindaco la ghe domandi. Giusto, el se ciama Di Piazza, el devi saver sicuro. Sior Rumiz, la pensi cossa che i devi aver stroligà per studiarse una roba compagna. I podeva solo dirne come che se ciama. Mi: povero sindaco, lu le panche le gaveria messe, ma l’assessor el ga el teror dei barboni, no ‘l vol che i se meti dormir in piazza. Se no, no le segava do ani fa. La vecia: ah, cola sega, i xe svelti come el fulmine!

    Mai visto una roba compagna. Dopo in compenso i sta do ani per giustar la piazza. Una fiaba de Sior Intento: cava, meti, sposta, taia, sega, transenna. Le transene ‘ssai ghe pol a sti qua. La scusi la sa, sior Rumiz, ma in do ani la Defonta ga fato l’ospedal maggior. Va ben, indifferente. Ma intanto la poderia sentarse. Sentarme mi? La se senti lu. Xe bagnà, e ghe se jazza el cul. Siora mia, la starà fresca de estate. Va ben ma con chi ciàcolo? Col cocal? Insoma, la vecia no la stava zita, e ogni tanto la cucava l’Arciduca per vèder se ‘l scoltava. Ma lu el gaveva fermo l’ocio verso Mìramar. Ghe mancava solo el canocial. E intanto la gente vigniva vizin a dir cossa ghe buligava in testa. Xe sai bel, ma par catafalchi. Roba de Milite Ignoto, come. Piedistai senza colone. Un cesso publico, senza separé. Come in caserma. Un bidé!

    Eco coss’che xe: un bidé. Fredo el xe. Bianco e lisso anche. Se me sento, me vien de rider. Alora la vecia la ga dito: savè cossa? Inutile spetar che i ne la conti. Ghe digo mi al sindaco come che se ciama sta roba. “Monada”. Eco, i ga fato una monada. Come col manganel dei vigili, che i pica e no i servi a niente. Bon, no crederé, ma in quel momento, propio in quel momento, l’Arciduca ne ga strizà de ocio. Naturalmente se gavemo inacorto solo che ela e mi, ma tuto intorno svolava merli e jerimo contenti. Insoma, fioi, Bon Nadal. A tuti. Anche a chi che sega le panche. Sta piazza me ga fato tropo de rider e no go più voia da rabiarme.

  9. ivan

    piccola disgressione.. per chi è più informato di me.
    ma la fontana settecentesca del Nettuno, verso che lidi è stato destinata?
    Auguro tanti momenti felici nel 2009!

  10. Bibliotopa

    per ivan: la fontana settecentesca è finita in deposito, in attesa di tornare al suo posto d’origine, più o meno, in Piazza della Borsa, in occasione della prossima riqualificazione (come temo questa parola!)

  11. mitico Rumiz…ci voleva un po’ di spirito di “Cittadella” per iniziare l’anno nuovo!(“cossa dira’ la gente?”)

  12. Sti articoli de Rumiz i fa sempre piazer 😀
    (e grazie per le foto!)

  13. Nady Sacher

    Me ga fato assai piazer de leger un poco in triestin,mi che son quasi 70 ani via dela mia cità.

    Auguri per el 2009 !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *